La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Marco Crifò Cesare - - 1 MODULO 1 Concetti di base delle tecnologie ICT CORSI P.O.N. Annualità 2009/2010 co-finanziati dai fondi strutturali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Marco Crifò Cesare - - 1 MODULO 1 Concetti di base delle tecnologie ICT CORSI P.O.N. Annualità 2009/2010 co-finanziati dai fondi strutturali."— Transcript della presentazione:

1 Marco Crifò Cesare MODULO 1 Concetti di base delle tecnologie ICT CORSI P.O.N. Annualità 2009/2010 co-finanziati dai fondi strutturali Europei nellambito del Programma Operativo Nazionale Informatica (progetto genitori) Codice F-1-FSE

2 Marco Crifò Cesare Informatica Hardware Software Tipi di computer In questa lezione esamineremo i seguenti argomenti:

3 Marco Crifò Cesare INFORMATICA (informazione + automatica) IT = INFORMATION TECNOLOGY (tecnologia dellinformatica) COMPUTER La scienza che studia l elaborazione di dati per mezzo di calcolatori elettronici (COMPUTER) Il sistema elettronico per lelaborazione automatica dei dati Concetti fondamentali ICT = INFORMATION AND COMMUNICATION TECNOLOGY (tecnologia dellinformatica e della comunicazione)

4 Marco Crifò Cesare HARDWARE hard = duro Componenti fondamentali del computer ware = materiale SOFTWARE soft = morbido ware = materiale

5 Marco Crifò Cesare SUPERCOMPUTER grande elaboratore centrale con elevate prestazioni in uso nelle grandi aziende MAINFRAME Potentissimi e costosissimi in uso solo in pochi grandi laboratori di ricerca MINICOMPUTER Si differenzia dal mainframe per formato e potenza può servire nel contempo non più di 200 utenti Classificazione dei computer

6 Marco Crifò Cesare Personal Computer desktop tower minitower midtower fulltower Notebook Palmtop Penbook

7 Marco Crifò Cesare Network Computer terminale collegato ad un server terminale intelligente stupido Work station Un computer di elevate capacità adibito a svolgere uno specifico compito

8 Marco Crifò Cesare Struttura di un elaboratore Unità di input Unità di elaborazione Memorie del computer Supporti removibile Unità di output Porte: Parallela, seriale, USB In questa lezione esamineremo i seguenti argomenti:

9 Marco Crifò Cesare elaborazione Output Dati Risultati Input Struttura di un elaboratore

10 Marco Crifò Cesare Tutte le unità di input hanno una caratteristica fondamentale che le accomuna: elaborare i dati introdotti in sequenze di zero e uno, vale a dire in codice digitale, e fungere da tramite per l'immissione dei dati nel computer. Unità di INPUT Tastiera Mouse Touchpad Trackball Scanner Joystick

11 Marco Crifò Cesare La tastiera

12 Marco Crifò Cesare Trackball con rotellina ottici wireless Mouse Touchpad

13 Marco Crifò Cesare Scanner piano manuale a tamburo IMMAGINE OCR (optical character Recognized)

14 Marco Crifò Cesare Joystick Microfono

15 Marco Crifò Cesare Unità di Output Monitor Stampante Plotter Casse acustiche

16 Marco Crifò Cesare LCD CRT POLLICI (dimensione) PIXEL (risoluzione) GAMMA COLORI REFRESH (frequenza aggiornamento)

17 Marco Crifò Cesare Ad aghi Getto dinchiostro Laser Plotter

18 Marco Crifò Cesare Alimentatore Motherboard CPU ISA slotsAGP slot PCI slots Slot Unità Centrale

19 Marco Crifò Cesare Porte RAM Hard disk Modem Scheda audio

20 Marco Crifò Cesare Struttura di base di un computer Unità Centrale di Elaborazione Memoria Unità di Output Dati in uscita Unità di Input Dati in ingresso SISTEMACENTRALESISTEMACENTRALE S I S T E M A P E R I F E R I C O Contiene i dati in cui operare al momento dellesecuzione del programma le istruzioni del programma Controlla il funzionamento del computer esegue le operazioni richieste

21 Marco Crifò Cesare La trasmissione dei dati Unità Centrale di Elaborazione Memoria Unità di Output Unità di Input Dati ed istruzioni vengono inviati allUnità Centrale di Elaborazione Le istruzioni vengono eseguite una alla volta e il risultato inviato alla memoria

22 Marco Crifò Cesare Unità di Elaborazione CPU / Processore (Central Process Unit) CU Control Unit Unità di controllo ALU Arithmetic Logic Unit Unità Aritmetico Logica Funzione decisionale Funzione esecutiva 1 MEGAHERTZ (Mhz) = 1 MILIONE DI CICLI AL SECONDO Esegue le istruzione logiche e di calcolo Controlla le operazioni di ingresso e di uscita dei dati cache Le prestazioni dellUCE si misurano in MIPS. In un microprocessore la velocità dellUCE è proporzionale al clock che sincronizza le operazioni. Ogni operazione elementare avviene in un ciclo e si misura in Mhz.

23 Marco Crifò Cesare Memoria Centrale ROM Read Only Memory RAM Random Access Memory volatile memoria di lavoro permanente esegue le funzioni di base (BIOS)

24 Marco Crifò Cesare Unità di misura delle memorie Allinterno di un elaboratore tutto viene rappresentato sotto forma di numeri Sistema Digitale Binario basato su un sistema di rappresentazione numerica (digit = cifra) basato su un sistema di numerazione a due cifre (0 e 1) BIT BINARY DIGIT, è lunità di misura di base 1 = passa corrente/magnetizzato (acceso - on) 0 = non passa corrente/non magnetizzato (spento - off)

25 Marco Crifò Cesare Bit (Binary digit, cifra binaria, unità base di rappresentazione nei sistemi binar). 1 Kb (Kilobyte) = 1024 byte 1 Mb (Megabyte) = bytes 1 Gb (Gigabyte) = bytes 1 Byte = 8 bit (necessari per rappresentare 1 carattere)

26 Marco Crifò Cesare Memoria di Massa (secondarie) Hard disk Floppy disk CD ROM DVD Unità disco Unità a nastro

27 Marco Crifò Cesare Fisso Removibile

28 Marco Crifò Cesare Floppy disk CD ROM DVD Zip disk CD – Read only memory CD – Recordable CD – Re-Writable scrivibile non scrivibili preregistrati Digital Video Disk Compact Disc

29 Marco Crifò Cesare Porte di comunicazione

30 Marco Crifò Cesare Prestazioni I fattori che incidono principalmente sulla resa di un computer: velocità della CPU; dimensione della RAM; capacità dell' hard disk.

31 Marco Crifò Cesare Tipi di software SW di Sistema SW Applicativo gestisce e controlla le risorse e le attività del PC si trova nellHD viene caricato nella RAM allaccensione del PC fornisce linterfaccia grafica (GUI) * Interfaccia a carattere. MS DOS* - Windows – Unix – Linux - MacOS general purpose (a carattere generale) specifico (rivolto alla soluzione di specifici problemi) Sistema operativo - Driver periferiche Linsieme dei programmi che consentono lutilizzo dellhardware. Istruzioni finalizzate al raggiungimento di specifici risultati

32 Marco Crifò Cesare Elaborazione testi Fogli di calcolo Database Presentazioni Grafica General Purpose Automazione dufficio Progettazione Disegno progettazioni Desktop Publishing Impaginazione Programmi di utilità Antivirus Utilità di sistema

33 Marco Crifò Cesare Fatturazione Contabilità Magazzino Anagrafica comunale SW Specifico Gestionali Scientifici Modelli matematici calcolo strutturale SW Multimediale Uso contemporaneo di: testi immagini suoni filmati

34 Marco Crifò Cesare Sviluppo del software Le fasi dello sviluppo Analisi Programmazione Compilazione Testing studio del problema e individuazione della soluzione scrittura del programma attraverso il linguaggio dellutente verifica e correzione di eventuali errori traduzione del programma dal linguaggio utente a quello macchina Una volta testato e ripulito da eventuali bug il software viene commercializzato come versione 1.0. Eventuali correzioni incrementeranno lo zero, mentre se verranno effettuate modifiche sostanziali si passerà alla versione 2.0 e così via.

35 Marco Crifò Cesare Copyright e Licenze duso Copyright Non è consentito fare copie non autorizzate Non è consentito disassemblarlo Non è consentito fare installazioni su più computer Non è consentito cederne a terzi una copia E Necessaria una licenza duso Licenze Shareware Freeware Public Domain Open source Tutte le opere dellingegno sono protette in Italia dalla SIAE. Anche i programmi informatici sono ritenuti opere dellingegno è sono protetti da un apposito decreto legge (D.L. 518 del 29/12/92)

36 Marco Crifò Cesare Privacy Protezione dei dati Utilizzo di una password di accesso Le stampe o le copie vanno conservate in luogo sicuro e non accessibile agli estranei Non possono essere ceduti a terzi In alcuni è necessario il consenso esplicito dellinteressato Presenza di un programma antivirus nel sistema Presenza di un gruppo di continuità nel sistema In base alla Legge 31/12/1996 n° 675 ognuno ha diritto alla tutela dei propri dati personali, questa legge è stata modificata dal Decreto Legge 382 del 30/07/1999 che disciplina i dati personali memorizzati in archivi elettronici.

37 Marco Crifò Cesare Decreto legge 626/94 Tastiera Separata dallo schermo - Inclinabile Lenorme diffusione del computer ha reso necessario regolamentare alcuni criteri riguardo al loro utilizzo. Lallestimento e lutilizzo di una postazione di lavoro sono regolamentate da unapposito decreto legge. Schermo Leggibile – Regolabile - Orientabile Piano di lavoro Superficie poco riflettente – ampio – altezza adeguata Sedia Stabile - Regolabile Una postazione di lavoro poco funzionale può provocare: Dolori alla schiena Sindrome carpale Affaticamento della vista Emicrania

38 Marco Crifò Cesare Ergonomicità della postazione Tastiere che non impediscano il movimento di mani e braccia Adeguata distanza dallo schermo con un corretto raggio visivo Possibilità di movimento delle ginocchia Corretta sorgente luminosa Finestre con tendine regolabili Corretta ventilazione Prevedere dei brevi intervalli durante le fasi di lavoro Caratteristiche di una adeguata postazione di lavoro

39 Marco Crifò Cesare Sicurezza dei dati Backup Su supporti rimovibili Con frequenza periodiche Utilizzando serie diverse di supporti Il rischio di poter perdere i dati memorizzati nellHD è sempre in agguato quindi è fondamentale fare delle copie di sicurezza su supporti rimovibili. Un altro aspetto connesso alla sicurezza dei dati è quello relativo alla loro protezione da intromissioni di utenti o persone estranee. E utile quindi procedere alla creazione di specifici profili protetti da password Password Password lunghe Nessun riferimento personale Non utilizzare parole di uso comune Non va scritta in promemoria vari

40 Marco Crifò Cesare Cavi di alimentazione disposti correttamente Evitare luso di prese doppie Tenere le apparecchiature lontane da fonti di calore Tenere le apparecchiature lontane da acqua ed umidità Norme di sicurezza


Scaricare ppt "Marco Crifò Cesare - - 1 MODULO 1 Concetti di base delle tecnologie ICT CORSI P.O.N. Annualità 2009/2010 co-finanziati dai fondi strutturali."

Presentazioni simili


Annunci Google