La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

FILOSOFIA CLASSICA GRECA 500 450 400 350 300 250 200 DEMOCRITO SOCRATE PROTAGORA GORGIA PLATONE STOICISMO EPICUREISMO SCETTICISMO ARISTOTELE EUCLIDE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "FILOSOFIA CLASSICA GRECA 500 450 400 350 300 250 200 DEMOCRITO SOCRATE PROTAGORA GORGIA PLATONE STOICISMO EPICUREISMO SCETTICISMO ARISTOTELE EUCLIDE."— Transcript della presentazione:

1 FILOSOFIA CLASSICA GRECA DEMOCRITO SOCRATE PROTAGORA GORGIA PLATONE STOICISMO EPICUREISMO SCETTICISMO ARISTOTELE EUCLIDE

2 1. ARISTOTELE OPERE: ESSOTERICHE (DA DIVULGARE:perdute) ED. ANDRONICO da RODI ( I SEC. A.C. ) LOGICA FILOSOFIA NATURALE METAFISICA ETICA-POLITICA ESTETICA-RETORICA ESOTERICHE o ACROAMATICHE (da ascoltare)

3 2. ARISTOTELE: LA CONOSCENZA LA CONOSCENZA del NECESSARIO (SAPIENZA) del CONTINGENTE RAGIONE INTUITIVA SCIENZA SAGGEZZA ARTE LO STATO POLITICA LA FAMIGLIA ECONOMIA L'INDIVIDUO SAGGEZZA MATEMATICAFISICA METAFISICA

4 2.b. LA SCIENZA (il sapere) MATEMATICA(immutabile ma non esistente) FISICA (studia l'essere in movimento) METAFISICA(l'essere in quanto essere) B. CIO' CHE E' POSSIBILE 1. SCIENZE PRATICHE (azione) ETICA-POLITICA (il fine é in sé) 2. SCIENZE POIETICHE (la produz.) ARTE-POESIA (il fine é nel prod.) A. CIO' CHE E' NECESSARIO (SC. TEOR.) OGGETTO DEL SAPERE PUO' ESSERE:

5 3. LA LOGICA E' L' "ORGANON " : STRUMENTO CON IL QUALE E' POSSIBILE REGOLARE OGNI RICERCA LOGICA LOGICA (parola,discorso,ragione) : Stoici ORGANON ORGANON (strumento):Alessandro di Afr.(ii sec.d.C.)-Dal VI sec. designò tutti gli scritti di logica di Aristotele ANALITICA ANALITICA (risoluzione)é il termine adoperato da Ar.:è il metodo col quale si risolve una conclusione negli elementi da cui deriva (apodissi) DIALETTICA DIALETTICA :indica l'argomentazione probabile tesa a persuadere,non a dimostrare TERMINI COLLEGATI E' LA SCIENZA CHE STUDIA LE CONDIZIONI (REGOLE)DELLA VERITA'

6 4. L' " ORGANON " COMPRENDE GLI SCRITTI DI LOGICA : A. ANALITICA –LE CATEGORIE –SULL'INTERPRETAZIONE –ANALITICI PRIMI-SECONDI B. DIALETTICA TOPICI LUOGHI SOFISTICI

7 4.b. OGGETTO DEGLI SCRITTI DI LOGICA E ATTIVITA' MENTALI GIUDIZIO RAGIONAMENTO CONCETTI PROPOSIZIONI ARGOMENTAZIONI OGGETTI: DAL PIU' SEMPLICE AL PIU' COMPLESSO ATTIVITA' MENTALI APPRENSIONE

8 E' IL CONTENUTO DELL'APPRENSIONE ESSA COSTRUISCE I PROPRI CONTENUTI ENTRANDO IN RAPPORTO CON GLI OGGETTI NELLA SOGGETTO OGGETTO 5. IL CONCETTO LA MENTE E' UNA "TABULA RASA " ESPERIENZA SENSIBILE

9 5.b.ESPERIENZA SENSIBILE - 5 ORGANI DI SENSO - SENSO COMUNE - IMMAGINAZIONE - MEMORIA IMPRESSIONI SENSIBILI COSTRUISCE L'IMMAGINE RIPRODUCE UN OGGETTO E' L'ATTIVITA' CON LA QUALE FISSIAMO NELLA MENTE UNA IMMAGINE PARTICOLARE. CON LA COMPARAZIONE PRODUCIAMO POI UNA IMMAGINE GENERALE

10 6. DALLA CONOSCENZA SENSIBILE A QUELLA INTELLETTIVA A- CONOSCENZA SENSIBILEIMMAGINE GENERALE B- CONOSCENZA INTELLETTIVACONCETTO (NOTE COMUNI) (NOTE ESSENZIALI) IL CONCETTO E' LA CONOSCENZA DELL'ESSENZA DI UN OGGETTO L'ESSENZA DI UN OGGETTO VIENE DALL' INTELLETTO ASTRATTA DALLE IMMAGINI PARTICOLARI PRESENTI NELLA MENTE PERCHE' CONSERVATE DALLA MEMORIA TALE PROCEDIMENTO SI DICE INDUZIONE

11 7. ESTENSIONE - COMPRENSIONE TUTTI I CONCETTI POSSONO ESSERE CLASSIFICATI GERARCHICAMENTE IN RELAZIONE A : ESTENSIONE COMPRENSIONE NUMERO DEI SOGGETTI DEI QUALI SONO PREDICABILI INSIEME DEI CARATTERI IN ESSI CONTENUTI

12 7.b. GENERE - SPECIE COLLOCANDO I CONCETTI SU UNA SCALA ABBIAMO: GENERI Maggiore Estens. Minore Comprens. Es.: animale GENERI SOMMI categorie sostanze seconde SPECIE Minore Estens. Maggiore Comprens. Es.: cane SPECIE INFIME individui sostanze prime LA COLLOCAZIONE DEI CONCETTI SU UNA SCALA RENDE POSSIBILE IL LORO CORRETTO USO NEI GIUDIZI

13 8. FORMA E CONTENUTO LA LOGICA FORMALE RICERCA LE REGOLE-CONDIZIONI CHE MI AUTORIZZANO A LEGARE UNA PROPOSIZIONE AD UN'ALTRA INDIPENDENTEMENTE DAL CONTENUTO AL FINE DI CONSEGUIRE LA VERITA' EVITANDO L'ERRORE ESEMPIO: tutti gli uomini sono immortali Mario é un uomo Mario é immortale (mortale?) IL CONTENUTO DI UN DISCORSO E' DATO DAI TERMINI E DALLE PROPOSIZIONI LA FORMA DI UN DISCORSO E' DATA DAL MODO CON IL QUALE SONO UNITI I TERMINI E LE PROPOSIZIONI CONTENUTE

14 9. LE CATEGORIE (PREDICAMENTI) SONO I GENERI SOMMI OSSIA CONCETTI DOTATI DELLA MINIMA COMPRENSIONE E DELLA MASSIMA ESTENSIONE. PERTANTO COSTITUISCONO I PREDICATI ULTIMI E PIU' GENERALI CHE SI POSSONO ATTRIBUIRE A QUALSIVOGLIA CONCETTO-SOGGETTO (O REALTA') POSSONO ESSERE USATI SOLO COME PREDICATI SPECIE INFIME (INDIVIDUI) SONO INVECE I CONCETTI DOTATI DELLA MASSIMA COMPRENSIONE E DELLA MINIMA ESTENSIONE. POSSONO ESSERE USATI SOLO COME SOGGETTI ARISTOTELE ENUMERA DIECI CATEGORIE OSSIA RITIENE CHE QUALSIASI CONCETTO (O REALTA') RIENTRI SOTTO UNA DI ESSE.

15 10. LE 10 CATEGORIE (o predicamenti sommi) A. ENUMERA DIECI CATEGORIE,OSSIA RITIENE CHE QUALSIASI CONCETTO O REALTA' RIENTRI SOTTO UNA DI ESSE DI OGNI OGGETTO SI PUO' PREDICARE CHE E': SOSTANZA QUANTITA' QUALITA' RELAZIONE LUOGO TEMPO SITUAZIONE POSSESSO AGIRE PATIRE REALTA' ESISTENTE PER SE'(UOMO) IO HO DUE MELE LE VELE SONO BIANCHE TU HAI META' MELA TU SEI IN CLASSE VOI RITORNERETE DOMANI VOI STATE SEDUTI VOI AVETE I LIBRI VOI LEGGETE GLI APPUNTI VOI SARETE INTERROGATI Es.: Carlo é un alunno biondo;fratello di Mario,che stando qui oggi seduto prende appunti con la penna che ha,per essere interrogato

16 11. CATEGOREMI CATEGOREMI= PREDICABILI=MODI DI PREDICARE SONO DUNQUE IL MODO CON CUI SI PREDICA SONO CINQUE GENERE SPECIE DIFFER. SPEC. IL PROPRIO L'ACCIDENTE E' LA CLASSE PIU' AMPIA CUI APPARTIENE UN SOGGETTO (il banco é un mobile) E' QUELLA PARTE DEL GENERE CUI APPARTIENE UN SOGGETTO (Socrate é un uomo) E' CIO' CHE DISTINGUE, IN UN GENERE, UNA SPECIE DALLE ALTRE (l'uomo é un animale razionale) E' CIO' CHE APPARTIENE NECESSARIAMENTE A TUTTI GLI INDIVIDUI DI UNA STESSA SPECIE (l'uomo é un animale che ride) E' CIO' CHE APPARTIENE NON NECESSARIAMENTE AD UN SOGGETTO (Carlo é biondo)

17 12. LA DEFINIZIONE DEFINIRE UN CONCETTO SIGNIFICA FORNULARE UN GIUDIZIO IN MODO DA ESPRIMERE LA SUA ESSENZA E' POSSIBILE ? SI ENUNCIANDO: 1)IL GENERE PROSSIMO 2)LA DIFFERENZA SPECIFICA ESEMPIO: UOMO QUALE E' L'ESSENZA DEL CONCETTO DI UOMO? l'uomo é un animale razionale GENERE PROSSIMO DI UOMO DIFFERENZA SPECIFICA

18 13. IL GIUDIZIO DISCORSO E' L'ATTIVITA' CON LA QUALE UNIAMO PIU' TERMINI IN UN DISCORSO TUTTI I GIUDIZI SONO SIGNIFICATIVI DI QUALCOSA (SEMANTICI) NON TUTTI SONO PERO' VERI O FALSI (APOFANTICI) LA LOGICA SI INTERESSA SOLO DEI DISCORSI APOFANTICI AFFERMARE NEGARE POICHE' GIUDICARE E' AFFERMARE O NEGARE QUALCOSA DI QUALCOS' ALTRO, LE PROPOSIZIONI POSSONO ESSERE DISTINTE SECONDO: QUANTITA' UNIVERSALI-PARTICOLARI-SINGOLARI-INDEFINITE QUALITA' AFFERMATIVE-NEGATIVE MODALITA' NECESSARIE-CONTINGENTI-POSSIBILI-IMPOSSIBILI

19 14. LE PROPOSIZIONI SONO IL PRODOTTO DELL'ATTIVITA' DEL GIUDIZIO E COSTITUISCONO IL VERO OGGETTO DELLA LOGICA SI DISTINGUONO SECONDO LA: *QUANTITA' (estensione del soggetto) -UNIVERSALI tutti i triangoli hanno tre angoli -PARTICOLARI alcuni triangoli sono equilateri -SINGOLARI Alberto Sordi é un attore -INDEFINITE l'uomo é filosofo *QUALITA' (della connessione tra soggetto e oggetto: si-no) -AFFERMATIVE gli Italiani sono europei -NEGATIVE gli Egiziani non sono europei *MODALITA' (della predicazione) -NECESSARIE oggi deve piovere -CONTINGENTI oggi piove -POSSIBILI Mario può essere interrogato -IMPOSSIBILI gli uomini non possono volare POICHE' E' POSSIBILE STABILIRE UNA EQUIVALENZA TRA ALCUNE DELLE SUDDETTE PROPOSIZIONI, ESSE POSSONO RIDURSI A QUATTRO: AFFERMATIVE AFFERMATIVE UNIVERSALI E PARTICOLARI NEGATIVE NEGATIVE UNIVERSALI E PARTICOLARI

20 15. IL QUADRATO LOGICO (APULEIO, II sec.; BOEZIO,VI sec.; PSELLO, XI sec.) INDICANDO CON LE PRIME DUE VOCALI DEI VERBI AFFIRMO E NEGO LE QUATTRO CLASSI DI PROPOSIZIONI, SI HA: SUBALTERNESUBALTERNE tutti gli uomini sono bianchi I A alcuni uomini sono bianchi E O CONTRARIE SUBCONTRARIE CONTRAD DITTORIE SUBALTERNESUBALTERNE nessun uomo é bianco alcuni uomini non sono bianchi BASE LOGICA QUESTA SISTEMAZIONE CI OFFRE LA BASE LOGICA (indipendente dal contenuto) CHE FONDA LA VALIDITA' DI ALCUNE ELEMENTARI FORME DI RAGIONAMENTO: LE INFERENZE IMMEDIATE DOVE LA CONCLUSIONE SCATURISCE IMMEDIATAMENTE DA UNA PREMESSA CONTRAD DITTORIE

21 16. LE INFERENZE IMMEDIATE (1) A-E CONTRARIE A/O-E/I CONTRADDITTORIE I-O SUBCONTRARIE sono una vera, l'altra falsa; non possono essere entrambe vere; possono essere entrambe false OSSERVANDO IL QUADRATO LOGICO SI POSSONO FARE LE SEGUENTI INFERENZE IMMEDIATE: sono sempre una vera, l'altra falsa; non possono essere nè entrambe vere, nè entrambe false sono subalterne: I ad A, O ad E possono essere entrambe vere, ma non entrambe false E' POSSIBILE DUNQUE STABILIRE LE SEGUENTI INFERENZE IMMEDIATE


Scaricare ppt "FILOSOFIA CLASSICA GRECA 500 450 400 350 300 250 200 DEMOCRITO SOCRATE PROTAGORA GORGIA PLATONE STOICISMO EPICUREISMO SCETTICISMO ARISTOTELE EUCLIDE."

Presentazioni simili


Annunci Google