La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 La piattaforma di fruizione del progetto DiGiScuola.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 La piattaforma di fruizione del progetto DiGiScuola."— Transcript della presentazione:

1 1 La piattaforma di fruizione del progetto DiGiScuola

2 2 Ricapitoliamo Portale DiGiScuola Il Marketplace: dove gli editori vendono e le scuole comprano LAmbiente di fruizione: dove i docenti creano corsi e gli studenti comunicano e studiano Attori Dirigente scolastico (la scuola) Docente Studente I contenuti CDD acquistati Test creati dai docenti Dizionari, Ontologie creati dai docenti Attività Corsi, classi, chat, forum messaggi e eventi di aula virtuale creati dal docente

3 3 I due approcci: la classe e il catalogo dei corsi La classe Il docente crea una classe a cui iscrive tutti i suoi studenti Il docente può comunicare attraverso bacheca, forum, chat con i propri studenti Gli studenti possono comunicare con i compagni di classe e con il docente Il docente è il tutor/moderatore della classe Il docente può creare corsi e assegnarli alla sua classe Il catalogo dei corsi Il docente può pubblicare i propri corsi in un catalogo della scuola e tutti gli studenti (della stessa scuola) possono fare richiesta di iscrizione per self-learning Il docente decide se abilitare o meno gli studenti alla fruizione dei propri corsi

4 4 Funzionalità di IWT Funzionalità base Creare corsi semplici Creare una classe Assegnare corsi ad una classe Usare gli strumenti di comunicazione Funzionalità avanzate Creare dizionari e ontologie Creare corsi personalizzati Gestire skill e curricula

5 5 Prendiamo confidenza… La home page del docente La biblioteca La libreria

6 6

7 7 La biblioteca La biblioteca è della scuola Nella biblioteca ci sono le risorse didattiche acquistate dalla scuola (attraverso il suo dirigente scolastico) e quindi a disposizione dei docenti per creare corsi on-line sulla piattaforma di fruizione Ogni risorsa è detta CDD: Contenuto Didattico Digitale Ogni risorsa può essere visionata in anteprima, presenta un metadata che ne fornisce una descrizione formale e eventuale materiale aggiuntivo (ad esempio le istruzioni) Per poter utilizzare un CDD in un corso occorre importarlo nella propria Libreria

8 8 Come si presenta la biblioteca NOTE Nella biblioteca ci sono solo i CDD acquistati dalla scuola E possibile effettuare ricerche per trovare CDD

9 9 La libreria La libreria è del docente Nella libreria ci sono le risorse didattiche importate dalla biblioteca Per poter utilizzare un CDD in un corso occorre importarlo nella propria Libreria Nella libreria cè anche il materiale del docente

10 10 Come si presenta la libreria NOTE La libreria inizialmente è vuota Il docente deve prendere le risorse didattiche nella Biblioteca della scuola E possibile effettuare ricerche

11 11 Riempire la libreria NOTE Selezionare tutte le risorse presenti in Biblioteca a cui si è interessati e cliccare sul pulsante Importa Le risorse importate finiscono nella sezione Gestione Risorse della Libreria

12 12 Le risorse che può creare il docente Le ontologie servono per i corsi personalizzati Le domande servono per comporre test I compiti a casa sono elaborati (quesiti a risposta aperta) che si possono assegnare direttamente agli studenti Le lezioni e i moduli permettono di mettere insieme risorse e test

13 13 Creiamo un test …

14 14 NOTE Per creare un test occorre creare prima le domande e quindi caricarle dentro un test E possibile aggiungere immagini, audio e animazioni prendendoli dal proprio PC Creare domande Vero/Falso per un test

15 15 NOTE E possibile aggiungere immagini, audio e animazioni prendendoli dal proprio PC Creare domande a scelta multipla per un test

16 16 NOTE Nei test statici le domande vengono indicate dal docente, in quelli dinamici vengono scelte da IWT Creare un test statico

17 17 Creiamo un corso semplice…

18 18 Cosa serve per creare un corso semplice? Carichiamo dalla biblioteca tutti i CDD che possono servire Se occorre creiamo dei test Scegliamo lordine con cui far visualizzare i contenuti Pubblichiamo il corso in catalogo Attiviamo il corso

19 19 Creare corsi semplici

20 20 La struttura di un corso semplice NOTE Nel corso semplice le risorse e lordine con cui visualizzarle sono scelti dal docente

21 21 Richiesta di pubblicazione del corso in catalogo NOTE I corsi dopo la richiesta di pubblicazione devono essere attivati per poter essere a disposizione degli studenti

22 22 Attivazione corso e pubblicazione in catalogo NOTE Gli studenti troveranno il corso in catalogo e possono fare richiesta di iscrizione Il docente può vedere gli studenti che hanno fatto richiesta e abilitarli I docenti possono assegnare il corso agli studenti attraverso le classi

23 23 Gestione corsi… Corsi da pubblicare Corsi pubblicati Anteprima

24 24 Gestione corsi NOTE I corsi in attesa di pubblicazione non sono presenti in catalogo I corsi pubblicati sono presenti in catalogo e hanno associati un forum e una chat

25 25 NOTE Per la fruizione di un corso in anteprima il docente deve cliccare sulla relativa icona Anteprima fruizione docente

26 26 Creiamo una classe… Creazione e iscrizione Lassegno di corsi La bacheca e larea condivisa Chat e forum Eventi di aula virtuale

27 27 Creazione classe NOTE Le classi create sono immediatamente disponibili per le iscrizioni nella sezione Classi

28 28 Iscrizione a una classe NOTE Chi crea la classe ne diventa amministratore e riceve le notifiche relative alle richieste di iscrizione

29 29 Gestione iscrizioni

30 30 Gestione permessi utenti della classe NOTE Il Tutor può aggiungere annunci in bacheca, assegnare corsi, moderare forum, creare eventi di videoconferenza/aula virtuale, gestire larea condivisa della classe Lutente base, può fruire i corsi, partecipare a chat e forum, intervenire in eventi di aula virtuale, scaricare materiale dallarea condivisa

31 31 Assegnare corsi NOTE Tutti gli utenti della classe vedranno il corso assegnato dal Tutor nella sezione Lista corsi

32 32 La bacheca NOTE Linserimento di un avviso in bacheca può essere notificato a tutti gli iscritti alla classe

33 33 Larea condivisa NOTE Ricordarsi di specificare il titolo da visualizzare Per scaricare i file occorre cliccare sullicona di anteprima

34 34 Chat della classe NOTE Ogni classe ha una sua chat-room in cui possono entrare solo gli utenti iscritti

35 35 Forum della classe NOTE Ogni utente può aggiungere discussioni. Il tutor può anche moderarle

36 36 Eventi di aula virtuale della classe NOTE Nella Gestione classi si creano gli eventi Nella sezione Classi si fruiscono Il docente è moderatore. Gli studenti della classe sono i partecipanti

37 37 La fruizione di un evento di aula virtuale

38 38 Accesso studente… La homepage La classe Il catalogo dei corsi …

39 39

40 40 Iscrizione alla classe

41 41 Accesso alla classe NOTE Gli studenti vedono gli stessi servizi ma con meno permessi (ad esempio possono inserire discussioni nei forum ma i docenti possono moderarle)

42 42 Il catalogo dei corsi NOTE Se lo studente si iscrive a dei corsi, questi vengono aggiunti alla sezione Corsi/Attività personali che è infatti inizialmente vuota

43 43 NOTE Tutti gli studenti iscritti a questo corso fruiranno dello stesso materiale e quindi degli stessi contenuti La fruizione studente

44 44 Comunicare con gli utenti della scuola… Messaggistica Forum Chat

45 45 NOTE Tutti gli utenti possono mandare messaggi a tutti Messaggistica

46 46 Forum NOTE I forum possono essere con moderatore Ogni forum può ospitare varie discussioni (topic) Ogni topic ha il suo albero di risposte Tutti gli utenti possono creare forum (i propri forum finiscono nella sezione Forum personali)

47 47 Chat NOTE Tutti gli utenti possono creare chat-room (le proprie chat-room finiscono nella sezione Stanze personali)

48 48 Altri strumenti della piattaforma… Lagenda FAQ I preferiti Sondaggi

49 49 LAgenda NOTE Le note in agenda possono contenere allegati multimediali Le note possono essere condivise con altri utenti

50 50 FAQ NOTE Nelle FAQ è possibile effettuare ricerche sia sui testi dei problemi che delle possibili soluzioni

51 51 I Preferiti NOTE I preferiti possono essere link a siti web oppure link a risorse presenti nei corsi I segnalibri si aggiungono durante la fruizione

52 52 Sondaggi NOTE Nei sondaggi le domande e le risposte possono presentare contenuti multimediali (foto, audio e filmati) Le statistiche sono in tempo reale

53 53 Le funzionalità avanzate di IWT

54 54 Creiamo un corso personalizzato…

55 55 Lo studente è al centro del processo di learning modellazione esplicita del profilo utente personalizzazione dell esperienza didattica La costruzione della conoscenza è guidata dal docente e supportata dalla piattaforma modellazione esplicita della conoscenza sfruttamento dei risultati dei test valutazione di parametri pedagogici IWT come piattaforma di e-learning

56 56 Modellazione dellutente/discente Stato Cognitivo: cosa sa? Conserva le conoscenze di ogni utente in relazione ai concetti del dominio Viene aggiornato dopo ogni test Preferenze: come gli piace imparare? Conserva le preferenze di ogni utente in relazione a parametri pedagogici come: tipologia di media, livello di interattività, fascia di età, difficoltà, etc. Viene aggiornato dopo ogni sequenza di test

57 57 Learning Object Primo Livello Ontologia Terzo Livello Metadata Secondo Livello Modellazione della conoscenza Titolo Tipologia Keyword Concetto …

58 58 Primo esempio di ontologia Limiti Integrali Serie Derivate Analisi R R R = Requisito di S = Suddiviso in S S S S

59 59 Secondo esempio di ontologia Nomi Verbi Articoli Aggettivi Le frasi R R = Requisito di S = Suddiviso in S S S S R

60 60 Dai concetti alle risorse Limiti Integrali Serie Derivate Analisi R R R S S S S Metadata Teorema

61 61 La creazione del learning path Il docente fissa un obiettivo didattico (uno o più concetti) IWT crea il percorso didattico (la sequenza di concetti da spiegare per raggiungere lobiettivo) in base a cosa sa lo studente IWT crea il corso (la sequenza di learning object) in base a come preferisce imparare Limiti Integrali Serie Derivate Analisi R R S S S S LimitiIntegraliDerivate Teorema Spiegazioni Test ---- x ---- o ---- x

62 62 Cosa serve per creare un corso personalizzato? Carichiamo dalla biblioteca tutti i CDD che possono servire Definiamo un dizionario di argomenti che riusciamo a spiegare con i CDD disponibili: i concetti Colleghiamo i CDD ai concetti Creiamo domande e test per questi concetti Definiamo lontologia con cui rappresentare in che legame stanno questi concetti tra loro

63 63 La libreria piena NOTE In libreria devono esserci tutti CDD che mi possono servire per creare i miei corsi

64 64 Il dizionario Il dizionario è linsieme dei concetti I concetti sono gli argomenti di una materia Ad esempio della materia Aritmetica i concetti sono Addizione, Sottrazione, Moltiplicazione e Divisione La scelta dei concetti deve essere ragionata ed esaustiva rispetto al materiale disponibile ed alla articolazione che si vuole dare al proprio corso

65 65 NOTE Pochi caratteri senza spazi nel nome e nella descrizione Ricordarsi di cliccare sul tasto SALVA I dizionari possono essere modificati se non sono usati per ontologie (tranne laggiunta di concetti) Come creare un dizionario

66 66 NOTE Inserire anche la materia come concetto Pochi caratteri senza spazi nella descrizione Ricordarsi di cliccare sul tasto SALVA dopo aver aggiunto tutti i concetti Aggiungere concetti a un dizionario

67 67 Esportare e importare dizionari NOTE Per salvare il file XML del dizionario usare la voce Salva del menu File del browser Non è possibile importare dizionari gia presenti Abilitare i pop-up del browser

68 68 NOTE La modifica su un CDD consente di cambiare titolo descrizione e non il contenuto I metadata sono già caricati, occorre compilare il campo Concetto* scegliendo dizionario e argomento Collegare i CDD ai concetti

69 69 NOTE Per creare un test occorre creare prima una o più domande e quindi caricarle dentro un test Creare domande per un test

70 70 NOTE Si può salvare un modello di metadata per ricaricarlo ogni volta su domande simili Collegare le domande ai concetti

71 71 NOTE Nei test statici le domande vengono indicate dal docente, in quelli dinamici vengono scelte da IWT Creare un test

72 72 NOTE Il collegamento ai concetti è automatico in funzione delle domande inserite nel test Inserire i metadata per i test

73 73 Creare unontologia Drag & drop

74 74 NOTE Un concetto può essere suddiviso in altri concetti mediante relazione Composta da Un concetto può essere un prerequisito di un altro mediante la relazione Prerequisito di Le risorse possono essere associate solo ai concetti foglia (secondo la relazione Composta da) Definire le relazioni tra i concetti

75 75 I passi da seguire per creare un corso personalizzato Scegliamo lontologia Scegliamo gli obiettivi didattici Scegliamo il modello didattico (dove e come posizionare i momenti di verifica) Pubblichiamo il corso in catalogo Attiviamo il corso e lo assegniamo agli studenti

76 76 Creazione corso personalizzato

77 77 Scelta dei concetti obiettivo NOTE Obiettivo di un corso possono essere più concetti di una stessa ontologia o il concetto radice

78 78 Scelta del modello didattico NOTE Il docente può scegliere: contesto didattico quanti momenti di assessment inserire un profilo tipo (tipologia di risorsa – interazione) se mettere un test di ingresso se e come assegnare la sufficienza ai propri studenti La priorità sul modello (un corso diverso per ogni studente oppure un corso uguale per tutti)

79 79 Pubblicazione del corso in catalogo NOTE Larea serve per ordinare i corsi nel catalogo Le iscrizioni saranno soggette ad autorizzazione

80 80 Attivazione corso e assegno/iscrizioni NOTE Gli studenti troveranno il corso in catalogo e possono fare richiesta di iscrizione I docenti possono assegnare direttamente il corso agli studenti Meglio creare una classe…

81 81 La fruizione studente NOTE Ogni utente riceverà un corso personalizzato sulla base delle competenze e delle preferenze Dopo i test il profilo viene aggiornato

82 82 NOTE Per la fruizione in anteprima il docente può specificare il profilo da utilizzare: le preferenze e le competenze Attribuendo delle competenze, non verranno trattati gli argomenti corrispondenti Anteprima fruizione docente

83 83 Altri strumenti della piattaforma… Skill Curriculum vitae Prenotazione aule

84 84 Skill NOTE Uno skill rappresenta unabilità su determinati argomenti, ovvero concetti e livello di conoscenza (elevato)

85 85 Curriculum vitae NOTE E possibile gestire e ricercare curriculum Nei curriculum vengono aggiunti automaticamente gli skill posseduti

86 86 Prenotazioni aule NOTE E possibile gestire aule (collocazione capienza) E possibile richiedere unaula per un corso o per ospitare una classe

87 87 Tracciamento e report…

88 88 Il docente può vedere i progressi dei propri studenti

89 89 I report NOTE Tutte le attività svolte vengono tracciate

90 90 Report per corsi e studenti NOTE I report sono personalizzabili e possono essere salvati come pdf o fogli di Excel

91 91 E se qualcosa non è chiaro… Help on line!


Scaricare ppt "1 La piattaforma di fruizione del progetto DiGiScuola."

Presentazioni simili


Annunci Google