La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le quattro parti di «Ebrei» Esordio (1,1-4) PRIMA PARTEA - PIÙ VICINO A DIO CHE NON GLI ANGELI B - PIÙ V. AGLI UOMINI CHE NON GLI ANGELI SECONDA P.A.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le quattro parti di «Ebrei» Esordio (1,1-4) PRIMA PARTEA - PIÙ VICINO A DIO CHE NON GLI ANGELI B - PIÙ V. AGLI UOMINI CHE NON GLI ANGELI SECONDA P.A."— Transcript della presentazione:

1

2 Le quattro parti di «Ebrei»

3 Esordio (1,1-4) PRIMA PARTEA - PIÙ VICINO A DIO CHE NON GLI ANGELI B - PIÙ V. AGLI UOMINI CHE NON GLI ANGELI SECONDA P.A - SOMMO SACERDOTE DEGNO DI FEDE B - SOMMO SACERDOTE MISERICORDIOSO TERZA PARTE A - IL NUOVO SACERDOZIO B - LA NUOVA ALLEANZA C - IL NUOVO SACRIFICIO QUARTA P. A - CON LA FEDE DEI PADRI... B - CON LA PERSEVERANZA DI GESÙ C - ANDIAMO VERSO LA PROMESSA Saluti finali (13,19ss) 1,5-2,18 3,1-5,10 5,11-10,18 10,19-13,24

4 I vv. 10,36-39 annunciano le 3 sezioni della «IV parte», parlando di Perseveranza (hypo-monē) (  annuncio della sezione «IV B» nel v. 10,36a) di Promessa (epaggelìa) (  annuncio della sezione «IV C» nel v. 10,36b) e di Fede (pistis) (  annuncio della sezione «IV A» nei vv. 10,38.39) «10 36 Avete solo bisogno di perseveranza, perché […[ otteniate ciò che vi è stato promesso […] 39 Noi non siamo di quelli che cedono, per la propria rovina, ma uomini di fede per la salvezza della nostra anima»

5 Quarta parte (IV A - IV B - IV C) IV A (11,1-40) Con la fede dei Padri … IV B (12,1-13) Con la perseveranza di cui Gesù è archetipo … IV C (12,14-13,18)... camminiamo avanti, verso la promessa: la città futura e il Regno che non crolla.

6 CON LA FEDE DEI PADRI CHE ERANO PROTESI VERSO LE PROMESSE … (11,1-40) INTRODUZIONE: NOI E LA FEDE (11,1-3) 11,1: Definizione di fede come tensione a ciò che è promesso e non si vede. 11,2: Fede dei Padri, ricompensata con l’approvazione divina. 11,3: La nostra fede e le cose visibili tratte dalle non visibili. « 1 La fede è fondamento di ciò che si spera e prova di ciò che non si vede. 2 Per questa fede i nostri antenati sono stati approvati da Dio. 3 Per fede, noi sappiamo che i mondi furono formati dalla parola di Dio, sicché dall’invisibile ha preso origine il mondo visibile »

7 LA FEDE NELLA STORIA DA ABELE AI MACCABEI (11,4-38) 11,4-7: Fede di Abele, di Enoc, e fede di Noè. (regola dell’impossibilità di piacere a Dio senza fede, v. 6) « 4 Per fede Abele offrì a Dio un sacrificio migliore di quello di Caino e in base ad essa fu dichiarato giusto, avendo Dio attestato di gradire i suoi doni. Per essa benché morto parla ancora».

8 « 5 Per fede Enoc fu portato via in modo da non vedere la morte e non lo si trovò più (…)» « 6 Senza la fede è impossibile essergli graditi: chi infatti si avvicina a Dio, deve credere che egli esiste e che ricompensa coloro che lo cercano» Infatti, prima di essere portato altrove, egli fu dichiarato persona gradita a Dio»

9 « 7 Per fede Noè, avvertito di cose che ancora non si vedevano, preso da sacro timore, costruì un’arca per la salvezza della sua famiglia. E per questa fede condannò il mondo e ricevette in eredità la giustizia secondo la fede»

10 11,8-22: Fede di Abramo (proteso verso la città di cui Dio è architetto, vv. 9-10) e dei suoi discendenti (loro tensione verso la patria celeste, intravista e salutata da lontano, vv ). 11,23-31: Fede di Mosè (per il quale l’invisibile era visibile, v. 27c) e dei Padri, nell’esodo e nella conquista della terra. Nelle figure di Noè, Abramo e Mosè l’autore privilegia la tensione verso l’invisibile e l’escatologia fondata sulla fiducia posta in Dio e sulle sue promesse

11 « 8 Per fede Abramo, chiamato da Dio, obbedì partendo per un luogo che doveva ricevere in eredità e partì senza sapere dove andava» « 9 Per fede, egli soggiornò nella terra promessa come in una regione straniera, abitando sotto le tende, come anche Isacco e Giacobbe, coeredi della medesima promessa. 10 Egli aspettava infatti la città dalle salde fondamenta il cui architetto e costruttore è Dio stesso»

12 « 11 Per fede anche Sara, sebbene fuori dell’età, ricevette la possibilità di diventare madre, perché ritenne degno di fede Colui che glielo aveva promesso» « 12 Per questo da un uomo solo, e inoltre già segnato dalla morte, nacque una discendenza numerosa come le stelle del cielo e come la sabbia che si trova lungo la spiaggia del mare e non si può contare» Sara

13 « 13 Nella fede morirono tutti costoro, senza aver ottenuto i beni promessi, ma li videro e li salutarono solo da lontano, dichiarando di essere stranieri e pellegrini sulla terra. 14 Chi parla così, mostra di essere alla ricerca di una patria. 15 Se avessero pensato a quella da cui erano usciti, avrebbero avuto la possibilità di ritornarvi. 16 Ora invece essi aspirano a una patria migliore, cioè a quella celeste. Per questo Dio non si vergogna di essere chiamato loro Dio. Ha preparato infatti per loro una città».

14 « 17 Per fede Abramo, messo alla prova, offrì Isacco, e proprio lui, che aveva ricevuto le promesse, offrì il suo unigenito figlio 18 del quale era stato detto: “Mediante Isacco avrai una tua discendenza”. 19 Egli pensava infatti che Dio è capace di far risorgere anche dai morti: per questo lo riebbe anche come simbolo».

15

16

17

18 « 23 Per fede Mosè, appena nato, fu tenuto nascosto per 3 mesi dai suoi genitori, perché videro che il bambino era bello e non ebbero paura dell’editto del re».

19 « 24 Per fede Mosè, divenuto adulto, rifiutò di essere chiamato figlio della figlia del faraone (...) 27 Per fede egli lasciò l’Egitto senza temere l’ira del re infatti rimase saldo come se vedesse l’invisibile». 26 Egli stimava ricchezza maggiore dei tesori d’Egitto l’essere disprezzato per Cristo: aveva infatti lo sguardo fisso sulla ricompensa.

20 « 28 Per fede egli celebrò la Pasqua e fece l’aspersione del sangue perché colui che sterminava i primogeniti non toccasse quelli degli Israeliti» « 29 Per fede essi passarono il Mar Rosso come fosse terra asciutta. Quando gli Egiziani tentarono di farlo vi furono inghiottiti»

21 « 30 Per fede caddero le mura di Gerico, dopo che ne avevano fatto il giro per 7 giorni»

22 « 31 Per fede Raab, la prostituta, non perì con gli increduli, perché aveva accolto con benevolenza gli esploratori »

23 « 32 E che dirò ancora? Mi mancherebbe il tempo se volessi narrare di Gedeone di Barak, di Sansone di Iefte di Davide, di Samuele e dei profeti. la fede dei vincitori 33 Per fede, essi conquistarono regni, esercitarono la giustizia, ottennero ciò che era stato promesso, chiusero le fauci dei leoni, 34 spensero la violenza del fuoco, sfuggirono alla lama della spada, trassero vigore dalla loro debolezza, divennero forti in guerra, respinsero invasioni di stranieri. 35 Alcune donne riebbero, per risurrezione, i loro morti». Fede di eroi vincitori (11,32-35a) e vinti (11,35b-38), dall’epoca dei giudici ai Maccabei.

24 «Altri poi furono torturati, non accettando la liberazione loro offerta per ottenere una migliore risurrezione. 36 Altri, infine, subirono insulti e flagelli, catene e prigionia. 37 Furono lapidati, torturati, tagliati in due, furono uccisi di spada, andarono in giro coperti di pelli di pecora e di capra, bisognosi, tribolati, maltrattati, - 38 di loro il mondo non era degno! - vaganti per i deserti, sui monti, tra le caverne e le spelonche della terra». la fede dei vinti Dei vincitori l’autore mette in luce la forza d’animo e il coraggio mentre dei vinti mette invece in luce la perseveranza e la tenacia

25 « 39 Tutti costoro, pur essendo stati approvati a causa della loro fede, non ottennero ciò che era stato loro promesso. 40 Dio infatti per noi aveva predisposto qualcosa di meglio, affinché essi non ottenessero la perfezione senza di noi». C ONCLUSIONE : NOI E LA FEDE (11,39-40) 11,39: Pur approvati da Dio i Padri non raggiunsero la promessa 11,40: Dio non volle portarli alla perfezione senza di noi a cui ha destinato i beni. Tutto il capitolo sembra voler celebrare la fede dei padri e invece celebra «il meglio - il krèitton» (13 ricorrenze in Eb) preparato per noi (Ebrei è un documento di confronti per far risaltare sempre la superiorità di Gesù e dei credenti)

26 «12 1 Anche noi dunque, circondati da tale moltitudine di testimoni, avendo deposto tutto ciò che è di peso e il peccato che ci assedia, corriamo con perseveranza nella corsa che ci sta davanti» esortazione cui l’Autore, parlando della fede dei Padri, mirava perché nessuno si lasci sfuggire «il meglio»

27 In sintesi, in Eb 11, dopo una definizione di fede (= fondamento di ciò che, pur non vedendosi, è reale e che quindi si spera, v. 11,1), l’Autore esorta alla fede elencando gli esempi lasciati dai grandi personaggi dell’AT chiamati in 12,1 «una così grande folla di testimoni». Tutto il capitolo è incluso tra due riferimenti al «noi» dell’Autore e dei destinatari perché si sia fedeli alla grazia ricevuta: All’inizio: «Per fede noi sappiamo che da cose non-visibili ha preso origine quello che si vede» (11,2) Alla fine: «I Padri non conseguirono la perfezione senza di noi perché è per noi che Dio ha predisposto le cose migliori» (11,40)

28 Sia prima di noi (nella creazione) che dopo di noi (nell’escatologia) c’è qualcosa che sfugge al nostro sguardo ma è reale, più reale delle cose visibili. È qualcosa dunque cui dobbiamo essere protesi con tutto il nostro essere, perché è «il meglio» che Dio ha predisposto per noi.

29

30 Quarta parte (IV A - IV B - IV C) IV A (11,1-40) Con la fede dei Padri … IV B (12,1-13) Con la perseveranza di cui Gesù è archetipo … IV C (12,14-13,18)... dobbiamo camminare avanti verso la promessa: la città futura e il Regno che non crolla.

31 Esortazione alla perseveranza: «Corriamo con perseveranza» (12,1-3) 12,1: La fede dei Padri, numerosi tanto da formare non una nube (nephelē), ma una nuvolaglia (nephos), sfocia spontaneamente nel primo di quattro imperativi che è un’esortazione alla perseveranza: «... corriamo con perseveranza nella corsa che ci sta davanti» (12,1a).

32 12,2-3: La vita cristiana è presentata come una «gigantesca corsa di resistenza» (Montefiore) in vista della quale bisogna buttare via la zavorra (12,1b) e durante la quale, per non stancarsi e scoraggiarsi, bisogna tenere fisso lo sguardo su Gesù che ha fatto la sua corsa attraverso la passione, ma è poi giunto a sedersi alla destra di Dio (12,2-3).

33 «… circondati da una così grande moltitudine di testimoni …»

34 «12 1 Anche noi dunque, circondati da tale moltitudine di testimoni, avendo deposto tutto ciò che è di peso e il peccato che ci assedia, corriamo con perseveranza nella corsa che ci sta davanti, 2 tenendo fisso lo sguardo su Gesù, colui che dà origine alla fede e la porta a compimento» museo archeologico di Napoli

35 «... corriamo con perseveranza nella corsa che ci sta davanti, 2 tenendo fisso lo sguardo su Gesù, colui che dà origine alla fede e la porta a compimento»

36 «12 Egli, di fronte alla gioia che gli era posta dinanzi, si sottopose alla croce, disprezzando il disonore, e siede alla destra del trono di Dio. 3 Pensate attentamente a colui che ha sopportato (lett. perseverato) contro di sé una così grande ostilità dei peccatori, perché non vi stanchiate perdendovi d’animo»

37 Ogni prova rientra nella pedagogia di Dio: «Perseverate per la vostra paideia» (12,4-11) 12,4-6: Premessa: « 4 Non avete ancora lottato fino al sangue, 5 e avete già dimenticato l’esortazione a voi rivolta come a figli: Figlio mio, non disprezzare la correzione del Signore e non ti perdere d’animo quando sei ripreso da lui; 6 perché il Signore corregge colui che egli ama e percuote chiunque riconosce come figlio» (= Prov 3,11) 12,7-8: Dopo la premessa viene il secondo imperativo: «In vista della vostra paideia, perseverate! (eis paidèian hypomènete)».

38 Seguono: (a)un’affermazione «12 7 Dio vi tratta come figli» (b) un interrogativo che estende l’affermazione a figli e padri «... ¿ e qual è quel figlio che non viene sottoposto a paideia dal padre ?» (c) l’ipotesi del bastardo « 8 Se non subite paideia, mentre tutti ne hanno avuto la loro parte, siete illegittimi, non figli!»

39 12,9-11: Seguono due confronti tra pedagogia umana e pedagogia divina, e un aforisma. 12,9: Il primo confronto è circa gli effetti L’educazione umana fa cambiare, quella divina fa vivere: « 9 Del resto noi abbiamo avuto come educatori i nostri padri terreni e li abbiamo rispettati. Non ci sottometteremo perciò molto di più al Padre celeste, per avere la vita?» 12,10 : Il secondo è circa il metodo pedagogico: I padri umani educano i figli solo nell’adolescenza e come a loro sembra bene - Dio lo fa in vista del vero bene. « 10 Costoro infatti ci correggevano per pochi giorni, come sembrava loro. Dio lo fa per il nostro bene, allo scopo di farci partecipi della sua santità».

40 « 10 Costoro infatti ci correggevano per pochi giorni, come sembrava loro. Dio lo fa per il nostro bene, allo scopo di farci partecipi della sua santità».

41 Aforisma finale (L’educazione all’inizio è dolorosa ma poi si constata che porta frutto, v. 12,11): « 11 Certo, sul momento, ogni correzione non sembra causa di gioia, ma di tristezza. Dopo, però, arreca un frutto di pace e di giustizia a quelli che per suo mezzo sono stati addestrati»

42 Due metafore per esortare a riprendersi (12,12-13) Riprendendo e perfezionando l’immagine della corsa, nel terzo e quarto imperativo l’Autore esorta a raddrizzare le braccia rilassate e le ginocchia paralizzate (12,12), e a raddrizzare il passo, perché (il piede?) zoppicante migliori, anziché peggiorare (12,13). « 12 Perciò, rinfrancate le mani inerti e le ginocchia fiacche, 13 e camminate diritti con i vostri piedi, perché [il piede] che zoppica non abbia a storpiarsi ma piuttosto a guarire».

43 «Perciò, rinfrancate le mani inerti e le ginocchia fiacche...»

44 La perseveranza (hypo-monē) in Eb 12. Il termine greco è composto della preposizione «hypo - sotto» e dalla radice del verbo mènein che significa «rimanere», per cui il significato complessivo è quello del «rimanere sotto» le difficoltà con perseveranza. La resistenza di Eb 12 è molto simile alla fede (pistis) di Eb 11. Come quella, essa è proiezione in avanti attraverso ogni difficoltà, costi quello che costi. Si distingue anzitutto per una più marcata esplicitazione della sofferenza e dell’obbrobrio che la vita cristiana comporta e, in secondo luogo, perché ha il suo archetipo non nei protagonisti dell’AT, ma in Gesù (13,12-13), che è passato esemplarmente attraverso e oltre la vergogna della passione e della croce (12,2b).

45 «… circondati dauna così grande moltitudine di testimoni corriamo con perseveranza …»

46

47 Quarta parte (IV A - IV B - IV C) IV A (11,1-40) Con la fede dei Padri … IV B (12,1-13) con la perseveranza di cui Gesù è archetipo … IV C (12,14-13,18)... camminiamo in avanti verso la promessa: la città futura e il Regno che non crolla.

48 12,14: Esortazioni generiche (a pace e santità) 12,15-17: Esortazione legata ai destinatari contro l’apostasia: (a) devono guardarsi dal separarsi dalla grazia di Dio (v. 15a) (b) e dalla radice amara e nociva (v. 15b) dal peccato di Esaù, che per un cibo svendette la primogenitura (vv ) « 15 Vigilate perché nessuno si privi della grazia di Dio. Non spunti né cresca in mezzo a voi alcuna radice velenosa, che provochi danni e molti ne siano contagiati. 16 Non vi sia nessun fornicatore, o profanatore, come Esaù che, in cambio di una sola pietanza, vendette la sua primogenitura. 17 E voi ben sapete che in seguito, quando volle ereditare la benedizione, fu respinto: non trovò, infatti, spazio per un cambiamento, sebbene glielo richiedesse con lacrime».

49 L’Autore richiama alla mente dei suoi interlocutori la loro identità negativamente («Non vi siete avvicinati a...») «12 18 Voi infatti non vi siete avvicinati a qualcosa di tangibile né a un fuoco ardente, né a oscurità tenebra e tempesta 19 né a squillo di tromba e a suono di parole mentre quelli che lo udivano scongiuravano Dio di non rivolgere più a loro la parola. 20 Non potevano infatti sopportare quest’ordine: “Se anche una bestia toccherà il monte, sarà lapidata”. 21 Lo spettacolo in realtà era così terrificante che Mosè disse: Ho paura e tremo»

50 «... non vi siete avvicinati a qualcosa di tangibile né a un fuoco ardente né a oscurità tenebra e tempesta né a squillo di tromba e a suono di parole...»

51 Poi richiama l’identità del credente in termini positivi («Vi siete invece avvicinati a...»): «12 22 Voi invece vi siete accostati al monte Sion, alla città del Dio vivente, alla Gerusalemme celeste e a migliaia di angeli, all’adunanza festosa 23 e all’assemblea dei primogeniti i cui nomi sono scritti nei cieli, al Dio giudice di tutti e agli spiriti dei giusti resi perfetti, 24 a Gesù, mediatore dell’alleanza nuova, e al sangue purificatore, che è più eloquente di quello di Abele».

52 «Voi invece vi siete accostati al monte Sion, alla città del Dio vivente, alla Gerusalemme celeste, e a migliaia di angeli, all’adunanza festosa …»

53 «… al Dio giudice di tutti, e agli spiriti dei giusti resi perfetti, a Gesù, mediatore dell’alleanza nuova, e al sangue purificatore che è più eloquente di quello di Abele» «... e a migliaia di angeli, all’adunanza festosa, all’assemblea dei primogeniti i cui nomi sono scritti nei cieli...»

54 Configurata ognuna delle due situazioni salvifiche, l’Autore parla dell’accoglienza che fu riservata alla prima e di quella che si può riservare alla seconda: come essi rifiutarono Dio che parlava dalla terra, così noi potremmo rifiutare la sua parola che viene dal cielo. « 25 Perciò guardatevi bene dal rifiutare Colui che parla perché, se quelli non trovarono scampo per aver rifiutato colui che proferiva oracoli sulla terra, a maggior ragione non troveremo scampo noi, se volteremo le spalle a Colui che parla dai cieli. 26 La sua voce un giorno scosse la terra; adesso invece ha fatto questa promessa Ancora una volta io scuoterò non solo la terra, ma anche il cielo».

55 La conclusione è a fortiori: il rischio che corriamo noi è tanto maggiore quanto più grande è la grazia che possiamo rifiutare, e perché quello cui saremo sottoposti non è un giudizio interlocutorio bensì quello finale (12,25-26).

56 « 27 Quando dice ancora una volta, vuole indicare che le cose scosse, in quanto create, sono destinate a passare, mentre rimarranno intatte quelle che non subiscono scosse. 28 Perciò noi, che possediamo un regno incrollabile, conserviamo questa grazia, mediante la quale rendiamo culto in maniera gradita a Dio con riverenza e timore; 29 perché il nostro Dio è un fuoco divorante ».

57 Seguono esortazioni generiche sull’amore fraterno sull’ospitalità, sull’assistenza ai carcerati, sulla santità del matrimonio circa l’avarizia, circa l’imitazione dei capi della prima ora che hanno dato loro un esempio da non dimenticare (13,1-7). Poi d’improvviso torna al suo argomento con il famoso grido cristologico: «13 8 Gesù Cristo è lo stesso ieri e oggi e per sempre!»

58 «Gesù Cristo è lo stesso ieri e oggi e per sempre!»

59 Dopo il richiamo al Cristo vivente nei secoli, viene l’affondo circa le dottrine e i pasti di cui i destinatari dell’Epistola vanno in cerca pericolosamente: « 9 Non lasciatevi sviare da dottrine varie ed estranee, perché è bene che il cuore venga sostenuto dalla grazia e non da cibi che non hanno mai recato giovamento a coloro che ne fanno uso. 10 Noi abbiamo un altare le cui offerte non possono essere mangiate da quelli che prestano servizio nel tempio».

60 11 Infatti i corpi degli animali, il cui sangue viene portato nel santuario dal sommo sacerdote per l’espiazione, vengono bruciati fuori dell’accampamento. 12 Perciò anche Gesù, per santificare il popolo con il proprio sangue, subì la passione fuori della porta della città.

61 « 13 Usciamo dunque verso di lui fuori dell’accampamento portando il suo disonore»

62 « 13 Usciamo dunque verso di lui fuori dell’accampamento, portando il suo disonore: 14 non abbiamo quaggiù una città stabile, ma andiamo in cerca di quella futura. 15 Per mezzo di lui dunque offriamo a Dio continuamente un sacrificio di lode, cioè il frutto di labbra che confessano il suo nome».

63

64 «…non abbiamo quaggiù una città stabile ma andiamo in cerca di quella futura» ( )

65 «13 14 … non abbiamo quaggiù una città stabile ma andiamo in cerca di quella futura»

66 «Per fede, egli soggiornò nella terra promessa come in una regione straniera, abitando sotto le tende, come anche Isacco e Giacobbe, coeredi della medesima promessa. Egli aspettava infatti la città dalle salde fondamenta il cui architetto e costruttore è Dio stesso» L’autore parlava della città futura già parlando di Abramo in Eb 11,9-10:

67 «Anche noi dunque, circondati da tale moltitudine di testimoni, avendo deposto tutto ciò che è di peso e il peccato che ci assedia, corriamo con perseveranza nella corsa che ci sta davanti» (12,1) Non, dunque, «via dalla città!» (come nei nostri fine-settimana) ma «verso la città!», luogo delle relazioni di comunione e delle relazioni ormai risanate dal sangue del Cristo e dalla parola del Vangelo. E neanche solo «camminando», ma «correndo», da atleti di Cristo.

68 Conclusione epistolare di Eb 13,18-19: Richiesta di preghiera 13,20-21: Augurio e dossologia

69 « 18 Pregate per noi; crediamo infatti di avere una buona coscienza, desiderando di comportarci bene in tutto. 19 Con maggiore insistenza poi vi esorto a farlo perché io vi sia restituito al più presto. 20 Il Dio della pace, che ha ricondotto dai morti il Pastore grande delle pecore in virtù del sangue di un’alleanza eterna il Signore nostro Gesù, 21 vi renda perfetti in ogni bene perché possiate compiere la sua volontà, operando in voi ciò che a lui è gradito, per mezzo di Gesù Cristo al quale sia gloria nei secoli dei secoli. Amen. 22 Vi esorto, fratelli, accogliete questa parola di esortazione. Proprio per questo vi ho scritto brevemente».

70 « 23 Sappiate che il nostro fratello Timòteo è stato rilasciato. Se arriva abbastanza presto vi vedrò insieme a lui. 24 Salutate tutti i vostri capi e tutti i santi. Vi salutano quelli dell’Italia. 25 La grazia sia con tutti voi» :Post-scritto autografo con informazioni, saluti, augurio di grazia

71 meditazioni

72 Con la fede dei padri … Il sacerdote è avvertito di cose che ancora non si vedono come Noè e, preso da sacro timore, deve costruire l’arca per la salvezza della sua famiglia. Il sacerdote è maestro di speranza come Abramo, in cammino verso la città di cui Dio è l’architetto Come Sara, di fronte all’impossibile il sacerdote ritiene degna di fede la promessa di Dio. Come Mosè, il sacerdote è proteso a vedere l’invisibile di fronte al mare dell’esodo e attraverso il deserto. Come i Patriarchi, il sacerdote nella fede vive e muore, senza aver ottenuto i beni promessi, ma solo li vede e li saluta da lontano, sapendosi straniero e pellegrino sulla terra.

73 … con la perseveranza di Gesù … Il sacerdote è circondato dalla moltitudine dei testimoni biblici e della storia della spiritualità e della santità. Deponendo ogni giorno il peccato che ci assedia, corre con perseveranza tenendo fisso lo sguardo su Gesù, colui che dà origine alla fede e la porta a compimento. Il sacerdote sa che sul momento ogni correzione non sembra causa di gioia, ma di tristezza, e che, però, arreca poi un frutto di pace e di giustizia a quelli che per suo mezzo sono stati addestrati. Il sacerdote si sottomette alla paideia del Padre celeste, perché Dio ci educa per il nostro bene, allo scopo di farci partecipi della sua santità.

74 … camminiamo verso la promessa Nel proprio passato ogni cristiano si è accostato al monte Sion, alla città del Dio vivente, alla Gerusalemme celeste all’adunanza festosa e all’assemblea dei primogeniti i cui nomi sono scritti nei cieli, al Dio giudice di tutti, e agli spiriti dei giusti resi perfetti, a Gesù, mediatore dell’alleanza nuova, e al sangue purificatore e più eloquente di quello di Abele. «Gesù Cristo è lo stesso ieri e oggi e per sempre!» (13,8): Gesù è il nostro ieri, il nostro oggi, ma poi soprattutto è il nostro futuro: «Vieni Signore Gesù... Sì, vengo presto!» «Così saremo per sempre con il Signore... Sarai con me nel p.» Noi non abbiamo gli strumenti linguistici per parlare dell’eschaton: non abbiamo le parole per parlarne, ma dobbiamo parlarne perché il nostro baricentro è nel futuro: cf. l’attesa la vigilanza la speranza nelle parabole evangeliche.

75 4. Ci aiutano a viverle e ad esprimerle le formule liturgiche: «Quando verrai per le nozze fa che ognuno ti attenda con la lampada accesa». «E quando verrà il giorno del tuo avvento glorioso accoglici Signore nel Regno dei beati». «E quando verrai come giudice fra gli splendori del cielo accoglici alla tua destra nell’assemblea dei beati». «Nell’avvento glorioso alla fine dei tempi ci salvi dai nemici la tua misericordia».

76 «Anche a noi [...] concedi di aver parte nella comunità dei tuoi santi apostoli e martiri [...]: ammettici a godere della loro sorte beata, non per i nostri meriti ma per la ricchezza del tuo perdono». «Donaci di aver parte alla vita eterna insieme con la beata Maria, vergine e madre di Dio con gli apostoli e tutti i santi che in ogni tempo ti furono graditi e in Gesù Cristo tuo Figlio canteremo la tua gloria». «Concedi a noi tuoi figli di ottenere con la beata Vergine Maria e Madre di Dio [...] l’eredità eterna del tuo regno dove con tutte le creature, liberate dalla corruzione e dal peccato, canteremo la tua gloria in Cristo nostro Signore».

77 «Ricordati dei nostri fratelli che sono morti nella pace del tuo Cristo, e di tutti i defunti: ammettili a godere la luce del tuo volto e la pienezza di vita nella resurrezione e concedi anche a noi, al termine di questo pellegrinaggio, di giungere alla dimore eterna, dove tu ci attendi [...]». «Aiutaci a costruire insieme il regno fino al giorno in cui verremo davanti a te nella tua casa, santi fra i santi, con la beata vergine Maria [...] e i nostri fratelli defunti [...] Allora, nella creazione nuova, finalmente liberata dalla corruzione della morte, canteremo l’inno di ringraziamento a te dal tuo Cristo vivente in eterno». «Raccogli in unità perfetta gli uomini di ogni stirpe e di ogni lingua, insieme con la Vergine Maria [...] e tutti santi, nel convito della Gerusalemme nuova, per godere in eterno la pienezza della pace».

78 «Annunciamo la tua morte, o Signore, proclamiamo la tua resurrezione, attendiamo la tua venuta». «Ogni volta che mangiamo di questo pane e beviamo a questo calice annunziamo la tua morte o Signore nell’attesa della tua venuta». «Liberaci, Signore, da ogni male dona la pace ai nostri giorni [...] nell’attesa della beata speranza e venga in nostro salvatore Gesù Cristo».

79 domande

80 1. ¿ In quale misura viviamo personalmente una spiritualità escatologicamente orientata e in quale misura poi annunciamo che «il meglio» è proprio ciò che è invisibile e ciò che si può solo salutare da lontano? 4. Il nostro sguardo deve essere fisso sul Cristo che è «lo stesso» nelle tre dimensioni del tempo: passato, presente e futuro. ¿ Quale delle 3 dimensioni è più difficile / più facile testimoniare ? 3. Come padre saggio, Dio ci sottopone alla sua paideia nella fatica, nella difficoltà e nella sofferenza. A quel proposito ¿ pensiamo più alla fatica della corsa o all’azione di Dio in noi? 2. Prima o poi le gambe si infiacchiscono e le braccia sono cadenti. ¿ Come riprendere sempre di nuovo «la grande corsa di resistenza» sia personalmente sia comunitariamente ?

81


Scaricare ppt "Le quattro parti di «Ebrei» Esordio (1,1-4) PRIMA PARTEA - PIÙ VICINO A DIO CHE NON GLI ANGELI B - PIÙ V. AGLI UOMINI CHE NON GLI ANGELI SECONDA P.A."

Presentazioni simili


Annunci Google