La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Eugenio Montale Eugenio Montale il male di vivere.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Eugenio Montale Eugenio Montale il male di vivere."— Transcript della presentazione:

1 Eugenio Montale Eugenio Montale il male di vivere

2 biografia Montale nasce in Liguria alla fine dell 800. Combatte nella prima guerra mondiale in Trentino. Dopo la guerra si trasferisce a Firenze dove lavoro per il Gabinetto Vieusseux fino al 1938 quando è licenziato perché rifiuta di chiedere la tessera fascista (già nel1925 aveva firmato il Manifesto degli intellettuali antifascisti voluto da Benedetto Croce). Nel frattempo intreccia una relazione con lamericana Irma Brandeis (che chiamerà nei suoi testi col soprannome Clizia). Trascorre gli anni della guerra a Genova e dopo si trasferisce a Milano dove collabora fino alla morte (1981) con il Corriere della Sera. E stato senatore a vita e ha vinto nel 1975 il premio Nobel per la letteratura.

3 le opere Montale ha scritto solo poesie le raccolte poetiche sono 1925 Ossi di seppia 1939 Le occasioni 1943 Finisterre pubblicata semi-clandestinamente a Lugano, parla della brutalità della guerra in corso; il titolo richiama la fine del mondo; confluisce poi nella raccolta del 1956 La bufera e altro 1971 Satura che parla anche della Mosca, come lui soprannominava la moglie, che era morta di recente

4 Ossi di seppia è la prima e più famosa raccolta di Montale pubblicata nel 1925 Il titolo fa riferimento ai piccoli resti del mollusco che, dopo essere morto, il mare sbatte qua e là. Il titolo vuole far riferimento allumiltà dei testi sia dal punto di vista dei contenuti sia dal punto di vista dello stile. Il tema centrale è il male di vivere che si incontra quando si cerca di penetrare e di capire più a fondo la realtà in cui viviamo. E un sentimento che esprime la crisi tipica delluomo del 900, con un profondo senso di angoscia e negatività; è legato alla mancanza di certezze e al senso di solitudine.

5 Il poeta però non si rassegna a questa situazione di negatività ma cerca continuamente tracce di un varco cioè della salvezza e del segreto della vita; ma la rete che imprigiona luomo glielo impedisce. A volte la realtà sembra sul punto di tradire il suo segreto (il poeta sembra cioè in grado di capire il senso della vita) ma poi tutto torna alla normalità e luomo non arriva mai a comprendere ciò che lo circonda. Il poeta perciò non è in grado nella sua poesia di rivelare la verità della vita ma può raccontare della sua ricerca e dei suoi tentativi di capire la vita; il contrario era per Ungaretti che con al sua poesia rivelava almeno un frammento del senso dellesistenza.

6 paesaggio ligure Montale fa spesso riferimento nei suoi testi al paesaggio ligure, la sua terra natale, con la sua flora e la sua fauna indicati molto precisamente. Il paesaggio è quasi sempre ritratto nel momento più caldo della giornata non quando è rigoglioso ma riarso e sofferente. Lunico elemento positivo che compare è il mare che si fa simbolo di vita.

7 lo stile lo stile è anti-dannunziano e anti-letterario Montale dice di voler torcere il collo alla lingua difficile della tradizione, preferisce la semplicità e la chiarezza a costo di sembrar poveri. Nella sua poesia emergono le cose umili e quotidiane della vita comune, indicate con i loro nomi precisi (come già Pascoli e i Crepuscolari). Lo stile è asciutto e aspro. Montale fa uso del correlativo oggettivo (come T. S. Eliot) gli oggetti evocano un determinato stato danimo; la natura e gli oggetti sono simboli della condizione umana.

8 I testi (da Ossi di seppia) I limoni I limoni pag. 208 è il primo della raccolta ed è un testo programmatico (ci dice cosa il poeta vuole scrive e come nel resto della raccolta). Esprime la realtà quotidiana della sua regione con un linguaggio semplice. 1° strofa: parla dello stile che vuole usare nella raccolta, uno stile che si oppone a quello difficile di DAnnunzio; Montale fa un esempio con i nomi degli alberi: Dannunzio ha usato nomi di alberi antichi nelle sue poesie che non sappiamo neanche come siano fatti, invece a lui piacce la semplicità dei limoni. 2° strofa: fa riferimento al mistero della vita e al varco. Montale dice che a volte la realtà è sul punto di tradire il suo segreto, cioè di rivelare il senso della vita, ma poi luomo non riesce a scoprirlo. 3° strofa: talora la speranza di trovare il varco sembra affievolirsi, il tempo passa e non ci sono risposte al mistero della vita; fino a quando un giorno un evento magari piccolo, come la vista del giallo dei limoni, fa rinascere in noi la speranza.

9 Non chiederci la parola pag. 210 il poeta spiega come attraverso la poesia non sia possibile rivelare il senso della vita; la poesia non è per Montale, al contrario di Ungaretti, la rivelazione di un frammento di verità. La poesia di Montale ci racconta la sua ricerca. Nella prima strofa dice cosa non è la poesia attraverso una metafora: la poesia non è come un fiore che risplende in mezzo ad un prato arso. Così afferma nella terza strofa che la poesia non può darci ciò che siamo ma al massimo ciò che non siamo. Forse un mattino andando (fotocopia) parla dellimpossibilità del poeta di trovare il varco: a volte sembra di poterlo individuare e di poter scoprire il senso della vita. Ma al momento in cui tutto dovrebbe svelarsi, il varco scompare e luomo si ritrova di nuovo immerso nella realtà quotidiana priva di senso, sentendosi solo perché circondato da altri individui che le domande fondamentali della vita neppure se le pongono.


Scaricare ppt "Eugenio Montale Eugenio Montale il male di vivere."

Presentazioni simili


Annunci Google