La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Tirocinio Formativo Attivo Anno Accademico 2012/2013 PROGETTARE LA SCUOLA: - FASE IDEATIVA - FASE DIDATTICO/ORGANIZZATIVA - FASE OPERATIVO/RELAZIONALE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Tirocinio Formativo Attivo Anno Accademico 2012/2013 PROGETTARE LA SCUOLA: - FASE IDEATIVA - FASE DIDATTICO/ORGANIZZATIVA - FASE OPERATIVO/RELAZIONALE."— Transcript della presentazione:

1 Tirocinio Formativo Attivo Anno Accademico 2012/2013 PROGETTARE LA SCUOLA: - FASE IDEATIVA - FASE DIDATTICO/ORGANIZZATIVA - FASE OPERATIVO/RELAZIONALE PROGETTARE LA SCUOLA: - FASE IDEATIVA - FASE DIDATTICO/ORGANIZZATIVA - FASE OPERATIVO/RELAZIONALE dai BISOGNI FORMATIVI richiesti dalla Società all OFFERTA FORMATIVA proposta dalla Scuola allAUTONOMIA MENTALE di un ALUNNO in grado di operare SCELTE CONSAPEVOLI dai BISOGNI FORMATIVI richiesti dalla Società all OFFERTA FORMATIVA proposta dalla Scuola allAUTONOMIA MENTALE di un ALUNNO in grado di operare SCELTE CONSAPEVOLI

2 Definizione dellipotesi di lavoro Analisi delle cause Analisi dei bisogni e scelta degli obiettivi Scelta e progettazione dellintervento Realizzazione e controllo Analisi del contesto e individuazione dei problemi LA PROGETTAZIONE DI UN INTERVENTO Analisi di fattibilità e pianificazione delle risorse Programmazione esecutiva Programmazione controllo Programmazione esecutiva Programmazione controllo Valutazione Revisione dellintervento Valutazione Revisione dellintervento Analisi possibili difficoltà di apprendimento

3 Per lavorare sui problemi: esaminare attentamente le relazioni tra i diversi elementi del servizio: risorse, organizzazione, processi, responsabilità, risultati esaminare attentamente le relazioni tra i diversi elementi del servizio: risorse, organizzazione, processi, responsabilità, risultati identificare le modalità, i tempi, gli strumenti per tenere sotto controllo l'azione e definire la responsabilità del controllo raccogliere informazioni sui risultati (intermedi e finali) e utilizzarle per decidere Individuare e descrivere i risultati che deve produrre, le attività da svolgere, i requisiti in uscita approccio sistemico approccio sistemico sistema informativo sistema informativo controllo organizzazione per processi organizzazione per processi

4 Le operazioni della programmazione analisi della domanda selezione della domanda da soddisfare selezione della domanda da soddisfare definizione degli obiettivi definizione degli obiettivi verifica condizioni e vincoli definizione dei risultati attesi progettazione del percorso progettazione del percorso individuazione delle risorse individuazione delle risorse programmazione delle attività (esperienze, tempi, mezzi) programmazione delle attività (esperienze, tempi, mezzi) definizione delle modalità di comunicazione, realizzazione e controllo definizione delle modalità di comunicazione, realizzazione e controllo ricerca analisi e interpretazione analisi e interpretazione pianificazione progettazione e decisione della strategia progettazione e decisione della strategia

5 V a l u t a z i o n e obiettivi attività risultati efficacia contesto impatto efficienza qualità del processo Studenti - più conoscenze - più competenze Studenti - più conoscenze - più competenze Docenti - nuove proposte - attività più complesse Docenti - nuove proposte - attività più complesse

6 il controllo è un'operazione essenziale per garantire il raggiungimento degli obiettivi e il rispetto delle specifiche in fase di realizzazione il controllo deve essere effettuato sia in fase di programmazione (controllo preventivo) che di esecuzione (controllo di conformità) che sui risultati ottenuti (controllo di efficacia) il controllo può essere effettuato sia dagli stessi operatori che eseguono le operazioni che dal responsabile del servizio, da un organismo appositamente incaricato o dal cliente

7 RISPOSTA AL BISOGNO (rispetto allanalisi) RISPOSTA AL BISOGNO (rispetto allanalisi) ATTIVITA' REALIZZATE (impegni e costi) ATTIVITA' REALIZZATE (impegni e costi) RISULTATI RAGGIUNTI (rispetto agli obiettivi) RISULTATI RAGGIUNTI (rispetto agli obiettivi) VALUTAZIONE LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI...e comunicazione !

8 Progettazione

9 lingue culture etnie religioni Nuove Didattiche Nuovi Linguaggi ABILITA CONOSCENZE Nuovi Comportamenti Nuovi Saperi Nuovi Progetti CAPACITA

10 la scuola S E L E Z I O N A le C O M P E T E N Z E (ritenute indispensabili per vivere il proprio tempo) e le D E S C R I V E (dettagliatamente) S E L E Z I O N A le C O N O S C E N Z E (ritenute indispensabili per la maturazione delle competenze) e le D I S A R T I C O L A in micro-obiettivi cognitivi 1 2 mobilita le figure professionali di cui dispone

11 INDIVIDUA I BISOGNI FORMATIVI ELABORA il Profilo dellalunno in uscita dal grado scolastico sia sotto laspetto FORMATIVO, sia sotto laspetto COGNITIVO 3 4 INDIVIDUA I BISOGNI COGNITIVI POF

12 ? PROFILO CONNOTAZIONI della Persona - CONNOTAZIONI del Professionista CONNOTAZIONI dellalunno a fine corso padronanza comunicazione capacità relazionali Dimensione assunzione di responsabilità formativa capacità decisionale competenza gestionale (Gestione risorse) conoscenza e uso strumenti tecnologici possesso di un buon livello di cultura generale Dimensione cognitiva Ottime conoscenze tecnico-scientifiche competenza orientativa padronanza comunicazione capacità relazionali Dimensione assunzione di responsabilità formativa capacità decisionale competenza gestionale (Gestione risorse) conoscenza e uso strumenti tecnologici possesso di un buon livello di cultura generale Dimensione cognitiva Ottime conoscenze tecnico-scientifiche competenza orientativa ESEMPIOPROFILOESEMPIOPROFILO

13 Individuare gli elementi Indispensabili per la nascita e/o la conservazione della MOTIVAZIONE ad apprendere CONTESTO organizzato per favorire un APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI occorre ancora QUINDI…di un Connotazioni descritte nella Lez. N. 3 presente in Piattaforma TFA

14 Individuare iBISOGNI CULTURALI Indispensabili per la nascita e/o la conservazione della MOTIVAZIONE ad apprendere - Contenuti appropriati - Attività accattivanti - Strategie metodologico-didattiche opportune e funzionali occorre, ancora QUINDI…selezionare argomenti, linguaggi, atteggiamenti, valori, situazioni, strumenti… tipici del tempo storico nel quale gli alunni vivono tenere conto

15 Individuare i BISOGNI CULTURALI DEI DOCENTI indispensabili per affrontare i PROBLEMI EMERSI - Nuovi saperi - Conoscenze specifiche - Nuovi linguaggi - Nuove didattiche occorre, infine QUINDI…selezionare I docenti devono continuamente aggiornare la propria professionalità anche in funzione dei problemi che emergono quotidianamente allinterno del contesto di apprendimento I docenti devono continuamente aggiornare la propria professionalità anche in funzione dei problemi che emergono quotidianamente allinterno del contesto di apprendimento professionalità Competenze descritte nella Lez. n. 6

16 A V V I A il processo di ACQUISIZIONE dei PREREQUISITI e delle PRECONOSCENZE funzionali al Progetto di apprendimento P I A N I F I C A le A Z I O N I Saper fareSapere Mobilitare saperi (Saper fare consapevole) Essere ABILITA CONOSCENZECOMPETENZECAPACITA Verifica iniziale 5 6 la scuola mobilita le figure professionali di cui dispone

17 la F A T T I B I L I T A del Progetto pianificato (curricolo o percorso) V A L U T A Verifica iniziale 7 8 i P R O C E S S I FORMATIVI in atto (monitoraggio e compensazione) Verifica in itinere 9 i R I S U L T A T I (ESITI) registrati dagli alunni in termini di abilità, conoscenze, competenze Verifica finale

18 Fase didattico-organizzativa DIDATTICADIDATTICA

19 le C O N D I Z I O N I del contesto di apprendimento predisposto V A L U T A la Didattica Verifica iniziale la qualità degli APPRENDIMENTI e le modalità di svolgimento delle attività Verifica in itinere i RISULTATI (ESITI) registrati dagli studenti e la validità del processo sviluppatosi (in termini di maturazione modalità di studio, di competenza, di autonomia decisionale degli studenti) Verifica finale

20 Fase operativo-relazionale RELAZIONERELAZIONE

21 lo SVILUPPO psico-fisico degli studenti (nelle loro varie età) e le problematiche connesse QUINDI…conoscere/studiare competenze: comunicativo/relazionali Psicologiche disciplinari progettuali didattiche e docimologiche competenze: comunicativo/relazionali Psicologiche disciplinari progettuali didattiche e docimologiche I Docenti collegialità dellanalisi e della proposta didattica Indagare/Studiare i comportamenti che rallentano o impediscono gli Apprendimenti

22 Tutti i docenti Le Funzioni Strumentali I docenti specialisti Il Consiglio di Istituto Il Dirigente Scolastico Tutti i docenti Le Funzioni Strumentali I docenti specialisti Il Consiglio di Istituto Il Dirigente Scolastico Curare scientificamente Il rapporto SCUOLA - FAMIGLIA Il rapporto SCUOLA - TERRITORIO Il rapporto SCUOLA - UNIVERSITA RELAZIONI DI AIUTO (Studenti – Genitori) RELAZIONI PROFESSIONALI (Enti locali – Associazioni – Università) QUINDI…stabilire Soggetti coinvolti

23 … per far fronte alle difficoltà di apprendimento di Docenti COMPETENTI Campo DIAGNOSTICO Campo TERAPEUTICO La Scuola poter disporre in

24 PROGETTAZIONE e ATTUAZIONE di PERCORSI TERAPEUTICI PERSONALIZZATI ed EFFICACI per ridurre…………. le DIFFICOLTA per conquistare…… lAUTOSTIMA

25 PER entrare in contatto con OPPOSIZIONI PROVOCAZIONI DISIMPEGNO REAZIONI C O N D O T T E I N A D E G U A T E ANSIA DISAGIO

26 OPPOSIZIONI PROVOCAZIONI DISIMPEGNO REAZIONI C O N D O T T E I N A D E G U A T E frequentemente osservabili quando il problema non è stato riconosciuto precocemente

27 Difficoltà di apprendimento

28 Relazione collaborativa Famiglia Alunno Scuola F I D U C I A

29 Relazione collaborativa allo scambio di informazioni utili alla condivisione di conoscenze allo scambio di informazioni utili alla condivisione di conoscenze il percorso che conduce allindividuazione del problema e alla ricerca di adeguate modalità di lavoro si assiste che rendono più sereno

30 Analisi della situazione studio dei dati degli studenti: valutazione anni precedenti; Diagnosi Funzionali; Profili Dinamici Funzionali; Altri documenti V A L U T A la Didattica Verifica iniziale le D I F F I C O L T A manifestate dagli studenti durante le attività scolastiche Verifica in itinere i RISULTATI (Esiti) registrati dagli studenti e la validità dei processi messi in atto Verifica finale


Scaricare ppt "Tirocinio Formativo Attivo Anno Accademico 2012/2013 PROGETTARE LA SCUOLA: - FASE IDEATIVA - FASE DIDATTICO/ORGANIZZATIVA - FASE OPERATIVO/RELAZIONALE."

Presentazioni simili


Annunci Google