La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DIFFICOLTA DEL LINGUAGGIO Gli elementi di difficoltà Difficoltà di contenuto, che derivano dalla distanza tra gli argomenti trattati e le conoscenze pregresse.

Copie: 1
DIFFICOLTA DEL LINGUAGGIO Gli elementi di difficoltà Difficoltà di contenuto, che derivano dalla distanza tra gli argomenti trattati e le conoscenze pregresse.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DIFFICOLTA DEL LINGUAGGIO Gli elementi di difficoltà Difficoltà di contenuto, che derivano dalla distanza tra gli argomenti trattati e le conoscenze pregresse."— Transcript della presentazione:

1 DIFFICOLTA DEL LINGUAGGIO Gli elementi di difficoltà Difficoltà di contenuto, che derivano dalla distanza tra gli argomenti trattati e le conoscenze pregresse dellalunno Difficoltà linguistiche, sono legate alla difficoltà di comprensione di singoli vocaboli o di forme grammaticali complesse Difficoltà cognitive, sono riferite al numero e alla complessità delle informazioni fornite e alla capacità di classificare le stesse, di sintetizzarle e di generalizzare gli apprendimenti Difficoltà percettive, le difficoltà percettive sono quelle legate agli aspetti grafici del testo, alle illustrazioni in esso presenti e alle modalità di evidenziazione dei concetti principali.

2 DIFFICOLTA DI CONTENUTO Le difficoltà di contenuto o tematiche sono quelle determinate dalla distanza degli argomenti trattati dal libro di testo rispetto alle conoscenze, alle esperienze e agli interessi degli alunni.

3 DIFFICOLTA LINGUISTICHE Le difficoltà linguistiche sono determinate da una eccessiva lunghezza dei paragrafi e dei singoli periodi, dalla presenza di un numero elevato di subordinate e di vocaboli non conosciuti dagli alunni.

4 DIFFICOLTA COGNITIVE Le difficoltà cognitive sono determinate da un numero troppo elevato di informazioni e dall'incapacità da parte dell'alunno di comprenderle, di classificarle, sintetizzarle e di coglierne gli elementi essenziali.

5 DIFFICOLTA PERCETTIVE La percezione è un sistema organizzato e integrato di aspetti sensoriali, psicologici ed affettivi che analizza lo stimolo ricevuto e provoca una risposta ad esso Le difficoltà percettive sono quelle legate agli aspetti grafici del testo, alle illustrazioni in esso presenti e alle modalità di evidenziazione dei concetti principali.

6 Attenzione percettiva L'attenzione percettiva è un aspetto fondamentale della percezione. Essa è determinata dal grado di attenzione che la persona rivolge allo stimolo ricevuto ed è favorita dalla varietà degli stessi.

7 Memoria percettiva La memoria percettiva è un altro fattore essenziale della percezione. Essa permette di fare collegamenti tra lo stimolo ricevuto e le esperienze del passato

8 AIUTI POSSIBILI 1. Laiuto verbale è un tipo di aiuto che si attua fornendo indicazioni verbali sul compito da svolgere

9 Ausilio E uno strumento che aumenta l'efficacia delle azioni della persona con handicap attraverso una elaborazione o una vera e propria opera di "traduzione" di codici espressivi e funzionali linguaggi significativi e adeguati

10 Prevenzione delle risposte errate 2. É un tipo di aiuto che si attua intervenendo nel momento in cui ci si accorge che l'alunno sta per sbagliare, evitando così l'errore.

11 Apprendimento senza errori L'apprendimento senza errori è una strategia didattica che si serve degli aiuti per fare in modo che le risposte corrette da parte dell'alunno si manifestino con la massima rapidità possibile

12 Stimolo

13 Facilitazione La facilitazione è l'azione diretta sullo stimolo allo scopo di renderlo più adeguato alle capacità percettive della persona alla quale esso è indirizzato.

14 Materiali stimolo facilitati e facilitanti É un tipo di aiuto rappresentato da materiali utili per facilitare un compito

15 Motivazione La motivazione è l'interesse e l'investimento affettivo verso lo stimolo ricevuto

16 Elementi importanti legati alla memoria e alla motivazione Gli elementi importanti legati alla memoria e alla motivazione sono rappresentati da quegli aspetti del testo che permettono allalunno di collegarli con le esperienze e le conoscenze già possedute (attraverso la memoria). Questo processo fa scattare l'interesse e la motivazione nellalunno

17 Analisi del compito L'analisi del compito consiste nel determinare quali passi (o comportamenti più semplici e accessibili alle sue abilità) devono essere compiuti dall'alunno per arrivare a eseguire un compito in modo corretto

18 Analisi operativa del testo L'analisi operativa del testo è l'operazione tesa a determinare: 1.gli aspetti più importanti di una unità di studio 2.i suoi elementi particolarmente vicini alle conoscenze e agli interessi degli alunni 3.gli aspetti che ne rendono difficile la comprensione

19 Evidenziazione L'evidenziazione è il primo livello di adattamento proposto che, attraverso modalità diverse, intende mettere in evidenza e spiegare gli aspetti più importanti del testo (concetti chiave)

20 Riduzione Modalità di facilitazione che utilizza testi molto brevi e ridotti nel numero delle informazioni per illustrare i concetti in esso proposti.

21 Ri-scrittura Modalità di facilitazione che utilizza la riscrittura semplificata per illustrare i concetti in esso proposti.

22 Ristrutturazione La ristrutturazione fa parte del secondo livello di adattamento del libro di testo. Essa prevede la ri-scrittura semplificata del testo stesso con l'eliminazione delle difficoltà linguistiche. !!!Procedura molto importante quando si affronta un problema di geometria !!!

23 Idea principale L'idea principale è il messaggio essenziale e sintetico che vuole trasmettere il testo preso in esame. !! Molto importante quando si affronta un testo di storia: abituare lalunno ad analizzare il titolo del capitolo, i titoli dei paragrafi e lindice

24 Concetti chiave I concetti chiave sono gli elementi essenziali dell'argomento preso in esame.

25 Schematizzazione Modalità di facilitazione che utilizza schemi logici o sequenziali per illustrare i concetti in esso proposti.

26 Schema riepilogativo Le informazioni relative a tutti i concetti chiave presentati nellunità di studio vengono sintetizzate in uno schema di riepilogo finale.

27 Mappa concettuale La mappa concettuale è lorganizzazione in uno schema logico (testo informativo) o sequenziale (testo narrativo) dei concetti chiave.

28 Illustrazione Modalità di facilitazione che utilizza disegni e immagini per illustrare i concetti in esso proposti.

29 Testo base Il testo base contiene tutte le informazioni essenziali del testo ed è accompagnato da alcune illustrazioni significative.

30 Testo illustrato Il testo illustrato prevede la riduzione della parte scritta a vantaggio di illustrazioni significative riferite ai principali concetti chiave dellunità di studio.

31 Approfondimento guidato Lapprofondimento guidato prevede ulteriori informazioni su un aspetto particolarmente interessante dellunità di studio, presentate attraverso una parte scritta e disegni significativi.

32 Scheda di aiuto disciplinare É un materiale didattico che facilita lo svolgimento di una qualsiasi attività in classe, costruito e strutturato per livelli che si riferiscono alle abilità ed alle difficoltà di ciascun alunno rispetto al compito da svolgere.

33 Indica le procedure e il percorso operativo Fornisce indicazioni sulle eventuali fasi del compito e sulle modalità per risolverlo. Scheda daiuto

34 La costruzione grafica della scheda di aiuto deve corrispondere alle modalità percettive e di apprendimento dell'alunno (alunno visualizzatore, verbalizzatore, ecc.) Scheda daiuto

35 Evidenzia le competenze e le regole basilari per l'attività Chiarisce le abilità che l'alunno deve possedere e le regole che è necessario conosca e sappia applicare per svolgere correttamente il compito Scheda daiuto

36 Elimina gli elementi di disturbo Nella scheda di aiuto vengono eliminate le informazioni non essenziali che rappresentano fattore di disturbo per gli elementi rilevanti del compito Scheda daiuto

37 Nella scheda di aiuto vengono inserite indicazioni per il monitoraggio e per l'autocorrezione del compito da parte dell'alunno. Scheda daiuto

38 La scheda di aiuto, con il progredire delle abilità dell'alunno rispetto al compito, diminuisce l'intensità dell'aiuto fornito. Scheda daiuto

39 Motore di ricerca Server Internet che consente la ricerca di informazioni presenti in rete. Può effettuare ricerche semplici, come per parole singole, oppure complesse, abbinando parole fra di loro nello stesso documento, adiacenti, oppure escludendone altre, oppure per argomenti o concetti. Dalla ricerca possono risultare singoli file di testo, interi siti, immagini, suoni, file multimediali.

40 Sito Internet Insieme di pagine Internet relative allo stesso argomento, soggetto, organizzazione...

41 Verifica dellapprendimento La verifica dellapprendimento è relativa: 1.Allidentificazione e alla comprensione dei concetti chiave 2.Alla capacità di generalizzare gli apprendimenti presentati nellunità di studio.


Scaricare ppt "DIFFICOLTA DEL LINGUAGGIO Gli elementi di difficoltà Difficoltà di contenuto, che derivano dalla distanza tra gli argomenti trattati e le conoscenze pregresse."

Presentazioni simili


Annunci Google