La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A cura degli alunni della classe IVA Campo Sportivo ACRI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A cura degli alunni della classe IVA Campo Sportivo ACRI."— Transcript della presentazione:

1 A cura degli alunni della classe IVA Campo Sportivo ACRI

2 Salvatore Scervini è un mio compaesano nato ad Acri il 16 luglio 1847 e morto il 10 febbraio Visse a contatto con i contadini e si rese conto della loro condizione nei confronti del padrone. Studiò la letteratura italiana e tradusse in vernacolo opere importanti come La Divina Commedia e il Cantico dei Cantici. Scrisse molte poesie, tra cui “U munnu”, in cui descrive le persone preoccupate a farsi strada calpestando la dignità degli altri. La poesia “U guadanu” esprime la rabbia contro le prepotenze e i soprusi. A cura di Loredana Disegno di Linda A cura degli alunni della classe IVA Campo Sportivo ACRI

3 Il mondo Scrittura imitativa Il mondo è ciò che nessuno dovrebbe rovinare ma si dovrebbe solo ammirare. E’ un regno incantato da esplorare da cui tante cose poter imparare. Autore Nicolò B. “ (…) ugn’omu ch’è allu munnu s’arrimina. Ppe’ fari supra l’autri la scalata (…)” S.Scervini A cura degli alunni della classe IVA Campo Sportivo ACRI

4 La traduzione della Divina Commedia, fatta da Salvatore Scervini ( Acri 1847/1925) ci porta al primo contatto, dopo l’Unità d’Italia, del dialetto con le persone colte. Essa rappresenta un serbatoio linguistico del bel dialetto calabrese, arguto, civile. Tale serbatoio è più prezioso di quello di un vocabolario, perché il traduttore lo estrae dall’uso parlato, lo modella alle radici della colta e umana Acri del post – Risorgimento, che si confrontava con il passato recente e lontano in nome di una esemplarità sociale che si rispecchia nella personalità di Salvatore Scervini. Disegno di Cristina A cura degli alunni della classe IVA Campo Sportivo ACRI

5 Naomi

6 (…) ma per trattar del ben ch'i' vi trovai, dirò de l'altre cose ch'i' v'ho scorte. Inferno canto I A cura degli alunni della classe IVA Campo Sportivo ACRI

7 (….) tal mi fece la bestia sanza pace, che, venendomi 'ncontro, a poco a poco mi ripigneva là dove 'l sol tace. Inferno canto I Disegno di Linda A cura degli alunni della classe IVA Campo Sportivo ACRI

8 A mmienzu cursu de la vita mia Mi truvai spersu intra na sirvia scura, Ca la strata deritta persu avia. Cantu I Disegno di Lorenzo A cura degli alunni della classe IVA Campo Sportivo ACRI

9 Cerberu,canu de fauza natura, Abbaia dde tri bucchi alla canina Supra li genti misi alla turtura. Cantu IV Disegno di Gianluca A cura degli alunni della classe IVA Campo Sportivo ACRI

10 La gloria di colui che tutto move per l'universo penetra, e risplende in una parte più e meno altrove. Paradiso canto I Disegno di Giuseppe A cura degli alunni della classe IVA Campo Sportivo ACRI

11 L’Inferno è l’immagine di quello che diventa la vita sulla terra se gli uomini disimparano a convivere e iniziano a sbranarsi reciprocamente. Non è difficile leggere, in tanti episodi dell’Inferno, una sorta di metafora di tante tragedie della storia umana. E’ quello che ha fatto lo scrittore piemontese Primo Levi, che ha vissuto come vita l’orrore dell’Olocausto e lo ha raccontato nel libro “ Se questo è un uomo”. A cura degli alunni della classe IVA Campo Sportivo ACRI

12 «Quando non si riesce a dimenticare, si prova a perdonare» "Per me si va nella città dolente, per me si va ne l’etterno dolore per me si va tra la perduta gente Giustizia mosse il mio alto fattore fecemi la divina podestate, la somma sapienza e ‘l primo amore Dinanzi a me non fuor cose create se non etterne, e io etterno duro. Lasciate ogni speranza, voi ch’intrate. Queste parole di colore oscuro, vid’ io scritte al sommo d’una porta…" Come sulla porta dell’inferno di Dante, anche sul cancello di Auschwitz c’è una scritta: ARBEIT MACHT FREI (il lavoro rende liberi). Il racconto di Primo Levi tiene costantemente presente lo Inferno dantesco basandosi sulla trasparente metafora lager-inferno. Il viaggio verso Auschwitz è un viaggio verso l’inferno. L’autocarro che trasporta i prigionieri è assimilato alla barca che traghetta le anime dannate al di là del fiume Acheronte. Il soldato tedesco che li sorveglia è chiamato il nostro Caronte, ma invece di gridare "guai a voi, anime prave", chiede loro danaro ed orologi. A cura degli alunni della classe IVA Campo Sportivo ACRI

13 Voi che vivete sicuri nelle vostre tiepide case, voi che trovate tornando a sera il cibo caldo e visi amici: considerate se questo è un uomo che lavora nel fango che non conosce pace che lotta per mezzo pane che muore per un sì o per un no. Considerate se questa è una donna, senza capelli e senza nome senza più forza di ricordare vuoti gli occhi e freddo il grembo come una rana d'inverno. Meditate che questo è stato: vi comando queste parole. Scolpitele nel vostro cuore stando in casa andando per via, coricandovi alzandovi; ripetetele ai vostri figli. O vi si sfaccia la casa, la malattia vi impedisca, i vostri nati torcano il viso da voi. (Primo Levi, Se questo è un uomo, 1947)Primo Levi A cura degli alunni della classe IVA Campo Sportivo ACRI


Scaricare ppt "A cura degli alunni della classe IVA Campo Sportivo ACRI."

Presentazioni simili


Annunci Google