La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LEZIONI DOTT.SSA BARBARA ARGO 21/9/09 Il Cooperative learning: radici, metodologia e prospettive. Il funzionamento dinamico dei gruppi 29/9/09 Il ruolo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LEZIONI DOTT.SSA BARBARA ARGO 21/9/09 Il Cooperative learning: radici, metodologia e prospettive. Il funzionamento dinamico dei gruppi 29/9/09 Il ruolo."— Transcript della presentazione:

1 LEZIONI DOTT.SSA BARBARA ARGO 21/9/09 Il Cooperative learning: radici, metodologia e prospettive. Il funzionamento dinamico dei gruppi 29/9/09 Il ruolo del docente nel Cooperative Learning La strutturazione dellinterdipendenza positiva e la distribuzione dei ruoli nel Cooperative learning Le modalità di monitoraggio e valutazione nel Cooperative Learning

2 Il Cooperative Learning strategia educativo-didattica per favorire lapprendimento Radici metodologia e prospettive

3 Il cooperative learning è un movimento di pensiero prima ancora che un modello didattico

4 Dimensioni storiche dellapprendimento cooperativo in educazione Cousinet e la formazione Attraverso la socializzazione J. Dewey e il pragmatismo democratico Slavin e il concetto di motivazione Intrinseca nellapprendimento Piaget Cognitivismo e costruttivismo Lewin teoria del campo e la pragmatica di gruppo Cooperative Learning

5 Pedagogia delle cooperative scolastiche Profit: – Rinnovamento della didattica attraverso la responsabilizzazione ed il coinvolgimento diretto dei bambini nellorganizzazione e gestione della comunità di apprendimento. Freinet: – Ristrutturazione degli ambienti di apprendimento attraverso linnovazione delle metodologie di insegnamento e la ridefinizione della relazione insegnante-alunni MCE, Bruno Ciari e Mario Lodi: – Contropedagogia che emancipa dal basso e fornisce esercizio della democrazia nelle aule scolastiche.

6 Ragioni socio-educative alla base del Cooperative Learning Necessità di recuperare la capacità di aggregarsi e di relazionarsi in contesti sociali ora profondamente individualistici e competitivi Riconoscimento del valore distribuito dellintelligenza e della cultura (Bruner; Gardner) Società multiculturale: integrazione ed inclusione

7 Il recupero della relazione studente – studente Piaget: conflitto cognitivo per riorganizzare sia i contenuti che le strutture cognitive dei bambini Vygotskij: linteriorizzazione di pratiche discorsive sociali, suscita lo sviluppo di modelli di pensiero volti a problematizzare ed ad interconnettere le conoscenze

8 I benefici educativi dellapprendimento cooperativo Sviluppo ed esercizio di comportamenti sociali. Favorire il decentramento e il riconoscimento di diversi punti di vista. Protagonismo dellalunno nellapprendere co-costruendo conoscenze insieme con i pari. Responsabilizzazione personale ed autonomia Condivisione con i pari di aspetti emotivi, affettivi e fantastici, utili a prefigurare una progettualità esistenziale e co-esistenziale.

9 I benefici educativi dellapprendimento cooperativo Sperimentazione di diversi ruoli nel contesto di apprendimento Conseguimento di esiti positivi per quanto riguarda lapprendimento ed il rendimento scolastico Acquisizione di capacità efficaci nellorientare scelte relative al futuro.

10 Caratteristiche del Cooperative Learning (Comoglio-Cardoso, 1996) Cooperazione tra studenti strutturata a partire da: Interdipendenza positiva Interazione promozionale faccia a faccia Insegnamento diretto di abilità interpersonali Apprendimento svolto in piccoli gruppi eterogenei Revisione del lavoro svolto Valutazione individuale e di gruppo

11 COOPERAZIONE PROCESSO EVOLUTIVO DI CO-COSTRUZIONE DI INTERDIPENDENZE TRA SISTEMI A FRONTE DI UN "PROBLEMA" PERCEPITO COME COMUNE CAPACITA' DI COSTRUIRE SCAMBI GUIDATI DALLA RECIPROCITA'IN UN CONTESTO RELAZIONALE PARITARIO

12 COOPERAZIONE E' FONTE DI RIFLESSIONE E COSCIENZA DI SE DISSOCIA IL SOGGETTIVO DALL'OGGETTIVO E' FONTE DI REGOLAZIONE E' UN CONTESTO METACOMUNICATIVO E' CONTESTO DI CO-COSTRUZIONE DELL'ALTERITA' E' GIOCO COMUNICATIVO INTRINSECAMENTE ETICO

13 ECOLOGIA SOCIALE Attorialità sociale Cittadinanza Partecipazione Responsabilità Sostenibilità Clima contestuale Comunità Struttura che (ci) connette

14 COMPETENZE SOCIALI Individuali Gruppo Organizzative Collettive Comunità Relazionali Interazione Interdipendenza Simmetricità Complementarietà Interattive - Cooperazione - Negoziazione - Mediazione Conflitti - Competizione - Regolazione - Reciprocità

15 SOCIALI – COLLETTIVE Cura Reciprocità Solidarietà Sussidiarietà Partenariato COMPETENZA EMOTIVA Emozioni di base Emozioni sociali Emozioni culturali Culture emotive

16 COOPERAZIONE H. von FOERSTER "…quando le singole parti si associano comunicativamente in un reticolo cooperante… ovvero danno vita all'organizzazione dell'auto - organizzazione… K. LEWIN : "… in una situazione cooperativa l'obiettivo dei partecipanti è estremamente vincolante nel senso che ciascuno dei cooperanti può arrivare al suo obiettivo alla condizione che gli altri conseguano il proprio

17 M. CERUTI : "… è una rete di istanze di punti di vista 'altri' e non sovrapponibili e antagonisti ad un tempo, nella quale la conoscenza si produce attraverso i continui dialoghi intrecciati fra queste alterità, non attraverso una subordinazione o una soppressione di alcune a vantaggio di altre. H. MATURANA - F. VARELA : "… la cooperazione è il dominio di interazione degli accoppiamenti strutturali tipici del processo evolutivo…"


Scaricare ppt "LEZIONI DOTT.SSA BARBARA ARGO 21/9/09 Il Cooperative learning: radici, metodologia e prospettive. Il funzionamento dinamico dei gruppi 29/9/09 Il ruolo."

Presentazioni simili


Annunci Google