La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I TERREMOTI O SISMI Dal latino terrae motus, movimento della Terra Dal greco seismos, scossa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I TERREMOTI O SISMI Dal latino terrae motus, movimento della Terra Dal greco seismos, scossa."— Transcript della presentazione:

1 I TERREMOTI O SISMI Dal latino terrae motus, movimento della Terra Dal greco seismos, scossa.

2 TERREMOTO Il terremoto è uno dei fenomeni più frequenti sulla superficie terrestre. Consiste in una serie di rapide vibrazioni del suolo causate da unimprovvisa liberazione di energia.

3 Ipocentro o fuoco: è il punto in cui si libera lenergia nella profondità della terra. Può essere superficiale (meno di 60 km. di profondità), intermedio ( tra 60 e 300 km. di profondità) o profondo (tra 300 e 700 km. di profondità). Epicentro: è il punto di incontro tra la verticale che passa per lipocentro e la superficie della terra. E il luogo in cui il terremoto viene percepito con la massima intensità.

4 Teoria del rimbalzo elastico Frattura con spostamento reciproco di due blocchi rocciosi originariamente a contatto, che causa la liberazione di energia accumulata (come un elastico che si spezza). Si libera così energia in modo improvviso e violento.

5 Altre cause del terremoto La litosfera è soggetta a contunui movimenti, a causa dei quali le masse rocciose che si trovano in profondità sono sottoposte a forti tensioni e si deformano elasticamente, immagazzinando energia. Altre cause di terremoto sono: 1.Eruzioni vulcaniche 2.Crolli di cavità o caverne sotterranee 3.Frane e smottamenti 4.Impatto di meteoriti

6 I sismografi Strumenti che percepiscono le minime vibrazioni del terreno e che le riportano su un grafico Formati da una base che poggia sul terreno. Sopra cè un telaio dal quale pende un peso che non risente delle vibrazioni (resta fissa anche se il basamento si muove). Sul peso è attaccato un pennino che segna le oscillazioni su un foglio che scorre sulla base che si muove. Lo strumento è in grado di rilevare le onde sismiche e di registrarne lintensità e la durata.

7 SISMOGRAFO

8 Onde sismiche Lenergia si propaga sotto forma di onde, dette sismiche, con caratteristiche e forme diverse. Onde P (PRIMAE): sono quelle con velocità maggiore in assoluto. Si sviluppano con un movimento simile ad una molla compressa. Il blocco di roccia viene schiacciata e poi magari si decomprime. Si propagano dallipocentro. La particella di roccia si muove lungo la direzione di propagazione dellonda. Si propagano in tutti gli stati fisici (liquidi, solidi, gassosi).

9 ONDE P

10 Onde S (SECUNDAE): hanno minore velocità. Le particelle di roccia si muovono in senso perpendicolare alla direzione di propagazione dellonda. Il movimento è simile ad un colpo di frusta. Partono dallipocentro e si muovono solo nei solidi. Nei liquidi si fermano. Ciò ha permesso lo studio dellinterno della terra. Onde P e onde S partono dallipocentro della Terra e si propagano attraverso linterno della Terra. Onde L (LUNGHE): sono onde superficiali. Sono quelle che causano i maggiori danni alle strutture. Quando passa è come se il materiale si espandesse. Scendendo in profondità leffetto non si sente. Si originano nellepicentro e viaggiano solo negli strati superficiali della crosta terrestre. Provocano oscillazioni perpendicolari alla direzione di propagazione.

11 ONDE S

12 ONDE L

13 Onde r: sono superficiali. Il loro movimento è circolare. È lo stesso movimento dellacqua quando vi lanciamo un sasso e un oggetto galleggiante si muove ma non si sposta (non cè spostamento di materia). Viaggiano più lentamente di quelle di profondità ma sono insieme alle onde L quelle che provocano i danni agli edifici e alle strutture.

14 COME SI RILEVANO I MOVIMENTI SISMICI Per avere la localizzazione precisa del sisma cè bisogno delle informazioni di almeno tre stazioni che lo abbiano rilevato. Maggiore è lampiezza della linea spezzata del sismogramma maggiore è stata lintensità, lenergia liberata. Si può conoscere anche il tipo di materiale coinvolto nellazione di compressione della roccia.

15 Classificazione del terremoto Scala Mercalli: fa riferimento ai danni che un sisma provoca. È soggettiva perché dipende dalla presenza di costruzioni e di esseri umani. È comunque utile per una mobilitazione più veloce. Indica per esempio che tipo di aiuti vanno inviati. Scala Richter: è quella più oggettiva. Fa riferimento allintensità (energia) del sisma, il cui valore è ricavato dal sismogramma. Utilizza come criterio la magnitudo (valore matematico calcolato facendo riferimento alla massima ampiezza della linea spezzata dellonda sismica). Entrambe sono ancora utilizzate ognuna delle due per scopi diversi.

16 Classificazione del terremoto


Scaricare ppt "I TERREMOTI O SISMI Dal latino terrae motus, movimento della Terra Dal greco seismos, scossa."

Presentazioni simili


Annunci Google