La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ANNO A – FESTA DI MARIA SANTISSIMA 1 gennaio 2010 Nm. 6,22-27 - Gal. 4,4-7 - Lc. 2,16-21 Noi Ti lodiamo nella maternità della Vergine Maria.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ANNO A – FESTA DI MARIA SANTISSIMA 1 gennaio 2010 Nm. 6,22-27 - Gal. 4,4-7 - Lc. 2,16-21 Noi Ti lodiamo nella maternità della Vergine Maria."— Transcript della presentazione:

1

2 ANNO A – FESTA DI MARIA SANTISSIMA 1 gennaio 2010 Nm. 6, Gal. 4,4-7 - Lc. 2,16-21 Noi Ti lodiamo nella maternità della Vergine Maria

3 1.MARIA MADRE DI DIO. La celebrazione del Natale del Signore culmina con il pensiero e lo sguardo rivolto alla Madre. Se c’è un figlio è perché c’è una madre. In Maria si sceglie una madre. Dio si fa uomo, si incarna e percorre tutta la condizione umana, eccetto il peccato. Dalla Madre dipende concretamente anche l’educazione e la missione del figlio. Perciò Maria è profondamente legata alla missione di suo Figlio, ne è cosciente e lo accompagna fino alla croce.

4 Fin dai primi tempi della storia cristiana Maria è venerata come Madre di Dio, e questo titolo giustifica la venerazione e la lode che la chiesa innalza a Maria, e l’attenzione a quel Figlio che lei genera e presenta al mondo. Venerare Maria per il cristiano significa accogliere il Figlio con pienezza di fede, come ha fatto Maria.

5 Maria è grande perché è la madre del Figlio di Dio, ed è sempre fedele al progetto divino, modello di fede, ci offre il Figlio generando anche in noi la stessa fede.

6 Il secondo profilo mariano di questa liturgia è racchiuso in un’altra riga di Luca: “Maria serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore”. Il verbo “meditare” indica il “mettere insieme, trovare unità, scoprire il senso delle cose…

7 La riflessione profonda spezza la superficialità dei fatti e delle cose e ci introduce in una trama armonica segreta, quella che Dio traccia nella nostra esistenza. Anche negli avvenimenti del mondo, spesso apparentemente caotici, dobbiamo scoprire le indicazioni più alte del mistero di Dio a cui siamo chiamati, e di una missione al servizio della vita a cui dobbiamo responsabilizzarci.

8 In questo brano abbiamo anche il rito della circoncisione. Le origini di questo rito si perdono nella storia dei tempi, nato con vari significati antropologici; il mondo ebraico lo ha ereditato come “sacramento” della sua appartenenza al popolo di Dio e della sua consacrazione a Dio, rito parallelo al Battesimo per noi cristiani.

9 Nel rito della circoncisione fu dato al bambino il nome di Gesù che lo identifica con il progetto di Dio: “Jahvéh è salvezza”. Il nome è indicativo della personalità e della sua missione, perciò anche noi cristiani ci tramandiamo da sempre il messaggio “sii te stesso, come è scritto nel tuo nome di cristiano”.

10 2. INIZIARE CON LA BENEDIZIONE La prima lettura parla da sola: «Ti benedica il Signore e ti protegga. Il Signore rivolga su di te il suo volto e ti dia la pace». E’ la benedizione dei padri ai figli all’inizio di ogni loro impresa. Nel significato di questo gesto c’è il massimo dell’assunzione della responsabilità educativa da parte del padre verso i figli.

11 Iniziare un anno con la benedizione di Dio significa dare valore sacro al tempo opportuno che ci è dato, con quel programma di pace che emana dal volto stesso di Dio, dal quale siamo chiamati a santificare il tempo nella pace.

12 Risalire alla propria sorgente, alla propria origine, non si può senza trovare là un Altro, che è il nostro vero principio, appunto la sorgente: allora ci ritroviamo in due a celebrare un inizio come benedizione... e così la festa si accresce a dismisura.

13 Mentre noi guardiamo, ci scopriamo guardati; si cerca e ci si trova ricercati: volevi amare un inizio e scopri che il tuo inizio fu un atto di amore; risali al principio per benedire e ti scopri come benedetto. La novità è crescere come benedizione alla vita, perché tu sei un «benedetto per benedire» (Ef 1,3).

14 Sunto dell’Omelia odierna del Padre Dehoniano Natalino Costalunga F I N E


Scaricare ppt "ANNO A – FESTA DI MARIA SANTISSIMA 1 gennaio 2010 Nm. 6,22-27 - Gal. 4,4-7 - Lc. 2,16-21 Noi Ti lodiamo nella maternità della Vergine Maria."

Presentazioni simili


Annunci Google