La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GRUPPO TELECOM ITALIA Conferenza AEIT Bologna, 28 ottobre 2008 – Università degli studi di Bologna – Facoltà di Ingegneria | PIERGIORGIO FARAON | Technology.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GRUPPO TELECOM ITALIA Conferenza AEIT Bologna, 28 ottobre 2008 – Università degli studi di Bologna – Facoltà di Ingegneria | PIERGIORGIO FARAON | Technology."— Transcript della presentazione:

1 GRUPPO TELECOM ITALIA Conferenza AEIT Bologna, 28 ottobre 2008 – Università degli studi di Bologna – Facoltà di Ingegneria | PIERGIORGIO FARAON | Technology - Network.Operation Area Nord Est Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna

2 2 | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Basic 3G Planning : Link Budget e pianificazione di massima Processo di Progettazione UMTS con Simulatore Timplan Vincoli del bando di gara UMTS Dal Piano Lavori alle mappe di copertura, alla copertura del servizio a Bologna Agenda

3 3 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Basic 3G Planning : Link Budget e pianificazione di massima Processo di Progettazione UMTS con Simulatore Timplan Vincoli del bando di gara UMTS Dal Piano Lavori alle mappe di copertura, alla copertura del servizio a Bologna Agenda

4 4 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Flowchart della Progettazione 3G Link Budget Progettazione di dettaglio al simulatore Ottimizzazione di Rete Requisiti di copertura Mix di servizi Prestazioni N° celle/siti Equipaggiamento di massima DB morfologia DB urbanizzato Distribuzione di traffico Posizione dei siti Parametri Radio Copertura e servizi Prestazioni di rete Misure Prestazioni di Rete (drive test, KPIs) Tuning progetto radio e parametri di Radio Resource Management

5 5 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G La spirale dellIngegneria di Rete complessità rete Ottimizzazione: tangenziale di Bologna, t

6 6 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G La tecnica del link budget, applicata a qualsiasi tipo di rete cellulare terrestre, permette di stimare larea di copertura della singola cella e, di conseguenza, il numero di celle necessarie a coprire il territorio AREA DA COPRIRE R Link Budget R Link Budget

7 7 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Il segnale deve essere ricevuto con una potenza superiore alla sensibilità del ricevitore : Prx>=S ma il segnale ricevuto è la potenza trasmessa meno lattenuazione di tratta: Ptx-A>=S; quindi la Ptx>=S+A P UE >=S BTS +L UL +M UL P BTS >=S UE +L DL +M DL Il tutto deve valere sia nella tratta down link (dalla stazione al terminale mobile) che in quella in up link (terminale mobile – stazione radio) Link Budget

8 8 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Nelle prime fasi di deployment della rete UMTS, in condizioni quindi di traffico limitato, è la tratta uplink ad imporre i limiti di copertura: ciò per la limitata potenza del mobile e per la caratteristica interferenziale dellaccesso spread spectrum tipico di UMTS. Definito il margine di interfenza si utilizza quindi il link budget della tratta uplink per stimare il raggio di cella (dmax) e conseguentemente il numero di celle necessarie a coprire una porzione di territorio, Successivamente si controlla che lattenuazione massima individuata sia sostenibile anche nella tratta DL (potenza della BTS), altrimenti si dovrà aumentare il numero delle celle Dimensionamento di massima

9 9 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G A(dmax)= P UE +(G UE -L UE )-S BTS +(G BTS -L BTS )-Mint (UL) -Mtot - Nella tratta UL il link budget si esprime nella: P UE >=S BTS +L UL +M UL da cui, esplicitando le perdite ed i guadagni dantenna, si ottiene lattenuazione di tratta sostenibile Link Budget UL

10 10 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G A(dmax)= P UE +(G UE -L UE )-S BTS +(G BTS -L BTS )-Mint (UL) -Mtot -A(dmax) è lattenuazione di tratta, funzione della distanza tra BTS e UE, calcolata a bordo cella -G BTS,L BTS sono il guadagno di antenna e la perdita di tratta lato stazione radio base -G UE, L UE sono il guadagno di antenna e la perdita di tratta lato terminale mobile -P UE è la potenza massima di trasmissione del terminale mobile per il servizio considerato -S BTS Sensibilità del ricevitore del nodo B -Mtot Margine di interferenza -Mint (UL) Margine di interferenza in UL Componenti attenuazione di tratta

11 11 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Sensibilità del ricevitore S RX = kT + NF + 10 log (R) + (E b / N 0 ) target + M im p Il valore di sensibilità da introdurre nel link budget dipende dalla cifra di rumore del ricevitore: linserimento di un amplificatore a basso rumore subito dopo lantenna di ricezione permette di abbassare la cifra di rumore del ricevitore e di pre-compensare le perdite delle calate di antenna raggio di cella senza TMA raggio di cella con TMA raggio di cella con TMA criogenici

12 12 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Sensibilità del ricevitore S RX = kT + NF + 10 log (R) + (E b / N 0 ) target + M imp Caratterizza la sensibilità il tipo di servizio considerato: bit rate R e (E b /N 0 )target In particolare il punto di lavoro Eb/No viene ottenuto mediante simulazioni di link e dipende dal tipo di canale radio/scenario di riferimento, dalla velocità dellutente, dal tipo di RAB mapping utilizzato e dalle caretteristiche del ricevitore. Da WCDMA for UMTS, H.Holma, A.Toskala

13 13 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Mtot: Margine totale di tratta M TOT = M shad +M MCM + M TPC - G SHO +L body + L IN M shad : Margine shadowing per garantire la outage voluta a bordo cella, per lUMTS 95% come da bando di gara, compensando le fluttuazioni lente del segnale dipendenti dal tipo di ambiente considerato (Urbano denso Urbano, Suburbano, Rurale)

14 14 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Mtot: Margine totale di tratta M TOT = M shad +M MCM + M TPC - G SHO +L body + L IN M MCM: Margine di Compress Mode per garantire la possibilità di misure tra UMTS e GSM (solo per gestori dual mode: 3 non considera questo margine). Disponendo la stazione radio, così come il terminale, di un unico ricevitore, si deve interrompere il flusso UMTS per creare una finestra temporale ove misurare il GSM: il tutto avviene raddoppiando il rate di trasmissione con Eb/No costante e quindi con raddoppio della potenza (tipico valore di Margine di Compress Mode 3dB)

15 15 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Mtot: Margine totale di tratta Mtpc: Margine di power control o fast fading per compensare gli effetti delle fluttuazioni veloci (normalmente 2-5 dB). La presenza del fast power control permette di definire un Eb/No meno stringente GSHO: Guadagno di Soft Handover dovuto alla ricombinazione dei segnali in dowlink (rake receiver); in Uplink è presente solo nei casi di Softer Handover, altrimenti si seleziona in RNC il segnale con migliore BER/BLER. M TOT = M shad +M MCM + M TPC - G SHO +L body + L IN

16 16 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Mtot: Margine totale di tratta M body loss: Margine per compensare le alterazioni di adattamento/assorbimento/ polarizzazione/diagramma di radiazione, dovute alla vicinanza dellantenna al corpo umano; tipicamente si utilizzano 3 dB per servizio voce (0 per i dati) (cfr WCDMA for UMTS, H.Holma, A.Toskala) M IN: Margine per la penetrazione incar o indoor: tiene conto degli effetti medi dovuti alla penetrazione del segnale radio allinterno di una macchina o di un edificio; dipende chiaramente dal tipo di ambiente propagativo e dalla frequenza. Valori di riferimento per ambiente urbano sono tipicamente di 8 dB per in car e di 15 dB per indoor (cfr WCDMA for UMTS, H.Holma, A.Toskala). Telecom Italia ha condotto una massiccia campagna di misura per caratterizzare statisticamente la penetrazione indoor in funzione del piano. M TOT = M shad +M MCM + M TPC - G SHO +L body + L IN

17 17 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Il margine di interferenza tiene conto della probabile presenza di altri segnali che si propagano nello stesso mezzo e che quindi creano interferenza. Ipotizzato un certo scenario di traffico, si può valutare la capacità della singola cella nella tratta UL, quindi il fattore di carico ed infine il margine di interferenza Margine interferenza in UpLink

18 18 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Attenuazione di tratta e raggio di cella A(dmax)=L 0 +m log(d) d=Log -1 [(A(d) -L 0 )/m)] dove d rappresenta la distanza base-mobile espressa in km, mentre L 0 ed m sono parametri dipendenti dallambiente considerato nonché dalla frequenza. Applicando Okumura Hata in ambiente urbano a 1950 MHz si ottiene A(d) = Log(d) A(dmax)= P UE +(GUE-LUE)-S BTS +(GBTS-LBTS)-Mint(UL)-Mtot Definiti tutti i termini della attenuzione di tratta, si può esplicitare questa in funzione della distanza tra SRB e mobile tramite la formula di Okumura Hata

19 19 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Link Budget UL P UE +(G UE -L UE )-S BTS +(G BTS -L BTS )-Mint (UL) -Mtot = f (ambiente di propagazione, caratteristiche dellaccesso, tipo di penetrazione incar/indoor) f (Noise Figure ricevitore, velocità di trasmissione, Eb/No richiesto per il servizio) f (scenario di traffico) f (classe del terminale) A(dmax ) f (ambiente di propagazione) raggio di cella max

20 20 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Link Budget UL Calcolo attenuazione di tratta, raggio di cella in ambiente urbano e per tipo di servizio

21 21 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Link Budget UL: case study Bologna Numero di siti necessari in funzione dellambiente di propagazione

22 22 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Basic 3G Planning : Link Budget e pianificazione di massima Processo di Progettazione UMTS con Simulatore Timplan Vincoli del bando di gara UMTS Dal Piano Lavori alle mappe di copertura, alla copertura del servizio a Bologna Agenda

23 23 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Flowchart della Progettazione 3G Link Budget Progettazione di dettaglio al simulatore Ottimizzazione di Rete Requisiti di copertura Mix di servizi Prestazioni N° celle/siti Equipaggiamento di massima DB morfologia DB urbanizzato Distribuzione di traffico Posizione dei siti Parametri Radio Copertura e servizi Prestazioni di rete Misure Prestazioni di Rete (drive test, KPIs) Tuning progetto radio e parametri di Radio Resource Management

24 24 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Progettazione di dettaglio al simulatore Tale tipo di progettazione è svolta attraverso un tool di simulazione. TIMPLAN è un tool proprietario sviluppato nei laboratori TiLab Risultati tipici della fase di progettazione di dettaglio sono: Selezione e posizionamento dei siti; Configurazione dei parametri radioelettrici; Previsione delle coperture elettromagnetiche (per macrocelle e microcelle); Prestazioni di massima della rete.

25 25 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Progettazione di dettaglio al simulatore TIMPLAN include un Geographic Information System (GIS) ed un database proprietario, completamente integrati allinterno del tool di pianificazione. Tale database comprende dati raster (Morfologia, Altimetria del terreno, densità di edificato) e vettoriali (strade, contorno edifici, ferrovie,…)

26 26 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Modelli di propagazione macrocellulari Componenti del modello di propagazione: 1. Curva base di trasmissione: originale TILAB in funzione di frequenza, distanza, altezza terminale mobile, altezza efficace 2. Effetto della diffrazione da ostacoli multipli: approccio Huyghens-Fresnel multischermo opportunamente customizzato 3. Effetto dellurbanizzato e morfologia: algoritmo originale TILAB Ogni componente del modello è sottoposta a calibrazione mediante campagne di misura dedicate Il modello nel suo complesso è sottoposto a validazione mediante estensive campagne di misura Oltre ai motori macrocellulari citati, operanti tipicamente alle risoluzione di m, è disponibile in TIMPLAN un modello di propagazione per ambienti urbani con dati ad alta risoluzione ( 10m)

27 27 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Flowchart della progettazione con simulatore e delle prestazioni del progetto: analisi con e senza traffico Calcolo Coperture e Best Server Definizione delle matrici di traffico Verifica copertura RSCP, Ec/Io, Soft Handover Pollution Calcolo aree di servizio (cell breath) carico in UL, potenza in UL, Ec/Io, SH

28 28 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Calcolo della copertura e Best Server In ogni pixel del territorio si definisce cella best server la cella la cui copertura presenta il livello di campo più elevato tra tutte le coperture delle celle che appartengono a tale livello. Per come e calcolata, il concetto di cella Best Server puo essere legata a quello di cella servente, anche se e più appropriato intendere la cella best server individuata dalle simulazioni come quella a cui si aggancerebbe un mobile spostandosi sul territorio in idle mode (la cell selection/reselection avviene in genere in base ai livelli di campo misurati). In connected mode invece intervengono meccanismi di isteresi degli handover che fanno si che la cella servente non sia sempre quella ricevuta con il valore di campo più elevato. In generale, i tool di pianificazione come TIMPLAN sono di tipo statico e non possono simulare meccanismi dinamici come le isteresi degli handover in connessione.

29 29 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Calcolo della copertura e Best Server

30 30 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Analisi in assenza di traffico: mappa di Ec/Io Progettazione UMTS con simulatore TIMPLAN

31 31 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Si individuano il numero di CPICH contemporaneamente ricevuti allinterno della soglia di macrodiversità (candidate set) Analisi in assenza di traffico: Soft Handover e Pollution

32 32 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Analisi in presenza di traffico: cell breathing Rete scarica Rete molto carica Rete mediamente carica Distribuzione sul territorio coperto di un mix di traffico relative caratteristiche radio: (Eb/N0 ;bit rate) ;SAF (Service Activity Factor), tipo di connesione)

33 33 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Analisi in presenza di traffico

34 34 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Analisi in presenza di traffico: outage DL/UL

35 35 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Analisi al variare del traffico: tratta UL, potenza DCH

36 36 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Basic 3G Planning : Link Budget e pianificazione di massima Processo di Progettazione UMTS con Simulatore Timplan Vincoli del bando di gara UMTS Dal Piano Lavori alle mappe di copertura, alla copertura del servizio a Bologna Agenda

37 37 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Il regolamento per la procedura del rilascio delle licenze per i sistemi mobili di terza generazione è descritto nella Delibera 410/99 dellAutorità per le Garanzie nelle COMunicazioni A partire dal 01/01/2002 sono state rese disponibili le nbande 2X60MHz FDDDA 1920MHz A 1980MHz DA 2110MHz A 2170MHz 35MHz TDDDA 1900MHz A 1920MHz DA 2010MHz A 2025MHz ogni competitor ha potuto scegliere la tecnologia ritenuta più idonea Vengono imposti dei vincoli di copertura ai titolari di licenza Capoluoghi di Regione entro 30 mesi dal 01/01/2002 Capoluoghi di Provincia entro 60 mesi dal 01/01/02 Delibera AGCOM: bando di gara UMTS

38 38 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G MHz Uplink Downlink Licenze UMTS: Frequenze acquisite (aprile 2000)

39 39 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G i limiti di copertura sono definiti nel: disciplinare di gara approvato con deliberazione del comitato dei ministri del 25/07/2000 partizionata larea di osservazione in pixel di 1km2 questo e inteso coperto da un operatore se sono soddisfatte le seguenti condizioni da a a k a il pixel appartiene ad una cella della rete delloperatore b tutti gli utenti in chiamata nel pixel sono impegnati in connessioni del tipo cbr (constant bit rate) bi-direzionali simmetriche a 144kbps e si muovono a 3kmh allinterno di edifici nel pixel c il rapporto tra n°utenti e n°residenti nel pixel e >= 3% d il traffico offerto da ogni utente nel pixel e >=5mErlang Licenze UMTS: requisiti di copertura e servizio

40 40 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G e lambiente di propagazione assunto nel pixel e realistico f non esiste interferenza causata dal altri operatori nello stesso pixel a causa dello stesso o di altri sistemi di comunicazione g i tentativi di instaurazione della connessione nel pixel sono per tipologie come al punto b con una probabilita di blocco <=0,02 h quando la durata media della connessione e pari a 3 minuti la probabilita di caduta e <=0,01 i sia in UL che in DL per le tipologie di connessione di cui al punto b BER<=10-5 j le connessioni di cui al punto b sono real time k per le connessioni di cui al punto b la disponibilita è >=95% Licenze UMTS: requisiti di copertura e servizio

41 41 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G infine, ai fini del soddisfacimento dei vincoli di copertura le condizioni simultanee che devono essere soddisfatte sono: nellinsieme dei pixel coperti risiede almeno il 95% della popolazione dellarea geografica presa in esame almeno il 30% dei pixel dellarea geografica presa in esame risultano coperti facendo ricorso ad un link-budget tutti questi vincoli possono essere trasformati in livelli di campo elettrico minimi che devono essere garantiti (ovvero le attenuazioni massime) per soddisfare le richieste del bando di gara Licenze UMTS: requisiti di copertura e link budget

42 42 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Basic 3G Planning : Link Budget e pianificazione di massima Processo di Progettazione UMTS con Simulatore Timplan Vincoli del bando di gara UMTS Dal Piano Lavori alle mappe di copertura, alla copertura del servizio a Bologna Agenda

43 43 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G riconfigurazione di tutti i siti esistenti (seguendo la priorita cdr cdp rdt) per aggiungere il sistema umts a fianco degli esistenti tacs, gsm900 e gsm1800 realizzazione massiva di nuovi impianti (seguendo la priorita cdr cdp rdt) per raggiungere nei tempi imposti i limiti prefissati integrando la copertura insufficiente offerta dai siti esistenti In Emilia Romagna tutto il processo e stato affrontato nel rispetto della Legge Regionale 30/2000 che impone la presentazione di un piano di lavori annuale entro il 30/09 di ogni anno. nel piano devono essere evidenziati: i siti puntuali la riconfigurazione di impianti esistenti le aree di ricerca dei nuovi impianti(cerchi di raggio max=150m che indicano le zone di interesse) Il piano di copertura TIM : action point

44 44 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G DEFINIZIONE DEL PIANO LAVORI ANNUALE Copertura UMTS del Comune di Bologna al 31/12/2002

45 45 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G DEFINIZIONE DEL PIANO LAVORI ANNUALE Piano Lavori sul Comune di Bologna al 30/09/2002

46 46 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Copertura UMTS del Comune di Bologna al 31/12/2003

47 47 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Copertura UMTS del centro di Bologna al 31/12/2002

48 48 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G DEFINIZIONE DEL PIANO LAVORI ANNUALE Piano Lavori sul centro di Bologna al 30/09/2002

49 49 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Copertura UMTS del centro di Bologna al 31/12/2003

50 50 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Copertura UMTS del centro di Bologna al 31/12/2004

51 51 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Copertura UMTS del centro di Bologna al 31/12/2005

52 52 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Copertura UMTS del centro di Bologna al 31/12/2006

53 53 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G ma il futuro non è poi così a lungo termine

54 54 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Ericsson LTE demo system Milan, October 2008 courtesy by

55 55 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G Il futuro non è poi a così lungo termine ed il futuro è sempre più mobile e broadband

56 56 Progettazione della copertura UMTS/HSDPA: case study Bologna | PIERGIORGIO FARAON | T.N.OA NE/ ND Conferenza AEIT – Università di Bologna, 28 ottobre 2008 GRUPPO TELECOM ITALIA Progettazione della copertura 3G


Scaricare ppt "GRUPPO TELECOM ITALIA Conferenza AEIT Bologna, 28 ottobre 2008 – Università degli studi di Bologna – Facoltà di Ingegneria | PIERGIORGIO FARAON | Technology."

Presentazioni simili


Annunci Google