La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Mendeleev. La tabella di Mendeleev Nel 1868 Mendeleev ordinò i 63 elementi allora conosciuti secondo la loro massa atomica crescente, disponendo in una.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Mendeleev. La tabella di Mendeleev Nel 1868 Mendeleev ordinò i 63 elementi allora conosciuti secondo la loro massa atomica crescente, disponendo in una."— Transcript della presentazione:

1 Mendeleev

2 La tabella di Mendeleev Nel 1868 Mendeleev ordinò i 63 elementi allora conosciuti secondo la loro massa atomica crescente, disponendo in una stessa colonna quelli con comportamenti chimici simili. Dando maggiore importanza alle caratteristiche chimiche simili sistemò le coppie Te-I e Co- Ni in ordine scambiato rispetto al criterio di massa crescente. Inoltre lasciò alcuni spazi vuoti nelle posizioni in cui avrebbero trovato posto elementi non ancora scoperti, di cui descrisse le proprietà (es. Sc, Ga e Ge).

3 Tavola periodica di Mendeleev

4 Moderna tavola periodica Gli elementi sono ordinati secondo il numero atomico crescente.Le colonne della tavola periodica si chiamano gruppi e le righe orizzontali si chiamano periodi. Gli elementi di uno stesso gruppo hanno comportamento chimico simile

5 Corrispondenza tra sistema periodico e configurazione elettronica Ogni periodo inizia con il riempimento di un orbitale di tipo s e si chiude con il riempimento degli orbitali di tipo p dello stesso livello energetico. Li (Z=3) 1s 2 2s 1 N (Z=7) 1s 2 2s 2 2p 3 Be (Z=4) 1s 2 2s 2 O (Z=8) 1s 2 2s 2 2p 4 B (Z=5) 1s 2 2s 2 2p 1 F (Z=9) 1s 2 2s 2 2p 5 C (Z=6) 1s 2 2s 2 2p 2 Ne (Z=10) 1s 2 2s 2 2p 6

6 Il numero del periodo corrisponde al numero quantico degli orbitali del livello più esterno Ad es. il primo periodo comprende i due elementi: H (Z=1) 1s 1 He (Z=2) 1s 2

7 Gli elementi di uno stesso gruppo hanno lo stesso numero di elettroni nel livello esterno, in orbitali dello stesso tipo Li (Z=3) 1s 2 2s 1 Na (Z=11) 1s 2 2s 2 2p 6 3s 1 K (Z=19) 1s 2 2s 2 2p 6 3s 2 3p 6 4s 1 Rb (Z=37) 1s 2 2s 2 2p 6 3s 2 3p 6 4s 2 3d 10 4p 6 5s 1

8 Livello esterno e proprietà chimiche Il comportamento chimico di un elemento è determinato dagli elettroni del livello esterno. Ad es. i gas nobili, avendo gli orbitali di tipo s e p di uno stesso livello energetico completamente occupati (ottetto completo), si trovano in una condizione particolarmente stabile, pertanto non reagiscono con altri elementi Ar (Z=18) 1s 2 2s 2 2p 6 3s 2 3p 6

9 La notazione di Lewis E una notazione simbolica che permette di evidenziare in modo semplice ed immediato gli elettroni del livello esterno per gli elementi dei gruppi principali. Si scrive il simbolo dellelemento e, attorno ad esso, si indicano gli elettroni del livello esterno con dei puntini, un puntino per ogni elettrone. Se due puntini sono affiancati significa che i due elettroni corrispondenti sono nello stesso orbitale con spin opposto Li Be : Al :.

10 Notazione di Lewis

11 Grandezze che variano periodicamente La maggior parte delle grandezze varia in modo piuttosto regolare da sinistra a destra lungo un periodo, e dallalto verso il basso lungo un gruppo della tavola periodica.

12 Raggi atomici In ogni colonna i raggi aumentano al crescere di Z perché con Z aumenta il numero quantico n e perciò le dimensioni degli orbitali. Lungo un periodo invece diminuiscono, poiché aumenta la carica nucleare che attrae gli elettroni; quando però si passa ad una riga successiva, il raggio aumenta e la variazione segue poi lo stesso andamento: è evidente che questa sequenza è periodica

13 Lelettronegatività E la forza di attrazione di un atomo verso elettroni di valenza, cioè impegnati in un legame. Aumenta da sinistra verso destra lungo un periodo, mentre nellambito dei gruppi diminuisce al crescere di Z, poiché il nucleo esercita una forza di attrazione sugli elettroni esterni sempre minore, dato che la distanza nucleo-elettrone esterno aumenta ed inoltre aumenta anche la schermatura S. L'atomo più elettronegativo è F, i meno elettronegativi Fr e Cs.

14 Lenergia di ionizzazione E l'energia minima necessaria per allontanare un e - di un atomo a distanza infinita dal suo nucleo. Decresce procedendo dall'alto in basso all'interno di un gruppo. Cresce abbastanza regolarmente da sinistra a destra lungo un periodo. Rimane più o meno invariato per gli elementi di transizione.

15 Laffinità elettronica E l'energia che entra in gioco quando un atomo acquista un e -. Decresce procedendo dall'alto in basso all'interno di un gruppo. Cresce abbastanza regolarmente da sinistra a destra lungo un periodo. Rimane più o meno invariato per gli elementi di transizione.

16 Gli elementi: metalli, non metalli e semimetallli I metalli in condizioni normali sono quasi tutti solidi. Hanno bassa elettronegatività e si trasformano facilmente in ioni positivi. La facilità con cui perdono elettroni è responsabile di molte loro caratteristiche, quali conduzione della corrente e del calore, lucentezza metallica.Pertanto gli elementi più spiccatamente metallici si trovano a sinistra in basso, mentre quelli non metallici sono a destra in alto

17 Metalli, non metalli e metalloidi


Scaricare ppt "Mendeleev. La tabella di Mendeleev Nel 1868 Mendeleev ordinò i 63 elementi allora conosciuti secondo la loro massa atomica crescente, disponendo in una."

Presentazioni simili


Annunci Google