La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

VALUTAZIONE E ORIENTAMENTO. VALUTARE TERMINE CHE DERIVA DAL LATINO VALITUS, P.P. DI VALERE, STIMARE, DARE UN PREZZO. IN SENSO ETIMOLOGICO E IL PROCESSO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "VALUTAZIONE E ORIENTAMENTO. VALUTARE TERMINE CHE DERIVA DAL LATINO VALITUS, P.P. DI VALERE, STIMARE, DARE UN PREZZO. IN SENSO ETIMOLOGICO E IL PROCESSO."— Transcript della presentazione:

1 VALUTAZIONE E ORIENTAMENTO

2 VALUTARE TERMINE CHE DERIVA DAL LATINO VALITUS, P.P. DI VALERE, STIMARE, DARE UN PREZZO. IN SENSO ETIMOLOGICO E IL PROCESSO MEDIANTE IL QUALE SI ATTRIBUISCE UN VALORE AD UN OGGETTO, UNAZIONE, UN EVENTO. NATURALMENTE LA VALUTAZIONE E STRETTAMENTE COLLEGATA AI PROCEDIMENTI, AI METODI E AGLI STRUMENTI USATI CHE POSSONO CONDIZIONARE IL GIUDIZIO. VALUTAZIONE SCOLASTICA supervisione sistemica dellapprendimento e della crescita educativa dellalunno, fatta per regolare nel modo più efficace le opportunità di apprendimento ed educative che vengono offerte nella scuola. E OGGETTO DELLA DOCIMOLOGIA, (termine usato per la prima volta da H. Piéron nel 1934) QUELLA PARTE DELLA PEDAGOGIA CHE STUDIA I CRITERI E I METODI DELLA VALUTAZIONE.

3 La valutazione oltre a comprendere la descrizione qualitativa e quantitativa dei comportamenti, comporta dei giudizi di valore e tiene conto delle condizioni ambientali interne ed esterne del processo educativo. Spesso sono usati come sinonimi i sostantivi: - controllo - misurazione - verifica -Accertamento LA VALUTAZIONE E QUALCOSA DI PIU!

4 La finalità della valutazione educativa non è soltanto quella di classificare gli alunni, ma di aiutarli nella loro crescita. Per questo è necessario far riferimento a un piano razionalmente concepito, attuato con aderenza ai fini e ai fatti, utilizzando mezzi adeguati. LA VALUTAZIONE ACCOMPAGNA IL PROGETTO EDUCATIVO In genere si distinguono una valutazione iniziale (diagnostica), una intermedia (formativa) e una finale (sommativa). si valuta al momento iniziale della esecuzione, quando è necessario raccogliere informazioni sulle esigenze dei soggetti coinvolti, sulle obiettive difficoltà poste dalla situazione, sulla possibilità di utilizzare materiali e strumenti idonei, sul peso esercitato da fattori esterni; si valuta nel corso del progetto per ridefinirne l'organizzazione e la specifica strategia di intervento; si valuta alla fine per acquisire elementi necessari non solo per cogliere l'efficacia di quanto prodotto, ma soprattutto per orientare il lavoro futuro.

5

6 Troppo spesso ci si sofferma sul rendimento scolastico dell'allievo concentrandosi su aspetti quali l'apprendimento della lettura, l'esposizione linguistica, le abilità di ragionamento ecc... Fattori questi giudicati importanti per l'inserimento e la crescita del soggetto nella comunità scolastica. Ma non viene dedicata la medesima attenzione alle variabili emotivo- affettive che possono condizionare pesantemente lo sviluppo dell'allievo ed il suo adattamento all'ambiente, fino a costituire una eredità negativa che, con molta difficoltà, riuscirà a scrollarsi in momenti successivi. Non sono pochi gli allievi che affrontano con paura le prove. a) elevati stati d'ansia sono invalidanti per la prestazione, b) molti soggetti nelle nostre scuole presentano aspetti legati all'ansia da prestazione, c) la scuola, in modo particolare partendo dalla scuola media in su, vede l'ansia da prestazione come un fatto "privato" dello studente, che fa in qualche modo parte della sua "personalità" e che non è modificabile, a) la scuola non è attrezzata per analizzare ed intervenire sul fenomeno, e) molti soggetti, con forte ansia da prestazione sono emotivamente labili, tanto che alcuni di essi, dopo una serie di insuccessi, abbandonano la scuola. Teniamone conto quando ci apprestiamo a valutare i disabili!

7 LE NORME LEGGE 104/92 DECRETO LEGISLATIVO , N. 297 O.M. 90/2001 C.M. 14 MARZO 2008 N. 32 REGOLAMENTO VALUTAZIONE (D.P.R.122/2009) LINEE GUIDA PER INTEGRAZIONE SCOLASTICA O.M. SUGLI ESAMI DI STATO………

8 Legge 5 febbraio 1992 n.104 "Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate" ha previsto agli artt. 12 – 13 – – 16 il diritto all'educazione ed istruzione per gli alunni in situazione di handicap. 12. Diritto all'educazione e all'istruzione 13. Integrazione scolastica 14. Modalità di attuazione dell'integrazione 15. Gruppi di lavoro per l'integrazione scolastica 16. Valutazione del rendimento e prove d'esame

9 1. valutazione degli alunni handicappati: sulla base del PEI particolari criteri didattici adottati per certe discipline attività integrative e di sostegno svolte (anche in sostituzione parziale dei contenuti programmatici di alcune discipline).

10 SCUOLA DELLOBBLIGO (L.104/92 Art.16 comma 2) 2.Nella scuola dell'obbligo sono predisposte, sulla base degli elementi conoscitivi di cui al comma 1, prove d'esame corrispondenti agli insegnamenti impartiti e idonee a valutare il progresso dell'allievo in rapporto alle sue potenzialità e ai livelli di apprendimento iniziali

11 SCUOLA SECONDARIA DI 2° GRADO (L.104/92 Art.16 comma 3) 3. Nell'ambito della scuola secondaria di secondo grado, per gli alunni handicappati sono consentite prove equipollenti e tempi più lunghi per l'effettuazione delle prove scritte o grafiche e la presenza di assistenti per l'autonomia e la comunicazione.

12 O.M. 90/2001 art.11 Valutazione scuola secondaria 1°grado Comma12 : se lallievo raggiunge gli obiettivi fissati nel PEI ottiene la promozione e alla fine del triennio ha il diploma di licenza media Se,invece, lallievo non raggiunge gli obiettivi fissati nel PEI (il PEI non è stato ben impostato!!!) può ripetere la classe o superare gli esami finali con un attestato per il solo riconoscimento dei crediti formativi

13 O.M. 90/2001 art.11 Valutazione scuola secondaria 2° grado Art.15, comma 2.Valutazione (che deve sempre esserci) sulla base degli obiettivi prefissati nel PEI: a) Art se gli obiettivi minimi raggiunti sono globalmente riconducibili a quelli della classe (valutazione conforme obiettivi minimi) b) Art.15,comma se gli obiettivi non sono riconducibili a quelli minimi si ha una valutazione differenziata

14 Scelta modalità valutativa (O.M.90/2001 art 15 c.5) Proposta della scuola Scelta effettuata dalla famiglia Qualora un Consiglio di classe intenda adottare la valutazione differenziata di cui sopra, deve darne immediata notizia alla famiglia fissandole un termine per manifestare un formale assenso, in mancanza del quale la modalità valutativa proposta si intende accettata. In caso di diniego espresso, lalunno non può essere considerato in situazione di handicap ai soli fini della valutazione, che viene effettuata ai sensi dei precedenti artt.12 e 13

15 C.M. 14 marzo 2008 n Art.5 – Disposizioni per particolari tipologie di alunni Richiama lart. 318 del testo unico del D.L. 16/4/94 n.297 a conclusione del primo ciclo di istruzione (Il comma 1 tratta dei Dsa) 2. Alunni con disabilità. La valutazione finale degli alunni con disabilità riconosciuta viene operata sulla base del piano educativo individualizzato (…) Gli alunni possono svolgere una o più prove differenziate*, in linea con gli interventi educativo-didattici attuati sulla base del Piano Educativo Individualizzato (PEI) (…). Tali prove hanno comunque valore equipollente ai fini della valutazione dellalunno. La sottocommissione potrà assegnare un tempo differenziato per leffettuazione delle prove da parte degli alunni con disabilità. Per quanto riguarda gli alunni con disabilità visiva, verrà utilizzato il supporto digitale della prova nazionale (…). Nel caso di esito negativo delle prove di esame, per gli alunni con disabilità è possibile rilasciare un attestato che certifichi i crediti formativi acquisiti. (…) Nel diploma di licenza non deve essere fatta menzione delle prove differenziate sostenute dagli alunni con disabilità.

16 TERMINOLOGIA Prove differenziate* Prove equipollenti Valutazione differenziata Valutazione conforme Attestato dei crediti formativi Diploma di licenza

17 REGOLAMENTO SULLA VALUTAZIONE ART.1 OGGETTO FINALITA DELLA VALUTAZIONE CARATTERISTICHE DELLA VALUTAZIONE

18 FINALITA Provvede a coordinare la valutazione degli alunni tenendo conto anche: dei DSA della DISABILITA CARATTERISTICHE La valutazione è espressione dellautonomia professionale della funzione docente, sia nella dimensione individuale, sia nella dimensione collegiale. Ogni alunno ha diritto ad una valutazione…

19 Oggetto della valutazione Il processo di apprendimento Il comportamento Il rendimento scolastico complessivo Certificazione dei LIVELLI DI APPRENDIMENTO RAGGIUNTI Al termine dellanno conclusivo della scuola primaria Al termine della scuola secondaria di primo grado Al termine della scuola secondaria di secondo grado

20 Certificazione dei livelli di apprendimento raggiunti al fine di: Sostenere i processi di apprendimento Favorire lorientamento Favorire linserimento nel mondo del lavoro

21 Valutazione del primo ciclo di istruzione (artt 2-3 reg valutazione) Valutazione periodica e finale Collegiale dei docenti contitolari Espressa in voti I docenti di sostegno sono contitolari Al termine del primo ciclo di istruzione ESAME di STATO con la prova :INVALSI

22 INVALSI e DISABILI Per gli alunni con disabilità visiva, la prova sarà fornita anche in forma digitale. La durata della prova potrà essere prolungata rispetto al tempo stabilito. Con lapporto del relativo docente di sostegno, sono predisposte specifiche prove corrispondenti alla prova a carattere nazionale per gli alunni con disabilità che svolgono prove differenziate in linea con gli interventi educativo-didattici attuati sulla base del percorso formativo individualizzato, secondo le indicazioni contenute nellart. 318 del D.L.vo , n. 297.(t.u.) I criteri di valutazione della prova differenziata sono elaborati dalle singole sottocommissioni. Linsegnante di sostegno affianca lalunno

23 Art.9 reg valutazione valutazione alunni con disabilità E certificata nelle forme e nelle modalità previste dalle disposizioni in vigore È riferita al comportamento, alle discipline e alle attività svolte in base al PEI E espressa in decimi

24 Art.9 R.V. c.2 Esame conclusivo del primo ciclo: Prove desame differenziate, comprensive della prova INVALSI Corrispondenti agli insegnamenti impartiti Idonee a valutare il progresso dellalunno In rapporto alle potenzialità e ai livelli di apprendimento di partenza Sono adattate in base al PEI ( ove necessario) Le prove differenziate hanno valore equivalente a quelle ordinarie titolo di licenza

25 Art.9 R.V. c.3 le prove desame del primo ciclo sono sostenute anche con: attrezzature e sussidi… (come previsto dal D. Lgs.297/94 art.318 Valutazione del rendimento e prove desame; nei commi 3-4 si parla di prove equipollenti e di uso di ausilii nelle prove desame con eventuali tempi più lunghi) Sui diplomi di licenza non si fa menzione delle differenziazioni nelle prove

26 Art.9 R.V. c.4 Agli alunni disabili che non conseguono la licenza è rilasciato un attestato di credito formativo, che è titolo per liscrizione e la frequenza alle classi successive ai soli fini dei crediti formativi…

27 Art.9 R.V. c. 5 al termine del secondo ciclo di istruzione, gli alunni con disabilità sostengono lEsame di Stato secondo le modalità previste da: D. Lgs.297/94 art.318 Valutazione del rendimento e prove desame; nei commi 3-4 si parla di prove equipollenti e di uso di ausili nelle prove desame con eventuali tempi più lunghi)

28 Art.9 R.V. Percorso didattico Differenziato non conseguimento di diploma, ma attestato dei crediti formativi Percorso didattico Conforme conseguimento del diploma

29 O.M. n. …… Art. 17 ESAMI DEI CANDIDATI IN SITUAZIONE DI HANDICAP Ai sensi dell'art.6 del Regolamento, la commissione d'esame, sulla base della documentazione fornita dal consiglio di classe, relativa alle attività svolte, alle valutazioni effettuate e all'assistenza prevista per l'autonomia e la comunicazione, predispone prove equipollenti a quelle assegnate agli altri candidati e che possono consistere nell'utilizzo di mezzi tecnici o modi diversi, ovvero nello sviluppo di contenuti culturali e professionali differenti. In ogni caso le prove equipollenti devono consentire di verificare che il candidato abbia raggiunto una preparazione culturale e professionale idonea per il rilascio del diploma attestante il superamento dell'esame. Per la predisposizione delle prove d'esame, la commissione d'esame può avvalersi di personale esperto; per il loro svolgimento la stessa si avvale, se necessario, dei medesimi operatori che hanno seguito l'alunno durante l'anno scolastico.

30 I testi della prima e della seconda prova scritta sono trasmessi dal Ministero anche tradotti in linguaggio braille, ove vi siano candidati in situazione di forte handicap visivo I tempi più lunghi nell'effettuazione delle prove scritte e grafiche e del colloquio,… I candidati che hanno svolto un percorso didattico differenziato e sono stati valutati dal consiglio di classe con l'attribuzione di voti e di un credito scolastico relativi unicamente allo svolgimento di tale piano possono svolgere prove differenziate, coerenti con il percorso svolto finalizzate solo al rilascio dell'attestazione di cui all'art.13 del Regolamento. I testi delle prove scritte sono elaborati dalle commissioni, sulla base della documentazione fornita dal consiglio di classe. Per detti candidati, il riferimento all'effettuazione delle prove differenziate va indicato solo nella attestazione e non nei tabelloni affissi all'albo dell'istituto. Agli alunni, ammessi dal Consiglio di classe a svolgere nellultimo anno un percorso di studio conforme ai programmi ministeriali e a sostenere lesame di Stato, a seguito di valutazione positiva in sede di scrutinio finale, è attribuito per il terzultimo e penultimo anno un credito scolastico sulla base della votazione riferita al P.E.I. differenziato. Relativamente allo scrutinio finale dellultimo anno di corso si applicano le disposizioni di cui al precedente art. 2

31 Documentazione per esami (O.M. 90/2001) 8. Al fine di facilitare lo svolgimento delle prove equipollenti previste dallart.318 del D.Lvo , n.297, i Consigli di classe presentano alle Commissioni desame un'apposita relazione, nella quale, oltre a indicare i criteri e le attività previste al comma precedente, danno indicazioni concrete sia per l'assistenza alla persona e alle prove d'esame sia sulle modalità di svolgimento di prove equipollenti, sulla base dell'esperienza condotta a scuola durante il percorso formativo. Per lesame di Stato conclusivo dei corsi, tale relazione fa parte integrante del documento del Consiglio di classe del 15 maggio, come precisato dallart.17, comma 1, dellO.M. n.29/2001

32 LA RELAZIONE il C.d.C deve presentare una RELAZIONE che illustri: le capacità e potenzialità dellallievo le difficoltà incontrate e come sono o non sono state superate le discipline per le quali sono stati adottati particolari criteri didattici i percorsi equipollenti eventualmente svolti le attività integrative e di sostegno

33 Nella relazione si devono esporre le modalità di formulazione e di realizzazione delle prove per le valutazioni e precisamente: con quali tecnologie / con quali strumenti con quali modalità / con quali contenuti e) con quale assistenza (docente di sostegno, assistente educativo, accompagnatore…): questo punto deve essere illustrato in modo chiaro per evitare fraintendimenti. f) leventuale richiesta di prove equipollenti o differenziate e tempi più lunghi, oltre alla richiesta di assistenza di una o più figure. La Commissione, esaminata la documentazione fornita dal C.d.C., predispone le prove equipollenti o differenziate, anche avvalendosi del personale esperto.

34 ORIENTAMENTO Commissioni orientamento tra ordini di scuola e dopo? Cosa offre il territorio? Quali opportunità vi sono per allievi disabili con complessità? Come siamo in grado di rispondere alle famiglie? Quali strutture sono in grado di dare risposte?

35 I NOSTRI ALLIEVI POSSONO ANDARE: UNIVERSITA POLITECNICO CORSI IFTS CORSI F.P. (FAL, PRELAVORATIVI ECC..) AVVIATI AL LAVORO ATTRAVERSO I CPI LABORATORI PROTETTI COOPERATIVE SOCIALI CENTRI DIURNI CST

36 Legge 68/99: Art. 1.COLLOCAMENTO DEI DISABILI Art. 2. COLLOCAMENTI MIRATI Art.3. OBBLIGO dASSUNZIONE Art. 11. CONVENZIONI Art.12. COOPERATIVE SOCIALI Art. 15. SANZIONI Art. 14 FONDO REGIONALE

37 IN ALLEGATO CONSIGLI ED INFORMAZIONI A CURA DELLA DOTT.SSA NORA CONSUELO PER QUANTO RIGUARDA LA FREQUENZA ALLUNIVERSITA O AL POLITECNICO DI TORINO; DOCUMENTO PREDISPOSTO DALLA PROVINCIA PER I CORSI PRESSO I CENTRI DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE DI TORINO E PROVINCIA


Scaricare ppt "VALUTAZIONE E ORIENTAMENTO. VALUTARE TERMINE CHE DERIVA DAL LATINO VALITUS, P.P. DI VALERE, STIMARE, DARE UN PREZZO. IN SENSO ETIMOLOGICO E IL PROCESSO."

Presentazioni simili


Annunci Google