La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Relazione della Giunta al Bilancio di Previsione anno 2013 Consiglio Comunale 28 maggio 2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Relazione della Giunta al Bilancio di Previsione anno 2013 Consiglio Comunale 28 maggio 2013."— Transcript della presentazione:

1 1 Relazione della Giunta al Bilancio di Previsione anno 2013 Consiglio Comunale 28 maggio 2013

2 22 Quadro di riferimento nazionale Per questanno a livello nazionale il taglio del Fondo Sperimentale di Riequilibrio pari a complessivi milioni di euro Peserà per sul nostro bilancio Decreto Spending Review: previsto un ulteriore taglio a carico degli Enti Locali sia sul 2012 (neutralizzato attraverso lestinzione di mutui) che sul 2013

3 3 –Soppressa la riserva a favore dello Stato del 3,8; –Riserva a favore dello Stato pari al 7,6 solo del gettito IMU derivante da immobili di categoria catastale D Quadro di riferimento nazionale Legge di Stabilità: ulteriori novità su IMU

4 4 –Sterilizzazione delleventuale maggior gettito a favore dei Comuni derivante dalla differenza, al netto del taglio lineare della spending review, tra le entrate dello scorso anno e quelle previste per il Il saldo dovrebbe essere il seguente: IMU aliquota base FSR - IMU aliquota base Fondo di Solidarietà= 0 La differenza eventuale se negativa andrà versata allo Stato, se positiva verrà presa dal Fondo di Solidarietà e versata ai comuni Quadro di riferimento nazionale Legge di Stabilità: ulteriori novità su IMU

5 55 Quadro di riferimento nazionale Decreto Legge 35/2013 (ancora in discussione): –Viene prevista la possibilità a favore degli Enti Locali di provvedere al pagamento dei debiti parte capitale (investimenti) certi liquidi ed esigibili alla data del , escludendoli dai vincoli del patto di stabilità interno per un importo complessivo di milioni di Questo permetterà al nostro Comune di pagare di spese in conto capitale escludendo tali pagamenti del Patto di Stabilità interno

6 66 Quadro di riferimento nazionale Decreto Legge 35/2013 (ancora in discussione): –Sulla TARES è previsto che la maggiorazione pari a 0,30 al mq. per i cosiddetti servizi indivisibili (illuminazione pubblica, manutenzione strade e verde) è riservata allo Stato e sarà versata assieme allultima rata del tributo.

7 77 Quadro di riferimento nazionale Decreto Legge 54 del 21/5/ 2013 –Sospensione del pagamento della 1° rata IMU prima casa fino al 31/8/2013, in vista di una complessiva riforma della disciplina dellimposizione fiscale sul patrimonio immobiliare (se non cambia la normativa la prima rata si pagherà il 16/9) - Concessione ai comuni di ricorrere allanticipazione di cassa per un importo pari al 50% dellentrata da IMU prima casa con interessi passivi a carico dello Stato

8 8 FSR diventa Fondo di Solidarietà Compartecipazione IVA + FSR + addizionale ENEL Effetto per il bilancio di Monte San Pietro , , FSR Trasferimenti – Fondo Sperimentale di Riequilibrio (FSR) – Fondo di Solidarietà Fondo solidarietà Taglio Lineare anno = Fondo Solidarietà

9 9 Effetto per il bilancio di Monte San Pietro La Legge di Stabilità prevede che vi sia uninvarianza di entrata tra il 2012 e il 2013 a seguito delle modifiche sulle riserve dello Stato per lIMU: IMU aliquota base IMU aliquota base = Differenza Fondo di Solidarietà = Da restituire allo Stato

10 10 Patto di stabilità , , ,64 Poi ridotto con intervento Legge Regionale 12/2010 sul patto di stabilità territoriale a Poi ridotto con intervento Legge Regionale 12/2010 sul patto di stabilità territoriale a ,39 Nel corso degli anni il vincolo sui pagamenti è diventato sempre più stringente limitando i comuni negli investimenti Poi ridotto con intervento Legge Regionale 12/2010 sul patto di stabilità territoriale a ,11 con delibera Regionale n. 432 del 15/4/2013

11 11 Linee guida seguite dalla Giunta per la predisposizione bilancio 2013 Salvaguardia dei livelli e della qualità dei servizi esistenti Mantenimento delle aliquote dei servizi e delle tasse e imposte a carico dei cittadini Verifica della possibilità di una lieve riduzione della tassa a carico dei cittadini per il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti Prevedere investimenti senza il ricorso allindebitamento (mutui) al fine di non peggiorare il patto di stabilità e compromettere ulteriormente la capacità di pagamento del Comune

12 12 Parte entrata TITOLOTOTALE% TITOLO I - Entrate Tributarie ,0581,57 TITOLO II - Entrate da trasferimenti78.658,000,89 TITOLO III - Entrate extratributarie ,1917,54 TOTALE ,24100,00

13 13 Parte entrata – 2013 Entrate correnti per titoli - Confronto assestato previsione 2013 TITOLO Assestato 2012 Previsione 2013 TITOLO I - Entrate Tributarie , ,05 TITOLO II - Entrate da trasferimenti89.171, ,00 TITOLO III - Entrate extratributarie , ,19 TITOLO IV- Entrate da trasferimenti di capitale ,000,00 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE ,140,00 TOTALE , ,24

14 14 Parte entrata – 2013 Entrate correnti per titoli - Confronto assestato previsione 2013

15 15 Principali variazioni Azzeramento del Fondo Sperimentale di Riequilibrio Introduzione del Fondo di Solidarietà Variazione dellentrata IMU a seguito della modifica normativa ma mantenendo le aliquote dello scorso anno (dai ,13 del 2012 ai del 2013) Riduzione dei trasferimenti da Stato, Regione e Provincia Introduzione dellentrata da recupero dellevasione IMU Introduzione della TARES solo per il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti per , quindi non gli 0,30 al mq. che andranno pagati direttamente allo Stato

16 16 Confronto Entrate 2012/ %2013% Entrate tributarie ,2772, ,0581,57 Trasferimenti correnti dello Stato, Regioni, ecc ,541, ,000,89 Entrate extratributarie (proventi da servizi e da beni dell'Ente) ,8423, ,1917,54 Proventi derivanti dal rilascio di permessi di costruire ,871,180,00 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE VINCOLATO ,141,580,00 TOTALE ,66100, ,24100,00

17 17 Confronto Entrate 2012/2013

18 18 IMU 2013 Viene ripartito diversamente il gettito complessivo fra Stato e Comune rispetto al 2012 Viene soppressa la riserva dello Stato pari al 3,8 Lo Stato si riserva solo gettito IMU delle categorie catastali D pari al 7,6 ( ) Il Comune conferma le aliquote dello scorso anno Ad aliquota base lextragettito rispetto allIMU dello scorso anno è versato allo Stato. Per il nostro Comune significa versare allo Stato

19 19 IMU: aliquote Monte San Pietro Aliquota ordinaria da applicarsi alle aree fabbricabili ed agli immobili classificabili nella categoria catastale D5 Aliquota ridotta per abitazione principale e relative pertinenze classificate nelle categoria catastale C2, C6 e C7 nella misura massima di una unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate Aliquota ridotta per le unità immobiliari e relative pertinenze classificate nelle categorie catastali C2, C6 e C7 concesse in uso gratuito a parenti in linea retta o collaterale fino al terzo grado ed adibite ad abitazione principale ulteriori pertinenze dellabitazione principale immobili classificati nelle categorie catastali A10, B7, B8, C1, C2, C3, D1, D2, D4, D6, D7, D8 10,6 5,0 8,6

20 20 IMU: aliquote Monte San Pietro Aliquota ridotta per le unità immobiliari e relative pertinenze locate ed adibite ad abitazione principale del locatario Aliquota ridotta per tutte le unità immobiliari non ricomprese nelle altre aliquote detrazione prima casa di 200 euro e 50 euro per ogni figlio <26 anni fino a un massimo di 600 euro complessivi 9,0 10,0 Sospensione con Decreto Legge n.54 del 21/5/2013 della 1° rata IMU prima casa fino al 31/8/2013

21 21 TARES Come previsto nel Decreto Legge n. 35/2013 per questanno la maggiorazione pari a 0,30 al mq. per i cosiddetti servizi indivisibili (illuminazione pubblica, manutenzione strade e verde) NON viene incassata dal Comune ma dovrà essere pagata allo Stato dai cittadini in ununica soluzione insieme allultima rata della tassa rifiuti. Quindi per il 2013 la TARES incassata dal Comune riguarderà SOLAMENTE il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti per un importo di ,00

22 22 TARES Per quanto concerne la tassa rifiuti il Comune può stabilire la scadenza e il numero delle rate di versamento Le rate saranno inviate dal gestore del servizio n.b: Con la TARES sarà obbligatorio prevedere la copertura al 100% del costo del servizio rifiuti. Il nostro Comune dal 2011 ha già previsto questo copertura. Pertanto per i titolari delle utenze domestiche di Monte San Pietro non vi saranno delle ricadute mentre, il passaggio a tassa deciso dal legislatore, determina limpossibilità per le attività produttive di detrarre lIVA. A fronte di una seppur lieve riduzione pari al 2-3% della tassa relativa al servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti, le attività produttive subiranno un aumento del 7-7,5% anziché del 10%, non dovuto alle scelte dellAmministrazione ma imposto dallalto

23 23 Tariffe servizi pubblici a domanda Linee guida seguite dalla Giunta NESSUNA VARIAZIONE DELLE TARIFFE

24 24 Tariffe dei servizi a domanda DESCRIZIONE PREVISIONI DI BILANCIO SPESE ENTRATECOPERTURA % Cessioni sale per riunioni pubbliche e locali della sala multimediale 9.528, ,0083,96 Gestione centri sportivi, bocciodromo e palestra scuola media , ,0015,99 Somministrazione refezione alunni scuole materne, elementari e media , ,0098,47 Gestione asilo nido , ,0029,40 Servizio prolungamento orario scolastico , ,0081,00 TOTALE , ,0062,56

25 25 % di copertura servizi a domanda

26 26 Parte spesa – 2013 SPESE CORRENTI PER FUNZIONI FUNZIONITOTALE% AMMINISTRAZIONE, CONTROLLO E GESTIONE ,3432,17 POLIZIA MUNICIPALE ,995,10 ISTRUZIONE PUBBLICA ,7217,33 CULTURA E BENI CULTURALI ,321,53 SPORT ED ATTIVITA' RICREATIVE ,672,25 VIABILITA' E TRASPORTI ,004,49 GESTIONE DEL TERRITORIO E DELL'AMBIENTE ,7719,36 SETTORE SOCIALE ,0013,45 SVILUPPO ECONOMICO ,000,21 SERVIZI PRODUTTIVI ,000,55 QUOTA CAPITALE AMMORTAMENTO MUTUI ,433,55 TOTALE ,24100,00

27 27 Parte spesa – 2013 SPESE CORRENTI PER FUNZIONI

28 28 Confronto spesa 2012/2013 FunzioneAssestato 2012Previsione 2013 Variazione in % Amministrazione, gestione e controllo , ,3415,0% Polizia Municipale , ,991,6% Istruzione Pubblica , ,720,5% Cultura e Beni Culturali , ,321,4% Sport ed Attività Ricreative , ,67-2,1% Viabilità e trasporti , ,00-20,4% Gestione del territorio e dell'Ambiente , ,77408,8% Settore Sociale , ,00-9,6% Sviluppo Economico e Servizi Produttivi27.000, ,00-29,6% Altri servizi produttivi49.025, ,00-0,6% Quota ammortamento mutui , ,43-50,6% Totale , ,2415,7% In relazione alla funzione GESTIONE DEL TERRITORIO E AMBIENTE laumento di spesa è dovuto alla reintroduzione allinterno del bilancio del costo del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti per ,00 non presente negli ultimi anni.

29 29 Spesa corrente e rimborso mutui Comune di Monte San Pietro , , , , ,24 Al netto del costo del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti N.B: negli ultimi 3 anni la spesa statale al netto dei trasferimenti a favore degli Enti Locali è cresciuta del 3,16%

30 30 Confronto spesa 2012/2013

31 31 Confronto spesa 2012/2013 C ategorie Previsioni iniziali 2013 Assestato 2012 Personale , ,06 Acquisto di beni di consumo e/o materie prime , ,57 Prestazioni di servizi , ,26 Utilizzo beni di terzi84.396, ,92 Trasferimenti , ,84 Interessi passivi83.036, ,00 Imposte e tasse , ,17 Oneri straordinari della gestione corrente , ,00 Fondo svalutazione crediti10.000,00 Fondo di riserva25.720,000,20 Quota capitale ammortamento mutui , ,84 TOTALE , ,86

32 32 Confronto spesa 2012/2013 C ategorie

33 33 Principali variazioni - Spesa Introduzione della spesa per servizio di raccolta e smaltimento rifiuti Introduzione del trasferimento a favore dello Stato dellextragettito IMU Maggiori spese per utenze Minori spese per oneri straordinari neve (pulizia e salatura) Minori spese di personale per trasferimento a ASC Insieme del personale comandato

34 34 Principali variazioni - Spesa Minori spese sul servizio di nido dinfanzia a seguito della chiusura a settembre 2012 di una sezione per mancanza di domande di iscrizione Minori interessi passivi sui mutui e minor quota di rimborso prestito mutui

35 35 % di indebitamento del Comune per investimenti Interessi passivi83.036, , ,00 Entrate correnti , , ,24 % su entrate correnti1,150,930,68 Limite art. 204 Tuel6,00%4,00%

36 36 Indebitamento pro capite per investimenti del Comune Indebitamento pro capite nazionale calcolato sugli Enti Locali e Territoriali: 1907,88 Indebitamento pro capite Regione Emila-Romagna calcolato sugli Enti Locali e Territoriali : 1513,93 IL DEBITO PUBBLICO NEL SETTORE STATALE NEGLI ULTIMI 3 ANNI E CRESCIUTO DEL 13,61% - NELLO STESSO PERIODO IL COMUNE DI MONTE SAN PIETRO HA COSTANTEMENTE RIDOTTO IL DEBITO DEL 40% Residuo debito , , , , , ,22 nuovi prestiti ,00 prestiti rimborsati , , , , , ,30 estinzioni anticipate ,70 totale fine anno , , , , , ,92 abitanti al 31/ , , ,00 debito per abitante 282,78233,11172,23143,50124,24152,60

37 Programma investimenti bilancio pluriennale Intervento LAVORI DI COMPLETAMENTO DELPROGETTO DI ADEGUAMENTO STRUTTURALE DELL'EDIFICIO DI AMOLA ,00 MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELLE STRADE COMUNALI , ,00 MESSA A NORMA EDIFICI COMUNALI – CPI E CERTIFICATI ISPESL ,00 MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICI COMUNALI , ,00 REALIZZAZIONE DI UN NUOVO BAGNO PER DISABILI E MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEL PARCO DELL'ABBAZIA DEI SANTI FABIANO E SEBASTIANO DI BADIA ,00 RISTRUTTURAZIONE DELLA SCUOLA MODULI DI CALDERINO ,00 ACQUISTO ATTREZZATURE INFORMATICHE E PROGRAMMI PER UFFICI COMUNALI 5.000,00 MANUTENZIONE STRAORDINARIA SCUOLABUS ,00 ACQUISTO ATTREZZATURE PER CORPO POLIZIA MUNICIPALE ,00 ACQUISTO ATTREZZATURE PER SERVIZIO MANUTENZIONE E MATERIALE VARIO PER MANUTENZIONI DA REALIZZARE IN ECONOMIA ,00 totale , , ,00


Scaricare ppt "1 Relazione della Giunta al Bilancio di Previsione anno 2013 Consiglio Comunale 28 maggio 2013."

Presentazioni simili


Annunci Google