La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

BES ED INCLUSIONE 1. «Il Bisogno Educativo Speciale (Special Educational Need) è qualsiasi difficoltà evolutiva, in ambito educativo e/o apprenditivo,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "BES ED INCLUSIONE 1. «Il Bisogno Educativo Speciale (Special Educational Need) è qualsiasi difficoltà evolutiva, in ambito educativo e/o apprenditivo,"— Transcript della presentazione:

1 BES ED INCLUSIONE 1

2 «Il Bisogno Educativo Speciale (Special Educational Need) è qualsiasi difficoltà evolutiva, in ambito educativo e/o apprenditivo, espressa in un funzionamento (nei vari ambiti della salute secondo il modello ICF dell’Organizzazione Mondiale della Sanità) problematico anche per il soggetto, in termini di danno, ostacolo o stigma sociale, indipendentemente dall’eziologia, e che necessita di educazione speciale individualizzata ». (Ianes 2005b)  Età evolutiva : entro i primi 18 anni.  Funzionamento : concetto di funzionamento globale del soggetto secondo una prospettiva bio-psico-sociale (modello ICF dell’OMS).  Ambiti : educazione e/o apprendimento 2

3  Difficoltà di apprendimento : DSA, deficit attentivo con o senza iperattività, disturbi di comprensione, difficoltà visuo- spaziali, motorie, goffaggine.  Difficoltà emozionali : timidezza, collera, ansia, inibizione, depressione, disturbi della personalità, psicosi.  Difficoltà comportamentali : aggressività, bullismo, disturbi del comportamento alimentare, disturbi della condotta, oppositività, delinquenza, uso di droghe.  Ambito relazionale : isolamento, passività, eccessiva dipendenza.  Ambito familiare : famiglie disgregate, in conflitto, trascuranti, con episodi di abuso, maltrattamento, con esperienze di lutto o carcerazione. Difficoltà sociali, economiche, culturali, linguistiche. 3

4 Leggere i BES secondo il modello dell’ ICF MODELLO ADOTTATO IN TUTTA EUROPA E A LIVELLO SANITARIO 4

5 L’ ICF descrive le varie dimensioni che, in modo globale e interconnesso, determinano la salute, non la disabilità o le patologie. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti, la situazione di salute e di funzionamento di una persona va letta in modo globale, da diverse prospettive, in modo interconnesso e reciprocamente causale. 5

6 L’alunno che viene valutato secondo il modello ICF può evidenziare difficoltà specifiche in 7 ambiti principali : Condizioni fisiche : malattie varie, acute o croniche, fragilità, situazioni cromosomiche particolari, lesioni, ecc. Strutture corporee : mancanza di un arto, di una parte della corteccia cerebrale, ecc. Funzioni corporee : deficit visivi, deficit motori, deficit attentivi, di memoria, ecc. Attività personali: scarse capacità di apprendimento, di applicazione delle conoscenze, di pianificazione delle azioni, di comunicazione, di autoregolazione metacognitiva, di interazione sociale, di autonomia, di cura del proprio luogo di vita, ecc. Partecipazione sociale : difficoltà a rivestire i ruoli sociali di alunno, a partecipare alle situazione sociali più tipiche, nei vari ambienti e contesti. Fattori contestuali ambientali : famiglia problematica, cultura diversa, situazione sociale difficile, culture e atteggiamenti ostili, scarsità di servizi e risorse, ecc. Fattori contestuali personali : scarsa autostima, reazioni emozionali eccessive, scarsa motivazione, comportamenti problema, ecc. 6

7 Il C.d.C. o il Team docenti individua preventivamente gli alunni con BES.  Attiva un progetto temporaneo e reversibile attraverso:  Percorso di conoscenza della difficoltà del funzionamento attraverso intervista all’alunno e alla famiglia.  Attivazione di risorse: compagni di classe, collaboratori scolastici, famiglia, amici, vicini di casa ( r.informali ); psicologo, neuropsichiatra, assistente sociale, assistente educatore, mediatore linguistico ( r. formali ).  Individualizzazione dell’intervento ed educazione speciale. Inclusione. 7

8 “Il PDP non può più essere inteso come mera esplicitazione di strumenti compensativi e dispensativi per gli alunni con DSA, è bensì lo strumento in cui si potranno,ad es.,includere progettazioni didattico-educative, calibrate sui livelli minimi attesi per le competenze in uscita, di cui moltissimi alunni con BES, privi di qualsivoglia certificazione diagnostica, abbisognano, strumenti programmatici utili in maggior misura, rispetto a compensazioni o dispense, a carattere squisitamente didattico-strumentale. (CM n. 8 6/3/2013)” 8

9 Le metodologie e strategie didattiche devono essere volte a:  ridurre al minimo i modi tradizionali “di fare scuola” (lezione frontale,completamento di schede che richiedono ripetizione di nozioni o applicazioni di regole memorizzate, successione di spiegazione- studio-interrogazioni…)  favorire attività nelle quali i ragazzi vengano messi in situazione di conflitto cognitivo con se stessi e con gli altri  sfruttare i punti di forza di ciascun alunno, adattando i compiti agli stili di apprendimento degli studenti e dando varietà e opzioni nei materiali e nelle strategie d’insegnamento  utilizzare mediatori didattici diversificati (mappe, schemi, immagini) 9

10 Le metodologie e strategie didattiche devono essere volte a:  stimolare il recupero delle informazioni tramite il brainstorming  collegare l’apprendimento alle esperienze e alle conoscenze pregresse degli studenti  favorire l’utilizzazione immediata e sistematica delle conoscenze e abilità, mediante attività di tipo laboratoriale  sollecitare la rappresentazione di idee sotto forma di mappe da utilizzare come facilitatori procedurali nella produzione di un compito  far leva sulla motivazione ad apprendere 10

11 11

12 12

13 13

14 14

15 15

16 16

17 17

18 Le Istituzioni scolastiche adottano modalità valutative che consentono all’alunno DSA di dimostrare effettivamente il livello di apprendimento raggiunto, mediante l’applicazione di misure che determinino le condizioni ottimali per l’espletamento della prestazione da valutare (relativamente ai tempi di effettuazione e alle modalità di strutturazione delle prove) riservando particolare attenzione alla padronanza dei contenuti disciplinari, a prescindere dagli aspetti legati all’abilità deficitaria. (DM 5669/2011,art.6 comma2)” Valutazione per l’apprendimento e non solo dell’apprendimento 18

19 L’obiettivo del personalizzare i criteri sembrerebbe,pertanto, quello di dare all’allievo la possibilità di poter dimostrare il livello di apprendimento raggiunto, senza essere penalizzato da procedure che non considerano le difficoltà specifiche,tenendo separate quindi le abilità o competenze che vado a valutare, dalle eventuali difficoltà di accesso legate al disturbo! Un atto di equità … non un dar loro una possibilità in più degli altri! 19

20 Come valutare  considerando le caratteristiche del disturbo  ignorando gli errori di trascrizione  segnalando senza calcolarli gli errori ortografici  indicando senza valutarli gli errori di calcolo  valutando i contenuti e le competenze e non la forma  tenendo conto del punto di partenza e dei risultati conseguiti  premiando i progressi e gli sforzi  penalizzando ciò che non dipende dal disturbo 20

21 Non per tutti gli allievi con Bes saranno sufficienti accorgimenti di questo tipo,per altri, bisognerà andare a personalizzare anche i contenuti della valutazione… A questo proposito la CM del 6 marzo ’13, fa riferimenti ai livelli minimi attesi.(Fogarolo,2013) 21

22 22

23 23

24 La valutazione delle lingue straniere Le Istituzioni scolastiche attuano ogni strategia didattica per consentire ad alunni e studenti con DSA/BES l’apprendimento delle lingue straniere, privilegiando l’espressione orale, nonché ricorrendo agli strumenti compensativi e alle misure dispensative più opportune. Decreto 12 Luglio 2011 Art.6 - Forme di verifica e di valutazione Le prove scritte di lingua straniera sono progettate,presentate e valutate secondo modalità compatibili con le difficoltà connesse ai DSA. 24

25 25 In ogni caso, non si potrà accedere alla dispensa dalle prove scritte di lingua straniera se non in presenza di uno specifico disturbo clinicamente diagnosticato, secondo quanto previsto dall’art6 del DMn del 12 luglio 2011 e dalle allegate Linee guida.

26 Il PDP, una volta redatto, deve essere consegnato alle famiglie Nel predisporre la documentazione, è fondamentale il raccordo con la famiglia,che può dare informazioni e fare osservazioni su esperienze sviluppate dallo studente in modo autonomo o in percorsi extra-scolastici. Il patto educativo scuola – famiglia si configura come un accordo dichiarato circa una serie di atteggiamenti ed azioni che conducono ciascun componente alla consapevolezza del proprio ruolo. 26

27 Accordi con la famiglia/studente:  concordare l’organizzazione per lo studio pomeridiano ( qualità e quantità dei compiti a casa)  mantenere monitorato il processo educativo dell’alunno anche attraverso il tutor pomeridiano (genitore, tutor, ripetitore, educatore)  concordare gli strumenti compensativi utilizzati (casa/ scuola)  le misure dispensative (es. tempi più lunghi per lo studio pomeridiano, interrogazioni programmate)  gestione del diario 27

28 28

29 Gli alunni disabili e con BES, in generale, ci conducono a modificare non solo i metodi di insegnamento, ma anche a utilizzarne diversi nella medesima situazione didattica. I compiti proposti devono essere POLIRISOLVIBILI, cioè affrontabili a diversi livelli di competenza. Esempio: RIELABORAZIONE BRANO NARRATIVO Approcci diversi (compito polirisolvibile): Domande verbali Disegno fumetti Ritaglio sequenze, Evidenziazione parole chiave Ricerca immagini Ricerca vocabolario OGNI ALUNNO PUO ’ TROVARE IL PROPRIO SPAZIO E PARTECIPARE ALLE ATTIVITA’ PENSATE PER LA CLASSE 29

30 1. LA SOSTITUZIONE: obiettivo uguale, si modifica l’accessibilità (registrazione audio dei testi, cards per alunni con sordità, etc.) 2. LA FACILITAZIONE: uso di tecnologie motivanti (LIM; software) e contesti didattici interattivi (cooperative learning.,tutoring, laboratori…); proposto anche in ambienti reali 3. LA SEMPLIFICAZIONE: modificazione del lessico, riduzione dei concetti, dei criteri di esecuzione del compito (uso calcolatrice, numero di errori più elevato…) 4. SCOMPOSIZIONE IN NUCLEI FONDANTI: identificazione delle attività fondanti (strumentalità di base, lettura e scrittura funzionale, matematica pratica…) 5. PARTECIPAZIONE ALLA CULTURA DEL COMPITO: far sperimentare sfida cognitiva ottimale, elaborazione di un prodotto…per aiutare l’alunno a partecipare a momenti significativi 30

31  L’OBIETTIVO NON E’ DIVERSIFICATO.  SI STIMOLA UN APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO.  SI RIDUCONO LE DIFFICOLTA’ DERIVANTI DAL CONTESTO O DAGLI STRUMENTI.  SI LAVORA CON TEMPISTICA PIU ’ DISTESA.  SI ORGANIZZANO SPAZI, MATERIALI (posizione banco e arredi, illuminazione – es. con soggetto autistico).  SI INTRODUCONO STIMOLI DI VARIA NATURA: 1. colori 2. immagini 3. mappe 4. organizzatori anticipati (strategie metacognitive) 5. autoistruzioni per compiti specifici 31

32 1. L’OBIETTIVO E’ SEMPLIFICATO IN MERITO A: COMPRENSIONE ELABORAZIONE RISPOSTA 2. SI MODIFICA IL LESSICO. 3. SI RIDUCE LA COMPLESSITA’ CONCETTUALE. 4. SI EVITANO / SOSTITUISCONO ALCUNE PROCEDURE. 5. SI MODIFICANO I CRITERI DI RISPOSTA E VALUTAZIONE (strumenti compensativi) 32

33 1. usare colori per evidenziare la parola chiave e le informazioni principali 2. far ricorso a mappe concettuali per sintetizzare informazioni 3. accompagnare l’uso delle mappe a disegni/immagini che ne evidenzino i concetti principali per favorire la memorizzazione 4. Schematizzare in maniera gerarchica le informazioni importanti 5. Ridurre, semplificare il lessico 6. Costruire schemi cronologici e logici 7. Operare sugli aspetti grafici 33

34 L’uso di MAPPE per lo studio consente di usare compiti POLIRISOLVIBILI e di andare incontro alle necessità di tutti gli alunni. L’uso di MAPPE CONCETTUALI favorisce:  l’analisi del contenuto  l’evidenziazione di parole chiave  l’associazione con immagini  la comprensione di causa ed effetti  i nodi che collegano logicamente le informazioni  la capacità di studio e memorizzazione  la capacità di esposizione  il lavoro cooperativo 34

35 AREA: MATEMATICA OBIETTIVO : ESEGUIRE OPERAZIONI APPLICATE A PROBLEMI calcolare il resto al mercato AREA: ITALIANO OBIETTIVO : RINFORZARE L’USO DEI DIGRAMMI E TRIGRAMMI software didattici per l’ortografia AREA: STORIA-GEOGRAFIA-SCIENZE OBIETTIVO : COMPRENDERE L’ORGANIZZAZIONE DI UN ARGOMENTO fornire mappa concettuale 35

36 Per quanto concerne gli alunni con cittadinanza non italiana necessitano innanzitutto di interventi didattici relativi all’apprendimento della lingua italiana e, solo in via eccezionale, della formalizzazione tramite un PDP (CM n. 8/2013) soprattutto per alunni: 36

37 neo arrivati in Italia; ultratredicenni; provenienti da Paesidi lingua non latina; dove siano chiamate in causa altre problematiche. 37

38 38 La circolare n.13/2013 sullemodalità organizzative degli esami diStato, nella parte relativa all’esame dei candidaticonDSA, afferma "Per altresituazioni di alunni con difficoltà di apprendimento di varia natura, formalmente individuate dal Consigliodi classe, devono essere fornitedalmedesimo Organo utilie opportune indicazioni per consentire a tali alunni di sostenere adeguatamente l’esamediStato."

39  STRUMENTI UTILI :    Software di tutoraggio per l'adattamento dei testi scolastici: "FACILTESTO“  /miur-sw- tutoraggio/manuale_utente_faciltesto.pdf /miur-sw- tutoraggio/manuale_utente_faciltesto.pdf  gli-alunni-con-bes-guida.html gli-alunni-con-bes-guida.html 39

40 Da :www.puntoedu.indire.it 1)BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E INCLUSIONE: DALLA VALUTAZIONE DELLE NECESSITA’ ALL’ATTIVAZIONE DELLE RISORSE Dario Ianes, psicologo, Centro Studi Erickson –Trento e Università diBolzano Sofia Cramerotti, psicologa, Centro Studi Erickson – Trento 2) IL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO UN PERCORSO DI PROMOZIONE AL SUCCESSO FORMATIVO Prof.ssa Annapaola Capuano Formatrice AID Insegnante – Pedagogista clinico Prof.ssa Franca Storace Formatrice AID Insegnante - Pedagogista clinico 3) VALUTARE GLI ALUNNI CON BES Breve Guida Pratica di Anna La Prova “Psicologa, Psicoterapeuta e Docente, si occupa da 15 anni di formazione e consulenza insegnanti su metodologie didattiche inclusive.” FONTI: 40


Scaricare ppt "BES ED INCLUSIONE 1. «Il Bisogno Educativo Speciale (Special Educational Need) è qualsiasi difficoltà evolutiva, in ambito educativo e/o apprenditivo,"

Presentazioni simili


Annunci Google