La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 LIUC Università Carlo Cattaneo Facoltà di Economia Laurea specialistica in Amministrazione Aziendale e Libera Professione A.A. 2014 / 2015 CORSO DI Analisi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 LIUC Università Carlo Cattaneo Facoltà di Economia Laurea specialistica in Amministrazione Aziendale e Libera Professione A.A. 2014 / 2015 CORSO DI Analisi."— Transcript della presentazione:

1 1 LIUC Università Carlo Cattaneo Facoltà di Economia Laurea specialistica in Amministrazione Aziendale e Libera Professione A.A / 2015 CORSO DI Analisi Finanziaria degli Enti Pubblici Michelangelo Nigro

2 2 I documenti della programmazione economica e finanziaria Unione Europea: Quadro Comunitario di Sostegno. L’attuale ciclo di programmazione copre l’arco temporale 2014/2020 Stato: Documento di programmazione economico-finanziaria – DPEF; Legge di Stabilità e Legge di Bilancio; DSN Regioni: DPFER – Legge Finanziaria Regionale; DSR – DSM Enti locali: Progetto di Bilancio - PEG

3 3 Il bilancio degli enti territoriali, documenti di programmazione La programmazione si esprime attraverso:  La relazione previsionale e programmatica  Il bilancio pluriennale  Il piano triennale delle opere pubbliche  Il bilancio annuale di previsione  Il Piano Esecutivo di Gestione (PEG) Il bilancio, documento di programmazione

4 4 Relazione previsionale e programmatica (parte politica) Bilancio annuale di previsione Piano esecutivo di gestione I LIVELLO (Pianificazione strategica) II LIVELLO (Programmazione) III LIVELLO (Budgeting) Bilancio pluriennale Relazione previsionale e programmatica (parte tecnica) I documenti della programmazione Piano triennale Il bilancio, documento di programmazione

5 5 La programmazione degli investimenti pubblici La programmazione è fondata sulla conoscenza delle esigenze della collettività, riscontrate attraverso un approccio di tipo bottom-up, in cui il confronto con gli attori privati (stakeholders) costituisce la base per la pianificazione degli investimenti e la regolazione degli appalti pubblici La programmazione triennale è parte integrante del progetto di bilancio (art.172, co.1, lett.d del D.lgs. n. 267/2000) Il bilancio, documento di programmazione

6 6 La struttura del Piano Triennale per Interventi (un esempio) Grandi opere Patrimonio Parchi e giardini Asili nido Scuole materne Scuole elementari Scuole medie Mercati pubblici cimiteri Pubblica illuminazione Acqua e fogne Servizi turistici Biblioteche e musei Assistenza e beneficenza Territorio Uffici giudiziari Igiene e ambiente Impianti sportivi Viabilità e traffico Al momento dell’approvazione in Consiglio del P.T.O.P., deve essere garantito il livello della progettazione preliminare e/o studi di fattibilità Il bilancio, documento di programmazione

7 7 Lo schema del Triennale (un esempio) DESCRIZIONE OPERA 2014F2015F2016FFASE DEL PROGETTO Costruzione scuole1.000D500Al0Esecutivo in corso Manutenzione straordinaria ERP 5.000D4000T3.000TApprovazione progetto preliminare Fogna bianca e nera3.000T2000D2.000AlApprovazione progetto definitivo Realizzazione pista ciclabile 500D400DEsecutivo trasmesso Gara in corso F: fonte di finanziamento; D: debito; T: trasferimento; Al: alienazione Il bilancio, documento di programmazione

8 8 La funzione autorizzatoria del bilancio Il bilancio annuale previsionale ha carattere deliberativo e autorizzatorio Il bilancio pluriennale ha carattere conoscitivo, programmatico e autorizzatorio La fase di previsione non è una fase tecnica, interna al processo decisionale, ma assume una rilevanza esterna All’interno di un sistema accentrato, la funzione autorizzativa influisce nei rapporti tra diversi istituti pubblici (Stato e Comune, ad es.) e privati Il bilancio, documento di programmazione

9 9 L’orizzonte temporale del bilancio 31 dicembre 2013 Preventivo 2014/2016 prorogato al 30 settembre 2014 Previsionale 2014 P. 2015P aprile 2014 Consuntivo 2013 prorogato al 30 giugno settembre 2014 Riequilibrio 2014 (solo per gli enti che hanno approvato il preventivo entro il 31 agosto 2014 ) 30 novembre 2014 Assestamento 2014 L. STABILITA’ 2014 L. STABILITA’ ottobre 2013 Adozione di Giunta Triennale 2014/16

10 10 La struttura del Bilancio degli enti locali Le entrate per Titoli e Categorie Le spese per Titoli e Funzioni La classificazione economica e funzionale delle spese correnti e in conto capitale Il bilancio, documento di programmazione

11 11 Le entrate per Titoli e Categorie Titolo I: Entrate tributarie  Categoria 1: Imposte Risorse: ICI  Categoria 2: Tasse Risorse: TARSU  Categoria 3: Tributi speciali Risorse: diritti servizi pubbliche affissioni Titolo II: Trasferimenti  Categoria 1: Contributi dallo Stato  Categoria 2:... Titolo III: Entrate extratributarie  Categoria 1: Proventi dei servizi pubblici  Categoria 2:... Titolo IV: Entrate da alienazioni, trasferimenti e riscossioni di crediti  Categoria 1: Alienazioni di beni patrimoniali  Categoria 2:... Titolo V: Entrate da assunzioni di prestiti  Categoria 1: Anticipazioni di cassa  Categoria 2: … Il bilancio, documento di programmazione

12 12 … i dettagli Il bilancio, documento di programmazione

13 13 Le spese per Titoli e Funzioni Titolo I: Spese correnti  Funzioni … Servizi …  Interventi Titolo II: Spese in conto capitale  Funzioni … Servizi …  Interventi Titolo III: Spese per rimborso mutui  Interventi Il bilancio, documento di programmazione

14 14 … i dettagli Il bilancio, documento di programmazione

15 15 La classificazione economica e funzionale delle spese correnti Personale Acquisto di beni di consumo e o di materie prime Prestazioni di servizi Utilizzo di beni di terzi Trasferimenti Interessi passivi e oneri finanziari diversi Imposte e tasse Oneri straordinari della gestione corrente Ammortamenti di esercizio Fondo svalutazione crediti Fondo di riserva Il bilancio, documento di programmazione

16 16 La classificazione economica e funzionale delle spese in conto capitale Acquisizione di beni immobili Espropri e servitù onerose Acquisto di beni specifici per realizzazioni in economia Utilizzo di beni di terzi per realizzazioni in economia Acquisizione di beni mobili, macchine ed attrezzature tecnico-scientifiche Incarichi professionali esterni Trasferimenti di capitale Partecipazioni azionarie Conferimenti di capitale Concessioni di crediti e anticipazioni Il bilancio, documento di programmazione

17 17 Il bilancio di competenza, include l’ammontare delle somme che si autorizza rispettivamente di accertare per le entrate e di impegnare per le uscite, durante il periodo di riferimento, anche se le entrate e le uscite siano poi riscosse o pagate nello stesso periodo o in periodi successivi. Il bilancio di cassa, invece, include l’ammontare delle somme che si prevede rispettivamente di riscuotere per le entrate e di pagare per le uscite durante il periodo di riferimento, indipendentemente dal fatto che i rispettivi accertamenti o impegni si siano giuridicamente realizzati nello stesso periodo o in periodi precedenti. I criteri di registrazione Il bilancio, documento di programmazione

18 L’armonizzazione dei sistemi contabili e del bilancio D.lgs. n. 118 del 23 giugno 2011: disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio di regioni, enti locali e organismi strumentali D.PCM n del 28 dicembre 2011: sperimentazione dell’armonizzazione dei sistemi contabili e schemi di bilancio. Con tale decreto vengono ridefiniti e introdotti:  Il sistema contabile  I principi contabili  Il Piano dei conti integrato  La nuova struttura del bilancio  Gli iter delle variazioni di bilancio  Il piano degli indicatori  Il bilancio consolidato D.lgs. n. 126 del 10 agosto 2014: modifiche al D.lgs. n. 118/2011 e al D.lgs. n. 267/

19 Le principali novità dell’armonizzazione Il bilancio di previsione annuale è di competenza e di cassa Il bilancio di previsione pluriennale è di competenza Il sistema di contabilità finanziaria viene affiancato dalla contabilità economia, patrimoniale e consolidata La struttura del bilancio, in sintesi: ENTRATE: titoli, tipologia, categoria, capitoli SPESE: missioni, programmi, macro-aggregati 19

20 20 La gestione delle entrate e delle spese Fasi delle entrate  Accertamento  Riscossione  Versamento  Residui attivi Fasi della spesa  Impegno  Liquidazione  Ordinazione e pagamento  Residui passivi  Economie Il bilancio, documento di programmazione

21 21 Fasi delle entrate IL BILANCIO, PER LA PARTE ENTRATA, PREVEDE LE SEGUENTI FASI: STANZIAMENTO ACCERTAMENTO RISCOSSIONE VERSAMENTO Art

22 22 Accertamento FASE DI GESTIONE DELL'ENTRATA MEDIANTE LA QUALE, SULLA BASE DI IDONEA DOCUMENTAZIONE, VIENE: VERIFICATA LA RAGIONE DEL CREDITO LA SUSSISTENZA DI UN IDONEO TITOLO GIURIDICO INDIVIDUATO IL DEBITORE QUANTIFICATA LA SOMMA DA INCASSARE FISSATA LA RELATIVA SCADENZA Art. 179

23 23 Riscossione MATERIALE INTROITATO DA PARTE DEL TESORIERE (o di altri eventuali incaricati) DELLE SOMME DOVUTE ALL'ENTE Art. 180

24 24 Versamento TRASFERIMENTO DELLE SOMME RISCOSSE NELLE CASSE DELL'ENTE Art. 181

25 25 Residui attivi SOMME ACCERTATE E NON RISCOSSE ENTRO IL TERMINE DELL’ESERCIZIO Art. 189

26 26 Fasi della spesa IL BILANCIO, PER LA PARTE SPESA, PREVEDE LE SEGUENTI FASI: STANZIAMENTO PRENOTAZIONE IMPEGNO LIQUIDAZIONE ORDINAZIONE e PAGAMENTO Art

27 27 Impegno FASE DI GESTIONE DELLA SPESA MEDIANTE LA QUALE, A SEGUITO DI OBBLIGAZIONE GIURIDICAMENTE PERFEZIONATA, VIENE: DETERMINATA LA SOMMA DA PAGARE DETERMINATO IL SOGGETTO CREDITORE INDICATA LA RAGIONE DEL DEBITO COSTITUITO IL VINCOLO SULLE PREVISIONI DI BILANCIO Art. 183 Competenze art.42 Consiglio art.48 Giunta art.49 Parere dei RdS art.107 Dirigenti

28 28 Liquidazione FASE ATTRAVERSO LA QUALE, IN BASE AI DOCUMENTI ED AI TITOLI ATTI A COMPROVARE IL DIRITTO ACQUISITO DEL CREDITORE, SI DETERMINA LA SOMMA CERTA E LIQUIDA DA PAGARE NEI LIMITI DELL'AMMONTARE DELL'IMPEGNO ASSUNTO Art. 184

29 29 Ordinazione e pagamento DISPOSIZIONE IMPARTITA, MEDIANTE IL MANDATO DI PAGAMENTO, AL TESORIERE DELL'ENTE LOCALE DI PROVVEDERE AL PAGAMENTO DELLE SPESE Art. 185

30 30 Residui passivi SOMME IMPEGNATE E NON PAGATE ENTRO IL TERMINE DELL’ESERCIZIO Art. 190, C. 1

31 31 Economie SOMME STANZIATE MA NON IMPEGNATE ENTRO IL TERMINE DELL’ESERCIZIO Art. 190, C. 3

32 32 Fasi di gestione in sintesi Competenza Impegno Pagamento VersamentoStanziamento ENTRATE BILANCIO Stanziamento Accertamento PrevisioneTesoriere Riscossione Liquidazione e ordinazione SPESE Cassa

33 La lettura del bilancio Equilibri di bilancio Autonomia finanziaria Dipendenza finanziaria Rigidità strutturale Indebitamento Residui attivi e passivi Avanzi di amministrazione Debiti fuori bilancio La situazione economica e finanziaria delle partecipate I parametri di deficitarietà 33

34 34 Gli Equilibri, le logiche di bilancio, le politiche di entrata Entrate correnti Entrate in c/cap. Spese Correnti Spese in c/cap. E. Tributarie Trasferimenti E. Extratributarie Alienaz. Riscossioni Accensioni di mutui Spese correnti Spese rimborso mutui Spese in conto capitale  Avanzo economico  Disavanzo Finanziario Il bilancio, documento di programmazione

35 35 Composizione delle entrate correnti

36 36 Composizione delle spese correnti

37 37 Correlazione entrate - spese

38 38 Finanziamento degli investimenti

39 39 Entrata Spesa Integrazione con dati extra-bilancio


Scaricare ppt "1 LIUC Università Carlo Cattaneo Facoltà di Economia Laurea specialistica in Amministrazione Aziendale e Libera Professione A.A. 2014 / 2015 CORSO DI Analisi."

Presentazioni simili


Annunci Google