La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI REGGIO CALABRIA --- finale nazionale --- Liceo classico E. Torricelli - Faenza 9 maggio 2006.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI REGGIO CALABRIA --- finale nazionale --- Liceo classico E. Torricelli - Faenza 9 maggio 2006."— Transcript della presentazione:

1 LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI REGGIO CALABRIA --- finale nazionale --- Liceo classico E. Torricelli - Faenza 9 maggio 2006

2 Il del Liceo sc. Leonardo da Vinci di Reggio Calabria che, classificatosi al primo posto nella fase interregionale di Bari, ha rappresentato il nostro Liceo alla fase finale de Il Forum della Filosofia (Faenza, 9 maggio 2006).

3 Che cosè la democrazia? Quali sono i presupposti filosofici, i principi operativi e le prospettive di sviluppo che caratterizzano il sistema democratico? In quali termini si pone il rapporto tra democrazia e consenso? Come si dovrebbe configurare il rapporto tra maggioranze e minoranze all interno della democrazia?

4 Che cosè la democrazia?

5 La teoria e la prassi della democrazia si sono evolute nella storia attraverso diverse, travagliate tappe. Dalle sue origini greche fino ai giorni nostri, la democrazia è stata declinata (detta e fatta, o, meglio: detta e non-fatta?) in molti modi diversi: si può parlare, infatti, di democrazia a proposito dell'Atene di Pericle e dei Soviet di Lenin; e si può discutere di democrazia liberale, o socialista, o cristiana …

6 Che cosa significhi è problema controverso: nozioni diverse derivanti da esperienze greche, romane, medievali, rinascimentali e moderne si sono venute intrecciando nel tempo, fino a produrre sistemi di idee e concezioni politiche incoerenti e talvolta contraddittorie

7 diversi sono i caratteri della D. antica e della D. moderna, della D. assembleare e della D. rappresentativa, della D. monocratica e della D. poliarchica, della D. formale, che garantirebbe unuguaglianza solo politica, e della D. sostanziale, che vorrebbe unuguaglianza anche sociale differenti (o, addirittura, antinomici?) risultano il liberalismo e la democrazia

8 la moderna democrazia è diversa dall antica politéia (così i greci chiamavano la forma corretta del governo del popolo, riservando il termine democrazia alla sua forma degenerata, che si ha quando o quando si instaura il regime della )>)

9 LA DEMOCRAZIA ANTICA > era una democrazia assembleare > non concepiva lautonomia dellindividuo > era una democrazia monocratica

10 LA DEMOCRAZIA MODERNA > è rappresentativa > riconosce le libertà individuali > si configura come poliarchia

11 - Essenza originaria della democrazia è la partecipazione dei governati al governo. - Idee ed istituzioni democratiche sono precisate anche da altri fattori: >> la tradizione repubblicana (corpus di principi riconducibili ad Aristotele: luomo è animale politico; i cittadini devono essere uguali di fronte alla legge, e fra loro non devono esserci rapporti di dipendenza); >> il concetto di governo rappresentativo (che si sviluppa nel Medioevo come istituzione del governo monarchico e aristocratico, e che, tra laltro, conduce allestensione del principio democratico ai più moderni Stati-nazione); >> lidea di connettere liberté ed égalité.

12

13 La democrazia si distingue dal liberalismo: questo insiste sulla libertà, quella sulluguaglianza. Sul piano pratico, però,la libertà e l'uguaglianza non soltanto non sono separabili, ma non sono neppure ben distinguibili, risultando nomi diversi per la stessa cosa, magari vista sotto angolazioni un po' diverse. Libertà e uguaglianza hanno, infatti, gli stessi avversari: gerarchie e privilegi.

14 la democrazia è negata sotto la soglia data dalleguaglianza politica, base della democrazia formale che consiste in poche regole del gioco : --- suffragio universale --- valore pari di ogni voto --- diritto allinformazione --- principio di maggioranza --- diritto della minoranza di poter diventare maggioranza

15 R. A. Dahl : La democrazia e i suoi critici centralità del concetto di uguaglianza politica: tutti i cittadini sono abilitati ad esprimere opinioni politiche e a governare (contro l'idea platonica dei custodi che, in virtù di una più alta conoscenza, sarebbero i soli capaci di promuovere il bene di tutti)

16 R. A. Dahl : La democrazia e i suoi critici

17 PER LA PACE PERPETUA I VANTAGGI DELLA DEMOCRAZIA: > i paesi democratici godono di uneconomia più fiorente > le democrazie moderne non entrano in guerra tra loro

18 Chi è cittadino? tutti i cittadini maggiorenni senza distinzioni di razza o religione, di condizione economica o di genere, ecc. devono godere dei diritti politici

19 Il voto della domestica e il voto del filosofo hanno ugual valore? R. A. Dahl:

20 Il principio di maggioranza è sempre valido? Il principio di maggioranza è una regola decisionale valida nellambito pubblico delle faccende umane, e non in quello privato.

21 Lapplicazione del principio di maggioranza richiede, per evitare disastri, che si decida dopo accurato dibattito; che esistano nella società e nel sistema politico principi fermi (ad es., i diritti dell'uomo) non soggetti alle fluttuazioni di maggioranza e minoranza.

22 Democrazia è governo del popolo, oppure significa soltanto che il popolo ha l opportunità di accettare o rifiutare gli uomini che dovranno governarlo? La democrazia è la forma di organizzazione che meglio può consentire alla media degli esseri umani di partecipare allintelligenza sociale potenzialmente utilizzabile.

23 Come si può garantire la formazione di libere opinioni? Tutti i cittadini devono essere liberi di votare secondo la propria opinione, anche nel senso di avere reali alternative; ciò è possibile contrastando il potere di condizionamento dei mass media, che non sta tanto in ciò che essi dicono, quanto in ciò che i filtri comunicativi escludono dall ordine del giorno dell attenzione pubblica.

24 E lecito accertare mediante dei sondaggi tali opinioni? la volontà generale è unutopia ma nulla può legittimare la surroga delle elezioni con la conta degli umori momentanei

25 essenza originaria della democrazia è la partecipazione quanto più una struttura politica è estesa, tanto più i suoi cittadini differiscono per identità etnica, religione, ideologia, credo politico, stile di vita ecc. si moltiplicano così le fratture politiche: i conflitti vanno accettati dalla mentalità e dalle procedure politiche come un elemento normale

26 le mutate dimensioni delle strutture politiche e le loro conseguenze contribuiscono allo sviluppo di un insieme di istituzioni politiche che costituiscono i segni distintivi della moderna democrazia rappresentativa: un tipo di ordinamento politico detto poliarchia, caratterizzato da: = molteplicità dei centri di governo = partecipazione democratica diffusa

27 La poliarchia contemporanea si configura come un modello di democrazia molto diverso dalla stessa liberaldemocrazia: tale diversità è data dal ruolo dei gruppi sociali, la cui presenza, per molti versi sostitutiva dellindividuo isolato, modifica in maniera rilevante la dinamica dei processi decisionali.

28 per prendere decisioni collettive Può dirsi democratico quel gruppo in cui valgono almeno queste due regole per prendere decisioni collettive: 1) tutti partecipano alla decisione direttamente o indirettamente; 2) la decisione viene presa dopo una libera discussione a maggioranza.

29

30 La democrazia politica non si è estesa alla sfera sociale ed alle sue forme di potere ascendente (dalla scuola alla fabbrica: padre/figlio, medico/malato, imprenditore/dipendente, insegnante/studente, ufficiale/soldato) e non si è trasformata in quella democrazia sociale che della democrazia è lideale limite.

31 All'interno della fabbrica, non esiste democrazia : le decisioni sono prese da una parte sola, dall'altra parte c'è la possibilità di un certo controllo delle decisioni, ma le decisioni non vengono prese da tutte le parti che sono in gioco in quel centro di potere.

32 In una società multiculturale (e per la natura egoistica ed individualistica e per la diversità psicologica, fisica, economica e sociale che caratterizzano gli uomini) come si può stabilire quale sia il bene comune? e soprattutto, chi può stabilirlo?

33 Qual è linteresse generale? accettando che vi siano principi e valori comuni a tutti è possibile stabilire convenzioni conformi agli interessi di tutti secondo una morale che non neghi il diritto alla libertà

34 Chi deve stabilire le leggi che regolino linteresse generale? affinché il popolo venga rappresentato integralmente, dalla persona più umile a quella più aristocratica, è necessario che anche la rappresentanza sia formata dalle persone più umili fino a quelle più aristocratiche

35 la difficile distinzione tra rappresentanza politica e rappresentanza degli interessi ha condotto alle attuali degenerazioni del mercato politico favorendo il rapporto clientelare e sostituendo il voto di scambio al voto di opinione la democrazia, invece, dovrebbe fondarsi esclusivamente su voto di opinione

36 Non esiste il consenso sia nelle democrazie, sia nelle dittature? la differenza sta nella cultura (il sapere favorisce quella libertà di pensiero che permette di mantenere la democrazia tale, senza che essa possa degenerare in una qualche forma di tirannide) e anche nei mass media (il quarto potere rende possibile allelettore una scelta informata )

37 La manipolazione dello spazio pubblico è sempre stato, ed è ancora oggi, un pericolo. Per questo l'accesso all'istruzione è un problema decisivo: ogni uomo e ogni donna deve avere l'opportunità di sviluppare i propri talenti, interessi e desideri, nelle scuole e nelle università.

38 l'istruzione è un diritto civile

39 la democrazia è la forma politica che meglio armonizza le esigenze dellindividuo con quelle della società il sistema democratico non ammette alcun privilegio prevede il controllo e la correzione delle decisioni prese

40 la democrazia non coincide con il principio di maggioranza la democrazia si fonda anche sul rispetto delle minoranze e del diverso il principio di maggioranza costituisce solo una tecnica del suo funzionamento

41 mutevoli maggioranze di opinione non possono stare alla base del sistema sociale dei valori il principio di maggioranza > presuppone il consenso di tutti > non può impedire la manifestazione del dissenso da parte delle minoranze, pena luscita dalla democrazia

42 il problema del rapporto tra maggioranze e minoranze non è iscritto solo entro un quadro politico riguarda tutti gli apparati della produzione e dei servizi, molte delle istituzioni, dalle scuole alle caserme, ecc. si può parlare di democrazia, > sia che si tratti di decidere in un condominio > sia che si tratti di decidere una legge dello Stato

43 il pluralismo è un carattere costitutivo della democrazia la democrazia viene meno quando qualcuno usa il potere politico per imporre, ad es., un certo credo filosofico, religioso ecc.

44 il rapporto tra maggioranze e minoranze si deve configurare sulla base del riconoscimento che: > coesistono diverse verità > gli individui hanno una propria identità anche in quanto appartengono a una comunità, da cui assorbono cultura e valori

45 il problema della democrazia non è tanto quello di rappresentare nel modo migliore la maggioranza, quanto quello di tener conto delle minoranze, con tutto un sistema di garanzie che evitino una dittatura della maggioranza

46 Che cosè la democrazia? > libertà, ma anche uguaglianza > prerogativa riservata a chi è cittadino, eppure estensibile a chiunque > sovranità indiscutibile, ma anche diritto alla contestazione

47 Che cosè la democrazia? Tratto irriducibile della democrazia è la mancanza di un'identità prestabilita cui riferirsi con sicurezza. Alla democrazia sono connaturati imprescindibilmente il tempo, la storia, il continuo aggiornamento.

48 B I B L I O G R A F I A N. Bobbio Il futuro della democrazia Einaudi, 1984 N. Bobbio, C. Offe, S. Lombardini Democrazia, maggioranza e minoranze Il Mulino, 1981 L. Canfora La democrazia. Storia di unideologia Laterza, 2004 R. A. Dahl La democrazia e i suoi critici Editori Riuniti, 1989 J. Dewey Liberalismo e azione sociale La Nuova Italia, 1946 J. Derrida Stati canaglia Cortina, 2003 I. Kant Per la pace perpetua Editori Riuniti, 1985 H. Kelsen I fondamenti della democrazia Il Mulino, 1966 J. Rawls Teoria della giustizia Feltrinelli, 1993 G. Sartori Democrazia e definizioni Il Mulino, 1957 A. Sen La democrazia degli altri Mondadori, 2004 D. Zolo MicroMega,

49 Liceo scientifico statale Leonardo da Vinci - Reggio Calabria Progetto IL FORUM DELLA FILOSOFIA a. s. 2005/2006 Gruppo di lavoro: Eleonora Geria - 4^ L Lucia Lamanna - 5^ M, Patrizia Malaspina - 5^ I Stefania Silvani - 5^ P Emanuela Zucchi - 4^ G Docenti tutors: prof.ssa G. Bresolin, prof. P. Spinella

50


Scaricare ppt "LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI REGGIO CALABRIA --- finale nazionale --- Liceo classico E. Torricelli - Faenza 9 maggio 2006."

Presentazioni simili


Annunci Google