La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

FOR A NEW NARRATIVE ON MEDITERRANEAN FUTURE A perspective from southern Europe on the Euro-Med area Florence, 15/07/14 Marina Sarli – Greek Platform &

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "FOR A NEW NARRATIVE ON MEDITERRANEAN FUTURE A perspective from southern Europe on the Euro-Med area Florence, 15/07/14 Marina Sarli – Greek Platform &"— Transcript della presentazione:

1 FOR A NEW NARRATIVE ON MEDITERRANEAN FUTURE A perspective from southern Europe on the Euro-Med area Florence, 15/07/14 Marina Sarli – Greek Platform & Concord Board Member Andrea Stocchiero – FOCSIV / Concord Italian Platform

2 Il Mediterraneo non è un’espressione geografica, non indica solo una regione, e meno ancora il mare da cui prende il nome. È invece un’idea evocativa, che apre a significati contraddittori, un campo discorsivo in cui s’intrecciano speranze e illusioni, passioni e interessi, passato e futuro.. Enciclopedia Treccani

3 Perché questo documento? Il documento nasce come tentativo di facilitare l’adozione di una Nuova Narrativa per lo Sviluppo Umano e sostenibile nel Mediterraneo e di ottenere un importante cambiamento delle politiche europee su Mediterraneo e sviluppo.

4 Perché questo documento?  Momentum Presidenze Mediterranee Grecia - Italia consecutive nel 2014  Drammatica attualitá dei fatti di cronaca vs inefficienza e anacronismo delle relative politiche  Crescente divario politico-economico dell’ Europa Sud- Nord e necessitá di politiche mirate  Necessitá di una strategia politica comune tra le due sponde del Mediterraneo  Crisi politica, sociale ed economica persistente

5 Obiettivi  Stimolare riflessione e azione politica UE (a partire dal semestre di presidenza italiana) centrata su e a partire dal Mediterraneo, con particolare attenzione al tema migrazioni e sviluppo.  Inserire il tema nel ciclo delle agende dei semestri europei  Inserire il Mediterraneo e il tema migrazioni e sviluppo nelle priorità e nella strategia di Concord Europa

6 Solo un processo aperto, di scambi, a lungo termine e partecipato puó garantire un documento che rispecchi le molteplici identitá e peculiaritá degli attori della società civile di un’area cosí ricca e variegata. Chi sono gli attori?

7 Gli attori  FASE 1: Piattaforme Nazionali e associazioni di cooperazione e sviluppo di Cipro, Grecia, Francia, Italia, Malta, Portogallo, Spagna.  FASE 2: Stakeholders interni alla piattaforma Concord Europa, partners esterni, piattaforme sociali degli altri stati europei.  FASE 3: Decisori Politici (Istituzioni europee, PE governi) con obiettivi di attivitá di lobby e advocacy.

8 Un processo di lungo termine che nasce nel 2013 con la preparazione del progetto presidenza e arriva al 2015, Euopean Year for Development, per affinche il tema del rilancio dei processi di INTEGRAZIONE E COOPERAZIONE euro mediterranea sia una priorità condivisa. Quale il processo?

9 Il processo  2013 Visione e obiettivi  2014  Presidenza Greca: prime discussioni virtuali e 2 incontri dal vivo con i responsabili delle piattaforme MED  Presidenza Italiana presentazione del primo draft  Raccolta feedback dai vari stakeholder e stesura versione finale  Adozione del documento come base per un psozionamento di Concord Europa  Attivitá di lobby e Advocacy verso le istituzioni. Pianificazioni progetti condivisi.

10 Questo documento, provvisorio, è il primo passo di un processo che porterà ad una versione finale piú omogenea e condivisa. E’ un documento di discussione articolato in Introduzione sul quadro politico Breve analisi su diverse tematiche Raccomandazioni per tematica Il documento

11 Descrizione Generale  Fotografia dello stato attuale: disuguaglianze e precarietà crescenti, conflitti che si diffondono, speranze da ribellioni società civili  Modello di sviluppo neoliberale e politiche di austerità che non lo erodono ma lo rilanciano  Una politica europea inefficacie e incoerente  Occorre un cambiamento vero centrato su diritti e dignità umana, sostenibilità, democrazia e sussidiarietà, ricostruzione legami sociali ed economici locali

12 Tematiche  Status sociale/economico: disuguaglianza, precarietà, giovani  Migrazioni: asilo, migranti per motivi di lavoro, gruppi vulnerabili, sviluppo  Ambiente e sostenibilità  Settore privato, commercio e investimenti  Impegno civile, sensibilizzazione ed educazione alla cittadinanza globale  Governance della politica euro-mediterranea

13 Focus su tredelle sei tematiche sviluppate Alcuni Elementi Chiave

14 Economia, società, ambiente  Disuguaglianze e polarizzazione  Informalità e precarietà soprattutto tra i giovani  Degrado risorse naturali, paesaggio med, equilibrio città- campagna  Azioni per inclusione e lavoro dignitoso in economie sociali locali sostenibili a partire da territori marginali, per agroecologia e manifattura e non liberalizzazioni che impoveriscono  Attenzione dedicata a giovani e donne  Governance beni comuni e regolazione IDE, non privatizzazioni

15 Migrazioni  Radici nelle disuguaglianze, illibertà e conflitti  La grande incoerenza politiche UE tra suoi valori fondanti e politica di fortezza, tra liberalizzazione flussi beni e capitali e restrizioni su mobilità persone  Il migrante al centro  Il dovere dell’asilo, la revisione del regolamento Dublino e i corridoi umanitari  Revisione partenariati mobilità e norme nazionali per più mobilità regolare e valorizzazione migranti  Più voce dei migranti nello sviluppo Mediterraneo

16 Educazione e sensibilizzazione  Nazionalismi xenofobia e razzismo  Scarso impegno civile soprattutto nei paesi europei del Mediterraneo  Drastica riduzione dei finanziamenti  Impegno ministeri educazione mediterranei per l’educazione alla cittadinanza globale  Riconoscere e facilitare il lavoro delle organizzazioni della società civile/terzo settore

17 Governance delle politiche  Inefficacia Unione per il Mediterraneo e politica del vicinato  Frammentarietà azioni (dal livello multilaterale) e marginalità società civile  Rilanciare Unione per il Mediterraneo (UpM)su obiettivi post 2015: una agenda med su sviluppo sostenibile  Mettere al centro società civile, inclusione sociale e governance democratica beni comuni  Focalizzare su coerenza politiche per sviluppo umano sostenibile

18 Nessuno è chiamato a scegliere tra l'essere in Europa e essere nel Mediterraneo, poiché l'Europa intera è nel Mediterraneo. Aldo Moro

19 More and better Europe (Concord Italia) and Development & Democracy (Hellenic Platform for Development) are funded by


Scaricare ppt "FOR A NEW NARRATIVE ON MEDITERRANEAN FUTURE A perspective from southern Europe on the Euro-Med area Florence, 15/07/14 Marina Sarli – Greek Platform &"

Presentazioni simili


Annunci Google