La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ATTENTION DEFICIT HYPERACTIVITY disorder L’ALUNNO CON SINDROME ADHD: STRATEGIE EDUCATIVE E DIDATTICHE C. Smaldone-FRANCESCA FEDELE Ass. PROMETEO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ATTENTION DEFICIT HYPERACTIVITY disorder L’ALUNNO CON SINDROME ADHD: STRATEGIE EDUCATIVE E DIDATTICHE C. Smaldone-FRANCESCA FEDELE Ass. PROMETEO."— Transcript della presentazione:

1

2 ATTENTION DEFICIT HYPERACTIVITY disorder L’ALUNNO CON SINDROME ADHD: STRATEGIE EDUCATIVE E DIDATTICHE C. Smaldone-FRANCESCA FEDELE Ass. PROMETEO

3 SINTOMI ADHD DISATTENZIONE IPERATTIVITÀ IMPULSIVITÀ

4 CATEGORIE DI DIFFICOLTÀ APPRENDIMENTO COMPORTAMENTO RELAZIONE

5 DEFICIT DELL’APPRENDIMENTO DISLESSIA DISGRAFIA DISCALCULIA DIFFICOLTÀ DI ACQUISIZIONE DI NUOVE INFORMAZIONI

6 DISATTENZIONE NON RIUSCIRE A PRESTARE ATTENZIONE AI PARTICOLARI COMMETTERE ERRORI DI DISTRAZIONE NEI COMPITI SCOLASTICI AVERE DIFFICOLTÀ A MANTENERE LA NECESSARIA ATTENZIONE NELLO SVOLGIMENTO DEI COMPITI ASSEGNATI NON SEGUIRE LE ISTRUZIONI E NON PORTARE A TERMINE I COMPITI ESSERE DISTRATTO DA STIMOLI ININFLUENTI DIMENTICARE O PERDERE GLI STRUMENTI DI LAVORO

7 IPERATTIVITÀ MUOVERE CON IRREQUIETEZZA MANI O PIEDI - DIMENARSI SULLA SEDIA NON RIUSCIRE A STARE SEDUTO PER IL TEMPO NECESSARIO DISTURBARE I COMPAGNI PARLARE TROPPO AVERE DIFFICOLTÀ A GIOCARE O DEDICARSI AD ATTIVITÀ DIVERTENTI IN MODO TRANQUILLO

8 IMPULSIVITÀ INTERROMPERE GLI ALTRI ED ESSERE INVADENTE NEI LORO CONFRONTI RISPONDERE PRIMA CHE LA DOMANDA SIA STATA COMPLETATA AVERE DIFFICOLTÀ AD ATTENDERE IL PROPRIO TURNO RICORRERE A GESTI DI VIOLENZA

9 VALUTAZIONE DIAGNOSTICA DIAGNOSI DIFFERENZIALE ASSESSMENT

10 STRATEGIE PROGETTO DI VITA CENTRALITÀ DELL’ALUNNO COLLEGIALITÀ PRESA IN CARICO GLOBALE PERSONALIZZAZIONE - INDIVIDUALIZZAZIONE FLESSIBILITÀ FORMAZIONE CONTINUITÀ ISTRUZIONI RIPETUTE – ISTRUZIONI VISIVE

11 STRATEGIE DI AIUTO CHIEDERE ALL’INSEGNANTE DI RIPETERE LE ISTRUZIONI SUDDIVIDERE I LAVORI AMPI E COMPLESSI IN COMPITI PICCOLI E SEMPLICI CREARE OGNI GIORNO UNA LISTA DEGLI IMPEGNI LAVORARE IN UN POSTO TRANQUILLO. FARE UNA COSA PER VOLTA. CONCEDERSI BREVI PAUSE SCRIVERE LE COSE DA RICORDARE IN UN’AGENDA DA PORTARE SEMPRE CON SE’ RIPORRE GLI OGGETTI, SUDDIVISI PER CATEGORIE, SEMPRE NEGLI STESSI POSTI ACQUISIRE ABITUDINI

12 METODOLOGIE LA RICERCA-AZIONE COGNITIVO - COMPORTAMENTALE FEUERSTEIN MESSAGGIO-IO COOPERATIVE LEARNING ROLE - PLAYING TUTORING

13 RISORSE LA FAMIGLIA I COMPAGNI I DOCENTI IL DOCENTE SPECIALIZZATO L’EXTRASCUOLA SUSSIDI E STRUMENTI

14 TRATTAMENTO PEDAGOGICO DIDATTICO FARMACOLOGICO

15 COMUNICAZIONE ASCOLTO ATTIVO CHIAREZZA ED ESSENZIALITÀ EMPATIA

16 NODI CRITICI I FARMACI IL DOCENTE SPECIALIZZATO

17 RISULTATI VALUTAZIONE AUTOVALUTAZIONE

18 CONCLUSIONE AVERE ED ESSERE I GENI SONO CIÒ CHE SI HA FIN DAL CONCEPIMENTO. LA QUALITÀ DEGLI INTERVENTI È FONDAMENTALE PER POTER ESSERE

19 BIBLIOGRAFIA MINIMA E. A. KIRBY - L. K. GRIMLEY: DISTURBI DELL’ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ - ERICKSON M. A. KOZLOFF: IL BAMBINO HANDICAPPATO – GIUNTI BARBERA P. MEAZZINI: LA CONDUZIONE DELLA CLASSE – GIUNTI K. STARK: LA DEPRESSIONE INFANTILE - ERICKSON M. COMOGLIO: EDUCARE INSEGNANDO – LAS M. COMOGLIO – M.A. CARDOSO: INSEGNARE E APPRENDERE IN GRUPPO - LAS

20


Scaricare ppt "ATTENTION DEFICIT HYPERACTIVITY disorder L’ALUNNO CON SINDROME ADHD: STRATEGIE EDUCATIVE E DIDATTICHE C. Smaldone-FRANCESCA FEDELE Ass. PROMETEO."

Presentazioni simili


Annunci Google