La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DISTURBI SPECIFICI APPRENDIMENTO D.S.A IL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO P.D.P.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DISTURBI SPECIFICI APPRENDIMENTO D.S.A IL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO P.D.P."— Transcript della presentazione:

1 DISTURBI SPECIFICI APPRENDIMENTO D.S.A IL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO P.D.P.

2 PREMESSA La classificazione internazionale ICD10 dellOMS registra i DSA nellasse F81- disturbi evolutivi specifici delle abilità scolastiche - Non conseguenza di una mancata opportunità di apprendimento - Non risultato di ritardo mentale - Non conseguenza di trauma cerebrale o deficit F81.0 – disturbo specifico della lettura F81.1 – disturbo specifico della compitazione F81.2 disturbo specifico delle abilità aritmetiche F81.3 – disturbi misti delle abilità scolastiche F81.8 – altri disturbi evolutivi delle abilità scolastiche F81.9 – disordine evolutivo delle abilità scolastiche non meglio specificato

3 I DSA prevedono una Segnalazione Specialistica effettuata con strumenti diagnostici di esclusiva competenza di medici e psicologi. Le informazioni fornite alla scuola devono essere precise e contenere anche le indicazioni sulle compensazioni necessarie a quello specifico alunno. La scuola, la famiglia, il servizio sanitario (o lo specialista privato) devono collaborare per giungere alla definizione e attuazione di un Piano Didattico Personalizzato. Di fronte a una segnalazione di DSA è dovere degli insegnanti redigere un PDP dellallievo, che è la trasformazione in atto concreto del suo diritto a ricevere il tipo di istruzione adatto alle proprie specifiche condizioni.

4 STRUTTURA DEL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP): QUALI PUNTI DEVE CONTENERE ANALISI DELLA SITUAZIONE DELLALUNNO Deve riportare le indicazioni fornite dallo specialista, quelle pervenute dalla famiglia, dallallievo stesso e i risultati del lavoro di osservazione condotto a scuola. Deve rilevare le specifiche difficoltà che lallievo presenta ma anche i suoi punti di forza

5 LIVELLO DEGLI APPRENDIMENTI Nelle diverse materie individuare gli effettivi livelli di apprendimento: la didattica per i DSA favorisce e facilita lapprendimento di tutti gli alunni. OBIETTIVI E CONTENUTI PER LA.S. Per ciascuna materia individuare gli obiettivi essenziali ed i contenuti fondamentali da acquisire, stabilire un volume di lavoro compatibile con le specifiche modalità di funzionamento (ciò che a un altro costa 5 ad un allievo DSA costa 10)

6 STRATEGIE METODOLOGICHE E DIDATTICHE Per ciascuna materia individuare le metodologie più adatte affinchè lalunno possa seguire la programmazione di classe attivando particolari accorgimenti in un clima di apprendimento sereno: - Privilegiare la dettatura rispetto alla copiatura - Prevedere un affiancamento per un immediato supporto - Attività in coppia o a piccolo gruppo - Adeguare/dilatare i tempi per la produzione scritta - Attivare diverse modalità comunicative e attivare più canali sensoriali per le spiegazioni - Controllare che i compiti e le comunicazioni alla famiglia siano trascritti correttamente - Verificare la comprensione delle consegne orali e scritte - Avviare alluso della videoscrittura per la produzione di testi o in caso di illeggibilità del tratto grafico

7 - Assegnare compiti a casa adeguati per quantità - Verificare lopportunità della lettura ad alta voce in confronto diretto con i compagni - Promuovere lutilizzo di tutti quei mediatori didattici che possano metterlo in una serena condizione di apprendimento (immagini, schemi, mappe) MISURE DISPENSATIVE Nellambito delle discipline, soprattutto nelle lingue straniere, lalunno verrà dispensato: - Dalla valutazione delle prove scritte, privilegiando quelle orali; - Dalla trascrizione scritta di lunghe parti, favorendo luso di testi già pronti, fotocopiati o digitali; - …………………………………………..

8 STRUMENTI COMPENSATIVI lalunno potrà usare strumenti compensativi nelle seguenti aree disciplinari:……………………………………………………………………. In particolare potrà utilizzare: - tabelle e formulari (es. raccolta delle regole di italiano, di matematica,…) - Calcolatrice - Computer: videoscrittura, software specifici,…. - Risorse audio (sintesi vocale, audio libri, libri parlati) - Schemi sintetici di studio per facilitare la memorizzazione, la rielaborazione o lesposizione orale - …………………………………………………..

9 CRITERI E MODALITA DI VERIFICA E VALUTAZIONE Si concordano tra i docenti e con lalunno/la famiglia: - lorganizzazione di interrogazioni programmate - La predisposizione di schede di verifica a risposta multipla con possibilità di completamento o arricchimento orale - La compensazione con prove orali di compiti scritti non ritenuti adeguati - Luso di mediatori didattici durante le interrogazioni (schemi, immagini,…) - Valutazione dei compiti scritti che non tenga conto degli errori ortografici - Valutazioni più attente ai contenuti che non alla forma - Eventuale lettura del testo di verifica da parte dellinsegnante o di un compagno - Eventuale rilettura, da parte dellinsegnante o di un compagno, del testo scritto dallalunno per facilitare lautocorrezione

10 PATTO CON LA FAMIGLIA Si concordano: - I compiti a casa (quantità, qualità richiesta…) - Le modalità di aiuto: chi, come, per quanto tempo, per quali attività/discipline - Gli strumenti compensativi da utilizzare a casa - Le dispense - La riduzione di compiti - Le interrogazioni (modalità, contenuti, richieste più importanti…) - altro


Scaricare ppt "DISTURBI SPECIFICI APPRENDIMENTO D.S.A IL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO P.D.P."

Presentazioni simili


Annunci Google