La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

G. Pascoli, X Agosto (Myricae, 1897). “Myricae” Il titolo della raccolta è ispirato a un verso della IV Egloga (poesia di argomento pastorale) di Virgilio:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "G. Pascoli, X Agosto (Myricae, 1897). “Myricae” Il titolo della raccolta è ispirato a un verso della IV Egloga (poesia di argomento pastorale) di Virgilio:"— Transcript della presentazione:

1 G. Pascoli, X Agosto (Myricae, 1897)

2 “Myricae” Il titolo della raccolta è ispirato a un verso della IV Egloga (poesia di argomento pastorale) di Virgilio: non omnis (= omnes) arbusta iuvant humilesque myricae Che rapporto c’è tra il titolo e i contenuti dell’opera?

3 G. Pascoli, X Agosto (Myricae, 1897)

4 Come si fa l’analisi del testo poetico? Quali elementi devo analizzare? In che ordine?

5 Analisi del significante Breve introduzione (dati essenziali sul componimento) e breve analisi metrica e ritmica del componimento

6 San Lorenzo, io lo so perché tanto di stelle per l'aria tranquilla arde e cade, perché si gran pianto nel concavo cielo sfavilla. Ritornava una rondine al tetto: l'uccisero: cadde tra i spini; ella aveva nel becco un insetto: la cena dei suoi rondinini. Ora è là, come in croce, che tende quel verme a quel cielo lontano; e il suo nido è nell'ombra, che attende, che pigola sempre più piano. Anche un uomo tornava al suo nido: l'uccisero: disse: Perdono; e restò negli aperti occhi un grido: portava due bambole in dono. Ora là, nella casa romita, lo aspettano, aspettano in vano: egli immobile, attonito, addita le bambole al cielo lontano. E tu, Cielo, dall'alto dei mondi sereni, infinito, immortale, oh! d'un pianto di stelle lo inondi quest'atomo opaco del Male! La poesia ……………………di …………………., tratta dalla raccolta ………………..è composta da di versi ………………………in rima …………………………….

7 San Lorenzo, io lo so perché tanto di stelle per l'aria tranquilla arde e cade, perché si gran pianto nel concavo cielo sfavilla. Ritornava una rondine al tetto: l'uccisero: cadde tra i spini; ella aveva nel becco un insetto: la cena dei suoi rondinini. Ora è là, come in croce, che tende quel verme a quel cielo lontano; e il suo nido è nell'ombra, che attende, che pigola sempre più piano. Anche un uomo tornava al suo nido: l'uccisero: disse: Perdono; e restò negli aperti occhi un grido: portava due bambole in dono. Ora là, nella casa romita, lo aspettano, aspettano in vano: egli immobile, attonito, addita le bambole al cielo lontano. E tu, Cielo, dall'alto dei mondi sereni, infinito, immortale, oh! d'un pianto di stelle lo inondi quest'atomo opaco del Male! Il componimento presenta una sintassi piuttosto …………………., con periodi per lo più ……………..; sono rari gli ……………(solo ai 1-2, vv. 9-10, vv , 21-22) che mettono in evidenza ……………………

8 San Lorenzo, io lo so perché tanto di stelle per l'aria tranquilla arde e cade, perché si gran pianto nel concavo cielo sfavilla. Ritornava una rondine al tetto: l'uccisero: cadde tra i spini; ella aveva nel becco un insetto: la cena dei suoi rondinini. Ora è là, come in croce, che tende quel verme a quel cielo lontano; e il suo nido è nell'ombra, che attende, che pigola sempre più piano. Anche un uomo tornava al suo nido: l'uccisero: disse: Perdono; e restò negli aperti occhi un grido: portava due bambole in dono. Ora là, nella casa romita, lo aspettano, aspettano in vano: egli immobile, attonito, addita le bambole al cielo lontano. E tu, Cielo, dall'alto dei mondi sereni, infinito, immortale, oh! d'un pianto di stelle lo inondi quest'atomo opaco del Male! Il ritmo risulta piano/scorrevole/spezzato specialmente nelle strofe ………….., come dimostra l’uso della ……………………….che interrompe la linearità dei versi, conferendo al componimento un tono ……………………..

9 2.L’analisi del significato

10 In cosa consiste a)Parafrasi del testo b)Sintesi del contenuto / struttura del componimento (a livello tematico) C)Individuare le parole chiave, i campi semantici e i simboli, da cui ricavare il tema. d)Fare riferimento alle figure retoriche del significato e dell’ordine per ampliare l’analisi del tema.

11 San Lorenzo, io lo so perché tanto di stelle per l'aria tranquilla arde e cade, perché si gran pianto nel concavo cielo sfavilla. Ritornava una rondine al tetto: l'uccisero: cadde tra i spini; ella aveva nel becco un insetto: la cena dei suoi rondinini. Ora è là, come in croce, che tende quel verme a quel cielo lontano; e il suo nido è nell'ombra, che attende, che pigola sempre più piano. Anche un uomo tornava al suo nido: l'uccisero: disse: Perdono; e restò negli aperti occhi un grido: portava due bambole in dono. Ora là, nella casa romita, lo aspettano, aspettano in vano: egli immobile, attonito, addita le bambole al cielo lontano. E tu, Cielo, dall'alto dei mondi sereni, infinito, immortale, oh! d'un pianto di stelle lo inondi quest'atomo opaco del Male! 1.La parafrasi del testo

12 Sintesi del contenuto (generale)

13 San Lorenzo, io lo so perché tanto di stelle per l'aria tranquilla arde e cade, perché si gran pianto nel concavo cielo sfavilla. Ritornava una rondine al tetto: l'uccisero: cadde tra i spini; ella aveva nel becco un insetto: la cena dei suoi rondinini. Ora è là, come in croce, che tende quel verme a quel cielo lontano; e il suo nido è nell'ombra, che attende, che pigola sempre più piano. Anche un uomo tornava al suo nido: l'uccisero: disse: Perdono; e restò negli aperti occhi un grido: portava due bambole in dono. Ora là, nella casa romita, lo aspettano, aspettano in vano: egli immobile, attonito, addita le bambole al cielo lontano. E tu, Cielo, dall'alto dei mondi sereni, infinito, immortale, oh! d'un pianto di stelle lo inondi quest'atomo opaco del Male! Nella poesia il poeta ricorda l’evento traumatico ………………………………., mentre …………………………………………….., paragonato a un ………………………, per la tragica sorte ……………………………. e per la malvagità ………………………………………………….

14 Sintesi del contenuto, strofa per strofa

15 San Lorenzo, io lo so perché tanto di stelle per l'aria tranquilla arde e cade, perché si gran pianto nel concavo cielo sfavilla. Nella prima strofa il poeta mostra di conoscere la ……………………………..del fenomeno delle ……………………, visibile in particolare ………………………………….(10 agosto, anniversario della morte del padre): queste gli appaiono come …………………………………………

16 Ritornava una rondine al tetto: l'uccisero: cadde tra i spini; ella aveva nel becco un insetto: la cena dei suoi rondinini. La seconda strofa sviluppa la storia di ………………………………, uccisa mentre …………………………………………

17 Ora è là, come in croce, che tende quel verme a quel cielo lontano; e il suo nido è nell'ombra, che attende, che pigola sempre più piano. La terza strofa si sofferma ……………………………………………e sulla violenza contro gli esseri indifesi (evocata dall’immagine ………………….che ricorda per antonomasia il sacrificio di ………………….., simbolo della sofferenza ……………………). Poi l’attenzione si sposta ………………………., dove il pigolio dei rondinotti diventa ……………………………per la mancanza di cibo.

18 Anche un uomo tornava al suo nido: l'uccisero: disse: Perdono; e restò negli aperti occhi un grido: portava due bambole in dono. La quarta strofa riassume ……………………………, ucciso mentre tornava ………………………….. Anche qui la parola “Perdono” sembra richiamare ………………………………………, che perdonò i suoi carnefici.

19 Ora là, nella casa romita, lo aspettano, aspettano in vano: egli immobile, attonito, addita le bambole al cielo lontano. Nella quinta strofa l’attenzione si sposta ……………………, dove i figli attendono …………………………………e sull’immagine …………………………………., vittima innocente di un delitto che lo lascia ………………………

20 E tu, Cielo, dall'alto dei mondi sereni, infinito, immortale, oh! d'un pianto di stelle lo inondi quest'atomo opaco del Male! Nella sesta strofa il poeta si rivolge …………………………e riprende l’immagine iniziale …………………………….., simbolo della partecipazione dell’universo al ………………………………

21 Struttura del componimento (a livello tematico) La poesia ha una struttura simmetrica fatta di precisi richiami (o rispondenze interne tra le strofe): proviamo a individuarla.

22 San Lorenzo, io lo so perché tanto di stelle per l'aria tranquilla arde e cade, perché si gran pianto nel concavo cielo sfavilla. Ritornava una rondine al tetto: l'uccisero: cadde tra i spini; ella aveva nel becco un insetto: la cena dei suoi rondinini. Ora è là, come in croce, che tende quel verme a quel cielo lontano; e il suo nido è nell'ombra, che attende, che pigola sempre più piano. Anche un uomo tornava al suo nido: l'uccisero: disse: Perdono; e restò negli aperti occhi un grido: portava due bambole in dono. Ora là, nella casa romita, lo aspettano, aspettano in vano: egli immobile, attonito, addita le bambole al cielo lontano. E tu, Cielo, dall'alto dei mondi sereni, infinito, immortale, oh! d'un pianto di stelle lo inondi quest'atomo opaco del Male!

23 Completa La poesia presenta una …………………………………., fatta di precisi richiami interni: la prima strofa corrisponde ……………………………….,, proponendo il tema del …………………………………..che guarda da una lontananza infinita ……………………. ((tanto di stelle – pianto di stelle; ………………………………………..); a sua volta il gruppo delle strofe ……. e …………risponde esattamente al gruppo della ……………e della …………..,, poiché esse presentano in parallelo due esempi del male, ………………………….

24 Evidenti e insistite sono le corrispondenze tra il gruppo della seconda e della terza quartina e quello della quinta e della sesta, che sviluppano il parallelismo tra ……………………………………………., come si evince dalla tabella. RondinePadre “ritornava una rondine” (v. 5) Al tetto (v. 5) L’uccisero (v. 6) Ella aveva nel becco un insetto (v.7) Tende quel verme (v. 10) Ora è là (v. 9) Attende (v. 11)

25 C)Individuare le parole chiave, i campi semantici e i simboli, da cui ricavare il tema. Le parole chiave (e i relativi simboli) sono due. Quali?

26 Completa il campo semantico del cielo Cielo piantolontano

27 Completa il campo semantico del cielo Cielo pianto Infinito Immorta le Alto Mondi sereni Aria tranquil la Stelle /sfavilla lonta no

28 Completa il campo semantico del nido Nido Rondine /rondinini tetto

29 Completa il campo semantico del nido Nido Rondine /rondinini Bam bole Cena/ verme Padre Casa romita tetto

30 Completa Le parole chiave e insieme i simboli su cui si incentra il componimento sono due: da una parte …………………………….., che rimanda ai valori familiari, alla sensazione di ……………..e di ………………….che solo ………………………….; dall’altra ………………….., che, sebbene distante e lontano dalla terra, non è ……………………………………………….

31 Quali sono i temi principali del componimento?

32 Completa Il primo tema è quello della ………………………di cui sono vittime un uomo e ………………………, due creature …………………………..che diventano il simbolo dell’ingiustizia e del male che ……………………….. Il secondo tema è indubbiamente quello del …………., che ricorre in molte poesie di Pascoli: esso non è altro che la ………………………….della …………….., della ………………

33 Next time (giovedì 26) 1)Studia la definizione di “letteratura delle origini” e “come si studia la letteratura”. 2)Riguarda la poesia X Agosto di G.Pascoli (questa PPT).


Scaricare ppt "G. Pascoli, X Agosto (Myricae, 1897). “Myricae” Il titolo della raccolta è ispirato a un verso della IV Egloga (poesia di argomento pastorale) di Virgilio:"

Presentazioni simili


Annunci Google