La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Provincia e comuni: un sistema integrato di programmazione e servizi Relatore: Prof. Donato A. Limone, ordinario di informatica giuridica e docente di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Provincia e comuni: un sistema integrato di programmazione e servizi Relatore: Prof. Donato A. Limone, ordinario di informatica giuridica e docente di."— Transcript della presentazione:

1 Provincia e comuni: un sistema integrato di programmazione e servizi Relatore: Prof. Donato A. Limone, ordinario di informatica giuridica e docente di scienza dellamministrazione digitale, Unitelma-Sapienza, Roma Giornata di studio organizzata dal COMUNE DI TUSCANIA e da ASSOTUSCANIA Tuscania, 23 settembre

2 Finalità della giornata di studio Lordinamento attuale e le riforme sulle autonomie locali rafforzano il ruolo delle province e dei comuni, definendo le funzioni e razionalizzando lorganizzazione Provincia e comuni costituiscono un sistema integrato per la programmazione e per i servizi e come tale il sistema per funzionare deve rispettare alcuni principi e criteri non solo di tipo istituzionale, ma anche di tipo organizzativo e tecnico 2

3 Ordinamento vigente e riforme Il mio intervento sarà strutturato con riferimento a Dlgs 267/2000: ordinamento delle autonomie locali LEGGE 42/2009: DELEGA AL GOVERNO IN MATERIA DI FEDERALISMO FISCALE,IN ATTUAZIONE DELLART.119 DELLA COSTITUZIONE LEGGE 122/2010:MISURE URGENTI IN MATERIA DI STABILIZZAZIONE FINANZIARIA E DI COMPETITIVITA ECONOMICO Disegno di Legge INDIVIDUAZIONE DELLE FUNZIONI FONDAMENTALI DI PROVINCE E COMUNI, SEMPLIFICAZIONE DELLORDINAMENTO REGIONALE E DEGLI ENTI LOCALI, NONCHE DELEGA AL GOVERNO IN MATERIA DI TRASFERIMENTO DI FUNZIONI AMMINISTRATIVE, CARTA DELLE AUTONOMIE LOCALI, RAZIONALIZZAZIONE DELLE PROVINCE E DEGLI UFFICI TERRITORIALI DEL GOVERNO.RIORDINO DI ENTI ED ORGANISMI DECENTRATI (atto CAMERA DEPUTATI N.3118, APPROVATO DALLA CAMERA IL ; DAL 28 LUGLIO 2010 AL SENATO CON N. 2259); 3

4 Lordinamento attuale Il dlgs 267/2000 in materia di Comuni e Province stabilisce: IL COMUNE E LENTE LOCALE CHE RAPPRESENTA LA PROPRIA COMUNITA,NE CURA GLI INTERESSI E NE PROMUOVE LO SVILUPPO (ART. 3, COMMA 2) LA PROVINCIA, ENTE LOCALE INTERMEDIO TRA COMUNE E REGIONE,RAPPRESENTA LA PROPRIA COMUNITA,NE CURA GLI INTERESSI,NE PROMUOVE E NE COORDINA LO SVILUPPO(ART.3,COMMA 3) SISTEMA REGIONALE DELLE AUTONOMIE LOCALI AL SERVIZIO DELLO SVILUPPO ECONOMICO,SOCIALE E CIVILE(ART.4) PROGRAMMAZIONE REGIONALE E LOCALE (DETERMINAZIONE DEGLI OBIETTIVI,PARTECIPAZIONE DEGLI ENTI LOCALI,CRITERI E PROCEDURE PER LA PROGRAMMAZIONE SOCIO-ECONOMIA E LA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE) (ART. 5) SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI A SUPPORTO DELLE FUNZIONI DEGLI ENTI E DELLA PROGRAMMAZIONE E PER LA CIRCOLAZIONE DELLE INFORMAZIONI (ART. 12) 4

5 ATTO CAMERA N. 3118: FUNZIONI DEI COMUNI FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI (ART. 2), rispetto allattuale ordinamento le funzioni piu articolate e meglio definite: Normazione sullorganizzazione; Programmazione e pianificazione; Organizzazione generale dellamministrazione e gestione del personale; Controllo interno; Gestione finanziaria e contabile; 5

6 FUNZIONI COMUNI VIGILANZA E CONTROLLO DELLE AREE FUNZIONALI DI COMPETENZA; ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI; COORDINAMENTO ATTIVITA COMMERCIALI E PUBBLICI ESERCIZI; PROCESSI DI SEMPLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA E PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE; FUNZIONI IN MATERIA EDILIZIA, URBANISTICA, TERRITORIALE; PROTEZIONE CIVILE; STRADE COMUNALI; PIANIFICAZIONE TRASPORTI LOCALI; SERVIZI SOCIALI; EDILIZIA SCOLASTICA; GESTIONE E CONSERVAZIONE TEATRI, MUSEI BENI STORICI,ECC. SICUREZZA URBANA; ACCERTAMENTO DEGLI ILLECITI AMMINISTRATIVI E RELATIVE SANZIONI; POLIZIA MUNICIPALE; TENUTA REGISTRI STATO CIVILE E SERVIZI ANAGRAFICI 6

7 FUNZIONI DELLE PROVINCE:ART.3 ATTO CAMERA N.3118 NORMAZIONE SULLORGANIZZAZIONE E SULLO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI; PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLE FUNZIONI; ORGANIZZAZIONE GENERALE DELLAMMINISTRAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE; GESTIONE FINANZIARIA E CONTABILE; CONTROLLO INTERNO; ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI DI INTERESSE SOVRACOMUNALE; VIGILANZA E CONTROLLO SULLE AREE FUNZIONALI DI COMPETENZA; POLIZIA LOCALE; ASSISTENZA TECNICO-AMMINISTRATIVA AI COMUNI E ALLE FORME ASSOCIATE; PIANIFICAZIONE TERRITORIALE PROVINCIALE DI COORDINAMENTO; INTERVENTI DIFESA DEL SUOLO; PROTEZIONE CIVILE; PREVENZIONE INCIDENTI CONNESSI ATTIVITA INDUSTRIALI; PIANI DI RISANAMENTO AREE AD ELEVATO RISCHIO AMBIENTALE; TUTELA E VALORIZZAZIONE DELLAMBIENTE (CONTROLLI SCARICHI ACQUE REFLUE;EMISSIONI ATMOSFERICHEED ELETTROMAGNETICHE,SMALTIMENTO RIFIUTI, 7

8 FUNZIONI PROVINCE TUTELA E GESTIONE DEL PATRIMONIO ITTICO E VENATORIO; TRASPORTI PUBBLICI, AUTORIZZAZIONE TRASPORTI PRIVATI; STRADE PROVINCIALI; SERVIZI SCOLASTICI ED EDILIZIA SCOLASTICA; PROGRAMMAZIONE, ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI PER IL LAVORO; FORMAZIONE PROFESSIONALE; PROMOZIONE E COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DEL TERRITORIO PROVINCIALE 8

9 DELEGA AL GOVERNO IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE PROVINCE (ART.14) RAZIONALIZZAZIONE DEGLI AMBITI TERRITORIALI E DEMOGRAFICI PER UN OTTIMALE ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOPPRESSIONE DI PROVINCE IN BASE AL TERRITORIO E ALLA POPOLAZIONE 9

10 RAZIONALIZZAZIONE CONSIGLI COMUNALI E PROVINCIALI(RIDUZIONE COMPONENTI),ART.20 RIDUZIONE COMPONENTI GIUNTE (ART. 21) DEFINIZIONE DEI PRICCOLI COMUNI (PARI O INFERIORE A 5.OOO ABITANTI)(ART.25) SEMPLIFICAZIONE DOCUMENTI FINANZIARI E CONTABILI PER I PICCOLI COMUNI (ART.27) COMUNI CHE POSSONO AVERE IL DIRETTORE GENERALE(ART.28) DEFINIZIONE DI CONTROLLI INTERNI E DELLA REVISIONE CONTABILE(ART. 29 E 30) 10

11 LEGGE 122/2010:RIDUZIONE DEI COSTI DELLA POLITICA ARTT

12 LA PROVINCIA ED I COMUNI LORDINAMENTO VIGENTE E LE RIFORME IN ATTO NON MODIFICANO IL SISTEMA PROVINCIA-COMUNI MA LO CONFERMANO, LO RAFFORZANO E RAZIONALIZZANO PER I COSTI, PER LORGANIZZAZIONE, PER I SERVIZI 12

13 COME COSTRUIRE UN SISTEMA PROVINCIA-COMUNI LE PAROLE CHIAVE SONO: SISTEMA INTEGRATO PROVINCIA COMUNI PROGRAMMAZIONE DATI PER LA PROGRAMMAZIONE E LA GESTIONE STRUTTURE AMMINISTRATIVE PER UN SISTEMA INTEGRATO UN SISTEMA INTEGRATO A RETE ED IN RETE:VERSO UN SISTEMA AMMINISTRATIVO PROVINCIALE DIGITALE 13

14 SISTEMA INTEGRATO IN UN SISTEMA LE PARTI INTERAGISCONO E TUTTO IL SISTEMA VIVE DELLE DINAMICHE SIA DEI SINGOLI ELEMENTI SIA DEL TUTTO UN SISTEMA INTEGRATO NON ESISTE IN NATURA : DEVE ESSERE COSTRUITO DA PARTE DI TUTTI I SOGGETTI INTERESSATI (DA PROVINCIA E DAI COMUNI) E QUINDI CE UNA FASE DI PROGETTAZIONE DEL SISTEMA 14

15 PROGETTAZIONE DEL SISTEMA PROVINCIA E COMUNI PROGETTANO IL SISTEMA SULLA BASE DI REGOLE ED INDIRIZZI DEFINITI TRA LE PARTI SULLA BASE DI TALI REGOLE SI PASSA A COSTRUIRE LO STESSO SISTEMA SULLA BASE DI UNA PRECISA TEMPISTICA E CON UNA FATTIBILITA FINALE CON LA QUALE SI PREVEDONO LE SPECIFICHE AZIONI DA COMPIERE, I COMPITI DEI DIVERSI SOGGETTI,I COSTI DEL SISTEMA IL SISTEMA DEVE CONTEMPERARE LE FUNZIONI DELLA PROVINCIA E QUELLA DEI COMUNI 15

16 I DATI PER LA PROGRAMMAZIONE E LA GESTIONE DEI SERVIZI UN SISTEMA INTEGRATO PUO OPERARE SOLO SULLA BASE DI DATI FORMATI IN RAGIONE DELLA SPECIFICITA DEGLI ENTI INTERESSATI I DATI DEVONO ESSERE AFFIDABILI, CERTI, AGGIORNATI, DISPONIBILI, ACCESSIBILI, CONSULTABILI, DI QUALITA, SICURI, IN RETE PER TRASPARENZA I DATI DEVONO ESSERE FORMATI E GESTITI SULLA BASE DI REGOLE CONCORDATE OGGI I SISTEMI DI DATI NON SOLO NON ESISTONO MA QUANDO ESISTONO SONO SCARSAMENTE REGOLATI 16

17 STRUTTURE AMMINISTRATIVE PER UN SISTEMA INTEGRATO LA PROVINCIA ED I COMUNI NON SOLO DEVONO RIORGANIZZARE LE PROPRIE MACCHINE BUROCRATICHE PER ESSERE PIU EFFICACI E MENO COSTOSE MA DEVONO COSTRUIRE AMMINISTRAZIONI APERTE ED IN RETE (DIGITALI) CIOE PRONTE PER SCAMBIARE DATI CON ALTRI COMUNI E CON LA PROVINCIA LE STRUTTURE AMMINISTRATIVE NON SONO ANCORA ALLINEATE ALLE NORME PIU MODERNE E ALLA LOGICA DELLE AMMINISTRAZIONI DIGITALI E SONO SISTEMI CHIUSI 17

18 IL SISTEMA DELLE AUTONOMIE DEVE ESSERE A RETE ED IN RETE IL SISTEMA DEVE COSTITUIRE UNA RETE DI ENTI IN COMUNICAZIONE PERMANENTE E QUINDI UNA RETE ISTITUZIONALE CHE OPERA IN RETE TELEMATICA UNA RETE DI AUTONOMIE PUO RAGGIUNGERE ECONOMIE MOLTO SIGNIFICATIVE SIA NELLA MESSA IN COMUNE DI DATI, SIA NELLA GESTIONE DI SERVIZI IN COMUNE, SIA NEL MONITORAGGIO DEL SISTEMA STESSO 18

19 LABORATORIO PER IL SISTEMA DI AUTONOMIE LOCALI DELLA PROVINCIA DI VITERBO E UNA PROPOSTA PER VARARE UN PROGETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E TECNICO FINALIZZATO ALLA REALIZZAZIONE DI UN LABORATORIO PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INTEGRATO DI AUTONOMIE LOCALI DELLA PROVINCIA DI VITERBO LA REALTA: BUROCRAZIE OPERANTI SU MODELLI SUPERATI; BUROCRAZIE CHE NON COMUNICANO TRA LORO; BUROCRAZIE DOVE GLI STESSI UFFICI INTERNI NON COMUNICANO; BUROCRAZIE SCARSAMENTE DIGITALIZZATE CON BACKOFFICE MANUALI E DI CARTA; SITI DI VECCHIA GENERAZIONE 19

20 PROGETTO DEL LABORATORIO DEFINIZIONE DI REGOLE COMUNI PER LA FORMAZIONE DI UN INSIEME DI DATI UTILI PER LA PROGRAMMAZIONE DEFINIZIONE DI UNA LISTA DI DATI, UTILI ALLA PROGRAMMAZIONE, DA GESTIRE E SCAMBIARE IN MODALITA DIGITALE CENSIMENTO DEI BISOGNI DI RIORGANIZZAZIONE DEGLI ENTI LOCALI DEFINIZIONE DI UN NUOVO MODELLO BUROCRATICO DI BASE(IN LINEA CON LE NORME E CON LA LOGICA DELLAMMINISTRAZIONE DIGITALE) ADOTTABILE DA PARTE DI TUTTI GLI ENTI LOCALI 20

21 PROGETTO DEL LABORATORIO ADOZIONE DEL MODELLO BUROCRATICO DI BASE DEFINIZIONE DI UN MODELLO GENERALE DI PROCESSI AMMINISTRATIVI DIGITALI RIUSABILE DA PARTE DI TUTTI I COMUNI DEFINIZIONE DI UN MODELLO BUROCRATICO MODERNO DA PARTE DELLA PROVINCIA SPECIFICHE INNOVATIVE DI REALIZZARE I SITI INFORMATICI DEGLI ENTI PER SCAMBIARE DATI E PER EROGARE SERVIZI (SECONDO LA LOGICA DI SITI CREATI PER LA UTENZA E NON DI SITI CREATI PER LA BUROCRAZIA) 21

22 PROGETTO LABORATORIO DEFINIZIONE DI UN MODELLO DI RIDUZIONE DEI COSTI DI RISORSE INFORMATIVE, UMANE, INFORMATICHE E PER GARANTIRE LA QUALITA DEI SERVIZI IL PROGETTO PUO ESSERE DEFINITO IN 12 MESI DI LAVORO E PUO ESSERE ATTUATO IN 3 ANNI I COSTI DEL PROGETTO: PUO ESSERE FINANZIATO DA REGIONE, DA PROVINCIA E DAI COMUNI CON QUOTE INDIVIDUALI MOLTO CONTENUTE RISPETTO AL RIUSO CHE PUO ESSERE FATTO SIA DEI MODELLI E SIA DELLE APPLICAZIONI TECNICHE 22


Scaricare ppt "Provincia e comuni: un sistema integrato di programmazione e servizi Relatore: Prof. Donato A. Limone, ordinario di informatica giuridica e docente di."

Presentazioni simili


Annunci Google