La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITA primo ciclo distruzione Lo sfondo comune e il quadro normativo Il PEI come strumento di progettazione e di valutazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITA primo ciclo distruzione Lo sfondo comune e il quadro normativo Il PEI come strumento di progettazione e di valutazione."— Transcript della presentazione:

1 LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITA primo ciclo distruzione Lo sfondo comune e il quadro normativo Il PEI come strumento di progettazione e di valutazione Isp. Luciano Rondanini

2 ASPETTI CULTURALI DELLA VALUTAZIONE IL VALORE SIMBOLICO DELLATTO VALUTATIVO DIPENDE DAL MOMENTO STORICO, DAL RAPPORTO TRA SOCIETA E SISTEMA FORMATIVO, DALLIDEA STESSA DI EDUCAZIONE LE RAGIONI (IL PERCHE ) DELLA VALUTAZIONE SCOLASTICA DIPENDONO IN LARGA MISURA DAI MODELLI ANTROPOLOGICI DI CIASCUNO DI NOI (QUALE CONCEZIONE DELLALUNNO, DELLA RELAZIONE INSEGNANTE /ALLIEVO, DELLIDEA DI MERITO,.) LA VALUTAZIONE SI CONFIGURA COME DIMENSIONE STRUTTURALE DEL SISTEMA SCOLASTICO (MACRO E MICRO ) PER GOVERNARE MEGLIO IL FUNZIONAMENTO

3 LA VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI negli ultimi atti normativi La valutazione precede, accompagna e segue i percorsi curricolari. Assume funzione formativa, di accompagnamento dei processi di apprendimento e di stimolo di miglioramento continuo Indicazioni per il curricolo …La valutazione ha per oggetto il processo di apprendimento, il comportamento e il rendimento scolastico. E espressione dellautonomia propria della funzione docente, nella sua dimensione sia individuale che collegiale, nonché dellautonomia didattica delle istituzioni scolastiche. Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità, trasparenza, nel rispetto del principio della libertà dinsegnamento. Regolamento (DPR 122/2009)

4 Conoscere acquisire, memorizzare informazioni contenuti Comprendere applicare,trasferire le conoscenze apprese, ricavare dati Riflettere sintetizzare, valutare, ricostruire conoscenze e esperienze, apprezzare sentire Coinvolger-si nelle attività sul piano affettivo e motivazionale fare imparare tramite lo sviluppo di compiti e situazioni sfidanti partecipare apprendere in contesti collaborativi, mediati socialmente APPRENDERE RI- COSTRUIRE IL SENSO DELLAPPRENDERE COME ESPERIENZA FORMATIVA Finalità Condizioni

5 LE COERENZE DELLISTITUZIONE SCOLASTICA CRITERI DI RIFERIMENTO OMOGENEITAEQUITATRASPARENZA Ridurre al minimo i comportamenti individuali degli insegnanti COME? obiettivi comuni di apprendimento per le classi parallele tempi e modalità delle verifiche criteri comuni per stabilire la votazione periodica ………………….. Accrescere la conoscenza dei criteri che sottendono alla valutazione del rendimento degli alunni COME? Saper utilizzare in modo coerente il criterio assoluto, quello del progresso rispetto al sé e del riferimento al gruppo Migliorare gli aspetti comunicativi della valutazione in particolare verso la famiglia COME? assicurare tempi adeguati di presentazione degli esiti conseguiti evitare incontri e colloqui frettolosi ( modello sportello di pagamento)

6 LA COSTRUZIONE DELLA COLLEGIALITA Verifica e valutazione dei processi e degli esiti,nel rispetto di criteri di riferimento COLLEGIALITA Organizzazione dei contesti di apprendimento La classe è il principale fattore di inclusione e di esclusione Progettazione delle attività. Per quanto riguarda gli alunni disabili, il problema centrale è la progettazione del PEI (tempi, piano di lavoro,..) Individualità ma soprattutto segue accompagna precede

7 IL RAPPORTO TRA IL FUNZIONAMENTO INDIVIDUALE E I SOSTEGNI progettazione- organizzazione- valutazione 1.Capacità intellettive 2. Comportamento 3. Partecipazione, interazione ruoli sociali 4.Salute 5.Contesto SOSTEGNI Funzionamento Individuale

8 FUNZIONAMENTO INDIVIDUALE I.C.F., OMS Fattori di sviluppo ambiti Potenzialità dellalunno Ambiti di intervento che verranno attivati Conoscenze, competenze acquisibili Benessere personale Relazioni con gli insegnanti Adattamento sociale Capacità cognitive Interesse per lo studio (disciplina, attività,…) …………… ……… :

9 punti di osservazione classe Aspetti positiviAspetti criticiAmbiti di miglioramento collegialità e integrazione dei docenti strategie didattiche (trasmissive, cooperative,…) il ruolo dei compagni (la classe che sostiene) ……………… …. FUNZIONAMENTO DEL CONTESTO

10 LA VALUTAZIONE DEI POTENZIALI DI APPRENDIMENTO (ICF, 2002) LA LETTURA DEI BISOGNI IL FUNZIONAMENTO PERSONALE FATTORI DI VULNERABILITA FATTORI DI SVILUPPO AMBITI DINTERVENTO CAPACITA E COMPETENZE ACQUISIBILI AUTONOMIE DI BASE CAPACITA INTELLETTIVE ADATTAMENTO SOCIALE BENESSERE PSICOLOGICO

11 LA PROGRAMMAZIONE DEI SOSTEGNI (ICF, 2002) LA QUALITA DEI CONTESTI IL FUNZIONAMENTO DEI CONTESTI FATTORI DI VULNERABILITA FATTORI PROTETTIVI AMBITI DINTERVENTO CAPACITA E COMPETENZE ACQUISIBILI FAMIGLIA SCUOLA GRUPPO COETANEI CONTESTI INFORMALII STAGE, LAVORO,…

12 LA QUALITA DEL CONTESTO SCOLASTICO lintegrazione tra docente/i, compagno/i, docenti/alunni CLASSEASPETTI CRITICIASPETTI POSITIVI AMBITI DI INTERVENTO MIGLIORAMENTO/ I COLLEGIALITA DELLAZIONE DI SOSTEGNO DEI DOCENTI DIDATTICHE COOPERATIVE INTEGRAZIONE DELLALUNNNO DISABILE NEL GRUPPO CLASSE LA CLASSE COME SOSTEGNO

13 VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO DELLALUNNO COMPORTAMENTO SOCIALE (RELAZIONI) COMPORTAMENTO DI LAVORO ( STUDIO ) Funzioni percettive capacità di formulare giudizi realistici su se stesso Funzioni di controllo capacità di gestire i propri stati emozionali, di tollerare circostanze avverse Funzioni di integrazione: riguardano il comportamento applicativo: rispetto, accettazione gratitudine, collaboratività, comportamenti di aiuto Impegno Attenzione Organizzazione Partecipazione Responsabilità Capacità di studio Adattabilità Senso critico

14 VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO alunno ________________________ POLARITA POSITIVA POLARITA NEGATIVA Impegno:segue con regolarità il lavoro assegnato… Attenzione: … Impegno: interrompe il lavoro e rinuncia di fronte a difficoltà… Attenzione:….

15 Capacità e merito degli alunni con disabilità vanno valutati secondo parametri peculiari, adeguati alle rispettive situazioni di minorazione (Sentenza della Corte Costituzionale 215/1987) LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITA la storia …La frequenza di classi comuni non implica il raggiungimento di mete culturali comuni. Lo stesso criterio di valutazione dellesito scolastico deve percio fare riferimento al grado di maturazione dellalunno, sia globalmente sia a livello degli apprendimenti realizzati (Relazione Falcucci, 1975)

16 PARERE DEL CONSIGLIO DI STATO 348/1991 Non si può configurare un supposto diritto al conseguimento del titolo legale di studio, che prescinda da un oggettivo accertamento di competenze effettivamente acquisito. ….Il titolo di studio non può essere conseguito da chi rimane al di sotto di quella soglia di competenze che è necessaria per il conseguimento del titolo. Al fine del rilascio del titolo di studio, sono importanti le conoscenze, competenze e le capacità conseguite e non il percorso fatto per conseguirle.

17 LA LEGGE QUADRO 104/1992 Lintegrazione scolastica ha come obiettivo lo sviluppo delle potenzialità della persona handicappata nellapprendimento, nella comunicazione, nelle relazioni e nella socializzazione ( art. 12) La valutazione degli alunni handicappati da parte degli insegnanti è ricondotta al piano educativo individualizzato. Si fa una precisa distinzione tra la valutazione nella scuola dellobbligo e la valutazione nella scuola secondaria di 2° grado.

18 LA VALUTAZIONE DEL RENDIMENTO art del D Lgs 297/ Nella valutazione degli alunni handicappati da parte dei docenti è indicato, sulla base del piano educativo individualizzato, per quali discipline siano stati adottati particolari criteri didattici, quali attività integrative e di sostegno siano state svolte, anche in sostituzione parziale dei contenuti programmatici di alcune discipline. 2. Nella scuola dellobbligo sono predisposte, sulla base degli elementi conoscitivi di cui al comma 1, prove desame corrispondenti agli insegnamenti impartiti e idonee a valutare il progresso dellallievo in rapporto alle sue potenzialità e ai livelli di apprendimento iniziali. 3. Nellambito della scuola secondaria superiore, per gli alunni handicappati sono consentite prove equipollenti e tempi più lunghi per leffettuazione delle prove scritte o grafiche e la presenza di assistenti per lautonomia e la comunicazione. 4. Gli alunni handicappati sostengono le prove finalizzate alla valutazione del rendimento scolastico, comprese quelle di esame, con luso di ausili loro necessari.

19 VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI art. 318 del D.Lgs 297/1994 SULLA BASE DEL PEI, I DOCENTI INDICANO: per quali discipline sono stati adottati particolari criteri didattici; quali attività integrative e di sostegno sono state svolte, anche in sostituzione parziale dei contenuti programmatici di alcune discipline NELLA SCUOLA DELLOBBLIGO prove desame corrispondenti agli insegnamenti impartiti NELLA SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO prove desame equipollenti

20 RAPPORTO TRA MISURAZIONE E VALUTAZIONE La valutazione scolastica dellalunno è costituita da due momenti: La Misurazione che coincide con la raccolta di elementi, dati, informazioni sugli esiti di apprendimento acquisiti, attraverso la somministrazione di prove e losservazione La Valutazione vera e propria riconducibile allinterpretazione dei risultati secondo un criterio che potrà essere assoluto, progresso personale, relativo al gruppo.

21 I CRITERI DELLA VALUTAZIONE DIDATTICA CRITERIO ASSOLUTO SI BASA SUL CONFRONTO TRA I RISULTATI DI UNA PROVA E UN MODELLO PREFISSATO CRITERIO RIFERITO AL SE BASATO SUL CONFRONTO DELLE PRESTAZIONI DEL SINGOLO ALUNNO RISPETTO ALLA SITUAZIONE INIZIALE. LATTENZIONE E POSTA SUL PROGRESSO INDIVIDUALE (massimo individualmente possibile) CRITERIO RIFERITO AL GRUPPO BASATO SUL CONFRONTO TRA LE PRESTAZIONI DI CIASCUNO E QUELLE DELLA CLASSE

22 LESAME DI LICENZA MEDIA diploma o attestato O. M. 90/2001 (art 11, comma 12) Il Consiglio di classe delibera se ammettere o meno agli esami di licenza media gli alunni in situazione di handicap, che possono svolgere anche prove differenziate,… sulla base del percorso formativo individualizzato …Ove si accerti il mancato raggiungimento degli obiettivi del PEI, il CdC può decidere che lalunno ripeta la classe o che sia comunque ammesso agli esami di licenza,al solo fine del rilascio di un attestato di credito formativo Tale attestato è titolo per la iscrizione e la frequenza delle classi successive, ai soli fini del riconoscimento di crediti formativi.

23 Visto lart. 318 del D.leg.vo n. 297 del Ai sensi dellart. 1, comma 12 del O. M. N. 90 del ; Vista lart 5 comma b) della C. M. N.32 del ; Visto lart. 9 comma 4 del DPR 122/09; Tenuto conto delle prove desame sostenute; si rilascia ATTESTATO DI CREDITO FORMATIVO Conferito allalunno _____________________ nato a ________________ il __________frequentante la classe terza della scuola secondaria di primo grado quale titolo per liscrizione e la frequenza alle classi successive, ai soli fini del riconoscimento dei crediti formativi validi anche per laccesso ai percorsi integrati di istruzione e formazione. A conclusione del percorso didattico formativo si attesta che ha acquisito le seguenti competenze: Area -della comunicazione verbale e non verbale -delle relazioni -degli apprendimenti -delle abilità pratiche -degli interessi - ………………………. - esprime vissuti e richieste attraverso il linguaggio verbale e non verbale;interagisce verbalmente o con altre modalità - riconosce regole e ruoli delle persone nei vari contesti sociali;sta volentieri con gli altri, prova piacere se… - osserva e memorizza particolari nei vari contesti; memorizza e applica sequenze operative; analizza immagini - esegue compiti assegnati di ordine pratico;porta a termine consegne che richiedono un impegno circoscritto; ha acquisito abilità in …. - manifesta particolare interesse per..… …………………………………………. Il Dirigente scolastico Il Presidente della Commissione Adatt. I.C.Foscolo – Toano

24 PROGRAMMAZIONE PERSONALIZZATA E DIFFERENZIATA Sul piano concettuale e metodologico, è opportuno distinguere fra la programmazione personalizzata che caratterizza il percorso dellalunno con disabilità nella scuola dellobbligo e la programmazione differenziata che nel 2° ciclo di istruzione, si può concludere con lattestato di competenze. Linee – guida, agosto, 2009

25 VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITA DPR 122/2009 art. 9 La valutazione degli alunni con disabilita è riferita al comportamento, alle discipline e alle attività svolte sulla base del PEI ed è espressa con voto in decimi. Lesame conclusivo del primo ciclo si svolge con prove differenziate, comprensive della prova nazionale, corrispondenti agli insegnamenti impartiti, idonee a valutare il progresso dellalunno in rapporto alle sue potenzialità e ai livelli di apprendimento iniziali. Le prove sono adattate, ove necessario in relazione al Piano Educativo Individualizzato, a cura dei docenti componenti la commissione. Le prove differenziate hanno valore equivalente a quelle ordinarie ai fini del superamento dellesame e del conseguimento del diploma di licenza. * Gli alunni con disabilità sostengono le prove dellesame di Stato conclusivo del secondo ciclo dellistruzione secondo le modalità previste dallarticolo 318 del decreto legislativo n. 297 del 1994.

26 LINEE GUIDA PER LINTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA agosto 2009 La valutazione in decimi va rapportata al P. E. I., che costituisce il punto di riferimento per le attività educative a favore dell alunno con disabilità. Si rammenta inoltre che la valutazione dovrà essere riferita ai processi e non solo alla prestazione.

27 I DOCENTI DI SOSTEGNO I docenti di sostegno, contitolari della classe, partecipano alla valutazione di tutti gli alunni disabili,avendo come oggetto del proprio giudizio relativamente agli alunni disabili, i criteri di cui allarticolo 314, comma 2 del decreto legislativo 16 aprile 1994, n Qualora un alunno con disabilità sia affidato a più docenti del sostegno, essi si esprimono con un unico voto. DPR 122- Regolamento 2009 Gli insegnanti assegnati alle attività per il sostegno, assumendo la contitolarità delle sezioni e delle classi in cui operano e partecipando a pieno titolo alle operazioni di valutazione perdiodiche e finali degli alunni della classe con diritto al voto, disporranno di registri recanti i nomi di tutti gli alunni della classe di cui sono contitolari Linee- guida, agosto 2009

28 PROVE DIFFERENZIATE CORRISPONDENTI ai sensi del D.Lgs 297/1994- art. 318 DPR 122/2009 – art. 9 Le prove differenziate corrispondenti devono essere rapportate al PEI. Possono essere ricondotte a tre livelli: - Situazione di disabilità lieve - Situazione di disabilità media - Situazione di disabilità grave

29 LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI CON DSA DPR 122/2009 ART Per gli alunni con difficoltà specifiche di apprendimento (DSA) adeguatamente certificate, la valutazione e la verifica degli apprendimenti, comprese quelle effettuate in sede di esame conclusivo dei cicli, devono tenere conto delle specifiche a situazioni soggettive di tali alunni; a tali fini, nello svolgimento dellattività didattica e delle prove di esame, sono adottati nellambito delle risorse finanziarie disponibili a legislazione vigente, gli strumenti metodologico- didattici compensativi e dispensativi ritenuti più idonei. 2.Nel diploma finale rilasciato al termine degli esamin non viene fatta menzione delle modalità di svolgimento e della differenziazione delle prove.

30 LEGGE 18 OTTOBRE 2010 n. 170 Norme in materia di DSA in ambito scolastico ( art.5 ) … Gli studenti con diagnosi di DSA hanno diritto a fruire di appositi provvedimenti dispensativi e compensativi di flessibilità didattica … Agli studenti con DSA le istituzioni scolastiche garantiscono: - luso di una didattica individualizzata e personalizzata…; - lintroduzione di strumenti compensativi… nonché misure dispensative da alcune prestazioni non essenziali; - Per linsegnamento delle lingue straniere, luso di strumenti compensativi che favoriscano la comunicazione verbale…, prevedendo, ove risulti utile, la possibilità dellesonero.

31 STRUMENTI COMPENSATIVI nota MIUR 10 maggio 2007-prot tabella dei mesi, tabella dellalfabeto e dei vari caratteri Tavola pitagorica Tabella delle misure tabella delle formule Calcolatrice – registratore Cartine geografiche storiche tabelle della memoria di ogni tipo Computer con programmi di videoscrittura con correttore ortografico e sintesi vocale commisurati al singolo caso da usare anche in classe per il normale lavoro scolastico Cassette registrate / dagli insegnanti, dagli alunni e/ o allegati ai testi) mediante anche la predisposizione di fonoteche scolastiche contenenti il testo parlato sia dei libri in adozione sia di altri testi culturalmente significativi Libri di testo in CD Dizionari di lingua straniera Tabelle mnemoniche traduttori

32 STRUMENTI DISPENSATIVI Nota MIUR 10 maggio 2007 prot ESEMPI DI INTERVENTI DISPENSATIVI Lettura a voce alta scrittura veloce sotto dettatura, lettura di consegne,uso del vocabolario, studio mnemonico delle tabelline; Riduzione od ove necessario dispensa dallo studio delle lingue straniere in forma scritta a causa delle difficoltà presentate dalla differenza tra scrittura e pronuncia; Tempi più lunghi per prove scritte e per lo studio mediante unadeguata organizzazione degli spazi ed un flessibile raccordo tra gli insegnanti; Organizzazione di interrogazioni programmate; Assegnazione di compiti a casa in misura adeguata alle effettive possibilità dellallievo; Possibiità duso di testi ridotti non per contenuto ma per quantità di pagine

33 IL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO USR- ER nota del , n, LA REDAZIONE DEL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO E ATTO DOVUTO IN PRESENZA DI UN ALUNNO CON SEGNALAZIONE SPECIALISTICA DI DSA IL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO DEVE ESSERE CONSEGNATO ALLE FAMIGLIE ALL INIZIO DI OGNI ANNNO SCOLASTICO PER CONSENTIRE L ATTIVAZIONE DELLE INDISPENSABILI SINERGIE TRA SCUOLA, FAMIGLIA, ALUNNO,… AI D.S. E AGLI OO. CC. SPETTA IL COMPITO DI ASSICURARE PIENA E FATTIVA OTTEMPERANZA A TALI IMPEGNI

34 NORMATIVA relativa agli alunni con DSA - DPR 275/99 Regolamento recante norme in materia di autonomia delle Istituzioni Scolastiche - Nota MIUR 4099/A4 del Iniziative relative alla dislessia - Nota MIUR 26/A4 del Iniziative relative alla dislessia - Nota MIUR prot OM n° 26 del Istruzioni e modalità organizzative ed operative per lo svolgimento degli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore nelle scuole statali e non statali. Anno scolastico 2006/ CM , prot CM n° 28 del Esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione nelle scuole statali e paritarie per lanno scolastico Nota MPI 4600 del 10 maggio 2007 Circolare n. 28 del 15 marzo 2007 sullesame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione nelle scuole statali e paritarie per lanno scolastico – precisazioni - Nota MPI 4674 del 10 maggio 2007 Disturbi di apprendimento – Indicazioni operative - Indicazioni per il curricolo per la scuola dellinfanzia e per il primo ciclo dellistruzione. D.M. 31/07/ C.M. n 50 - maggio 2009 Anno scolastico 2008/2009 – Nota MIUR n del 28 maggio 2009 Esami di Stato per gli studenti affetti da disturbi specifici di apprendimento. - Legge 169/2008 conversione DL 137/08 Art. 3 co.5 sulla valutazione dei DSA -DPR N. 122 del 2009 – ART.10 – Regolamento sulla Valutazione -Legge 8/10/2010 n.170


Scaricare ppt "LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITA primo ciclo distruzione Lo sfondo comune e il quadro normativo Il PEI come strumento di progettazione e di valutazione."

Presentazioni simili


Annunci Google