La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Unix c/s Introduzione Generale del sistema Unix c/s Introduzione Generale del sistema Carla Zini30 gennaio 2006.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Unix c/s Introduzione Generale del sistema Unix c/s Introduzione Generale del sistema Carla Zini30 gennaio 2006."— Transcript della presentazione:

1 Unix c/s Introduzione Generale del sistema Unix c/s Introduzione Generale del sistema Carla Zini30 gennaio 2006

2 2 Indice Premessa: il Polo MIL il Polo MILil Polo MIL 1.Introduzione generale al sistema Introduzione generale al sistemaIntroduzione generale al sistema 2.Il client Il clientIl client 3.La gestione del sistema La gestione del sistemaLa gestione del sistema 4.I partners I partnersI partners 5.Stampe Stampe 6.La gestione dei batch La gestione dei batchLa gestione dei batch Appendice: Funzioni del Library Manager Funzioni del Library ManagerFunzioni del Library Manager Mantis

3 3 Il Polo MIL Polo delle Università e delle Statali Lombarde Sito:

4 4 Architettura del sistema Il sistema SBN Unix Client/Server si inserisce all’interno dell’architettura SBN tra il livello centrale (Indice) e gli Utenti del sistema (Biblioteche/Bibliotecari). E’ costituito da due entità principali: Entità POLO Implementa tutte le funzionalità tipiche del polo in particolare: la cooperazione con l’indice (Catalogazione, correzione…) e quello tra le Biblioteche del polo (prestito di Polo, condivisione degli utenti, ecc). Entità BIBLIO SERVER Implementa le funzioni tipiche della Gestione di biblioteca.

5 5 Architettura del sistema POLO BS1 DB con informazioni di polo: Lettori Classi Soggetti Catalogo di polo Etc … Bibli Biblio Polo INDICE TCP/IP v v Centro sistema sistema 04 Centro sistema sistema 04 Biblio X-SBN DB con informazioni di polo: Lettori Classi Soggetti Catalogo di polo Etc … Polo Centro sistema sistema 04 Centro sistema sistema Centro sistema sistema 04 Centro sistema sistema Centro sistema sistema 04 Centro sistema sistema 04

6 6 Hardware Produzione: Mafalda Modello: IBM p66M1 Produzione: Mafalda Modello: IBM p66M1 CPU: 2 x RS64 750MHz RAM: 8192 MB HDD: 80GB Dischi SCSI: 2 x 18 GB Dischi SSA:8 X 36 GB in RAID 0 Unità esterne: CD rom, floppy disk, DAT Prova: Thor Modello: IBM RS6000 B50 Prova: Thor Modello: IBM RS6000 B50 CPU: 375 MHz 604° Power PC processor RAM: 256 MB Dischi SCSI: 54 GB Unità esterne: CD rom, floppy disk

7 7 Software La configurazione Software è uguale per Produzione e Prova: AIX C 5.0 Perl Microfocus Cobol 2.2sp1 Informix (componenti IDS, SD, Esql Cobol, SE) 9.30 BQ+ 5 Software SBN/Unix Apache web server Librerie Perl per Informix

8 8 Client Il client è composto da due parti applicative: X-SBN: è un middleware che gestisce il colloquio tra la postazione client ed il server al fine di facilitare la realizzazione delle applicazioni basate un’architettura client/server APPLICATIVO SBN Applicativo SBN Impostazioni SBN Tastiera virtuale Uninstall Applicativo SBN

9 9 Client: installazione Tutte le informazioni che riguardano l’installazione del client ed i problemi connessi all’applicativo si trovano sul sito del polo alla voce “Istruzioni per l’installazione client SBN”, sotto “client” : client Da qui si scarica l’applicativo, gli aggiornamenti e si seguono le istruzioni per la configurazione. ione_clientMIL/installazione_clientMIL.htm ione_clientMIL/installazione_clientMIL.htm

10 10 Client: strumenti e personalizzazioni Strumento importante è l’utilizzo delle Info: vi si accede cliccando su “?” nel menù di gestione Strumento importante è l’utilizzo delle Info: vi si accede cliccando su “?” nel menù di gestione

11 11 Client: strumenti e personalizzazioni E’ possibile gestire contemporaneamente più finestre di visualizzazione: possiamo farlo dal menù principale alla voce “finestra” o cliccando sul pulsante di visualizzazione delle finestre del menù sottostante. E’ possibile gestire contemporaneamente più finestre di visualizzazione: possiamo farlo dal menù principale alla voce “finestra” o cliccando sul pulsante di visualizzazione delle finestre del menù sottostante.

12 12 Client: strumenti e personalizzazioni Dal menù “strumenti” è possibile:

13 13 Client: strumenti e personalizzazioni 1. Cambiare password selezionando “opzioni”: N.B. La password è case sensitive bisogna ricordare maiuscole e minuscole.

14 14 Client: strumenti e personalizzazioni 2. Attribuire impostazioni di default selezionando “strumenti”:

15 15 Gestione del sistema Il sistema prevede un Gestore di polo che:  Abilita le biblioteche ad un insieme di funzioni  Abilita l’utente LM con profilo ALL assegnandogli userid e password  Gestisce i contatori  Gestisce le tabelle di validazione di polo e di colloquio con l’indice  Gestisce le funzioni di allineamento

16 16 Gestione del sistema: tabelle di validazione Le Tabelle di validazione sono strutture dati presenti sia sui DB di biblio e di polo sia sul client, dove è presete un data base denominato ‘tabelle.db’ e gestito con sqlAny50. Esistono diversi tipi di tabelle di validazione: alcune non sono modificabili in alcun modo via client, neppure dal gestore di sistema (ad es. indici); altre sono gestite soltanto dal gestore di polo: comprendono dei codici predefiniti in condivisione con l’indice.

17 17 Gestione del sistema: tabelle di validazione Infine vi sono alcuni tipi di tabelle direttamente gestibili dall’utente abilitato (ad es. quelle di cross per parametrizzare la gestione dei servizi). Fondamentale è dunque attivare la funzione di ALLINEA TABELLE Ogni volta che con il client si interroga una diversa banca dati (es. prova e produzione), che si aggiorna il client o che il gestore di polo lo comunichi come necessario. Se le tabelle bloccate non sono allineate alla login vi apparirà un messaggio di allerta.

18 18 Gestione del sistema: tabelle di validazione La funzione ‘Gestione Tabelle’ è affidata, dunque, al gestore di polo e consente di:  Gestire gli attributi codificati garantendo l’univocità della loro trascodifica a livello di Polo;  Disporre, al momento di utilizzare l’applicativo di liste mirate di ‘codici–descrizione’ che semplifichino all’utente l’immissione/modifica dei codici anche tenendo conto, dove richiesto, delle dipendenze tra valori

19 19 Gestione del sistema: allineamenti Sono processi batch, che hanno il compito di riallineare con l’indice i record modificati. Gli allineamenti relativi alla gestione bibliografica sono: I421 Allinea Materiale Antico Biblio I422 Allinea Materiale Antico Polo I411 Allinea Materiale Moderno Biblio I412 Allinea materiale Moderno Polo I432 Invio localizzazione a Indice

20 20 Gestione del sistema: allineamenti Vengono lanciati e controllati quotidianamente dal gestore di polo. Sono schedulati in code batch differenti: vengono eseguiti prima quelli di polo che avvengono in colloquio con l’indice, poi quelli di biblio. Gli allineamenti di polo sono visibili da tutti i bibliotecari, selezionando nella ricerca della gestione dei batch i processi relativi alle funzioni I422 e I412 Gli allineamenti di biblio, pur riguardando il biblioserver e quindi tutte le biblioteche, sono visibili soltanto dalla biblioteca da cui è stato lanciato il processo. Gli output vengono conservati (e sono quindi visibili) per 15 giorni.

21 21 Gestione del sistema: allineamenti Il processo batch I432 Invio prima localizzazione in Indice Viene utilizzato dalle biblioteche che catalogano a partire dalle procedure di acquisizione ???????? Il processo batch CA00 allinea posseduto in polo Trasferisce il posseduto inserito o modificato da biblio a polo, è schedulato sulla coda notturna e parte dopo gli allineamenti di biblio

22 22 Partners I partners sono: 1. Fornitori 2. Utenti 3. Biblioteche 4. Bibliotecari

23 23 Partners 1.Fornitori Sono patrimonio di polo, possono essere ricercati a livello di biblio (locale) o di polo La ricerca può essere parziale o puntuale ( per codice fornitore) e la lista può essere ordinata con diversi criteri. Se si vuole esaminare un record basta evidenziarlo e premere il pulsante esamina. I record di polo possono essere catturati partendo da “nuovo” e richiamando il record di polo.

24 24 Partners 2. 2.Utenti Sono patrimonio di polo, possono essere ricercati a livello di biblio (locale) o di polo Possono essere catturati da polo ed abilitati per la propria biblioteca partendo da Nuovo e ricercando per nome Sono caratterizzati da un codice utente formato dalla sigla della biblioteca che li ha per prima inseriti a sistema ed un numero progressivo

25 25 Partners 2. 2.Utenti

26 26 Partners 3. 3.Biblioteche Tabella precaricata di tutte le biblioteche dei poli SBN 4. 4.Bibliotecari Sono di biblioteca, vengono inseriti ed abilitati alle funzioni che loro competono dal LM che assegna loro un profilo, tramite la funzione di abilitazione bibliotecari.

27 27 Stampe Il client consente due tipi di stampe: 1.On line : abbiamo una risposta immediata alla richiesta inoltrata 2.Batch: la risposta alla richiesta inoltrata avviene in differita. Di seguito vedremo come si richiedono e come si visualizzano.

28 28 Stampe on line Un esempio di stampa on line è quello dell’etichetta del volume che avviene al termine del processo di catalogazione nel caso si valorizzi il flag che richiede la stampa dell’etichetta.

29 29 Stampe on line

30 30 Stampe batch Sono delle stampe che prevedono un output in un momento successivo a quello della richiesta. In genere il sistema esegue la richiesta di notte ed il risultato può essere visualizzato il giorno successivo a quello della richiesta. Vediamo come esempio la stampa del registro d’ingresso.

31 31 Stampe batch ES. di batch: stampa del registro d’ingresso Produce il registro d’ingresso relativamente ai parametri indicati nella richiesta, produce inoltre una lista dei n. d’inventario assegnati in fase di “arrivo documento” ma non ancora collocati. E’ ordinato per data di registrazione del numero di inventario.

32 32 Stampe batch ES. di batch: stampa del registro d’ingresso ES. di batch: stampa del registro d’ingresso Se valorizzati nella richiesta per ogni volume vengono stampati: n. inventario e data dell’inventario n. inventario e data dell’inventario provenienza (cod. fornitore o altro) provenienza (cod. fornitore o altro) Tipo ordine, data fattura, numero fattura Tipo ordine, data fattura, numero fattura ISBD ed eventuale prima area dell’ISBD del titolo di livello superiore (escluso le collane) ISBD ed eventuale prima area dell’ISBD del titolo di livello superiore (escluso le collane) tipo di materiale tipo di materiale valore inventariale valore inventariale precisazioni del volume precisazioni del volume dati di collocazione dati di collocazione BID BID

33 33 Stampe batch ES. di batch: stampa etichette per gruppi ES. di batch: stampa etichette per gruppi Può essere utilizzata quando si vuole stampare un insieme di etichette. Il LM avrà parametrizzato i formati etichette: si sceglie il formato di stampa e poi il range di inventari o segnature, oppure si inseriscono uno ad uno gli inventari.

34 34 Gestione dei batch I batch possono essere ricercati per: 1. Numero di prenotazione 2. Funzione 3. Bibliotecario che ha inoltrato la richiesta 4. Data ( basta inserirne una) 5. Stato della richiesta Le richieste vengono accodate per l’esecuzione da programma BQ+, che può, a secondo di come è stata impostata la coda eseguirle subito o “in notturna”. Elenco code Elenco code

35 35 Gestione dei batch In ogni caso, se ricerchiamo un output subito dopo aver immesso la prenotazione possiamo seguirne le varie fasi: FASE 1: inserimento prenotazione Stato =SEND FASE 1: inserimento prenotazione Stato =SEND FASE 2: accodamento delle richieste a BQ+Stato = HELD FASE 3: esecuzione processo Stato = EXEC FASE 4:conclusione processoStato = OK/ERROR Quando lo stato è OK o ERROR si accede il tasto “Esamina”

36 36 Gestione dei batch Quando lo stato è ERROR possiamo ugualmente esaminare lo stato della richiesta. Cliccando poi sul pulsante “Msg Funz.” possiamo avere utili informazioni da trasmettere all’assistenza nel segnalare via Mantis l’errore.

37 37 Gestione dei batch Quando lo stato è OK il richiedente può trasferire i dati sul proprio PC: Dopo aver premuto “esamina” comparirà il/i file da importare sul pc: Selezionare i file in grassetto e premere “Importa”: Verrà visualizzata: Un’anteprima immediata delle stampe grafiche (es. stampa etichette) Un’anteprima immediata delle stampe grafiche (es. stampa etichette) Una finestra per scegliere la cartella dove importare il file e poi l’anteprima del file.txt negli altri casi Una finestra per scegliere la cartella dove importare il file e poi l’anteprima del file.txt negli altri casi

38 38 Gestione dei batch Tutti i file batch dunque si possono leggere in formato.txt nella cartella del proprio PC : C:\sbnCSapp\FileBatch C:\sbnCSapp\FileBatch Alcuni possono essere convertite in.xls come segue: 1. Aprire il programma excel, selezionare File-Apri e selezione il file sotto la directory :\Filebatch 2. Selezionare il file (esempio stampa del registro di ingresso) 3. Seguire le indicazione di conversione e salvare il documento finale con un nome appropriato nella cartella che preferite, avendo cura di selezionare l’estensione.xls.

39 39 Appendice: funzioni del LM Le funzioni dei LM sono principalmente due: Rapporti con il Gestore di Polo (CILEA) Rapporti con il Gestore di Polo (CILEA) 2. Gestione dell’applicativo ad alto livello

40 40 Appendice: funzioni del LM 1.Rapporti con il Gestore di Polo (CILEA) Mantiene i rapporti con l’assistenza Cilea: Mantiene i rapporti con l’assistenza Cilea: Via Mantis Via Mantis Via mail ) Via mail In casi gravi di blocco servizio via telefono In casi gravi di blocco servizio via telefono Comunica ai suoi bibliotecari gli avvisi inviati dal gestore di polo riguardanti il servizio (di Polo e di Indice) e l’aggiornamento del client. Comunica ai suoi bibliotecari gli avvisi inviati dal gestore di polo riguardanti il servizio (di Polo e di Indice) e l’aggiornamento del client. Partecipa alla formazione fatta dal gestore di polo in caso di nuove funzionalità dell’applicativo e la trasmette poi ai suoi bliotecari Partecipa alla formazione fatta dal gestore di polo in caso di nuove funzionalità dell’applicativo e la trasmette poi ai suoi bliotecari

41 41 Appendice: funzioni del LM 2.Gestione dell’applicativo ad alto livello: Gestione delle impostazioni della biblioteca. Gestione delle impostazioni della biblioteca. Dal menù da gestione – gestione del sistema - impostazioni della biblioteca dovrà parametrizzare: a) Buoni d’ordine (se utlizzati dalla biblioteca b) Etichette/Schede/Unimarc c) Soggetti/classi/thesaurus d) Richieste web (se la biblioteca eroga servizi via web) e) Categorie di fruizione per segnatura (se la biblioteca gestisce il prestito di materiale non SBN)

42 42 Appendice: funzioni del LM 2.Gestione dell’applicativo ad alto livello: Gestione delle impostazioni della biblioteca. Gestione delle impostazioni della biblioteca. Dal menù da gestione – gestione documento fisico dovrà inserire: a) Serie Inventariali b) Sezioni di collocazione Dal menù gestione – acquisizioni dovrà inserire: a) Sezioni di acquisizione (sono obbligatorie se gestite il bilancio e non le usate dovete crearne una fittizia)

43 43 Appendice: funzioni del LM 2.Gestione dell’applicativo ad alto livello: Abilitazione dei bibliotecari : Abilitazione dei bibliotecari : a) Dal menù di gestione scegliere partners - bibliotecari, cliccare su “Nuovo” e valorizzare i campi richiesti. Tutti i bibliotecari, ed in primo luogo i LM, devono riportare nel campo "note competenze": nome - cognome - indirizzo - numero di telefono dell’ufficio. N.B. I LM ricordino di indicare ai bibliotecari i livelli di autorità a cui sono stati abilitati, in modo che personalizzino correttamente il client

44 44 Appendice: funzioni del LM 2.Gestione dell’applicativo ad alto livello: Abilitazione dei bibliotecari: Abilitazione dei bibliotecari: b) Dal menù gestione - gestione del sistema – abilitazione alle funzioni – abilitazioni bibliotecari ricercare il bibliotecario appena inserito ed attribuirgli un profilo. Sono stati pre-inseriti in tutte le biblioteche tre profili operatore: ALL, GEN ed IST. Si possono visualizzare le funzioni attribuite ai profili da: gestione - gestione del sistema - abilitazione alle funzioni - abilitazione biblioteca - profili, qui il LM può anche creare/modificare i profili. ALL = è il profilo del solo LM comporta la responsabilità su tutta la gestione e l’organizzazione della biblioteca ALL = è il profilo del solo LM comporta la responsabilità su tutta la gestione e l’organizzazione della biblioteca GEN = è il profilo del bibliotecario tipo GEN = è il profilo del bibliotecario tipo IST = E’ un profilo molto limitato tipico dell’installatore di client. IST = E’ un profilo molto limitato tipico dell’installatore di client.

45 45 Appendice: Mantis E’ il sistema di gestione via web dell’assistenza di Unixc/s a livello nazionale. E’ sw open source e la macchina per il suo utilizzo è stata messa a disposizione dell’ICCU dal CILEA. Vi si accede tramite userid e Password al sito:

46 46 Appendice: Mantis Userid e password vengono consegnati ai LM che, on line, trovano tutta la documentazione e le regole per l’utilizzo documentazione e le regole per l’utilizzo che andiamo subito a vedere.


Scaricare ppt "Unix c/s Introduzione Generale del sistema Unix c/s Introduzione Generale del sistema Carla Zini30 gennaio 2006."

Presentazioni simili


Annunci Google