La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Oltre l’ufficio stampa? Bologna 16 giugno 2014. Oltre l’ufficio stampa? Significa automaticamente anche Oltre il giornalismo? E oltre i giornalisti?

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Oltre l’ufficio stampa? Bologna 16 giugno 2014. Oltre l’ufficio stampa? Significa automaticamente anche Oltre il giornalismo? E oltre i giornalisti?"— Transcript della presentazione:

1 Oltre l’ufficio stampa? Bologna 16 giugno 2014

2 Oltre l’ufficio stampa? Significa automaticamente anche Oltre il giornalismo? E oltre i giornalisti?

3 Il giornalismo, una industria? Anderson, Bell e Shirky (report per la Columbia Journalism School nel 2012) Gli sviluppi tecnologici, le trasformazioni della società e del modo di comunicare hanno dato vita a un nuovo ecosistema dell’informazione L’industria del giornalismo è morta, ma il giornalismo esiste oggi in molte forme e luoghi.

4 Le istituzioni-editore? Le istituzioni, un editore diverso? Informazione diretta (senza mediazioni) Il digitale: parlare a molti, subito, contemporaneamente …ma non a tutti.

5 Chi siamo, dove comunichiamo Analizzare l’identità della fonte: chi siamo? Analizzare il destinatario (media e target) Quali poteri e quali compiti? In quale idea di welfare Solo dopo vengono gli strumenti

6 Integrare Integrazione tra Informazione Servizio Transazione economica (Non sempre, non per tutti, non ovunque)

7 Citizen journalism Una risorsa… …sopravvalutata?

8 Multipiattaforma Molti pro e molti contro Costi per adattamento ai devices (per esempio, le app) Differenza di consumo e di attenzione Periodico invecchiamento Costi produttivi (per esempio, i video e il multimediale)

9 La pubblicità in Italia Dal 2008 al 2013 la pubblicità è scesa da 10 a 7 miliardi Nel 2014 la discesa si fermerà (-1%) TV 3, % (+1% sul 2013) WEB % (+5.7% sul 2013) Stampa -13.1% Cinema - 12% Radio -1.6%

10 Utenti attivi sul web

11 La pubblicità online Mese WEBMOBILETABLET Diff% Diff% Diff% Gennaio ,2% ,1% ,9% Febbraio ,4% ,0% ,2% Marzo ,9% ,7% ,6% Aprile ,3% ,3% ,5% Maggio N/A N/A 170 -N/A Giugno N/A N/A 133 -N/A Luglio N/A N/A 135 -N/A Agosto N/A N/A 143 -N/A Settembre N/A N/A 118 -N/A Ottobre N/A N/A 278 -N/A Novembre N/A N/A 221 -N/A Dicembre N/A N/A 167 -N/A Tot. Prog ,5% ,3% ,4% Totale N/A N/A N/A

12 Web advertising Search advertising 36% Display adv 25% Video adv 13% Social adv 4.5% Mobile adv 4%

13 Qualità e possibilità Tempestività Interattività Multimedialità Personalizzazione Spazio (archivio) Approfondimento Fonti Gerarchia delle notizie Community

14 Credibilità delle fonti In generale, non vi è testo che non metta l’accento sulla qualità: analisi delle fonti e dell’attendibilità delle notizie. Per le istituzioni la qualità si traduce con la parola CREDIBILITA’

15 Wikileaks: pro o contro? Altro dato interessante e correlato: nonostante la netta contrarietà alle pratiche della National Security Agency e dei suoi alleati, il 59% degli interpellati si oppone al fatto che qualunque cittadino possa avere accesso ai segreti di Stato ottenuti grazie al lavoro di organizzazioni come WikiLeaks: solo il 27% è favorevole.

16 Trasparenza e privacy Anche per quanto riguarda le pratiche di tracciamento a fini commerciali gli interpellati manifestano netta contrarietà al trattamento dei propri dati personali. E, in dieci anni, la percezione che “nessuno” debba poter registrare e utilizzare quei dati si è fatta molto più forte, passando dal 35 al 59%. Merito di Snowden?

17 Carta oppure online? Alla domanda “Preferite giornali online o quelli tradizionali, stampati?”, la risposta per l’intero campione vede prevalere la carta stampata (59%, contro il 47% dei siti di informazione). Ma l’online spopola tra i più giovani, mentre la carta stampata vince solo sopra i 45 anni. Sotto i 45 anni, è più popolare l’idea che i giornali di carta spariranno, mentre sopra prevale l’idea l’opposta – con un picco di 40 punti di differenza tra i 55 e i 64 anni. (Fonte: sondaggio Ixè Trieste 2014)

18 L’età e i media Cruciale l’età anche per comprendere il diverso atteggiamento verso quali fonti di informazione siano considerate più affidabili: tra i più giovani il primo posto dei quotidiani è insidiato dai siti di informazione (39% contro 44%), la tv incontra solo il 17% di preferenze (mentre per tutte le altre fasce d’età la percentuale è superiore al 30%) e i blog la inseguono a soli quattro punti percentuali di distanza. Tra i 30 e i 44 anni i siti web sono al primo posto, mentre tra i 55 e i 64 lo è la televisione. I quotidiani primeggiano nettamente solo per gli ultra 64enni.

19 A quale classe sociale appartiene?

20 Noi e gli immigrati

21 Nuovi cittadini? Si

22 Informazione e paura

23 L’Europa della paura

24 Informare perché? Informazione, comunicazione, organizzazione (integrazione) Partecipazione Democrazia

25 Lo storytelling Informazione Comunicazione Organizzazione La grande differenza: la narrazione

26 Un esempio: le grandi paure Gli anni di piombo Aids La catastrofe ambientale La paura atomica La paura dello straniero Rapine e ronde La Cina L’11 settembre

27 Le grandi paure/2 La guerra santa in Europa Sars-aviaria-influenza suina La crisi finanziaria (Lehman Brothers) Austerity (la crisi greca e quella spagnola) Paura del futuro, pensioni, disoccupazione giovanile Welfare ( di Antonella Guerrera, in Zygmunt Bauman, Il demone della paura, Laterza 2014)

28 Post scriptum Coscienza e conoscenza dei limiti (Bauman: Non si può risolvere a livello locale un problema globale) Lavoro duro Formazione Cambiamento Innovazione Umiltà


Scaricare ppt "Oltre l’ufficio stampa? Bologna 16 giugno 2014. Oltre l’ufficio stampa? Significa automaticamente anche Oltre il giornalismo? E oltre i giornalisti?"

Presentazioni simili


Annunci Google