La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 IL DISASTRO AMBIENTALE DELLA CAMPANIA FELIX QUESTIONE NAZIONALE «WHAT’S ECOLOGY» GIUSEPPE MESSINA MAPPA DEI TERRENI AGRICOLI PRODUTTIVI Napoli, 22 novembre.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 IL DISASTRO AMBIENTALE DELLA CAMPANIA FELIX QUESTIONE NAZIONALE «WHAT’S ECOLOGY» GIUSEPPE MESSINA MAPPA DEI TERRENI AGRICOLI PRODUTTIVI Napoli, 22 novembre."— Transcript della presentazione:

1 1 IL DISASTRO AMBIENTALE DELLA CAMPANIA FELIX QUESTIONE NAZIONALE «WHAT’S ECOLOGY» GIUSEPPE MESSINA MAPPA DEI TERRENI AGRICOLI PRODUTTIVI Napoli, 22 novembre – -

2 GIUSEPPE MESSINA L’AGRICOLTURA CAMPANA

3 GIUSEPPE MESSINA LA VOCAZIONE PRODUTTIVA DEL SETTORE AGRICOLO CAMPANO E’ QUELLA TIPICA DI UN SISTEMA AD AVANZATO LIVELLO DI SPECIALIZZAZIONE PRODUTTIVA - MODELLO DI AGRICOLTURA INTENSIVA -ELEVATA PRODUTTIVITA’ DELLA TERRA IN TERMINI DI VALORE AGGIUNTO PER ETTARO DI SAU CON APPENA IL 3,18% DELLA SAU ESSA PRODUCE UNA PLV PARI AL 7 % DI QUELLA NAZIONALE, PER UN AMMONTARE DI CIRCA 3 MILIARDI DI EURO

4 GIUSEPPE MESSINA GLI ORIENTAMENTI PRODUTTIVI CHE MAGGIORMENTE CARATTERIZZANO L’AGRICOLTURA CAMPANA SONO : L’ORTOFRUTTICOLTURAL’ORTOFRUTTICOLTURA LA FRUTTALA FRUTTA LE COLTURE INDUSTRIALILE COLTURE INDUSTRIALI l’INCIDENZA DEL SETTORE AGRICOLO CAMPANO SULL’ECONOMIA REGIONALE E’ PARI AL 2,3% MEDIA NAZIONALE 1,8%; MEZZOGIORNO 2,9% l’INCIDENZA DEL SETTORE AGRICOLO CAMPANO SULL’ECONOMIA REGIONALE E’ PARI AL 2,3% MEDIA NAZIONALE 1,8%; MEZZOGIORNO 2,9%

5 GIUSEPPE MESSINA LA SOLA MOZZARELLA DI BUFALA CAMPANA CON UNA PRODUZIONE DI CIRCA MILA TONNELLATE (al 2012), GENERA UN FATTURATO ALLA PRODUZIONE DI 500 MILIONI DI EURO (al consumo ) con oltre occupati dei occupati nel settore In controtendenza rispetto agli altri tipi di allevamento, il settore bufalino registra un incremento sia di aziende allevatrici sia di capi allevati rispetto al AZIENDE DA A (+8,4%) I CAPI RADDOPPIANO, PASSANDO DA 182 MILA A 360 MILA Gli allevamenti sono concentrati in Campania e Lazio (che insieme detengono l’82,2% delle aziende e il 90% dei capi)

6 GIUSEPPE MESSINA AD UNA SERIE DI CARATTERISTICHE STRUTTURALI ED ECONOMICHE DEBOLI DEL SUO APPARATO PRODUTTIVO, IL SETTORE AGROALIMENTARE CAMPANO CONTRAPPONE ALCUNI ELEMENTI DISTINTIVI BASATI SU UN AMPIO PANIERE DI PRODOTTI, DI CUI MOLTI OGGETTO DI CONTRAPPONE ALCUNI ELEMENTI DISTINTIVI BASATI SU UN AMPIO PANIERE DI PRODOTTI, DI CUI MOLTI OGGETTO DI TUTELA CON MARCHIO COMUNITARIO O NAZIONALE

7 GIUSEPPE MESSINA L’AGRICOLTURA CAMPANA SI CARATTERIZZA Per un sistema complessivamente debole ma molto differenziatoPer un sistema complessivamente debole ma molto differenziato Per forti carenze strutturaliPer forti carenze strutturali Per squilibri territorialiPer squilibri territoriali Per una componente industriale relativamente forte e strutturata in ritardo rispetto al Centro Nord del paesePer una componente industriale relativamente forte e strutturata in ritardo rispetto al Centro Nord del paese Per una buona performance commercialePer una buona performance commerciale Sul piano del commercio estero: a fronte di un saldo complessivo stabilmente negativo del commercio estero campano, l’agroalimentare mostra un saldo attivo, anch’esso piuttosto stabile nel tempoSul piano del commercio estero: a fronte di un saldo complessivo stabilmente negativo del commercio estero campano, l’agroalimentare mostra un saldo attivo, anch’esso piuttosto stabile nel tempo Più specializzata nel comparto agroalimentare rispetto al MezzogiornoPiù specializzata nel comparto agroalimentare rispetto al Mezzogiorno PER UNA NOTEVOLE PRESENZA DI PRODOTTI TRADIZIONALI REGIONALIPER UNA NOTEVOLE PRESENZA DI PRODOTTI TRADIZIONALI REGIONALI

8 GIUSEPPE MESSINA IN CAMPANIA VI SONO (Fonte: Regione Campania) 273 PRODOTTI AGROALIMENTARI TRADIZIONALI 273 PRODOTTI AGROALIMENTARI TRADIZIONALI (CIRCA L’6,75% RISPETTO ALL’ITALIA) DI CUI 54 CERTIFICATI CE (vini compresi) DI CUI 54 CERTIFICATI CE (vini compresi) 25 PRODOTTI CERTIFICATI25 PRODOTTI CERTIFICATI DOP 13 IGP 9 STG 2 DOP 13 IGP 9 STG 2 1 RICHIESTA ANCORA IN FASE ISTRUTTORIA1 RICHIESTA ANCORA IN FASE ISTRUTTORIA 29 VINI DOCG 4DOCG 4 DOC 15DOC 15 IGT 10IGT 10

9 GIUSEPPE MESSINA ALCUNI DATI SIGNIFICATIVI

10 GIUSEPPE MESSINA Al 2010 in Campania risultano attive aziende agricole e zootecniche di cui con allevamento di bestiame destinato alla vendita La Superficie Agricola Totale (SAT) risulta pari a ,48 ettari, e la Superficie Agricola Utilizzata (SAU) pari ad ettari ,53 il 41% della superficie territoriale Rispetto al Censimento del 2000 il numero di aziende si è ridotto del 41,7% (-32,2% in Italia) la SAT è diminuita del 13,6% (-8% in Italia) e la SAU del 6,6% (-2,3% in Italia) In Campania sono presenti rispettivamente il 4,2% della SAU nazionale e l’8,4% delle aziende agricole italiane 10

11 GIUSEPPE MESSINA Salerno è la provincia campana con il più alto valore di SAU (33,9%) e di aziende (35,6%) Avellino (22,9 % di SAU e 18,9% di aziende) Benevento (19,6 % di SAU e 17,8% di aziende) Caserta (19,5 % di SAU e 17,3% di aziende) Napoli (4,2% di SAU e 10,5% di aziende) Rispetto al Censimento 2000 la variazione in termini di aziende e di SAU ha riguardato principalmente la provincia di Napoli, (-65,9% di aziende e -34,4% di SAU) La provincia con la minore riduzione in termini di aziende è stata Benevento Caserta nel corso del decennio ha visto diminuire del 10% la SAT ma non la SAU (+0,5%) 11

12 GIUSEPPE MESSINA LA CAMPANIA FA REGISTRARE LA DIMENSIONE AZIENDALE PIU’ BASSA IN ITALIA: 4 Ha (da 2,5 Ha nel 2000) su 7,9 4 Ha (da 2,5 Ha nel 2000) su 7,9 UN’ELEVATA PRODUTTIVITA’ PER ETTARO (+15,91%), OLTRE 4000 EURO, QUASI DOPPIA RISPETTO ALLA MEDIA NAZIONALE (€ 2.140,00) UN’ELEVATA PRODUTTIVITA’ PER ETTARO (+15,91%), OLTRE 4000 EURO, QUASI DOPPIA RISPETTO ALLA MEDIA NAZIONALE (€ 2.140,00)

13 GIUSEPPE MESSINA IL SETTORE AGRICOLO HA FATTO REGISTRARE NELL’ULTIMO DECENNIO UNA CONSISTENTE PRODUTTIVITA’ DELLA TERRAIL SETTORE AGRICOLO HA FATTO REGISTRARE NELL’ULTIMO DECENNIO UNA CONSISTENTE PRODUTTIVITA’ DELLA TERRA AD UN AUMENTO DELLA PRODUTTIVITA’ PER ETTARO SI E’ ACCOMPAGNATO ANCHE UN PROCESSO DI AGGREGAZIONE DELLE SUPERFICI CHE HANNO CONTRIBUITO A RENDERE IL SISTEMA MAGGIORMENTE ELASTICOAD UN AUMENTO DELLA PRODUTTIVITA’ PER ETTARO SI E’ ACCOMPAGNATO ANCHE UN PROCESSO DI AGGREGAZIONE DELLE SUPERFICI CHE HANNO CONTRIBUITO A RENDERE IL SISTEMA MAGGIORMENTE ELASTICO L’INCIDENZA % DEL VA DELL’AGR. CAMPANA SUL PIL 2011 E’ STATO DEL 2,3% (MEZZOGIORNO 2,9 – ITALIA 1,8)L’INCIDENZA % DEL VA DELL’AGR. CAMPANA SUL PIL 2011 E’ STATO DEL 2,3% (MEZZOGIORNO 2,9 – ITALIA 1,8) L’INCIDENZA % DEGLI OCCUPATI IN AGRICOLTURA SUL TOTALE OCCUPATI NEL 2011 E’ STATO DEL 4,4% (MEZZOGIORNO 7,5 – Italia 3,9)L’INCIDENZA % DEGLI OCCUPATI IN AGRICOLTURA SUL TOTALE OCCUPATI NEL 2011 E’ STATO DEL 4,4% (MEZZOGIORNO 7,5 – Italia 3,9)

14 GIUSEPPE MESSINA L’INDUSTRIA ALIMENTARE CAMPANA PRODUTTIVITA’ PER UNITA’ LOCALE 58% DELLA MEDIA NAZIONALE Cause: Cause: - contenuta produttività per occupato - contenuta produttività per occupato - debolezza strutturale in termini dimensionali - debolezza strutturale in termini dimensionali

15 GIUSEPPE MESSINAPROBLEMA A FRONTE DI UNA SUPERFICIE TERRITORIALE DI 0,24 ETTARI PRO CAPITE E UNA CAPACITÀ BIOLOGICA DI 0,96 ETTARI PRO CAPITE A FRONTE DI UNA SUPERFICIE TERRITORIALE DI 0,24 ETTARI PRO CAPITE E UNA CAPACITÀ BIOLOGICA DI 0,96 ETTARI PRO CAPITE AVENDO UN’IMPRONTA ECOLOGICA DI 3,80 ETTARI PRO CAPITE SI HA UN DEFICIT DI 2,84 ETTARI PRO CAPITE

16 GIUSEPPE MESSINA LE RISORSE NATURALI DELLA CAMPANIA NON RIESCONO A RIGENERARSI CON LO STESSO RITMO CON CUI SONO CONSUMATE: LE RISORSE NATURALI DELLA CAMPANIA NON RIESCONO A RIGENERARSI CON LO STESSO RITMO CON CUI SONO CONSUMATE: TROPPO PESANTE LA PRESSIONE UMANA PER LA CAPACITÀ BIOLOGICA DELLA REGIONE TROPPO PESANTE LA PRESSIONE UMANA PER LA CAPACITÀ BIOLOGICA DELLA REGIONE PER SOSTENERE I RITMI E GLI STILI DI VITA DEI ABITANTI DELLA CAMPANIA OCCORREREBBE UNA SUPERFICIE REGIONALE PARI A ETTARI circa CONTRO Ha REALMENTE DISPONIBILI PER SOSTENERE I RITMI E GLI STILI DI VITA DEI ABITANTI DELLA CAMPANIA OCCORREREBBE UNA SUPERFICIE REGIONALE PARI A ETTARI circa CONTRO Ha REALMENTE DISPONIBILI UNA REGIONE SEDICI VOLTE PIÙ GRANDE DELLA REALE, CON UN’IMPRONTA ECOLOGICA PARI A 3,80 ETTARI PRO CAPITE

17 GIUSEPPE MESSINA IN CAMPANIA IL COMPARTO AGRICOLO SI CONCENTRA SI CONSOLIDA E CRESCE (in provincia di Napoli tende a scomparire) 17

18 18 GIUSEPPE MESSINA ANALISI DI UN CASO TERRA DI LAVORO E LE SUE RISORSE

19 19 Napoli Benevento Isernia Frosinone LT

20 20 GIUSEPPE MESSINA I PRODOTTI TIPICI DELLA CULTURA RURALE IN PROVINCIA DI CASERTA SUPERFICIE AGRARIA UTILIZZATA (SAU) ETTARI (+ 499) (pari al 40,70% della sup. territoriale. Media reg. 44 %) (pari al 40,70% della sup. territoriale. Media reg. 44 %) AZIENDE AGRICOLE: OLTRE ( ) – 36,8% (estensione media aziendale Ha 4,54 (da 2,67). Media reg. 4,00 (da 3,6). Italia 7,4) I PRINCIPALI PRODOTTI I PRINCIPALI PRODOTTI 17 Vini di cui 3 DOC (Den. Origine Controllata) e 3 IGT (Indicazione Geografica Tipica) Mozzarella di Bufala campana DOP (Denominazione di Origine Protetta) + Ricotta di Bufala Campana DOP + Caciocavallo Silano (del Matese) DOP + 23 tipi di formaggio fra cui il Casoperuto, il Conciato Romano, Provola affumicata, ecc. Mela Annurca Campana IGP (Indicaz. Geograf. Protetta) pari al 5% della produzione naz. 13 Prodotti agroalimentari tradizionali (nocillo, birre, carne ovina Laticauda, salsicce,…) Castagna tempestiva del vulcano di Roccamonfina; miele + altri 17 prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati N. 2 olii extravergine di cui 1 con marchio DOP (Terre Aurunche) N. 5 marchi di acque minerali di cui 2 famosi a livello mondiale Fra i primi in Italia per la produzione di fragole, ciliegie, pesche e nettarine (il 25% della prod. naz.) Il patrimonio bufalino è costituito da capi (da nel 2000) pari al 65,91% del patrimonio regionale Il patrimonio bovino è pari a capi ( nel 2000); le aziende bov. da sono passate a Il patrimonio ovino da capi a nel Le aziende ovine da 786 a 296 nel 2010 Si produce il 60% della quota nazionale di tabacco Burley N. 1 Centro di ricerca in frutticoltura; n. 1 centro nel settore equino. Per le bufale?

21 GIUSEPPE MESSINA IL VALORE AGGIUNTO DELL'AGRICOLTURA DI TERRA DI LAVORO TOCCA IL 9,3%, CONTRO IL 5,6% DEL MEZZOGIORNO E IL 3,3% DELL'ITALIA QUELLO DELL'INDUSTRIA È DEL 24,5%, CONTRO IL 20,3% DEL MEZZOGIORNO 21

22 GIUSEPPE MESSINA IL DEGRADO IN TERRA DI LAVORO COME SI MODIFICA IL TERRITORIO E SI DISTRUGGE IL FUTURO 22

23 23 Napoli Benevento Isernia Frosinone LT

24 24 GIUSEPPE MESSINA DEGRADO AMBIENTALE E PAESAGGISTICO IN PROVINCIA DI CASERTA RIFIUTI 8 PIATTAFORME CONAI (Bellona, Casapulla, Caserta, Gricignano, Marcianise, Pastorano, San Nicola L.S, S.Felice a c., Pastorano) 1 DISCARICA ATTIVA (San Tammaro) 1 GASSIFICATORE IN PROGRAMMA A CAPUA 1 INCENERITORE A MARCIANISE A SERVIZIO DELL’IMPIANTO DI DEPURAZIONE (mai usato) 1 STABILIMENTO DI TRITOVAGLIATURA E IMBALLAGGIO RIFIUTI (EX CDR) A SANTA MARIA C.V. 1 SITO DI STOCCAGGIO RIFIUTI TAL QUALE A FERRANDELLE DI SANTA MARIA LA FOSSA 1 IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO ANCORA IN COSTRUZIONE A SAN TAMMARO 4 IMPIANTI DI COMPOSTAGGIO SEQUESTRATI E CHIUSI 39 DISCARICHE CHIUSE E DA BONIFICARE DI CUI 36 SITI PUBBLICI 851 SITI DI ABBANDONO INCONTROLLATO DI RIFIUTI (discariche illegali) solo 13 bonificate 347 IMPIANTI PER ATTIVITA’ PRODUTTIVE 120 IMPIANTI DI TRATTAMENTO RIFIUTI DI CUI 8 IMPIANTI PER TRATT. RIF. INDUSTRIALI 2 CEMENTIFICI sui 3 in Campania stanno a Caserta e a Maddaloni 458 CAVE (PRESENTI IN 75 CONUNI SU 104) DI CUI: 376 ABBANDONATE O CHIUSE 46 AUTORIZZATE 46 AUTORIZZATE 36 ABUSIVE 36 ABUSIVE IN PROVINCIA DI CASERTA SI E’ COSTRUITO PER IL 400% IN PIU’ RISPETTO AL SUO FABBISOGNO. SOLO A CASERTA AD ESEMPIO CI SONO CIRCA APPARTAMENTI DISPONIBILI. EPPURE SI VOGLIONO COSTRUIRE IN PROVINCIA ALTRI ALLOGGI IN 15 COMUNI. IN PROVINCIA DI CASERTA SI E’ COSTRUITO PER IL 400% IN PIU’ RISPETTO AL SUO FABBISOGNO. SOLO A CASERTA AD ESEMPIO CI SONO CIRCA APPARTAMENTI DISPONIBILI. EPPURE SI VOGLIONO COSTRUIRE IN PROVINCIA ALTRI ALLOGGI IN 15 COMUNI. A Villa Literno il Commissario di governo per la bonifica e tutela delle acque della Campania - tra il 5 e il 24 nov ha sancito il divieto assoluto di coltivazione e di commercializzazione dei prodotti agroalimentari e di pascolo per oltre 100 aziende risultate contaminate da metalli pesanti (piombo, vanadio, zinco, arsenico, berillo) e da pericolosi pesticidi. Stesso discorso nell’agro di Marcianise e Macerata C. Nell’agro liternese sono desertificati oltre 150 ettari di terra a causa del fenomeno della salinizzazione

25 GIUSEPPE MESSINA ALCUNI DATI SULLA «TERRA DEI FUOCHI» - L’ARPA indica in 300 Ha i terreni inquinati in 2001 siti - I Vigili del Fuoco hanno individuato dal gennaio 2012 al 31 agosto 2013: roghi: di cui in provincia di Napoli e in quella di Caserta -Per la Regione Campania: da monitorare e controllare, l'1% dell'intero territorio regionale - Legambiente ha rilevato che in 22 anni: -Sono stati smaltiti 10 milioni di tonn. di rifiuti di ogni genere; denunce; -censite (dal 1991 al 2013) 82 inchieste per traffico di rifiuti. coinvolte 443 aziende -Esistono, inoltre, dati del Commissario per le bonifiche, delle Procure, della DDA, delle Università, dell’I.S.S., di alcuni comuni, delle ASL, di alcune Province, dei militari USA -La Facoltà di Agraria informa che i suoli inquinati sono solamente 1000 ettari circa. 25

26 GIUSEPPE MESSINA TALI INFORMAZIONI COSTITUISCONO UN IMPORTANTE PUNTO DI PARTENZA PER FAVORIRE LA COSTRUZIONE DI UNA MAPPATURA A LIVELLO TERRITORIALE 26

27 27 GIUSEPPE MESSINA COSA FARE ADESSO? E’ POSSIBILE TRASFORMARE LO SVANTAGGIO IN VANTAGGIO?

28 GIUSEPPE MESSINA OCCORRE RECUPERARE LA COMPRENSIONE E LA CONSAPEVOLEZZA DELLA QUESTIONE AGRARIA- ALIMENTARE NEL NOSTRO PAESE E IN CAMPANIA COMPRENSIONE E CONSAPEVLEZZA CHE VA RICOMPRESA IN RELAZIONE ALLA QUESTIONE AMBIENTALE, OGGI ALL’ORDINE DEL GIORNO IN CAMPANIA OCCORRE FAR QUADRATO, PER DIFENDERE L’AGROALIMENTARE CAMPANO, ANCHE CON LA SOCIETA' CIVILE E I MOVIMENTI GENERATI DALLA «TERRA DEI FUOCHI» E QUANTO SI STA MUOVENDO IN QUESTI GIORNI 28

29 29 GIUSEPPE MESSINA GUARDARE LE RISORSE LOCALI, IL TERRITORIO E L’AGRICOLTURA CON OCCHI NUOVI COSA FARE RICONSIDERARE LE SCELTE CHE HANNO COMPROMESSO IL FUTURO DEL TERRITORIO LIBERARE I SUOLI AGRARI INTERESSATI DAL DEGRADO E DALL’INQUINAMENTO DEPURARE LE FALDE NON CONSENTIRE LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI PER L’UTILIZZAZIONE DELLE BIOMASSE AGROFORESTALI GIUSTIFICATI SOLO DA COLTIVAZIONI ESTENSIVE SU SUOLI DOVE SI PUO’ INVECE COLTIVARE IL CIBO DI CUI ABBIAMO BISOGNO. NON C’E’ SPAZIO PER LA «CHIMICA VERDE»

30 GIUSEPPE MESSINA COME FARE NEL CONCORDARE QUANTO PROPOSTO DA LEGAMBIENTE NEL DOCUMENTO DEL 18 SETTEMBRE 2013 APPARE NECESSARIO SOTTOLINEARE CHE OCCORRE: 1.bloccare i fuochi con un puntuale e coordinato controllo del territorio da parte delle forze dell’ordine; 2.far confluire presso un’unica autorità pubblica non regionale (non si può chiedere alla politica locale di aiutarci essendo questa, per complicità e indifferenza morale, la principale responsabile del disastro) tutte le informazioni circa indagini o analisi già effettuate per individuare le aree inquinate; 3.Completare l’azione di monitoraggio; 4.Realizzare una seria mappatura dei suoli inquinati e delle falde compromesse a livello comunale; 5.risarcire quegli agricoltori vittime dell’avvelenamento delle matrici ambientali; 6.effettuare la caratterizzazione dei suoli e delle falde inquinate; 7.Procedere, infine, alle bonifiche privilegiando il fitorimedio; 8.Bonificare da subito i suoli e le falde già caratterizzate. 30

31 GIUSEPPE MESSINA «HANNO PRESO COSCIENZA DEL LORO METALLO QUANDO PER ESTRARLO, SONO STATI RESI SCHIAVI DAI ROMANI». Frase di Tacito scolpita in una lapide bronzea all’ingresso del bacino minerario nelle Asturie in Spagna dov’erano le più antiche miniere d’oro ai tempi della dominazione romana. 31

32 32 GIUSEPPE MESSINA POSTO CHE LE RISORSE SONO IL SUOLO AGRARIO, L’AMBIENTE, I BENI CULTURALI E LE PERSONE LA DOMANDA E’: «LE ISTITUZIONI STANNO ANDANDO NELLA GIUSTA DIREZIONE?»

33 33GRAZIE GIUSEPPE MESSINA

34 APPENDICE 34

35 GIUSEPPE MESSINA TERRA E SALUTE: IL FITORIMEDIO E’ UNA TECNOLOGIA DI RIPRISTINO AMBIENTALE. SI SERVE DI PIANTE ERBACEE O ALBERI PER IL TRATTAMENTO CONTAMINATI COME METALLI PESANTI, ELEMENTI RADIOATTIVI E COMPOSTI ORGANICI NEL SUOLO, NELLE ACQUE DI FALDA, NELLE ACQUE SUPERFICIALI E IN SCARICHI DI ORIGINE AGRICOLA, CIVILE O INDUSTRIALE IL F. INCLUDE L’INSIEME DEI PROCESSI BIOLOGICI, CHIMICI E FISICI CHE PERMETTONO L’ASSORBIMENTO, IL SEQUESTRO, LA BIODEGRADAZIONE E LA METABOLIZZAZIONE DEI CONTAMINANTI, SIA AD OPERA DELLE PIANTE, CHE DEI MICRORGANISMI CHE POPOLANO LA PORZIONE DI SUOLO CHE CIRCONDA LA RADICE (RIZOSFERA) LA SCELTA DELLO SPECIFICO MECCANISMO DI F. DIPENDE DALL’OBIETTIVO DELL’INTERVENTO: CONTENIMENTO, STABILIZZAZIONE, SEQUESTRO O DEGRADAZIONE DEL CONTAMINANTE 35

36 36 GIUSEPPE MESSINA I MECCANISMI COINVOLTI NEL FITORIMEDIO SONO: -Rizodegradazione (decomposizione del contaminante attraverso l’attività biologica della rizosfera – batteri e funghi) -Fitodegradazione (assorbimento del contaminatore e trasformazione per mezzo di processi vegetali) -Fitoestrazione (alcune specie di piante sono in grado di estrarre ed accumulare il contaminante, traslocandolo nelle radici e/o nelle parti aeree) -Fitovolatilizzazione (il contaminante viene assorbito dalla pianta, eventualmente modificato nella sua forma chimica, e rilasciato nell’atmosfera attraverso il processo di traspirazione) -Evapotraspirazione (le precipitazioni vengono intercettate dalle foglie, l’assorbimento dell’acqua e la traspirazione da parte della pianta permettono un controllo idrologico nel sito contaminato) -Fitostabilizzazione (assorbimento e accumulo nelle radici)

37 37 GIUSEPPE MESSINA PER FARSI UN’IDEA ALCUNE PIANTE E IL CONTAMINANTE SU CUI POSSONO AGIRE -ACER PSEUDOPLATANUS Na, Zn, Cd, Pb -ARUNDO DONAXNi, As, Cd -CANNABIS SATIVACd, Cr, Ni, PCB, Radiocesio -EUCALYPTUS GLOBULUSCu, Al, Zn, As -FRAXINUS EXCELSIORNa, Zn, Cd, Pb -HELIANTHUS ANNUUSCr, Ni, Cd, U -PINUS NIGRA Mn, Ca, Ni, Cu, Zn, Ag, Au -POPULUS ALBAZn, Cd, Pb, Na -SALIX CAPREAZn, As, Cd, Pb -SALIX VIMINALISOli minerali, Cr, Ca, Ni, Cu, Zn Cd, Pb Fonte:


Scaricare ppt "1 IL DISASTRO AMBIENTALE DELLA CAMPANIA FELIX QUESTIONE NAZIONALE «WHAT’S ECOLOGY» GIUSEPPE MESSINA MAPPA DEI TERRENI AGRICOLI PRODUTTIVI Napoli, 22 novembre."

Presentazioni simili


Annunci Google