La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 UNI 1443.05 Relatore: Collini Gianluca Vice presidente Consulente Impianti Fumari.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 UNI 1443.05 Relatore: Collini Gianluca Vice presidente Consulente Impianti Fumari."— Transcript della presentazione:

1 1 UNI Relatore: Collini Gianluca Vice presidente Consulente Impianti Fumari

2 2 I RIFERIMENTI Le novità introdotte dalla norma europea UNI EN 1443 Giugno 05 Edizione europea marzo 2003

3 3 REQUISITI GENERALI La norma, in seconda edizione, definisce i requisiti generali ed i criteri prestazionali di base e definisce i valori limite dove necessario per i camini (includendo i canali da fumo ed i relativi raccordi) utilizzanti per convogliare i prodotti della combustione dagli apparecchi di riscaldamento allesterno. La norma stessa è intesa ad essere utilizzata come riferimento di norme di prodotto per i camini, i condotti di scarico ed i prodotti specifici utilizzati nella costruzione dei camini. Inoltre identifica i requisiti minimi per la marcatura e la valutazione di conformità. Non si applica ai camini strutturalmente indipendenti.

4 4 INTRODUZIONE Vista levoluzione tecnica dei generatori mirata alla necessità di risparmiare energia e proteggere lambiente, si è reso necessario unadeguamento tecnico degli impianti fumari, inserendo nuovi requisiti quali: Funzionamento in pressione positiva Con formazione di condense Resistenza alla corrosione Etc.

5 5 INTRODUZIONE I sistemi fumari (CAMINI/CANNE FUMARIE) sono costituiti da componenti che possono essere assemblati indifferentemente: Per esempio: Un camino sistema, che è installato utilizzando una combinazione di componenti compatibili costruiti o specificati da un solo fabbricante, la cui responsabilità di prodotto riguarda lintero camino, oppure Un camino composito, installato o costruito in sito, conformemente ad una norma dinstallazione o ai regolamenti locali per la costruzione, utilizzando una combinazione compatibile di componenti che possono essere prodotti da uno o più fabbricanti.

6 6 INTRODUZIONE La presente norma europea stabilisce uno schema di designazione per camini che considera tutte le combinazioni tra apparecchio di riscaldamento e impianto fumario. Questo schema prende in considerazione per esempio differenti condizioni climatiche e differenti combustibili. E inclusa la capacità di un camino di impedire linfiammabilità dei materiali combustibili adiacenti e il propagarsi dei un incendio in aree adiacenti allinterno di un edificio.

7 7 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente norma europea stabilisce i requisiti generali e i criteri fondamentali di prestazione nonché i valori limite, quando necessario, per camini (includendo i canali da fumo e relativi raccordi) utilizzati per convogliare i prodotti della combustione dai generatori di calore verso latmosfera esterna. Deve essere utilizzata come riferimento per le norme di prodotto per camini, condotti e prodotti specifici (elementi, kit e terminali) utilizzati nella costruzione di camini. Identifica inoltre i requisiti minimi per la marcatura e la valutazione della conformità. Non si applica ai camini strutturalmente indipendenti.

8 8 COMPONENTI E ACCESSORI DI UN CAMINO Nella presente norma valgono i termini e le definizioni indicate nelle pag punto 3 quali ad esempio: Componenti e accessori di un camino Legenda 1 Camino 2 Via di efflusso 3 Condotto fumario 4 Isolamento termico 5 Parete esterna 6 Involucro o rivestimento 7 Elemento del camino 8 Camino multiparete 9 Raccordo del camino 10 Canale da fumo 11 Generatore di calore

9 9 CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE E ALTRE INFORMAZIONI ESSENZIALI Per poter essere successivamente classificati e designati i camini devono indicare le seguenti caratteristiche prestazionali: 4.1 Generalità I camini devono essere classificati secondo le caratteristiche prestazionali seguenti: - Temperatura; - Pressione; - Resistenza alla condensa; - Resistenza alla corrosione; - Resistenza al fuoco di fuliggine e distanza dai materiali combustibili.

10 10 … segue Inoltre, il fabbricante deve fornire informazioni sulle caratteristiche seguenti: - Resistenza termica; - Resistenza al flusso; - Durata in minuti di resistenza al fuoco, da esterno a esterno; - Resistenza al gelo/disgelo.

11 11 COMPORTAMENTO TERMICO Si classificano anche per classi di: - TEMPERATURA: vale a dire che uno specifico camino può funzionare con temperature massime < di PRESSIONE: (di funzionamento) - pressione NEGATIVA indicata da N 1- N 2 - pressione POSITIVA indicata da P 1- P 2 - alta PRESSIONE indicata da H 1- H 2 - RESISTENZA ALLA CONDENSA: W per camini funzionanti ad umido D per camini funzionanti a secco

12 12 COMPORTAMENTO TERMICO - RESISTENZA ALLA CORROSIONE:

13 13 COMPORTAMENTO TERMICO - RESISTENZA AL FUOCO DI FULIGGINE: O per camini che non resistono al fuoco di fuliggine G per camini che resistono al fuoco di fuliggine

14 14 COMPORTAMENTO TERMICO - DISTANZA DA MATERIALE COMBUSTIBILE: Questa designazione deve essere espressa da un valore XX in millimetri dove quello indicato è lintero valore dalla superficie esterna del camino al materiale combustibile SUP. INFIAMMABILE CAMINO

15 15 COMPORTAMENTO TERMICO - RESISTENZA TERMICA: Valore che deve essere fornito dal fabbricante o dellintero o di ogni sua componente. Espresso in m² K/W. Deve essere determinato alla temperatura designata - RESISTENZA AL GELO/DISGELO: Tale valore deve essere dichiarato dove applicabile

16 16 RESISTENZA AL FUOCO - DA INTERNO A ESTERNO: le prestazioni di un camino devono essere dichiarate come G o O seguiti dalla distanza in mm (XX) - DA ESTERNO A ESTERNO: i criteri prestazionali di integrità e isolamento devono essere dichiarati come EI per lesposizione da esterno a esterno

17 17 DESIGNAZIONE

18 18 REQUISITI RESISTENZA MECCANICA Tutti i camini devono resistere ai carichi orizzontali e verticali - resistenza a compressione; - Resistenza a trazione; - Resistenza a carichi laterali dovuti a una pressione di riferimento generata dalla velocità del vento di 1,5 kN/ m² - Resistenza allabrasione e agli effetti dovuti alla pulizia interna - Densità apparente; - Resistenza al gelo-disgelo mediante prova in conformità al prEN o prova appropriata in funzione del materiale.

19 19 COMPORTAMENTO TERMICO RESISTENZA AL CALORE: la prova va effettuata alla temperatura corrispondente alla designazione del prodotto in regime permanente

20 20 RESISTENZA AL FUOCO RESISTENZA AL FUOCO DI FULIGGINE 1000 PER 30 La dichiarazione del fabbricante riportante la distanza in mm da materiale combustibile deve essere soddisfatta sia: - per le normali temperature di funzionamento T 80 T 600 con ARIA A 20° TEMPERATURE DI SUPERFICIE DEL MATERIALE COMBUSTIBILE NON SUPERIORE A 85° - per fuoco da fuliggine, temperatura interna 1000° x 30 ARIA 20° TEMPERATURA MATERIALE COMBUSTIBILE 100°

21 21 IGIENE, SALUTE E AMBIENTE TENUTA AI GAS

22 22 IGIENE, SALUTE E AMBIENTE RESISTENZA ALLA DIFFUSIONE DEL VAPORE DACQUA E RESISTENZA ALLA CONDENSA CAMINI FUNZIONANTI A UMIDO: La resistenza alla diffusione del vapore dacqua e la resistenza alla condensa devono essere conformi ai requisiti forniti nella norma di prodotto pertinente CAMINI FUNZIONANTI A SECCO: La resistenza alla diffusione del vapore dacqua deve essere conforme ai requisiti forniti nella norma di prodotto pertinente.

23 23 REQUISITI RESISTENZA ALLA CORROSIONE 6.5 SICUREZZA DURANTE LUTILIZZO 6.6 RISPARMIO ENERGETICO E RITENZIONE DEL CALORE 6.7 CRITERI SUPPLEMENTARI PER IL FUNZIONAMENTO DEL CAMINO APERTURE PER LA PULIZIA E LISPEZIONE PENETRAZIONE DI ACQUA PIOVANA PROPRIETA AERODINAMICHE DEL TERMINALE RACCOLTA E RIMOZIONE DELLA CONDENSA RESISTENZA AL FLUSSO

24 24 APPENDICE A

25 25 APPENDICE B

26 26 BIBLIOGRAFIA

27 27 ESEMPI DI DESIGNAZIONE TUBO MONOPARETE PRODOTTI PER SISTEMA CAMINO DESIGNAZIONE DEL PRODOTTO SECONDO LA NORMA EN Sistema CaminoT 200 P1 W V2 L Sistema CaminoT 200 P1 W V2 L Sistema CaminoT 200 P1 W V2 L Sistema CaminoT 200 P1 W V2 L Sistema CaminoT 200 P1 W V2 L

28 28 ESEMPI DI DESIGNAZIONE TUBO MONOPARETE PRODOTTI PER SISTEMA CAMINO DESIGNAZIONE DEL PRODOTTO SECONDO LA NORMA EN CondottoT 600N1 W V2 L50040 G Canale da fumoT 600N1 D V2 L50040 G (500) CondottoT 600N1 W V2 L50050 G Canale da fumoT 600N1 D V2 L50050 G (500) CondottoT 600N1 W V2 L50060 G Canale da fumoT 600N1 D V2 L50060 G (500) CondottoT 600N1 W V2 L50080 G Canale da fumoT 600N1 D V2 L50080 G (500) CondottoT 600N1 W V2 L50100 G Canale da fumoT 600N1 D V2 L50100 G (500)

29 29 ESEMPI DI DESIGNAZIONE TUBO MONOPARETE PRODOTTI PER SISTEMA CAMINO DESIGNAZIONE DEL PRODOTTO SECONDO LA NORMA EN CondottoT 600N1 D VM L20040 G Canale da fumoT 600N1 D VM L20040 G (500) CondottoT 600N1 D VM L20050 G Canale da fumoT 600N1 D VM L20050 G (500) CondottoT 600N1 D VM L20060 G Canale da fumoT 600N1 D VM L20060 G (500) CondottoT 600N1 D VM L20080 G Canale da fumoT 600N1 D VM L20080 G (500) CondottoT 600N1 D VM L20100 G Canale da fumoT 600N1 D VM L20100 G (500)

30 30 ESEMPI DI DESIGNAZIONE TUBO DOPPIA PARETE COIB. SP 25 mm PRODOTTI PER SISTEMA CAMINO DESIGNAZIONE DEL PRODOTTO SECONDO LA NORMA EN Sistema caminoT 600N1 W V2 L (50) G (70) SENZA GUARNIZIONE Sistema caminoT 200P1 W V2 L (30) GUARN. NERA CON GUARNIZIONE

31 31 ESEMPI DI DESIGNAZIONE TUBO DOPPIA PARETE COIB. SP 50 mm PRODOTTI PER SISTEMA CAMINO DESIGNAZIONE DEL PRODOTTO SECONDO LA NORMA EN Sistema caminoT 600N1 W V2 L (30) G (50) SENZA GUARNIZIONE Sistema caminoT 200P1 W V2 L (30) GUARN. NERA CON GUARNIZIONE

32 32 Grazie per lattenzione Collini Gianluca


Scaricare ppt "1 UNI 1443.05 Relatore: Collini Gianluca Vice presidente Consulente Impianti Fumari."

Presentazioni simili


Annunci Google