La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

«S. Teresa: donna inquieta y andariega». Un cammino ancora aperto Chiara Vasciaveo Bari 25 febbraio 2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "«S. Teresa: donna inquieta y andariega». Un cammino ancora aperto Chiara Vasciaveo Bari 25 febbraio 2010."— Transcript della presentazione:

1 «S. Teresa: donna inquieta y andariega». Un cammino ancora aperto Chiara Vasciaveo Bari 25 febbraio 2010

2 Qual è la volontà di Dio? «Alcuni giorni dopo quello che ho detto, mentre pensavo se non avessero ragione quelli che vedevano male il mio uscire per fondare e se non fosse meglio impegnarmi sempre nell'orazione, sentii: "Finché si è sulla terra il profitto non sta nel godermi ma nel fare la mia volontà". Mi pareva, visto quel che dice S. Paolo e mi hanno appena detto e io lo avevo già sentito circa la clausura delle donne, che fosse questa la volontà di Dio. Mi disse: "Dì loro che non si fermino solo su una parola della Scrittura, ma guardino anche le altre e vedremo se potranno legarmi le mani"». Relazioni cap. 19

3 La sfida alla paura « E mai consiglierei - se fossi persona da dar pareri - che quando una buona ispirazione "attacca" più volte, si deve, per PAURA, lasciar perdere; che se si va nudamente solo per Dio, non si deve temere che accade del male, perché Egli è onnipotente in tutto ». V 4,2

4 Il contesto storico * La situazione degli ebrei convertiti. * La donna non aveva diritto ad alcuna istruzione sistematica, né a scegliere personalmente il suo stato di moglie o di monaca. * Dopo il 1559, fu pubblicato l'Indice dei libri proibiti. * Nessuna donna poteva studiare Teologia, tenere conferenze, commentare la Scrittura o temi dogmatici. La vita spirituale doveva essere puntualmente sottomessa al sacerdote confessore. Avila S. José - Parlatorio

5 Suggerimenti di metodo  Partire dalla vita concreta di S. Teresa per comprendere gli scritti.  Scoprire la fiducia che il Dio amico ha per tutti, donne comprese...  Il dono dell'amicizia per la crescita umana e spirituale. Avila Encarnación – Cella di S. Teresa

6 Tra norme storiche e libertà dello Spirito: quali spazi? Occorre distinguere ciò che Teresa, una donna-monaca senza studi di teologia, doveva fare per necessità dei tempi (come riferisi poco alla Scrittura), dalle sue scelte effettivamente personali. Bisogna evitare di scambiare per scelta, o metodo di lavoro o di preghiera, ciò che Teresa dovette subire.

7 Vida - Abbozzi di relazioni. - Relazioni spirituali e i Favori celesti. - Una sintesi di varie parti. - Nasce come testo per i confessori. - Più tardi assunse un ruolo più vasto (formativo) per le possibili sorelle. Autografo di S. Teresa

8 Schema Vida * 1-9 cap. biografici; *10-21 trattato dell’Orazione; * problemi con i confessori e locuzioni interiori; * fondazione di S. José; * Esperienze mistiche. S. José – Cella di S. Teresa

9 Situazione dell’ Encarnación * All’I., Teresa trascorse 27 anni e in esso si formò come donna e carmelitana. * I suoi testi non sono finalizzati ad una descrizione storica della vita dell’Incarnazione. * In esso, conobbe la Regola, l’Institutio e molti dei testi “di moda”, provenienti da vari Ordini (soprattuto Francescani e Gesuiti). Avila Encarnación – Chiostro

10 Cos’era la preghiera liturgica ai tempi di Teresa? * La preghiera liturgica era tutta in latino. * Le monache erano escluse dai suoi significati e non preparate per la sua comprensione.

11 Cos’era l’oración ai tempi di Teresa? «E se si persevera, spero dalla misericordia di Dio che nessuno mai ha preso per amico senza riceverne qualcosa; che non è altra cosa pregare interiormente, a mio parere, se non un rapporto di amicizia, stando molte volte da soli con Colui che sappiamo ci ama». V 8, 20 Cristo alla colonna – Reliquie di S. Teresa

12 E la Parola di Dio? «Può immaginarsi davanti a Cristo e cerchi di innamorarsi molto della sua santa Umanità tenendola sempre presente e parli con Lui… Presumere di non pensare e di sospenderlo noi (l'intelletto), dico che non si faccia, né si cessi dall'operare con esso, perché rimarremmo intontiti e freddi». V 12, 2

13 Un’avventura condivisa All’Incarnazione di Avila, Teresa condivise con molte Sorelle carmelitane e amiche esterne (come la vedova Guiomar de Ulloa), la ricerca di una vita spirituale meno esteriore, seppure ritmata da molti atti religiosi, più vera e profonda anche sul piano delle amicizie interpersonali. Senza questo movimento condiviso Teresa da sola, poco avrebbe potuto fondare.

14 Le Carmelitane dell’Incarnazione che seguirono Teresa furono più di 30 Anna degli Angeli, priora di Medina, Malgon e Toledo. Anna dell’Incarnazione (Tapia), priora di Medina e Salamanca. Ines di Gesù (Tapia), priora di Medina e Palencia. Isabella della Croce (Arias), sotto-priora a Medina e priora a Valladolid.

15 Dottore della Chiesa: un’inizio «Bisogna avere molta fiducia, perché conviene molto non soffocare i desideri, credendo che Dio, se noi ci impegniamo, poco a poco, anche se non subito, potremo arrivare dove giunsero molti santi con il suo aiuto; che, se non si fossero decisi a desiderarlo poco a poco, per porlo in pratica, non avrebbero mai raggiunto quello stato tanto elevato». V 13,2 Dottorato di S. Teresa – Medaglia commemorativa

16 Quale il “bello” di Teresa: la grata? « Per questo, mi pare, che il mio danno fu non stare in un monastero con clausura ». V 7,3 Avila Encarnación – interno Coro basso

17 Quale il “bello” di Teresa: il fuso? « Scrivo… rubando Il tempo e con pena perché ciò mi impedisce di filare (de hilar), essendo in questa casa povera e con molte occupazioni ». V 10,7 Avila Encarnación – Ricordi di S. Teresa

18 Quale il “bello” di Teresa: la sella? Tra il 1567 e il 1571 Teresa percorre dai 300 ai 700 km l’anno. Dopo la pausa del 1572 e i brevi spostamenti del , in cui si limita ai km, dal 1575 al 1582, percorre dai 500 ai 1000 km. Pur malata cronica, viaggiò più di un Gesuita. La sua vita, tra locande e viandanti, fu meno contemplativa di quella delle sue Sorelle? Avila S. José - Jamuga di S. Teresa

19 Quale il “bello” di Teresa: la perla «E’ la sua stessa disillusione nei confronti della vita che la porta a rompere con l’estetica e la retorica stereotipata, finendo per “sovvertire” il discorso nei confronti di un bellezza apparente e menzognera. L’anticonformismo nella scrittura è assolutamente inseparabile dal suo anticonformismo esistenziale in quanto donna, scrittrice e mistica». J. A. Marcos, Mistica e sovversiva: Teresa di Gesù (2006) Valladolid – autografo del Cammino

20 Il Carmelo: un giardino da coltivare «In ogni cosa si faccia uso del discernimento che è guida delle virtù». Regola del Carmelo Siviglia - Chiostro

21 Il Carmelo: un giardino da coltivare «Oggi non possiamo far riferimento a S. Teresa per mantenere intatte tutte le caratteristiche né le norme che reggevano le nostre comunità fin dall’inizio dell’opera della Santa… Tutto il tema che le donne non possono far altro che piangere “in segreto” e pregare, perché sono le “difensore della Chiesa” è radicalmente cambiato al nostro tempo… Mi azzardo a dire che ciascuna di noi deve vivere oggi qualcosa di quello che la Santa visse negli anni … Suppongo, a partire dalle notizie che ci giungono, che già esistano nella nostra famiglia teresiana molti tipi diversi di comunità. Suppongo che, come sempre, la vita preceda le leggi, la mistica preceda le istituzioni…». Madre Cristina Kaufmann Baltimora – Monache OCD

22 Una Commissione internazionale per il V Centenario della Nascita «Femmina inquieta. Vagabonda, disobbediente e contumace, che a titolo di devozione inventa cattive dottrine, andando in giro fuori della clausura contro l’ordine del Concilio [di Trento] e dei suoi superiori, insegnando come maestra contro quello che ha insegnato S. Paolo, il quale ha ordinato che le donne non insegnino». Avila CITES – Commissione internazionale

23 S. Teresa pellegrina, Madre nel discernimento «E mai consiglierei - se fossi persona da dar pareri - che quando una buona ispirazione "attacca" più volte, si deve, per PAURA, lasciar perdere; che se si va nudamente solo per Dio, non si deve temere che accade del male, perché Egli è onnipotente in tutto». V 4,2


Scaricare ppt "«S. Teresa: donna inquieta y andariega». Un cammino ancora aperto Chiara Vasciaveo Bari 25 febbraio 2010."

Presentazioni simili


Annunci Google