La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Consulenza psico-pedagogica nelle scuole di base dellAmbito Soggetti coinvolti: Comuni dellAmbito CSA e Scuole di base dellAmbito ASL / Distretto Famiglie.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Consulenza psico-pedagogica nelle scuole di base dellAmbito Soggetti coinvolti: Comuni dellAmbito CSA e Scuole di base dellAmbito ASL / Distretto Famiglie."— Transcript della presentazione:

1 Consulenza psico-pedagogica nelle scuole di base dellAmbito Soggetti coinvolti: Comuni dellAmbito CSA e Scuole di base dellAmbito ASL / Distretto Famiglie 20.A

2 Osservazione e analisi dellesistente Necessità di gestire la realtà del disagio scolastico e sostenere la promozione dellagio Lavoro comune tra tutti i rappresentanti degli Istituti scolastici di base, il coordinatore di Ambito e il referente tecnico Piano Territoriale per definire il profilo di Comunità e le azioni da proporre Presentazione del Profilo di Comunità per la fascia di età 6-14 anni

3 Finalità generali Piano Territoriale di intervento finalizzato allintegrazione scolastica, prevenzione del disagio e promozione dellagio dei giovani Rimozione ostacoli di ordine sociale, culturale e relazionale per la partecipazione degli alunni al sistema scolastico Eliminazione/riduzione dei fenomeni della evasione e dellabbandono precoce del sistema scolastico Favorire lintegrazione e la socializzazione degli studenti in difficoltà

4 Obiettivi Particolari Servizio di consulenza psico-pedagogica nelle scuole di base dellAmbito per genitori e operatori della scuola e della rete relazionale del bambino Formazione/intervento di rete/figure di sistema: insegnanti come referenti di rete Attivazione gruppi di formazione per docenti e non docenti dei singoli Istituti scolastici Attivazione formazione sistemica per insegnanti referenti Favorire lintervento sul singolo caso in modo coerente con il servizio di consulenza Raccordo con i Piani per linfanzia, con lOsservatorio minori e con i servizi territoriali

5 Destinatari Scuole statali e paritarie dellobbligo dellAmbito Dirigenti scolastici Genitori Operatori della scuola (personale docente e non docente) Operatori comunali, del no-profit e ASL Beneficiari dellintervento sono gli alunni delle scuole dellAmbito dai 6 ai 14 anni

6 Territorio servito Ambito n.1

7 Risultati attesi Di fronte a bambini in difficoltà…. Superamento dellapproccio medicalistico-clinico fondato sulla delega allesperto Interventi specifici rivolti ai bambini, interventi di rete, interventi di politica socio-culturale Interazione delle diverse competenze (pedagogiche, didattiche, relazionali, psicologiche, di cura…) Diminuzione del disagio scolastico e delle segnalazioni incongrue Supporto ai dirigenti ed insegnanti nellassunzione di atteggiamenti appropriati Supporto ai genitori per saper interpretare il disagio scolastico dei figli Miglior utilizzo dei servizi territoriali

8 Professionalità necessarie Professionisti incaricati: 2 specialisti con competenza psico-pedagogica ed esperienza dei contesti scolastici del Centro psicopedagogico per la Pace e la gestione dei conflitti (CPP), diretto dal dott. Daniele Novara, in particolare 1 psicologo e 1 pedagogista o psicopedagogista 2 formatori con competenze psicopedagogiche

9 Costi e Risorse economiche Costo totale del progetto ,35 di cui Personale messo a disposizione dai Comuni ,20 Spese uso locali Spese gestionali Incarichi professionali ,15 Risorse finanziarie destinate alla realizzazione degli interventi del piano territoriale ,35 di cui Risorse economiche di Bilancio dei Comuni dellAmbito ,80 Risorse delle Scuole ,40 Finanziamento richiesto Regione Marche ,15

10 Tempi per la realizzazione Anno scolastico 2003 – 2004 N. 10 unità di consulenza di 2 ore, per un totale di 20 ore nellarco di 5 mesi, con una frequenza quindicinale in ciascun Istituto Formazione: ottobre 2003 Attività di consulenza: novembre aprile 2004

11 Spazi necessari Sede formazione: c/o C.F.O. di Pesaro Una sede per ogni Istituto per colloqui di consulenza Strutture comunali e delle scuole per servizio di consulenza sul territorio o sportello psicopedagogico Aula magna di una scuola per formazione di rete

12 Strumenti necessari Attività di segreteria per aspetti organizzativi e gestione prenotazioni colloqui

13 Materiali necessari Scrivere qui il testo

14 Metodo di lavoro Costituzione del Coordinamento degli Enti promotori e di un gruppo ristretto di conduzione composto da 6 membri con compiti operativi, di monitoraggio e di comunicazione. Costituzione di 2 gruppi per la formazione (20-25 persone) Intervento contemporaneo sul singolo caso, sul contesto scolastico e familiare e sulla cultura dellorganizzazione Demedicalizzazione e valorizzazione delle competenze dei genitori, della scuola e del territorio Sperimentazione di un reale lavoro di rete con la costituzione di gruppi di lavoro integrati e stabili

15 Modalità di verifica Monitoraggio in itinere e finale del gruppo di conduzione Febbraio 2004 prima valutazione intermedia e prima documentazione Luglio 2004 bilancio e valutazione finale, report di soddisfazione e resoconto sugli esiti della formazione

16 Documentazione Scrivere qui il testo

17 Chi gestisce il progetto e come Ambito territoriale sociale n.1 Ente capofila: Comune di Pesaro Referenti: il coordinatore dAmbito e il Dirigente dei Servizi Educativi dellEnte capofila Altri soggetti coinvolti e protagonisti dellintervento: Comuni dellAmbito Scuole di base dellAmbito CSA Famiglie ASL/Distretto


Scaricare ppt "Consulenza psico-pedagogica nelle scuole di base dellAmbito Soggetti coinvolti: Comuni dellAmbito CSA e Scuole di base dellAmbito ASL / Distretto Famiglie."

Presentazioni simili


Annunci Google