La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Anche se voi vi sentite assolti siete per sempre coinvolti F. De Andrè

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Anche se voi vi sentite assolti siete per sempre coinvolti F. De Andrè"— Transcript della presentazione:

1 Anche se voi vi sentite assolti siete per sempre coinvolti F. De Andrè

2 LE SEZIONI G – H – I DELLA SCUOLA DELLINFANZIA LE CLASSI V DELLA SCUOLA ELEMENTARE LE CLASSI I – II – III A DELLA SCUOLA MEDIA E GLI /LE ALLIEVI/E CHE FREQUENTANO I CORSI POMERIDIANI NEL PROGETTO SCUOLA FAMIGLIA CON IL CONTRIBUTO DELLA CLASSE IV I DEL LICEO CLASSICO D. ALIGHIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DON MILANI di LATINA Anno scolastico 2001/2002

3 Una educazione linguistica democratica e non violenta deve fare ricorso ad una metodologia didattica di tipo attivo, al fine di esercitare le capacità linguistiche come strumenti di una più ricca partecipazione alla vita sociale e intellettuale.

4 I GESTI DELLA PACE Lorenzo: queste foto sono belle perché sono di pace. Ci stiamo a da tutti i bacetti perché ci vogliamo bene, no?

5 I GESTI DELLA GUERRA Lucia: La guerra è brutta, anche il gioco della guerra è brutto. Martina M.: Noi ci abbiamo giocato, cera una bomba e qualcuno che era cattivo ci tirava la bomba e noi ci mettevamo sotto i tavoli.

6 I COLORI DELLA PACE

7

8 Il linguaggio è il modo principale per esprimere se stessi, i propri sentimenti ed emozioni, le proprie potenzialità intellettive e la propria fantasia creativa. Una educazione linguistica non violenta deve pertanto agire nel senso di una stimolazione dellespressività dei ragazzi, contribuendo a sviluppare la personalità insieme con la capacità di realizzarsi positivamente allinterno di un gruppo o della collettività in generale.

9

10 Disegni di ragazzi algerini

11

12 Si dice che è un bel paese Un diamante sopra al deserto Sì, è vero, sì sono daccordo Ma, guardate come è diventato adesso! Il popolo è stanco? Molti uomini portano dei kalaschnicov. Perché? Noi non abbiamo bisogno di kalaschnicov Noi abbiamo bisogno di pane di latte e di lavoro Fino a quando durerà questa situazione? Avanti algerini! La vostra sorte è nelle vostre mani. Agite rapidamente! Yasmine (12 anni) ALGERIA

13 Il plurilinguismo è un dato di fatto della nostra realtà socioculturale. E compito delleducazione linguistica nonviolenta abituare i ragazzi a riconoscere il relativismo culturale, rispettando le diversità di espressione linguistica (idiomi di minoranze etniche, dialetti…)come segno di rispetto della specificità degli altri e del loro diritto a non essere discriminati per nessuna ragione.

14 Può una guerra garantire: Cibo, acqua e lavoro per tutti? Area di Betlemme. Deposito di farina e zucchero per un piccolo villaggio composto da ventotto famiglie.

15 Disarmiamo cielo e terra Gaza: campo di Jabalya Interminabili ore con le spalle al muro; ma il sole è bello.

16 Diritto alla salute

17 Dal linguaggio traspaiono atteggiamenti, stereotipi, pregiudizi e luoghi comuni che sono legati ad una determinata cultura o sottocultura. E compito delleducazione linguistica nonviolenta demistificare – attraverso lanalisi del linguaggio – tutte le impostazioni violente, classiste o comunque discriminatorie.

18 PROMUOVENDO: UNO SVILUPPO EQUO E SOSTENIBILE IL RISPETTO DELLE DIVERSITÀ LA PACE DIAMO UNA MANO ALLA PACE Gaza: padre e figlio il giorno dopo un pestaggio.

19 Ramallah: bambini assistono dalla finestra agli scontri con i soldati Diritto al gioco Gaza: giocando con una guarnizione dauto dopo la scuola. Giochi alluscita della Moschea

20 Gaza: campo di Shait. Scuola media femminile. DIRITTO ALLISTRUZIONE Betlemme: campo Dheisheh. Le scuole sono chiuse, ma nelle case i ragazzi continuano gli studi.

21 Fine delle lezioni: ora si manifesta! Gaza: campo Beach. Lancio di pietra

22 Globalizziamo: la giustizia sociale i diritti umani

23 LINFANZIA TRADITA

24 Il linguaggio è il principale strumento di comunicazione e di socializzazione. E compito delleducazione linguistica nonviolenta educare i ragazzi ad usare il linguaggio (verbale ma anche non verbale) come mezzo per stabilire rapporti, per conoscersi e per rispettarsi.

25 Percorso nellimmaginario infantile Asharaf Elsud. Un bambino lancia sassi ed una bottiglia incendiaria contro una jeep.

26 Dalia Al Nabaihn. Una bambina alla manifestazione assieme alla sorella. Sassi tutti intorno. Iman Al Giedi Una donna grida insieme a sua figlia che le dice: Non piangere mamma del martire.

27 Dali Al Nabamin Due ragazze: una porta la bandiera e lancia due sassi, laltra sta ferma davanti agli sbarramenti Miba Una bambina presa dai soldati mentre portava la bandiera, piange perché lhanno picchiata…

28 Muharan Abu Mdien Un ragazzo. In mano ha la bandiera, con laltra lancia sassi contro i soldati durante uno sciopero. Iman Abdien Un bambino che ha in mano la bandiera viene portato in carcere. Accanto un copertone brucia.

29 Mutaz Al Safin. Un uomo sta mettendo chiodi e altri ostacoli per la strada durante gli scioperi. Miba Azara Una mamma piange; in mano ha un sasso per tirarlo ai soldati.

30 Il linguaggio può essere di per sé uno strumento violento, unarma. Una educazione linguistica nonviolenta dovrà abituare i ragazzi a riconoscere nel loro rapporto comunicativo con gli altri tutti i caratteri di aggressività e di sopraffazione, a livelli più o meno consapevoli.

31

32

33

34

35

36 Il linguaggio è un mezzo per conoscere analizzare e capire la realtà e per agire su di essa. Leducazione linguistica nonviolenta è pertanto incentrata sulla formazione delluso consapevole degli strumenti linguistici, come elemento di coscientizzazione per la liberazione e per il raggiungimento del potere di tutti.

37

38

39

40

41 Il linguaggio è strumento della violenza strutturale quando smette di essere al servizio della comunicazione, del dialogo e della verità e serve invece a consolidare gli equilibri di potere, attraverso la mistificazione, la sacralizzazione e la istituzionalizzazione dei ruoli. Una educazione linguistica nonviolenta dovrà allora operare una demistificazione di ciò che retorica e trucchi verbali intendono nascondere (propaganda politica, consumismo pubblicitario, tecnocrazia).

42

43


Scaricare ppt "Anche se voi vi sentite assolti siete per sempre coinvolti F. De Andrè"

Presentazioni simili


Annunci Google