La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Michele Zarri 14 febbraio 2014 «Educazione è il punto in cui si decide se amiamo abbastanza il mondo per assumercene la responsabilità». Hanna Arendt.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Michele Zarri 14 febbraio 2014 «Educazione è il punto in cui si decide se amiamo abbastanza il mondo per assumercene la responsabilità». Hanna Arendt."— Transcript della presentazione:

1 Michele Zarri 14 febbraio 2014 «Educazione è il punto in cui si decide se amiamo abbastanza il mondo per assumercene la responsabilità». Hanna Arendt

2 VOCABOLARIO delle competenze nel sistema IeFP Michele Zarri 14 febbraio 2014

3 Competenza Comprovata capacità di utilizzare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e/o metodologiche, in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e personale. Nel contesto dell'European Qualifications Framework (EQF) le competenze sono descritte in termini di responsabilità e autonomia. Fonte: Raccomandazioni del Parlamento Europeo e del Consiglio, 23 aprile 2008.

4 Sintassi della competenza  A titolo esemplificativo, la denominazione della competenza è esprimibile attraverso un verbo di azione all’infinito coerente alla attività/compito da svolgere e, a seguire, l’oggetto che corrisponde “al risultato”atteso e la specificazione con la quale si precisano le condizioni in cui la competenza viene agita;  La competenza è tale quando si riferisce ad attività/compiti grazie ai quali si producono risultati dotati di completezza, autonomia o valore di scambio secondo le regole dei contesti specifici.  Si tenga presente che nell’indicare la competenza è sempre implicita la locuzione “essere in grado di...” ma non è opportuno riportarla ogni volta.  ESEMPIO “realizzare la progettazione di una ricerca di mercato secondo le specifiche tecniche…” Verbo all’infinito Oggetto Specificazione  A titolo esemplificativo, la denominazione della competenza è esprimibile attraverso un verbo di azione all’infinito coerente alla attività/compito da svolgere e, a seguire, l’oggetto che corrisponde “al risultato”atteso e la specificazione con la quale si precisano le condizioni in cui la competenza viene agita;  La competenza è tale quando si riferisce ad attività/compiti grazie ai quali si producono risultati dotati di completezza, autonomia o valore di scambio secondo le regole dei contesti specifici.  Si tenga presente che nell’indicare la competenza è sempre implicita la locuzione “essere in grado di...” ma non è opportuno riportarla ogni volta.  ESEMPIO “realizzare la progettazione di una ricerca di mercato secondo le specifiche tecniche…” Verbo all’infinito Oggetto Specificazione

5 Conoscenza Risultato dell’assimilazione di informazioni attraverso l’apprendimento. Le conoscenze sono un insieme di fatti, principi, teorie e pratiche relative ad un settore di lavoro o di studio. Nel contesto dell'European Qualifications Framework (EQF) le conoscenze sono descritte come teoriche e/o pratiche. Fonte: Raccomandazioni del Parlamento Europeo e del Consiglio, 23 aprile 2008

6 Sintassi della conoscenza  la denominazione delle conoscenze è esprimibile attraverso una locuzione che indichi: concetti; fatti; principi; teorie; procedure; metodi o tecniche; processi e un sostantivo che ne specifichi il riferimento;  È necessario indicare le conoscenze “essenziali”/"connotative" che hanno cioè rilevanza discriminante per l’esercizio della competenza.  Occorre evitare il ricorso ad alcune conoscenze molto analitiche ed altre eccessivamente generiche.  ESEMPIO: Metodi di stagionatura dei formaggi, procedure di controllo qualità, tecniche di elaborazione dati, tipologie di prodotti per il trattamento chimico delle pelli, processi di trasformazione del latte.  la denominazione delle conoscenze è esprimibile attraverso una locuzione che indichi: concetti; fatti; principi; teorie; procedure; metodi o tecniche; processi e un sostantivo che ne specifichi il riferimento;  È necessario indicare le conoscenze “essenziali”/"connotative" che hanno cioè rilevanza discriminante per l’esercizio della competenza.  Occorre evitare il ricorso ad alcune conoscenze molto analitiche ed altre eccessivamente generiche.  ESEMPIO: Metodi di stagionatura dei formaggi, procedure di controllo qualità, tecniche di elaborazione dati, tipologie di prodotti per il trattamento chimico delle pelli, processi di trasformazione del latte.

7 Abilità Indica le capacità di applicare conoscenze e di utilizzare know-how per portare a termine compiti e risolvere problemi. Nel contesto dell'European Qualifications Framework (EQF) le abilità sono descritte come cognitive (comprendenti l'uso del pensiero logico, intuitivo e creativo) o pratiche (comprendenti l'abilità manuale e l'uso di metodi, materiali, strumenti). Fonte: Raccomandazioni del Parlamento Europeo e del Consiglio, 23 aprile 2008

8 Sintassi dell’abilità  La denominazione delle abilità è esprimibile attraverso l’impiego di un verbo all’infinito che esprima una operazione concreta (es. manovrare, utilizzare, condurre) o astratta (calcolare, memorizzare, associare), un sostantivo che esprima l’oggetto dell’operazione e possibilmente una specificazione.  Tale modalità di esprimere le abilità risponde in modo più immediato al "senso comune" (= linguaggio "naturale") sia che si tratti di abilità operative in senso stretto che di abilità relazionali o cognitive.  L’abilità è indicativa di un unico oggetto e quindi non è opportuno, scrivere: “Applicare tecniche di taglio e cucito”, bensì: “Applicare tecniche di taglio” - “Applicare tecniche di cucito”  ESEMPIO: Applicare metodologie di analisi delle competenze, applicare tecniche di analisi dei costi, utilizzare strumenti per l'etichettatura merci, ecc.  La denominazione delle abilità è esprimibile attraverso l’impiego di un verbo all’infinito che esprima una operazione concreta (es. manovrare, utilizzare, condurre) o astratta (calcolare, memorizzare, associare), un sostantivo che esprima l’oggetto dell’operazione e possibilmente una specificazione.  Tale modalità di esprimere le abilità risponde in modo più immediato al "senso comune" (= linguaggio "naturale") sia che si tratti di abilità operative in senso stretto che di abilità relazionali o cognitive.  L’abilità è indicativa di un unico oggetto e quindi non è opportuno, scrivere: “Applicare tecniche di taglio e cucito”, bensì: “Applicare tecniche di taglio” - “Applicare tecniche di cucito”  ESEMPIO: Applicare metodologie di analisi delle competenze, applicare tecniche di analisi dei costi, utilizzare strumenti per l'etichettatura merci, ecc.

9 Progettazione Qualifiche sistema IEFP

10 Le qualifiche programmate Figura nazionaleQualifica regionale Operatore elettricoOperatore impianti elettrici Operatore elettronicoOperatore sistemi elettrico-elettronici Operatore di impianti termoidrauliciOperatore impianti termo-idraulici Operatore dei sistemi e dei servizi logisticiOperatore di magazzino merci Operatore alla riparazione dei veicoli a motoreOperatore dell’autoriparazione Operatore ai servizi di venditaOperatore del punto vendita Operatore amministrativo segretarialeOperatore amministrativo-segretariale Operatore della ristorazione Operatore ai servizi di promozione ed accoglienzaOperatore della promozione e accoglienza turistica Operatore del benessereOperatore alle cure estetiche

11 Le certificazioni nella nuova IeFP Competenze relative all’ obbligo di istruzione (DM 9 27 gennaio 2010) Strumenti di trasparenza delle competenze acquisite : Libretto formativo Portfoli delle evidenze Dichiarazioni… Qualifica professionale (triennale)

12 I riferimenti della progettazione unitaria Area Obiettivi e contenuti in termini di competenze per la IeFP (e relativi riferimenti normativi) Competenze culturali di base (in prevalenza, area generale) Asse linguaggi Asse matematico Asse scientifico- tecnologico Asse storico- sociale Competenze tecnico - professionali (in prevalenza, area di indirizzo) Competenze specifiche (quallifica/ind irizzo/settore ) Competenze tecnico- professionali comuni 1. Competenze (conoscenze e abilità) richieste per l’assolvimento dell’Obbligo di Istruzione (D.M. 139/07) 2. Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del 3° anno della IeFP (Allegato 4 dell’Accordo 27 luglio 2011). 3. Per gli IP: proprio ordinamento (D.P.R. 87/2010 e allegati), comprese autonomia e flessibilità (art.5 c.3, lettere a. e c.) 1. Capacità e conoscenze di cui alle 4 Unità di Competenza previste dal Sistema Regionale delle Qualifiche x la IeFP raccordate con le figure professionali nazionali 2. Per gli IP: proprio ordinamento (D.P.R. 87/2010 e allegati) compreseautonomia e di flessibilità (art.5 c.3, lettere a. e c.) 3. Competenze relative a: Qualità; Sicurezza, igiene e ambiente (D.I.15 giugno 2010, Allegato 3)

13 Dossier delle evidenze ha per oggetto gli apprendimenti che sono avvenuti in un contesto organizzato e strutturato, appositamente progettato come tale (formale), temporalmente prossimo e in cui è possibile e necessario prevedere modalità di verifica diretta.

14 ESEMPIO Denominazione UC di riferimento (riprodurre il box secondo le necessità) Ricerca ideativa in area meccanica IndicatoriTitolo e caratteristiche dell’evidenza Modalità di produzioneValutazione formativa (se attribuita) Indicatore 1: redazione del progetto del prodotto nella sua spazialità e in relazione al contesto  Progettazione di un particolare meccanico - prova di output”  Relazione su stage - documento rilasciato al termine dell’esperienza di alternanza Indicatore 2: documentazione delle qualità tecniche e morfologiche del prodotto  Relazione su stage - documento rilasciato al termine dell’esperienza di alternanza  Redazione della scheda tecnica di un particolare meccanico – prova di output Indicatore n:

15 Denominazione UC di riferimento (riprodurre il box secondo le necessità) Capacità/conoscenzeTitolo e caratteristiche evidenza/e Modalità di produzioneValutazione formativa (se attribuita) Capacità 1 Capacità 2 Capacità 3 Capacità n… Conoscenza 1 Conoscenza 2 Conoscenza 3 Conoscenza n…

16 Dossier evidenze da percorso formativo  Nel dossier delle evidenze da percorso formativo si formalizzano le evidenze che la persona ha prodotto durante il percorso formativo che costituiscono prove di conoscenza e capacità esercitate, correlabili agli standard del SRQ.  Il dossier delle evidenze è aperto a seguito della sigla della richiesta di formalizzazione e certificazione ed è alimentato progressivamente durante il percorso formativo, formalizzando le evidenze prodotte nelle diverse situazioni di apprendimento.  Nel dossier delle evidenze da percorso formativo si formalizzano le evidenze che la persona ha prodotto durante il percorso formativo che costituiscono prove di conoscenza e capacità esercitate, correlabili agli standard del SRQ.  Il dossier delle evidenze è aperto a seguito della sigla della richiesta di formalizzazione e certificazione ed è alimentato progressivamente durante il percorso formativo, formalizzando le evidenze prodotte nelle diverse situazioni di apprendimento.

17 Possono essere considerate evidenze da percorso formativo:  le verifiche realizzate durante il percorso formativo, in particolare quelle che hanno lo scopo di apprezzare gli apprendimenti previsti (cosiddette “sommative”) in esito a modulo o unità formativa;  informazioni documentate sullo svolgimento delle porzioni in alternanza del percorso formativo Possono essere considerate evidenze da percorso formativo:  le verifiche realizzate durante il percorso formativo, in particolare quelle che hanno lo scopo di apprezzare gli apprendimenti previsti (cosiddette “sommative”) in esito a modulo o unità formativa;  informazioni documentate sullo svolgimento delle porzioni in alternanza del percorso formativo

18 Oggetto del Dossier delle evidenze  ha per oggetto gli apprendimenti che sono avvenuti in un contesto organizzato e strutturato, appositamente progettato come tale (formale), temporalmente prossimo e in cui è possibile e necessario prevedere modalità di verifica diretta.

19 Valutazioni Formative e Sommative

20 Domanda: In quali modi siete soliti valutare I vostri studenti in classe? In quali modi siete soliti valutare I vostri studenti in classe?

21 21 Brainstorming valutazioni sommative e formative ___________________

22 Domanda:  Quando valutate? (Tradizionalmente, I docenti valutano gli studenti al termine di una unità o di un modulo)  Quando valutate? (Tradizionalmente, I docenti valutano gli studenti al termine di una unità o di un modulo)

23 Il processo di Formazione - Valutazione Prova sommativa “essere sicuro” Prove formative “controllare” “riscontrare” “coinvolgimento dello studente” Prove di ingresso “scoprire”

24 Prove di Ingresso  Checklist  Test  Grafici  Dimostrazioni  Checklist  Test  Grafici  Dimostrazioni Prodotti di studenti Prodotti manuali Test Standard Osservazione dei docenti Prove a risposta multipla Prove a risposta aperta

25 Prove formative: La valutazione di apprendimento avviene mentre la formazione è ancora in corso. Questi tipi di valutazione:  vanno a monitorare I bisogni degli allievi;  consentono di pianificare I passi successivi;  forniscono agli studenti riscontri e feedback che possono utilizzare per potenziare la qualità del loro lavoro; La valutazione di apprendimento avviene mentre la formazione è ancora in corso. Questi tipi di valutazione:  vanno a monitorare I bisogni degli allievi;  consentono di pianificare I passi successivi;  forniscono agli studenti riscontri e feedback che possono utilizzare per potenziare la qualità del loro lavoro;

26 Definizione:  La valutazione formativa fornisce informazioni durante il percorso formativo, prima della valutazione sommativa. Formatore e studente usano I risultati della valutazione formativa per decidere I passaggi successivi per potenziare l’apprendimento.

27 La valutazione formativa: 1.Fornisce un chiaro e comprensibile sguardo sul target di apprendimento. 2.Utilizza esempi e modelli di lavoro sia difficile che semplice. 3. Offre feedback regolari e descrittivi. 4.Insegna agli studenti ad autovalutarsi. 5.Incarica gli studenti nella riflessione e nella elaborazione. 1.Fornisce un chiaro e comprensibile sguardo sul target di apprendimento. 2.Utilizza esempi e modelli di lavoro sia difficile che semplice. 3. Offre feedback regolari e descrittivi. 4.Insegna agli studenti ad autovalutarsi. 5.Incarica gli studenti nella riflessione e nella elaborazione.

28 Valutazione Sommativa Una valutazione sommativa ha l’obiettivo:  Di fornire informazioni;  Fornire giudizi sugli studenti e I risultati dell’apprendimento al termine di un percorso complessivo. E’ un mezzo per determinare la padronanza complessiva della competenza di uno studente. Una valutazione sommativa ha l’obiettivo:  Di fornire informazioni;  Fornire giudizi sugli studenti e I risultati dell’apprendimento al termine di un percorso complessivo. E’ un mezzo per determinare la padronanza complessiva della competenza di uno studente.

29 Strategie di prove sommative:  Test complessivo  Performance  Prodotto finale  Dimostrazioni  Dossier  Test complessivo  Performance  Prodotto finale  Dimostrazioni  Dossier

30 Punti da ricordare: Valutazioni formative:  Si riferiscono a quanto avviene quotidianamente in classe  Fornisce ai docenti la serie di informazioni specifiche rispetto ai passi successivi da adottare nella formazione La valutazione conduce la formazione  Gli studenti sanno dove sono e dove devono andare  Le valutazioni intermedie forniscono feedback continui che aiutano gli studenti a progredire Valutazioni formative:  Si riferiscono a quanto avviene quotidianamente in classe  Fornisce ai docenti la serie di informazioni specifiche rispetto ai passi successivi da adottare nella formazione La valutazione conduce la formazione  Gli studenti sanno dove sono e dove devono andare  Le valutazioni intermedie forniscono feedback continui che aiutano gli studenti a progredire

31 31 Valutazione PER l’apprendimento Valutazione DELL’apprendimento

32 32 Teachers, students and parents are the primary users Teachers, principals, supervisors, program planners, and policy makers are the primary users DURANTEDOPO Utilizzata per avere informazioni su quanto e come potenziare l’apprendimento Utilizzato per certificare la COMPETENZA dello studente Obiettivo: rispondere ai bisogni degli studenti Utilizzato per classificare I livelli degli studenti Scopo: Potenziare l’apprendimentoScopo: collezionare le evidenze Prima motivazione: dimostrare che è possibile raggiungere risultati positivi Prima motivazione: avere un riscontro complessivo di quello che si è in grado di fare ContinuaPeriodica Esempi : prove intermedieEsempi: prove finali, esami, test complessivi e sommativi


Scaricare ppt "Michele Zarri 14 febbraio 2014 «Educazione è il punto in cui si decide se amiamo abbastanza il mondo per assumercene la responsabilità». Hanna Arendt."

Presentazioni simili


Annunci Google