La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corsi di Studio in Scienza e Tecnologia dei Materiali Le Nanotecnologie: la nuova frontiera della Scienza dei Materiali Luciano TARRICONE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corsi di Studio in Scienza e Tecnologia dei Materiali Le Nanotecnologie: la nuova frontiera della Scienza dei Materiali Luciano TARRICONE."— Transcript della presentazione:

1 Corsi di Studio in Scienza e Tecnologia dei Materiali Le Nanotecnologie: la nuova frontiera della Scienza dei Materiali Luciano TARRICONE (Dipartimento di Fisica - Università di Parma) Massimo LONGO (INFM - Dipartimento di Fisica - Università di Parma)

2 La profonda conoscenza delle proprietà fondamentali, fino alla scala atomica o molecolare, permette di progettare materiali artificiali con proprietà ad hoc. I materiali naturali hanno segnato la storia dellumanità, condizionandone il progresso economico e sociale. La crescente domanda di nuovi materiali conferma un ruolo essenziale della Scienza dei Materiali per linnovazione e la competitività. Lo sviluppo di nuovi materiali richiede necessariamente un approccio interdisciplinare, con ruolo fondante della FISICA e della CHIMICA, un contributo degli strumenti MATEMATCO-INFORMATICI e un rapporto sinergico con le discipline TECNOLOGICHE e INGEGNERISTICHE.

3 Alcuni esempi: i Materiali Semiconduttori

4 I Materiali Superconduttori e a Memoria di Forma

5 I Materiali Organici e Polimerici

6 La Scienza e La Tecnologia dei Nuovi Materiali Nuovi Materiali-Innovazione-Competitività-Crescita Economica I Materiali Innovativi (elettronici, magnetici. ottici, biocompatibili, per usi energetici, catalitici ambientali, ecc.) contribuiscono a formare il 30-40% del PIL di di un paese ad economia avanzata.

7 La comprensione ed il controllo delle proprietà dei materiali hanno condizionato la vita delluomo fin dallapparire delle antiche civiltà. Materiali ed Evoluzione

8 La capacità delluomo di scoprire, inventare ed utilizzare nuovi materiali o di migliorare le proprietà dei materiali noti ha generato profondi cambiamenti in tutti i settori della vita civile. Levoluzione tecnologica che ne è conseguita ha modificato, fra luci e ombre, i rapporti economici, sociali e politici, influenzando perfino i valori etici e morali.

9 LINTRODUZIONE di NUOVI MATERIALI dalla PREISTORIA ad OGGI ETA della PIETRA 9000 a.c. Fibre Vegetali a.c. Mattoni di fango essiccati – Terracotta a.c. Canapa - Smalti Vetrosi 2500 a.c. Seta ETA del BRONZO 2000 a.c. Fusione del Vetro a.c. Ceramica - Mattoni smaltati

10 ETA del FERRO 0 Carta 100 d.c. Rivestimenti in Piombo Porcellana Cinese – Porcellana di Meissen 1800 Gomma/Acciaio/Cemento/Celluloide 1900 Seta artificiale/ Gomma sintetica/Bakelite ETA del SILICIO 1950 Semiconduttori Materie Plastiche/Fibre sintetiche (Nylon) Superconduttori (alta Tc), Leghe Metalliche, Cristalli Liquidi 2000 Nanotecnologie Semiconduttori Nanostrutturati (Atomi artificiali) Elettronica Molecolare

11 Il ruolo determinante della Ricerca Solide conoscenze dei fenomeni con metodo scientifico Ruolo fondante della Fisica e della Chimica Sviluppo di materiali, tecnologie e processi RICERCA SCOPERTA UTILIZZAZIONE MIGLIORAMENTO INGEGNERIZZAZIONE MEDICINA, SPORT, AMBIENTE, ELETTRONICA, INFORMATICA, TRASPORTI, COMUNICAZIONI, ECC. Applicazioni

12 Era GRECO-ROMANA Epistème: Conoscenza-Vverità Tèchne: Produzione-Utilità MEDIOEVO: Disprezzo per la Scienza (distrazione per la cura della salvezza dellanima) RINASCIMENTO: Arti Meccaniche (Utilità) Arti Liberali (Bellezza) 1600 RIVOLUZIONE SCIENTIFICA (Galileo, Cartesio, Newton) RIVOLUZIONE INDUSTRIALE La SCIENZA dei MATERIALI UniversitàIndustria

13 LEra del Silicio : Dalla VALVOLA TERMOIONICA al TRANSISTOR ai CIRCUITI INTEGRATI Nascono la MICROELETTRONICA e lera del COMPUTER Gli elementi più abbondanti della crosta terrestre: il silicio è 4 volte più diffuso dellalluminio e 10 volte più del ferro. Il Monte Cervino: quanto Silicio è contenuto nella roccia di una sola montagna! La Rivoluzione Elettronica

14 1643 Pascalina 1853 Calcolatrice Meccanica Scheutz ENIAC: il primo computer 30 tonnellate valvole Le Tecnologie dellInformazione: dal regolo calcolatore al computer

15 8 bit = 1 byte 1024 byte =1 Kbyte 1 Milione di byte= 1 Mbyte 1Miliardo di byte=1 Gbyte Scheda perforata, 100 byte, 4 gr 1.44 Mbyte 650 Mbyte 10 Gbyte 20 TIR da 20 tonnellate!

16 La Fotonica: dai cavi elettrici alle fibre ottiche Possibilità di generazione, rivelazione, elaborazione di segnali ottici per comunicazioni Multiplex per la gestione di differenti input/output ottici Telefono, radio e TV: grandezze elettriche variabili nel tempo (segnali analogici). Nuova era delle comunicazioni ottiche: il LASER (1958). Elettronica dello stato solido + Tecnologia delle fibre ottiche: sistemi di trasmissione in cui ad impulsi di luce è associata la logica binaria (segnali digitali).

17 SEMPRE PIU PICCOLO: dal Transistor di SBB alla VLSI Bardeen, Brattain, Shockley Il primo transistor (1947)

18 Il numero di transistor (e quindi la potenza di calcolo) raddoppia ogni 18 – 24 mesi Lo SCALING-DOWN limitato da problemi di natura fisica tecnologica Oltre la legge di Moore?

19 Necessario un salto di qualità scientifico e tecnologico: verso i nano computer? Le industrie investono sulla rivoluzione delle nanotecnologie, segnando lingresso in un mondo nuovo Miniaturizzazione molto costosa sotto i 50 nm Silicio poco adatto ad elettronica veloce (TeraHz) Silicio limitato nei dispositivi fotonici Produzione dei nanotransistor Intel

20 Il 29 dicembre 1959 Feynman tenne un famoso discorso: "Ciò di cui voglio parlare è il problema di manipolare e controllare le cose su una piccola scala. […] Ma non mi spaventa affrontare anche la questione finale, cioè se - in un lontano futuro - potremo sistemare gli atomi nel modo in cui vogliamo; proprio i singoli atomi, al fondo della scala! […] Per quanto ne so, i principi della fisica non impediscono di manipolare le cose atomo per atomo. Non è un tentativo di violare alcuna legge; è qualcosa che in principio può essere fatto, ma in pratica non è successo perché siamo troppo grandi. Richard Feynman: il Padre della Nanotecnologia

21 35 atomi di xenon 1959 R. Feyman prevede la nascita della nanotecnologia 1974 Primo dispositivo elettronico molecolare brevettato (IBM) 1985 Scoperta dei fullereni 1986 Invenzione del microscopia ad effetto tunnel (IBM-Zurigo) 1988 La Dupont progetta la prima proteina artificiale 1989 D.M. Eigler (IBM) scrive il nome della sua azienda con 35 atomi di Xenon 1991 S. Iijima scopre i nanotubi di carbonio 1993 Nasce alla Rice University (USA) il primo laboratorio di Nanotecnologie 2001 IBM e Università di Delft (NL) creano il primo circuito logico a base di nanotubi 2002 Cornell University (NY) realizza il primo nanomotore 2003 USA stanziano 3.7 MLD di $ in 4 anni per la ricerca

22 Nanotecnologie 1 nm = 1 miliardesimo di metro Aree della Scienza e della tecnologia relative a MATERIALI e STRUTTURE con dimensioni fino a 100 nanometri Quantum Corral (Atomi di Fe su Cu)

23 Nanoceramiche in polimeri Punti quantici Con nanoparticelle inserite in un altro materiale si ottengono nuove proprietà elettroniche, ottiche, meccaniche, termiche, ecc. Cristalli Fotonici Aerogel

24 Nanotubi di carbonio I nanotubi di carbonio sono strutture basate sui fullereni che consistono di cilindri di grafene. Furono scoperti nel 1991 da S. Iijima quasi per caso, durante la sintesi di fullereni per evaporazione ad arco. Molecola di Fullerene (C 60 ) Nanotubi di carbonio

25 A cosa serviranno i nanotubi? Proprietà Dimensioni: nm (tubi singoli) Resistenza: oltre 20 volte più del migliore acciaio Flessibilità: molto superiore alle fibre di carbonio Elettricità: conducono fino a 1000 volte più del rame Stabilità: resistono fino a 2800°C Costi: 150 volte più delloro Future applicazioni Nanocircuiti: autoaggregazione per formare circuiti 100 volte più piccoli di quelli attuali Sonde chimiche: per scansionare le molecole Muscoli artificiali: 100 volte più forti di quelli umani Nanopinze: per afferrare le molecole Nanobilance: per pesare gli atomi Celle a combustibile: per immagazzinare idrogeno Nanocircuito (IBM)

26 Un transistor 20 mila volte più sottile di un capello: le sfide della nanoelettronica NANOTRANSISTOR NEC: 5 nm (18 volte più piccolo di quelli ora in produzione) 1 cm 2 di silicio potrà ospitare 40 miliardi di nanotransistor, 150 volte più del numero attuale. Un cellulare avrà 60 ore di autonomia. Nel 2001 si credeva che si sarebbe scesi sotto i 9 nm solo nel 2016! ORO MOLECOLA SiO 2 Piridina + Co + S

27 Le molecole di DNA hanno enormi potenzialità di calcolo. Il DNA potrebbe un giorno essere integrato in un chip per realizzare un velocissimo biochip da inserire in un nanocomputer. L. Adleman (University of Southern California) nel 1994 propose di usare il DNA per risolvere il problema del venditore ambulante. DNA Computer DNA Computer

28 Porte logiche di DNA (Univ. di Rochester): convertono codici binari in una serie di segnali che il computer usa per eseguire operazioni. Le porte rivelano frammenti di input di materiali genetici, combinano questi frammenti e formano un singolo output. Più di 10 mila miliardi di molecole di DNA possono essere accomodate in 1 cm 3 di spazio, con le quali si potranno gestire miliardi di byte e fare calcoli al secondo, in modalità di calcolo parallelo. Adleman riuscì ad isolare le molecole associate solo ai percorsi più brevi che connettevano le città del venditore, ma ci volevano molti giorni per la risposta e lintervento delluomo…

29 Spintronica e Computer Quantistico Oltre alle proprietà elettriche dellelettrone si sfruttano anche quelle magnetiche: il loro spin. Esistono già hard disk con testine spin valve che, grazie a enormi resistenze magnetiche, possono leggere domini magnetici piccolissimi, quindi immagazzinare dati con grande densità. I compuer quantistici codificheranno informazioni come qubits. 1, 0 o simultanea sovrapposizione di 0 e 1. Un tale computer sarà miliardi di volte più potente degli attuali supercomputer.

30 Nano-biotecnologie Chip neuronali Neurone a lumaca cresciuto dal Max Planck Institute su un dispositivo CMOS della Infineon Technologies che misura lattività elettrica neuronale accoppiando chip elettronici e cellule viventi Nano bio sensori Capaci di riconoscere specifiche sequenze di Dna e di mutazioni genetiche. Forniranno strumenti per rilevare precocemente i tumori e per mettere a punto nuovi farmaci.

31 Assemblaggio molecolare Appositi nanoassemblatori, arrangeranno gli atomi per costruire una struttura macroscopica. Migliaia di miliardi di assemblatori occuperanno unarea più piccola di 1 mm 2 e saranno ancora invisibili ad occhio nudo. Il loro lavoro abbatterà i costi di produzione, fornendo abbondanti merci, più resistenti ed economiche. NanoingranaggiNanomotore molecolare Oak Ridge Nat. Lab.

32 Dal bisturi ai nanorobot Un futuro nanorobot inietta farmaci in una cellula cancerogena o modifica le molecole di un virus. Oggi i più piccoli robot sono grandi qualche cm. I nanorobot potranno rallentare il processo di invecchiamento ed essere programmati per eseguire delicati interventi chirurgici – migliaia di volte più precisi del più affilato bisturi - senza lasciare cicatrici. TERAPIA GENICANANOFARMACI

33 La nanotecnologia avrà effetti positivi sullambiente: nanorobot volanti potrebbero ricostruire lo strato di ozono assottigliato; i contaminanti sarebbero automaticamente rimossi dalle sorgenti di acqua e le perdite di petrolio istantaneamente ripulite. Costruire con le nanotecnologie (metodo bottom-up, opposto al top-down) crea anche meno inquinamento dei metodi convenzionali. I Nanorobot e lambiente Disastro ambientale della Exxon Valdez in Alaska: tonnellate di petrolio nel mare Metano, CH 4

34 Pneumatici: nanoparticelle nelle mescole – 5 anni Nanocomputer quantistico: grande come un palmare – 30 anni Celle solari: in materiale flessibile – 10 anni Assemblatori: anni Vetri: schermi a display – 15 anni TV: a cristalli fotonici – 10 anni Tessuti: cangianti e impermeabili a richiesta – 20 anni Vernici luminose a base di LED organici – 10 anni Come cambierà la nostra vita

35 SCIENZA e TECNOLOGIA: finalmente in stretta sinergia? FISICA: Alexei A. Abrikosov Vitaly L. Ginzburg Anthony J. Leggett Per la teoria dei superconduttori e superfluidi FISICA: Z. I.Alferov-H.Kromer-J.S.Kilby Per i Circuiti Integrati CHIMICA: J. Heeger-A. G. MacDiarmid-H. Shirakawa Per i Polimeri Conduttori NOBEL 2000 NOBEL 2003

36 La Scienza e la Tecnologia dei Nuovi Materiali nellarea scientifica del Campus di Parma Nei laboratori Universitari (Dip. di Fisica, Chimici, di Tecnologia dellInformazione), e del CNR (Istituto dei Materiali per lElettronica ed il Magnetismo) si è consolidata un attività di ricerca riconosciuta anche in campo internazionale.

37 Fra le 12 Università Italiane ( AQ,BA,CA,CS,GE,MI,RM,PD,PI,VC,TO ) che, in ambito scientifico, sono sedi di Corsi di studio in STM, Parma si distingue per offrire un percorso formativo completo dalla Laurea di I livello al Dottorato di Ricerca. L istituzione del Corso di Laurea risale al 1997 L istituzione del Corso di Laurea risale al 1997 Nel Novembre 2002 sono state conferite le prime lauree in Scienza dei Materiali Nel Novembre 2002 sono state conferite le prime lauree in Scienza dei Materiali Nel Novembre 2003 la prima laurea di I livello in Scienza e Tecnologia dei Materiali Nel Novembre 2003 la prima laurea di I livello in Scienza e Tecnologia dei Materiali Il Campus di Parma

38 La Scienza dei Materiali a Parma: qualche esempio Deposizione epitassiale di semiconduttori per micro ed optoelettronica Strutture multistrato ad effetti quantistici

39 Celle solari ad elevata efficienza Struttura di una cella solare a giunzione multipla USO SPAZIALE USO TERRESTRE

40 Preparazione e studio di Fullereni (NH 3 ) x NaK 2 C 60 (superconduttore) Struttura di Li 15 C 60

41 Nanostrutture per applicazioni fotoniche, catalitiche e sensoristiche Nanosfere di polistireneNanosfere di TiO2 Opale sintetico

42 La Scienza dei Materiali è per sua natura una scienza interdisciplinare, in cui gli strumenti fisici, chimici e matematici vengono utilizzati in modo sinergico, superando i limiti delle singole discipline. La figura professionale risultante, in grado di disegnare la natura atomo per atomo, copre un ruolo determinante per lo sviluppo e le applicazioni delle nuove tecnologie. Per chi volesse proseguire e perfezionare i suoi studi, il corso di Laurea Magistrale e il Dottorato di ricerca in Scienza e Tecnologia dei Materiali Innovativi rappresentano il naturale proseguimento del corso di laurea di primo livello.

43 Tra gli sbocchi professionali possibili: Piccole e medie aziende attive nel settore delle tecnologie avanzate Società di progettazione, costruzione e/o vendita di strumentazioni scientifiche innovative Laboratori di ricerca e sviluppo di Istituzioni pubbliche o private Laboratori di prove, controllo, certificazione pubblici o privati Insegnamento e formazione nel settore della Scienza e Tecnologia dei nuovi materiali Ambiti Professionali del Innovazione e sviluppo della produzione di nuovi materiali Progettazione, pianificazione della gestione di sistemi complessi Qualificazione e diagnostica dei materiali

44 In alternativa I laureati in STMI (dopo la laurea magistrale) potranno perfezionare la loro specializzazione presso Laboratori e Università di altri paesi, anche nellambito di progetti e accordi internazionali (Socrates, mobilità dei ricercatori, ecc.), tramite corsi di MASTER e di Dottorato di Ricerca e/o avviarsi al mondo della ricerca e dell'insegnamento accademico.

45 I Percorsi Formativi in Scienza e Tecnologia dei Materiali a Parma Corso di Laurea (triennale) in Scienza e Tecnologia dei Materiali Corso di Laurea Magistrale (biennale) in Scienza e Tecnologia dei Materiali Innovativi Corso di Dottorato di Ricerca (triennale) in Scienza e Tecnologia dei Materiali Innovativi

46 NOTA Questa presentazione ha scopo puramente didattico. Gli autori sono comunque a disposizione per eventuali rettifiche o rimozione di materiale legato a Copyright. NOTICE This presentation is for didactic purpose only. The authors are anyway available for variations or removal of Copyright-related material. © European Communities, 2004


Scaricare ppt "Corsi di Studio in Scienza e Tecnologia dei Materiali Le Nanotecnologie: la nuova frontiera della Scienza dei Materiali Luciano TARRICONE."

Presentazioni simili


Annunci Google