La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 PSICOLOGIA DELLEDUCAZIONE PSICOLOGIA DELLEDUCAZIONE Felice Carugati e Patrizia Selleri Capitolo 5. Le classi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 PSICOLOGIA DELLEDUCAZIONE PSICOLOGIA DELLEDUCAZIONE Felice Carugati e Patrizia Selleri Capitolo 5. Le classi."— Transcript della presentazione:

1 1 PSICOLOGIA DELLEDUCAZIONE PSICOLOGIA DELLEDUCAZIONE Felice Carugati e Patrizia Selleri Capitolo 5. Le classi

2 2 Carugati, Selleri - Psicologia delleducazione, Il Mulino, 2005 Capitolo 5. Le classi La classe : il cuore della relazione educativa alunno saperi insegnante

3 3 Carugati, Selleri - Psicologia delleducazione, Il Mulino, 2005 Capitolo 5. Le classi saperi conoscenze Nella classe si trasmettono conoscenze o saperi? - tacita - esplicita - dichiarativa - procedurale - condizionale Risultato della selezione, effettuata dai sistemi scolastici, delle conoscenze da trasmettere agli alunni Influenzata da storia e cultura Influenzata da storia e cultura

4 4 Carugati, Selleri - Psicologia delleducazione, Il Mulino, 2005 Capitolo 5. Le classi La trasposizione didattica dei saperi Obiettivi e contenuti ministeriali oggetti dei saperi vengono trasformati dagli insegnanti oggetti di insegnamento Caratteristiche della classePratiche didattiche

5 5 Carugati, Selleri - Psicologia delleducazione, Il Mulino, 2005 Capitolo 5. Le classi Nella scuola italiana: micro-contratti didattici Alunno 1 Alunno 2 Alunno 3 Insegnante 3 Insegnante 2 Insegnante 1 Sapere 1Sapere 3 Sapere 2

6 6 Carugati, Selleri - Psicologia delleducazione, Il Mulino, 2005 Capitolo 5. Le classi Lorganizzazione della classe influenza la qualità del processo di insegnamento e apprendimento Organizzazione modulare Classi aperte orari Team docente compresenze

7 7 Carugati, Selleri - Psicologia delleducazione, Il Mulino, 2005 Capitolo 5. Le classi - multidimensionalità: accadono molti eventi nel corso di una lezione - simultaneità: molti eventi accadono contemporaneamente - immediatezza: cè poco tempo per pensare a cosa/come fare - imprevedibilità: gli eventi sono spesso inaspettati - pubblicità: tutto accade sotto gli occhi di tutti - storicità: condivisione di eventi e regole; si costruisce una storia in comune Le proprietà del contesto di classe (Doyle, 1986)

8 8 Carugati, Selleri - Psicologia delleducazione, Il Mulino, 2005 Capitolo 5. Le classi Quali interazioni in classe ? Insegnanti- AlunniAlunni - Alunni Relazione tra pari Socializzazione La cultura dei pari: 1- partecipazione alla vita sociale 2- gestione di aspetti pericolosi della vita quotidiana 3- negoziazione delle regole degli adulti Relazione asimmetrica: - ruolo istituzionalmente attribuito - conoscenze - età

9 9 Carugati, Selleri - Psicologia delleducazione, Il Mulino, 2005 Capitolo 5. Le classi Le classi appartengono a una scuola che ha una propria cultura. Attraverso linsegnamento vengono veicolati valori, norme, condotte e modalità di comunicazione tipiche del contesto Le classi come contesti culturali Matusov e colleghi (1997) sui contesti di classe progressisti e tradizionali Cobb e colleghi (1991) sul ruolo di un insegnante che costruisce la cultura della classe

10 10 Carugati, Selleri - Psicologia delleducazione, Il Mulino, 2005 Capitolo 5. Le classi Lattività di insegnamento: creare Zoped per gli alunni Tre fasi dellapprendimento tramite Zoped aiuto e assistenza dellesperto autoregolazione prestazione autonoma e consapevole sociale individuale

11 11 Carugati, Selleri - Psicologia delleducazione, Il Mulino, 2005 Capitolo 5. Le classi … saper creare contesti di attività nei quali costruire attraverso le interazioni (intersoggettività) la produzione congiunta di contenuti / azioni dirette a uno scopo Creare una Zoped vuol dire per gli insegnanti…

12 12 Carugati, Selleri - Psicologia delleducazione, Il Mulino, 2005 Capitolo 5. Le classi Senza una condivisione qui e ora dei punti di vista reciproci e degli obiettivi di unattività, nessun individuo può aiutare efficacemente il partner nella produzione di un risultato; non può influenzare la costruzione di strutture cognitive e non può neppure essere influenzato dalle risorse dellaltro o del gruppo Zoped fra adulti Zoped fra alunni

13 13 Carugati, Selleri - Psicologia delleducazione, Il Mulino, 2005 Capitolo 5. Le classi - ATTENTI AL SINGOLO E ALLA CLASSE - DIDATTICA CHIARA E PIANIFICATA - ATTENTI AI PROCESSI DI COMPRENSIONE - VARIANO LE PROPOSTE, GLI ESERCIZI - LAVORANO SUL CONFLITTO SOCIO-COGNITIVO (NEGOZIAZIONE, MESSA IN DISCUSSIONE) Chi sono gli insegnanti efficaci? coloro che, realizzando una Zoped,… aspetto della responsabilità dellapprendimento

14 14 Carugati, Selleri - Psicologia delleducazione, Il Mulino, 2005 Capitolo 5. Le classi Chi sono gli insegnanti efficienti? coloro che, realizzando una Zoped,… - SANNO GESTIRE LA CLASSE - SONO DISPONIBILI, NON LIMITANO IL LORO IMPEGNO - INSTAURANO RAPPORTI AMICHEVOLI CON I COLLEGHI, CON GLI ALUNNI E CON LE FAMIGLIE - GOVERNANO CON CHIAREZZA LE REGOLE - SI FANNO CARICO DEI PROBLEMI DEGLI ALUNNI aspetto dellorganizzazione del lavoro

15 15 Carugati, Selleri - Psicologia delleducazione, Il Mulino, 2005 Capitolo 5. Le classi Il ruolo degli alunni Rappresentazioni della scuola dovere/piacere Prospettive di studio perché studio? alunno successo / insuccesso scolastico insegnante sapere

16 16 Carugati, Selleri - Psicologia delleducazione, Il Mulino, 2005 Capitolo 5. Le classi Alunni con problemi scolastici Brophy (1996) - alunni che faticano ad accettare il loro ruolo - alunni che faticano nellapprendimento - alunni che con il loro comportamento resistono allautorità della scuola

17 17 Carugati, Selleri - Psicologia delleducazione, Il Mulino, 2005 Capitolo 5. Le classi I saperi: la matematica Tre filoni di ricerca in ambito psicologico si sono occupati di descrivere la comprensione e lapprendimento dei concetti matematici da parte degli alunni: - studi sullo sviluppo cognitivo - studi sulle attività degli alunni - studi sullinterazione sociale con soggetti esperti

18 18 Carugati, Selleri - Psicologia delleducazione, Il Mulino, 2005 Capitolo 5. Le classi Studi sullo sviluppo cognitivo i bambini devono prima raggiungere un certo livello di sviluppo cognitivo, poi possono comprendere certe nozioni matematiche Studi sulle attività degli alunni le risposte date dagli alunni ai problemi matematici sono il risultato di una negoziazione fra situazione di interrogazione, ricostruzione degli scopi comuni, conoscenze possedute Studi sullinterazione sociale con soggetti esperti riconducibile allidea Vygotskiana che introduce limportanza della cultura come contesto di apprendimento

19 19 Carugati, Selleri - Psicologia delleducazione, Il Mulino, 2005 Capitolo 5. Le classi Il caso dellinformatica: un nuovo sapere caratterizzato da: Insegnanti novizi Apprendimento continuo Struttura e organizzazione delle lezione Come predisporre le valutazioni Gestire un approccio alla materia da parte degli alunni strutturato su strategie per prove ed errori

20 20 Carugati, Selleri - Psicologia delleducazione, Il Mulino, 2005 Capitolo 5. Le classi Per comprendere le dinamiche che caratterizzano lintroduzione di un nuovo sapere - Livello di rappresentazioni ( limportanza dellinformatica ) - Livello posizionale ( confronto tra ruoli diversi ) - Livello interpersonale situazionale ( condivisione e confronto ) - Livello intra-individuale ( capacità )


Scaricare ppt "1 PSICOLOGIA DELLEDUCAZIONE PSICOLOGIA DELLEDUCAZIONE Felice Carugati e Patrizia Selleri Capitolo 5. Le classi."

Presentazioni simili


Annunci Google