La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Maurizio Ambrosini Politiche migratorie. Prima serie di slides.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Maurizio Ambrosini Politiche migratorie. Prima serie di slides."— Transcript della presentazione:

1 Maurizio Ambrosini Politiche migratorie. Prima serie di slides

2 Due principali aree di studio delle politiche migratorie Le politiche dell’immigrazione (regolamentazione degli ingressi, status degli immigrati residenti, contrasto e gestione dell’immigrazione irregolare) Le politiche per gli immigrati (misure di integrazione, tempi e procedure di naturalizzazione, riconoscimento e gestione delle diversità culturali) Ma ora si tende a parlare di “immigration regimes”, fondendo i due aspetti

3 Alcune questioni di fondo Il rapporto tra immigrazione, cittadinanza, autorappresentazione della nazione L’accresciuta importanza del tema nell’agenda politica Il rapporto tra retoriche e pratiche, tra politiche dichiarate e politiche in uso La governance dell’immigrazione come tema sempre più complesso, in cui gli Stati devono fare i conti con istanze sovranazionali, apparati burocratici, potere giudiziario, governi locali, attori delle società civili, paesi di origine, reti e associazioni dei migranti

4 La questione della regolazione politica delle migrazioni Nessuno Stato nazionale, per quanto democratico, ha mai rinunciato a regolamentare gli ingressi e ad espellere cittadini stranieri ritenuti indesiderati Il problema è trovare un equilibrio tra istanze di difesa delle frontiere, interessi economici che promuovono l’apertura, obblighi internazionali di protezione dei rifugiati Già oggi l’Unione europea (Schengen) ha eliminato le frontiere interne e statuito dei diritti a favore dei cittadini comunitari all’estero

5 Regimi di mobilità “regimi di mobilità” (Glick Schiller e Salazar 2013): gli Stati-nazione favoriscono la mobilità di alcuni, mentre vietano o restringono la mobilità di altri. regolazione politica (governmentality) e disuguaglianza nell’attribuzione del diritto a muoversi attraverso i confini. Si può parlare più precisamente di stratificazione del diritto alla mobilità

6 Concezioni della cittadinanza (elaborazione da Goodman, 2010) Grado di liberalizzazione Requisiti di accesso BassoAlto FortiCittadinanza proibitiva Cittadinanza condizionale DeboliCittadinanza isolazionista Cittadinanza abilitante

7 Un campo di battaglia La mobilità politicamente regolata è però un terreno conteso, in cui l’ordine imposto dall’alto viene continuamente sfidato ed eroso dalle pratiche di coloro che dovrebbero esserne esclusi Agency dei migranti a confronto con i regimi di mobilità Un campo di battaglia

8 La “narrazione” di Lampedusa Identificazione tra immigrati in condizione irregolare e clandestini Identicazione tra sbarcati e clandestini Una narrazione rilanciata dagli arrivi seguiti alle crisi di regime in Nord Africa Per contro la maggior parte degli immigrati irregolari entrano regolarmente, soprattutto con visti turistici La “vittimizzazione” come contro-strategia

9 Le ragioni della chiusura 1)Controllo degli ingressi di stranieri “poveri” 2)Sicurezza nazionale 3)Lotta al welfare shopping 4)Difesa dell’identità culturale: confini interni e chiusure motivate con argomenti “progressisti”

10 Perché l’immigrazione inquieta e si cerca di frenarla ? L’immigrazione scompagina un’organizzazione sociale basata sugli Stati nazionali e sull’omogeneità della popolazione che vive sul territorio Oggi diventa il simbolo di un mondo esterno minaccioso, incombente, incontrollabile Suscita un allarme antico: l’invasione predatoria di stranieri, ai danni di comunità sedentarie. L’immigrato deve sempre dimostrare di “meritare” di vivere qui: la sua devianza fa più rumore L’immigrazione associa povertà e diversità visibile: noi cerchiamo di starne lontani (caso dei quartieri) Gli immigrati vengono visti come una minaccia per l’ordine simbolico e culturale (caso dei minareti in Svizzera)

11 Fallimento del multiculturalismo? I governi nazionali in Europa stanno prendendo le distanze dal discorso multiculturalista, tornando ad un linguaggio più assimilazionista Il multiculturalismo è considerato la causa della segregazione degli immigrati, della loro mancata integrazione e dell’esplosione di conflitti urbani Questo corrisponde ai sentimenti prevalenti nell’opinione pubblica e alla crescita del tema nell’agenda politica Gli Stati hanno irrigidito non solo i controlli esterni, ma anche quelli interni L’introduzione di test linguistici e culturali e di contratti d’integrazione: una tendenza neo-assimilazionistica

12 La svolta del nuovo secolo: crisi del multiculturalismo? La questione islamica e la domanda di “lealtà” politica Multiculturalismo responsabile degli attentati? Il ritorno dell’assimilazionismo politico: il caso del velo e quello della lingua spagnola La questione delle moschee e lo “scontro di civiltà” Ripensamenti e restrizioni sulla concessione della cittadinanza e della doppia cittadinanza Nelle politiche “progressiste”: il “diritto alla somiglianza” e i diritti delle donne (“Il multiculturalismo fa male alle donne?”)

13 Dal multiculturalismo all’integrazione civica In Europa “il pendolo ha oscillato dal mantenimento dell’identità culturale all’imposizione dei valori liberali essenziali” (Joppke, 2007: 4). Un esempio di “politica simbolica” o meta-politica (Faist): la contrapposizione tra “noi” e “loro” Perché l’enfasi sulla lingua? Il livello cognitivo come terreno di verifica della lealtà politica e culturale I “contratti d’integrazione”: un patto tra contraenti liberi diventa obbligatorio

14 Due spostamenti Si offusca la distinzione tra politiche migratorie e politiche per gli immigrati: sale alla ribalta il concetto di “immigration regime” Si offusca la distinzione tra politiche nazionali (controllo degli ingressi) e politiche locali (integrazione degli immigrati): politiche locali di esclusione

15 Tre parole chiave Integrazione (ma di fatto intesa in termini neo-assimilazionistici) Coesione sociale Diversity

16 L’immigrazione irregolare Più ancora dell’immigrazione in generale, l’immigrazione irregolare è un’incessante e contrastata ridefinizione delle frontiere È il simbolo più forte di uno sconvolgimento dell’ordine sociale, a causa della trasgressione dei confini nazionali e della sfida ai concetti di sovranità e di controllo del territorio Mentre l’economia si globalizza, la politica tende a rinazionalizzarsi

17 Perché è difficile controllare l’immigrazione Le limitazioni confliggono con altri interessi: domanda di lavoro, turismo, scambi economici, rapporti diplomatici, scambi culturali…. Confluenza di mercati e diritti (Cornelius e Al.) Tutti i paesi europei ammettono qualche forma di immigrazione per lavoro: enfasi sugli skilled migrants e sulle migrazioni circolari

18 Accettazione sociale e riconoscimento formale Riconoscimento formale Accettazione sociale NoSì NoNon accettati e non riconosciuti: esclusione (immigrati irregolari senza lavoro) Riconosciuti ma non accettati: stigmatizzazione (minoranze rom/ sinte con cittadinanza) SìAccettati ma non riconosciuti: tolleranza (assistenti familiari irregolari) Riconosciuti e accettati: integrazione (ma: subalterna) (immigrati con lavoro regolare)

19 Chi preme per l’apertura? Datori di lavoro (famiglie comprese) Interessi economici (turismo, fiere, affari…) Interessi socio-culturali (studenti, spettacoli, convegni, motivi religiosi…) Diritti umani (asilo, violenza, malattie….) Reti dei migranti Sposi Azione collaterale delle lobbies umanitarie

20 La repressione dell’immigrazione irregolare Distinzione tra irregolari e clandestini: nella pratica, conta di più la facilità di identificazione e rimpatrio Ruolo degli accordi di riammissione Problema dei costi e della complessità organizzativa del trattenimento e rimpatrio Problema del “liberalismo incorporato” nelle nostre norme giuridiche: per essere più efficienti, dovremmo essere meno liberali

21 Visioni degli immigrati irregolari Malfattori Vittime Eroi Attori sociali

22 La difficile repressione e le sue conseguenze Azione della lobby pro-immigrati: richiesta di sanatorie, offerta di servizi, contrasto verso le politiche repressive Costi del trattenimento e delle espulsioni (meno di posti in tutto nei 13 CIE italiani) Repressione casuale e crudele (18 mesi di trattenimento nei CIE per i pochi fermati, ora ridotti a 6): espulsi meno della metà dei trattenuti Passaggio attraverso il soggiorno irregolare come percorso “normale” Appannamento della distinzione regolari/ irregolari

23 Non sempre è come sembra Le società riceventi categorizzano e gerarchizzano gli immigrati irregolari Questi sviluppano forme di “negoziazione dell’irregolarità” con le reti dei connazionali e con le società riceventi Nei fatti tra immigrazione illegale soggetta a repressione e immigrazione autorizzata si riscontrano molte aree grigie e sfumate

24 Processi di transizione al soggiorno regolare Forme di legalizzazione Dispositivi di ammissione Spazi di iniziativa dei migranti Processi di regolarizzazione, sanatorie MeritevolezzaDimostrare integrazione nel mercato o nelle relazioni sociali Accertamento di condizioni biografiche particolari Accoglienza liberaleDimostrare di possedere i requisiti richiesti Riconoscimento di situazioni di pericolo o abuso VittimizzazioneDimostrare di essere una vera vittima

25 Intermediari della tolleranza e della legalizzazione Tipi di intermediariFunzioni svolteBeneficiari Datori di lavoroOpportunità occupazionali e regolarizzazioni Lavoratori immigrati Brokers coeteniciIncontro tra domanda e offerta di lavoro; patrocinio e garanzia presso i datori Lavoratori coetnici e datori di lavoro italiani Favoreggiatori degli ingressi (smugglers) Attraversamento dei confini, elusione dei controlli alle frontiere Aspiranti all’immigrazione privi di altre risorse Attori solidaristiciFornitura di serviziImmigrati con bisogni specifici Comuni cittadiniFornitura di aiuti immediatiImmigrati bisognosi, conosciuti personalmente Operatori pubbliciAstensione da controlli; informazione e orientamento; interpretazioni delle norme Immigrati meritevoli, non pericolosi o fastidiosi

26 Regolarizzazioni in Europa Tra il e il Stati su 27 dell’UE hanno attuato qualche misura di regolarizzazione di immigrati non autorizzati al soggiorno Si stima prudenzialmente che tra 5 e 6 milioni di immigrati siano diventati regolari Metà delle regolarizzazioni sono avvenute in tre paesi: Italia, Spagna e Grecia L’allargamento dell’UE verso Est è stato fra l’altro un’altra silenziosa operazione di sanatoria

27 Burocrazie di strada: azioni a favore degli immigrati irregolari Resistenza verso l’applicazione di norme considerate in conflitto con l’etica professionale (per es.: medici) Astensione da controlli approfonditi, uso di controlli selettivi e mirati Reti informali tra operatori pubblici e ONG Consulenza e aiuto nella comprensione delle procedure e nella compilazione dei documenti richiesti potere di interpretare regole e procedure corruzione

28 I rifugiati ci stanno invadendo? L’86% dei rifugiati è accolto in paesi del c.d. Terzo mondo. Dieci anni fa era il 70%. L’UE ne accoglie meno del 10% Il primo paese al mondo per numero di rifugiati accolti è il Pakistan ( ), il secondo l’Iran ( ), più o meno come il Libano ( ); segue la Giordania ( ) In rapporto agli abitanti: Libano 178 per abitanti; Giordania 88; Ciad 34; Mauritania 24; Malta 23 Per ogni dollaro di PIL pro capite: Pakistan 512; Etiopia 336; Kenia 295; Ciad 199 ; Sud Sudan Dati tratti dal rapporto annuale UNHCR, 2014

29 Le politiche dei rifugiati Ogni crisi internazionale produce richiedenti asilo La maggior parte cercano asilo in altre regioni del proprio paese o nelle immediate vicinanze I paesi del Nord globale hanno varato una serie di politiche per fermarli prima che arrivino alle loro frontiere

30 Le misure di contenimento dei richiedenti asilo Regionalizzazione del problema: grandi campi nel Sud del mondo Obbligo di accoglienza nel “primo paese sicuro” Responsabilizzazione dei vettori e criminalizzazione dei trasportatori Nuove forme di asilo, più ridotte e provvisorie Limitate politiche di reinsediamento: persone nel 2012, 1/10 dei richiedenti, accolti quasi tutti negli USA

31 Rifugiati: l’Italia e l’Europa In Europa (2013): circa in Turchia, in Germania, in Francia, nel Regno Unito, in Svezia In Italia (2013): la Svezia supera i 9 rifugiati ogni 1000 abitanti, i Paesi Bassi intorno ai 4,5, la Francia 3, mentre l’Italia ne accoglie poco più di 1 Nuove domande (2013): in Italia, in Germania, in Francia circa sbarcati nel 2014, contro 43.ooo nel 2013, ma solo una minoranza presenta domanda di asilo All’epoca delle guerre balcaniche, ne abbiamo accolti , senza grandi traumi sociali

32 L’accoglienza dei richiedenti asilo in Italia Ripresa della tradizionale politica di facilitazione del transito Gestione all’insegna dell’emergenza (es., ENA): modalità poco trasparenti e grovigli di interessi nella gestione delle strutture (specie grandi centri in alcune regioni) Grandi strutture ricettive al Sud, confusione tra le varie forme e strutture di accoglienza Istituzione circa dieci anni fa dello SPRAR, con mezzi però molto inferiori alle esigenze. Solo di recente, aumento dei fondi e dei posti disponibili

33 Quale integrazione? Isolamento dalle società locali Operatori spesso improvvisati, moltiplicazione di strutture informali o eccezionali Situazioni disuguali per misure di accompagnamento e integrazione Carenza di verifiche e valutazioni Costi: Euro pro-capite al giorno; di questi 2,50 vanno al rifugiato

34 Ci sono limiti all’accoglienza? I richiedenti asilo sono tutelati dalla Costituzione (art.10) e dall’ONU Per i rifugiati, né la Costituzione né le convenzioni internazionali prevedono limiti all’accoglienza Per gli immigrati economici, il mercato si è dimostrato un regolatore molto più efficace delle politiche I familiari ricongiunti sono tutelati da convenzioni internazionali e corti di giustizia (ma anche per l’integrazione sono un vantaggio)

35 Immigrati e rifugiati portano malattie? “effetto migrante sano”: le famiglie e le reti locali non investono su persone malate Il virus Ebola è presente in alcuni paesi dell’Africa Occidentale, da cui arrivano in pochissimi. Ha un’incubazione di 21 giorni: i viaggi dei richiedenti asilo durano molto di più Sono sottoposti a visite mediche sulle navi e allo sbarco Alcuni immigrati e rifugiati si ammalano per le difficili condizioni di vita, l’alimentazione diversa e inadeguata, la solitudine Ma chi è malato e sofferente, non avrebbe più diritto a essere accolto?

36 Immigrati e rifugiati importano terrorismo? Ripetuti allarmi Caso del rifugiato iraniano in Australia Fin qui però gli attentati noti sono stati compiuti o da stranieri entrati per altre vie (affari, studio…..: USA 2001), o da persone integrate dal punto di vista socio-economico (Londra 2005), o addirittura nate nel paese

37 Da Mare Nostrum a Triton Riduzione a 1/3 dell’impegno finanziario Limitazione del raggio d’intervento a 30 miglia marine Nuova enfasi sul controllo delle frontiere e sul contrasto dell’immigrazione irregolare Il rischio che ogni miglio marino in meno si traduca in vite a rischio in più Che ogni euro risparmiato oggi vada sul conto dei diritti umani negati domani

38 Politiche possibili Il superamento di Dublino II: libertà di scelta di residenza per i rifugiati, con condivisione dei costi Protezione e verifica delle istanze il più vicino possibile ai luoghi di origine (canali umanitari) Sviluppo delle politiche di reinsediamento, con sistemi di quote Nel frattempo in Italia manca ancora una legge sull’asilo

39 Le politiche per gli immigrati. Tre modelli di inclusione Modello temporaneo (Germania) Modello assimilativo (USA, Francia) Modello pluralistico o multiculturale (Canada, Australia, Olanda, Svezia) Caso italiano: modello “implicito” di inclusione

40 Modello temporaneo Immigrati come “lavoratori ospiti” Soggiorno limitato nel tempo e (prevista) rotazione degli immigrati Impossibile accesso alla cittadinanza Chiusura verso i ricongiungimenti familiari

41 Modello assimilativo Immigrazione come popolamento Idea di superiorità della propria cultura politica nazionale Ambizione di trasformare il più rapidamente possibile gli immigrati in cittadini simili agli autoctoni Relativa rapidità della naturalizzazione Chiusura verso le peculiarità culturali e identitarie degli immigrati

42 Modello pluralistico o multiculturale Riconoscimento degli immigrati come collettività, portatrici legittime di identità culturali e religiose da rispettare Sostegno all’associazionismo immigrato Sostegno alle espressioni culturali delle minoranze (estetica del multiculturalismo) Alcune esperienze di azioni positive (quote) Nella pratica, poche realizzazioni incisive

43 La perdita di significato dei modelli nazionali Legislazioni stratificate e farraginose, volte a rispondere di volta in volta a problemi specifici Negli ultimi anni: tendenze restrittive ed enfasi sul controllo delle frontiere: neo-assimilazionismo Influenza sull’integrazione di altre politiche e di altri fattori (per es., mercato, società civile) “Vincolo liberale” e ruolo delle Corti di giustizia Diritti dei lungoresidenti e seconde generazioni vedono una convergenza attraverso i modelli nazionali Le politiche locali spesso si discostano dai modelli nazionali Di fatto iniziative “assimilative” e “multiculturali” non si oppongono: il discrimine è piuttosto integrazione/ esclusione


Scaricare ppt "Maurizio Ambrosini Politiche migratorie. Prima serie di slides."

Presentazioni simili


Annunci Google