La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Istituto Comprensivo “A. Belli” Sabbio Chiese a.s. 2012-’13 Incontro di formazione: Bisogni Educativi Speciali 26 febbraio 2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Istituto Comprensivo “A. Belli” Sabbio Chiese a.s. 2012-’13 Incontro di formazione: Bisogni Educativi Speciali 26 febbraio 2013."— Transcript della presentazione:

1 Istituto Comprensivo “A. Belli” Sabbio Chiese a.s ’13 Incontro di formazione: Bisogni Educativi Speciali 26 febbraio 2013

2 Riferimenti normativi Direttiva Ministeriale 27 dicembre 2012 “Strumenti di intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica” (Emanata alle scuole con prot. MIUR AOODRLO R.U. 721 del 28 gennaio 2013)

3 Premessa Si tratta di un documento di particolare interesse che delinea e precisa la strategia inclusiva della scuola italiana e che si inserisce sul percorso di inclusione scolastica e di realizzazione del diritto all’apprendimento per tutti gli alunni e gli studenti in situazione di difficoltà

4 Situazione: Un sempre maggiore numero di alunni con continuità o per determinati periodi e per una pluralità di motivi ( fisici, biologici, fisiologici, psicologici, sociali) presenta: difficoltà di apprendimento, di sviluppo di abilità e competenze disturbi del comportamento

5 Effetti: Abbandoni Ripetenze e pluri-ripetenze dispersione scolastica

6 Necessità di ripensare alcuni aspetti dell’intero sistema sulla base : delle criticità emerse negli anni del contesto sociale mutato e più variegato della maggior difficoltà a definire i confini tra alunni con disabilità/alunni senza disabilità

7 Novità: La Direttiva, basandosi sul concetto di BES (bisogni educativi speciali), rimarca una visione globale della persona, con riferimento alla classificazione internazionale del funzionamento, disabilità e salute fondata su: profilo di funzionamento analisi del contesto. (OMS, 2002 )

8 Bisogni Educativi Speciali: In questa definizione rientrano: 1.Disabilità 2.Disturbi evolutivi specifici 3.Svantaggio socio-economico, linguistico, culturale

9 Norme primarie di riferimento: Legge 517 del 1977  avvio all’integrazione scolastica Legge 104 del 1992  disabilità Legge 170 del 2010  alunni con DSA e successive integrazioni Legge 53 del 2003  personalizzazione

10 La nuova direttiva amplia l’area dei DSA a differenti problematiche: i deficit del linguaggio delle abilità non verbali della coordinazione motoria dell’attenzione dell’iperattività e introduce il tema dello: svantaggio socioeconomico, linguistico e culturale

11 La Direttiva: Sposta l’attenzione dalle procedure di certificazione (i disturbi sopra descritti non vengono certificati ai sensi della L. 104 e non prevedono misure come l’insegnante di sostegno)  all’analisi dei bisogni di ciascuno ed estende a tutti gli studenti in difficoltà il DIRITTO (e quindi il DOVERE per i docenti) alla personalizzazione dell’apprendimento

12 Come? Presa in carico complessiva ed inclusiva da parte di TUTTI i docenti Misure dispensative Strumenti compensativi

13 Attenzione! non si devono favorire improprie facilitazioni MA rimuovere quanto ostacola i percorsi di apprendimento

14 non generare un livellamento degli apprendimenti MA rimodulare sulle potenzialità di ciascuno nell’ottica di una scuola più equa.

15 Le problematiche: Certificate dagli specialisti Documentate dalla famiglia Rilevate dalla scuola  devono trovare risposte adeguate ed articolate ed essere al centro dello sforzo congiunto di scuola e famiglia

16 Procedure: Osservazione e lettura attenta dei segni di disagio Dialogo con la famiglia Risposte idonee e personalizzate

17 Strumento: Piano Didattico Personalizzato (PDP) che ciascun docente e tutti i docenti del consiglio di classe sono chiamati ad elaborare  DEFINISCE, MONITORA, DOCUMENTA le strategie di intervento più idonee

18 L’approccio educativo e non “clinico” dei docenti, basato su strategie di intervento e metodologie specifiche PERCIO’ si ispira alle Leggi 53/2003 e 170/2000 ed è basato su interventi che devono essere documentati alle famiglie

19 Chi sostiene i docenti? La Direttiva fa riferimento ai Centri Territoriali di Supporto che dovranno (?) realizzare una rete di sostegno: al processo di integrazione allo sviluppo professionale dei docenti alla formazione dei docenti verso le migliori pratiche

20 Riflettiamo… sorridendo! Non è forse vero che …


Scaricare ppt "Istituto Comprensivo “A. Belli” Sabbio Chiese a.s. 2012-’13 Incontro di formazione: Bisogni Educativi Speciali 26 febbraio 2013."

Presentazioni simili


Annunci Google