La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA FIGURA PROFESSIONALE DEL DOCENTE DI SOSTEGNO Dott.ssa Ornella Cella.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA FIGURA PROFESSIONALE DEL DOCENTE DI SOSTEGNO Dott.ssa Ornella Cella."— Transcript della presentazione:

1 LA FIGURA PROFESSIONALE DEL DOCENTE DI SOSTEGNO Dott.ssa Ornella Cella

2 Docente di sostegno Funzione o professione? Utopia Aspetti normativi Realtà Tipologie di scuole Profilo Compiti Rapporto con le famiglie Aspetti positivi Problemi Risorsa per la scuola

3 Insufficienza dei corsi di specializzazione e delle qualità personali Insufficienza dei corsi di specializzazione e delle qualità personali - necessità di formazione entro il percorso professionale: sviluppo di sapere, saper fare e saper essere - costruzione dellidentità professionale

4 PUNTI DI FORZA Sviluppo di curiosità verso i processi cognitivi ed emotivo-affettivi Sviluppo di curiosità verso i processi cognitivi ed emotivo-affettivi Prassi dellanalisi dellerrore come elemento costruttivo Prassi dellanalisi dellerrore come elemento costruttivo Sviluppo di competenze metodologiche raffinate Sviluppo di competenze metodologiche raffinate Studio delle più efficaci modalità comunicative Studio delle più efficaci modalità comunicative Individuazione e strutturazione degli aiuti Individuazione e strutturazione degli aiuti Aspetto relazionale Aspetto relazionale Non dare nulla per scontato Non dare nulla per scontato …… ……

5 PROBLEMI A fronte di una chiara normativa, esiste ampia variabilità nella visione e nellutilizzo del docente di sostegno A fronte di una chiara normativa, esiste ampia variabilità nella visione e nellutilizzo del docente di sostegno Frustrazioni: minore riconoscimento, orari di lavoro, tempi di apprendimento, collocazione fisica Frustrazioni: minore riconoscimento, orari di lavoro, tempi di apprendimento, collocazione fisica Vissuto di impotenza, senso di isolamento, demotivazione Vissuto di impotenza, senso di isolamento, demotivazione Elevate attese (sovrainvestimento) delle famiglie degli alunni diversamente abili nei nostri confronti Elevate attese (sovrainvestimento) delle famiglie degli alunni diversamente abili nei nostri confronti Rischio di un lavoro chiuso nel rapporto con lalunno, senza ricadute sullorganizzazione della classe, della scuola e del gruppo di sostegno Rischio di un lavoro chiuso nel rapporto con lalunno, senza ricadute sullorganizzazione della classe, della scuola e del gruppo di sostegno (Realizzazione di buone pratiche che non si tramutano in proposte organizzative) (Realizzazione di buone pratiche che non si tramutano in proposte organizzative) Strutturazione del sostegno più come funzione che non come professione (intercambiabilità) Strutturazione del sostegno più come funzione che non come professione (intercambiabilità) Docente di sostegno spesso figura di transizione verso il ruolo e non una stabile attività professionale Docente di sostegno spesso figura di transizione verso il ruolo e non una stabile attività professionale

6 ALTA PRECARIETA E VARIABILITA Livello di prestazione professionale nel complesso più basso Livello di prestazione professionale nel complesso più basso Rischio di una didattica più isolante Rischio di una didattica più isolante Rischio di non integrazione delle competenze e professionalità Rischio di non integrazione delle competenze e professionalità Assenza di continuità nei percorsi individualizzati Assenza di continuità nei percorsi individualizzati Assenza di un gruppo identificabile e dalla chiara identità (valido interlocutore) Assenza di un gruppo identificabile e dalla chiara identità (valido interlocutore) Creazione di una figura professionale Creazione di una figura professionale Costruzione di un gruppo con cui condividere esperienze, competenze, dubbi, progetti (identità) Costruzione di un gruppo con cui condividere esperienze, competenze, dubbi, progetti (identità) La formazione di un gruppo dà un senso di appartenenza, rompe il senso di solitudine e aumenta la motivazione La formazione di un gruppo dà un senso di appartenenza, rompe il senso di solitudine e aumenta la motivazione

7 Un docente precario che cambia di anno in anno sarà maggiormente portato (e collettivamente legittimato) a occuparsi più dellalunno che del resto dellattività Un docente precario che cambia di anno in anno sarà maggiormente portato (e collettivamente legittimato) a occuparsi più dellalunno che del resto dellattività La presenza stabile crea relazioni tra i docenti La presenza stabile crea relazioni tra i docenti Diversi indicatori segnalano che laddove il docente di sostegno è maggiormente stabile nel tempo, più si è in presenza di una didattica meno isolante, più relazionale con il resto delle classi Diversi indicatori segnalano che laddove il docente di sostegno è maggiormente stabile nel tempo, più si è in presenza di una didattica meno isolante, più relazionale con il resto delle classi

8 Responsabilità nella creazione di un profilo professionale che non può arrivare esclusivamente dallalto Responsabilità nella creazione di un profilo professionale che non può arrivare esclusivamente dallalto Rapporto tra organizzazione istituzionale attuale e assunzione di responsabilità individuale e gruppale rispetto a uninnovazione, a un cambiamento, in unottica di alleanza e non di rottura Rapporto tra organizzazione istituzionale attuale e assunzione di responsabilità individuale e gruppale rispetto a uninnovazione, a un cambiamento, in unottica di alleanza e non di rottura

9 LINTEGRAZIONE SCOLASTICA Lintegrazione scolastica ha come obiettivo lo sviluppo delle potenzialità della persona diversamente abile nellapprendimento nellapprendimento nella comunicazione nella comunicazione nelle relazioni nelle relazioni nella socializzazione nella socializzazione nellautonomia nellautonomia Legge quadro 104/1992 art. 12, comma 3 e art. 13 comma 3

10 Momenti significativi delliter finalizzato alla piena integrazione - Definizione di una Diagnosi Funzionale - Predisposizione di un Profilo Dinamico Funzionale - Formulazione di un Piano Educativo Individualizzato - Verifica degli interventi e aggiornamento della documentazione - Integrazione di tutte le competenze e professionalità - Considerazione del progetto di vita (muoversi in una prospettiva dinamica) Art. 12, L. 104/1992

11 Non si tratta di solo inserimento o mera assimilazione in un contesto educativo, ma richiede adattamenti e cambiamenti a tutta la scuola Si profilano le competenze dellinsegnante su molteplici versanti (didattica di qualità) Dott.ssa Ornella Cella Si evidenzia la necessità di unadeguata rete di comunicazione e relazione tra le diverse figure professionali

12 LA DIDATTICA E LA NORMALITA DELLOPERARE FINALIZZATO ALLO SVILUPPO DI CAPACITA E COMPETENZE UTILI, NEL CONTESTO DI UNA RELAZIONE DI AIUTO PROFONDA E SIGNIFICATIVA CON CHI APPRENDE…. E ANCHE PUNTARE A UN OBIETTIVO DI CRESCITA, AVERE A CUORE LO SVILUPPO DELLALUNNO, PROGRAMMARE, AGIRE E VALUTARE LA PROPRIA AZIONE DIDATTICA E LE AZIONI DI CHI APPRENDE (D. Ianes, 2001)

13 COMPITI DEL DOCENTE DI SOSTEGNO

14 PROFILO DELLINSEGNANTE DI SOSTEGNO Formazione orientata alla relazione e alla comunicazione Formazione orientata alla relazione e alla comunicazione Flessibilità Flessibilità Capacità di mediazione e di collaborazione Capacità di mediazione e di collaborazione Capacità di osservare Capacità di osservare Capacità di elaborare e realizzare percorsi individualizzati Capacità di elaborare e realizzare percorsi individualizzati Capacità di verificare e valutare Capacità di verificare e valutare Capacità di autosservazione e autovalutazione Capacità di autosservazione e autovalutazione Conoscenze generali e specifiche ( patologie, strumenti di osservazione, DF, PDF, PEI, problematiche emotive e comportamentali, disturbi dellapprendimento…) Conoscenze generali e specifiche ( patologie, strumenti di osservazione, DF, PDF, PEI, problematiche emotive e comportamentali, disturbi dellapprendimento…) Conoscenze strategiche (apprendimento cooperativo, organizzazione della situazione di apprendimento, semplificazione del testo, aiuti…) Conoscenze strategiche (apprendimento cooperativo, organizzazione della situazione di apprendimento, semplificazione del testo, aiuti…) Capacità metodologiche (gestione dinamiche di classe, tecniche specifiche…) Capacità metodologiche (gestione dinamiche di classe, tecniche specifiche…) Atteggiamento metacognitivo Atteggiamento metacognitivo Dott.ssa Ornella Cella

15 La flessibilità […] è fondamentale in quanto persino le strategie e i progetti concepiti più attentamente possono non avere successo e richiedere una revisione. Bisogna prevenire possibili false partenze, impegnarsi ad assicurare un continuo processo di problem solving e di cambiamento secondo le necessità. E possibile che gli obiettivi iniziali per il coinvolgimento dellalunno nella classe e il sostegno necessario per raggiungere gli obiettivi individualizzati debbano essere modificati dopo che gli alunni hanno iniziato a partecipare alle attività nelle classi La flessibilità […] è fondamentale in quanto persino le strategie e i progetti concepiti più attentamente possono non avere successo e richiedere una revisione. Bisogna prevenire possibili false partenze, impegnarsi ad assicurare un continuo processo di problem solving e di cambiamento secondo le necessità. E possibile che gli obiettivi iniziali per il coinvolgimento dellalunno nella classe e il sostegno necessario per raggiungere gli obiettivi individualizzati debbano essere modificati dopo che gli alunni hanno iniziato a partecipare alle attività nelle classi (Vandercook, York e Forest,1989)

16


Scaricare ppt "LA FIGURA PROFESSIONALE DEL DOCENTE DI SOSTEGNO Dott.ssa Ornella Cella."

Presentazioni simili


Annunci Google