La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

STEFANIA DE MARI INSEGNANTE DI SOSTEGNO S.M.FOSCOLO ISTITUTO COMPRENSIVO 3 L'INSEGNANTE SPECIALIZZATO PER LE ATTIVITA' DI SOSTEGNO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "STEFANIA DE MARI INSEGNANTE DI SOSTEGNO S.M.FOSCOLO ISTITUTO COMPRENSIVO 3 L'INSEGNANTE SPECIALIZZATO PER LE ATTIVITA' DI SOSTEGNO."— Transcript della presentazione:

1 STEFANIA DE MARI INSEGNANTE DI SOSTEGNO S.M.FOSCOLO ISTITUTO COMPRENSIVO 3 L'INSEGNANTE SPECIALIZZATO PER LE ATTIVITA' DI SOSTEGNO

2 La figura professionale del docente di sostegno nasce nel 1977 al fine di : - agevolare lattuazione del diritto allo studio e - la piena formazione della personalità di tutti gli alunni anche quelli portatori di handicap

3

4 Un docente in possesso di specifico diploma di specializzazione attinente le problematiche relative alla disabilità e allintegrazione scolastica, grazie al quale è abilitato a svolgere attività didattica di sostegno ai sensi dellart.14,c.2, della legge 104/1992. Collabora con gli altri insegnanti curricolari offrendo le sue specifiche competenze per la realizzazione di progetti di integrazione tesi allaccoglienza e alla riduzione degli handicap degli alunni disabili.

5 Linsegnante di sostegno è assegnato alla scuola per interventi individualizzati di natura integrativa in favore della generalità degli alunni ed in particolare per coloro che presentano specifiche difficoltà di apprendimento...gli insegnanti di sostegno assumono la contitolarità…delle classi in cui operano, partecipano alla programmazione educativa e didattica ed allelaborazione e verifica delle attività di competenza dei consigli di interclasse, di classe e dei collegi dei docenti.(CM.199/79) Partecipano a pieno titolo alle operazioni di valutazione con diritto di voto per tutti gli alunni della classe.

6 Un docente, fornito di formazione specifica, assegnato alla classe in cui è presente lalunno disabile. Assiste studenti con difficoltà di apprendimento legate a problemi fisici, sensoriali, cognitivi o comportamentali. Partecipa alla stesura di un P.E.I. assieme al Consiglio di classe. Non deve essere considerato lunico docente a cui è affidata lintegrazione. (Nota n /10/02).

7 - Crea le condizioni per la piena espressione dellidentità e delle capacità dellalunno disabile - suggerisce: * percorsi di apprendimento, * risorse, ausili, sussidi e tutto quello che può essere utile a ridurre i limiti e gli ostacoli incontrati, - svolgendo il ruolo di supporto, destinato ad evidenziare ai colleghi stessi i nodi metodologici e didattico- disciplinari.(DM 226/95)

8 Sa: riconoscere, gestire, contenere e/o risolvere le difficoltà di insegnamento che le diversità comportano, favorendo le interazioni positive con i colleghi, le relazioni con ciascun allievo e linterscambio tra gli allievi stessi.

9 Effettua interventi mirati soprattutto ad accompagnare il progetto di vita dellalunno disabile (legge 8 novembre 2000, n.328, art. 14) collabora con tutta la comunità scolastica, in una logica di reti di sostegno, coordinando, in particolare, il lavoro delle diverse figure, interne ed esterne alla scuola, impegnate nella realizzazione del progetto. Svolge attività sistematica di osservazione dellalunno, della classe e più in generale dei contesti in cui avviene il processo di integrazione.

10 Insieme ai colleghi contribuisce alla compilazione dei documenti specifici relativi alla persona disabile, quali il Profilo Dinamico Funzionale, il Piano Educativo Individualizzato, con la collaborazione delle altre figure non docenti presenti nel contesto scolastico, degli operatori della Azienda USL, della famiglia e degli operatori dellextrascuola. Partecipa a tutte le riunioni previste dalla normale attività di insegnante (Collegi, Consigli di Classe…) oltre che ai gruppi di lavoro previsti dalla normativa. Cura i contatti con tutte le istituzioni coinvolte nella realizzazione di un progetto educativo che consideri lalunno nella sua globalità, in particolare con lEnte pubblico, lAzienda USL, i servizi socio-assistenziali e le realtà culturali, ricreative, sportive del territorio.

11 Gestisce i rapporti con la famiglia, costruendo un rapporto di fiducia e scambio, mirato alla restituzione di una immagine dellalunno che ne comprenda le difficoltà, ma soprattutto le potenzialità e le risorse, in una prospettiva che guarda ad un futuro di autonomia e di persona adulta. Nella sua attività punta anche a riconoscere e ad attivare le risorse della famiglia, per una collaborazione e condivisione di obiettivi educativi e strategie. Cura i rapporti con altre scuole, per la costruzione di percorsi di continuità educativa in fase di passaggio, prevedendo forme di consultazione tra insegnanti e per la realizzazione di progetti specifici.

12 Possiede Competenze relazionali, disciplinari, metodologiche, Conoscenze generali relative alle situazioni di handicap Evidenzia ai colleghi nodi metodologici e didattico disciplinari Ricerca strategie e tecniche per facilitare gli apprendimenti Collabora, programma, progetta, Migliora il tessuto relazionale Individua bisogni specifici Facilita i rapporti e le relazioni fra operatori


Scaricare ppt "STEFANIA DE MARI INSEGNANTE DI SOSTEGNO S.M.FOSCOLO ISTITUTO COMPRENSIVO 3 L'INSEGNANTE SPECIALIZZATO PER LE ATTIVITA' DI SOSTEGNO."

Presentazioni simili


Annunci Google