La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Una biblioteca romanistica su supporto elettronico Nicola Palazzolo - Lucio Maggio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Una biblioteca romanistica su supporto elettronico Nicola Palazzolo - Lucio Maggio."— Transcript della presentazione:

1 Una biblioteca romanistica su supporto elettronico Nicola Palazzolo - Lucio Maggio

2 L’informatica e la ricerca storico-giuridica l’informatica giuridica l’informatica umanistica alcuni problemi propri delle discipline storiche: – esatta collocazione temporale delle fonti – valore semantico dei concetti utilizzati

3 Delimitazione della documentazione pertinente “Storia dei diritti antichi” Storia delle norme e degli istituti giuridici Storia del pensiero giurisprudenziale Storia della società ‘sub specie iuris’ Il computer elimina questi compartimenti stagni: ciascuno può trovare ciò che gli serve!

4 I repertori bibliografici romanistici a) difficoltà attuali della ricerca bibliografica tradizionale: – aumento della produzione scientifica – distribuzione geografica a livello mondiale – interdisciplinarietà – mancato ‘invecchiamento’ anche dopo molti decenni

5 I repertori bibliografici romanistici b) limiti dei repertori cartacei: – mancanza di indici cumulativi particolareggiati – mancanza o arbitrarietà delle citazioni delle fonti – ambiguità del linguaggio ‘libero’ di titoli e abstracts – uso di un’ampia gamma di lingue

6 Le biblioteche cartacee romanistiche Esigenza di tenere conto di opere risalenti Difficoltà di reperimento: –solo nelle più antiche biblioteche –costi eccessivi per una nuova ristampa –mercato molto settoriale

7 Il Centro Interuniversitario per l’Informatica Romanistica (C.I.R.) Scopi: –applicazioni dell’informatica al diritto romano –archivi informatici di tipo bibliografico e documentale –scambio di informazioni e di materiali –iniziative di divulgazione scientifica e di collaborazione interdisciplinare

8

9 Gli indici delle fonti La fonte come chiave di accesso all’informazione bibliografica –l’Index interpolationum –l’Index interpretationum di Heidelberg –gli indici delle fonti di IURA, Labeo, ZSS. Difficoltà di consultazione per la mancanza di un indice cumulativo

10 Il progetto IN.FO. R. Problemi da risolvere: –tipologia e ambito cronologico e geografico del materiale bibliografico –selezione delle fonti da schedare nei singoli scritti –codifica degli autori, delle opere e delle fonti Ostacoli alla sua realizzazione: –tempi e costi –sovrabbondanza dei dati ritrovati (‘rumore’)

11 L’esperienza di FIURIS Base documentaria molto ristretta (solo le principali riviste romanistiche) Schedatura solo delle fonti giuridiche romane Schedatura integrale di tutte le citazioni

12 B.I.A. (Bibliotheca Iuris Antiqui) Pluralità di chiavi di ricerca Oltre opere, dal 1940 al 1998 Solo produzione bibliografica in senso stretto Ambito giuridico e argomenti collaterali Sommario e abstract, ove reperibili Interrogazione sui singoli campi o su più campi Uso degli operatori logici, di adiacenza, ecc. Descrizione semantica Archivio OPERA

13 Maschera di ricerca OPERA

14 L’indicizzazione Codici e descrittori: –un insieme strutturato di termini (circa 8000) –normalizzazione dei termini: descrittori e non descrittori –uniformazione delle varianti linguistiche –codice di classificazione per materia a 6 livelli –criteri di redazione dello schema di classificazione

15 Schema di classificazione

16 Il Thesaurus “Lessico di un linguaggio di indicizzazione controllato, formalmente organizzato al fine di rendere esplicite le relazioni ‘a priori’ tra i termini” In B.I.A. una struttura che collega: –tutti i termini in linguaggio naturale a quelli in linguaggio controllato –tutti i termini allo schema di classificazione

17 Le relazioni del Thesaurus di B.I.A. 1) gerarchiche (diritti di obbligazione > contratti verbali > stipulatio) 2) affinità orizzontali (singoli reati > sacrilegium, calumnia, conspiratio, ecc.) 3) preferenza linguistica o ortografica (matrimonium = nuptiae; lex XII Tabularum = XII Tabulae)

18 Il collegamento del Thesaurus con l’archivio bibliografico La ricerca sull’archivio OPERA mediante il Thesaurus Possibilità di allargare o restringere le chiavi di ricerca

19 Ricerca bibliografica con il Thesaurus

20 L’archivio FONTES Esigenza di una consultazione diretta delle fonti citate Acquisizione di ROM-TEXT (Linz) Indici invertiti di tutti i termini

21 Le novità di B.I.A./FONTES ediz Ricorso ai caratteri greci, con eliminazione delle traduzioni latine e delle traslitterazioni Revisione integrale del testo del Digesto e adeguamento all’editio minor di Mommsen e Krüger

22 Maschera di ricerca FONTES

23 I caratteri greci in B.I.A.

24 La ricerca sull’archivio FONTES Visualizzare una fonte attraverso il ‘luogo fonte’ Ricercare tutte le fonti che contengono una o più parole Ricercare tutte le fonti che abbiano la stessa inscriptio o parte dell’inscriptio Ricercare le rubriche di un’opera che contengono una o più parole Combinare insieme termini tratti da campi diversi

25 Il ‘sistema integrato’ di B.I.A. Gli archivi OPERA e FONTES interagiscono tra loro, direttamente o mediante il Thesaurus: –da una fonte alla bibliografia che la cita –da un’opera al testo delle fonti citate –da un termine contenuto in una scheda bibliografica alle fonti che lo usano –da un termine di una fonte alla bibliografia cui quel termine è collegato –da un concetto del Thesaurus alle fonti in relazione alle quali è stato studiato

26 La letteratura romanistica ‘a testo pieno’ La digitalizzazione della letteratura romanistica è un’esigenza assoluta Le opere della letteratura romanistica ancora attuali sono almeno 400 Limite giuridico: il copyright dura fino a 70 anni dalla morte dell’autore

27 BD-Rom Biblioteca Digitale Romanistica Immagine facsimilare di circa pagine di materiale bibliografico per ogni CD-ROM Indici a testo pieno delle singole opere, consultabili per singole parole e per argomento Indice delle fonti citate in ciascuna pagina

28 Maschera di ricerca BD-Rom

29 Una ‘pagina’ di BD-Rom

30 Le fonti epigrafiche e papirologiche di interesse giuridico Insufficienza delle attuali raccolte per i documenti giuridici FIRA I e III sono ormai superati dai molti nuovi ritrovamenti Solo parziali le più recenti raccolte cartacee: Crawford, Roman Statutes; Oliver, Greek Constitutions Estremamente eterogenee anche le nuove raccolte su CD-ROM: Epigraph, PHI CD-ROM#7

31 Il progetto del C.I.R. per le fonti epigrafiche e papirologiche Database full-text ipertestuale di tutti i documenti di interesse giuridico Superamento dei limiti delle edizioni cartacee Tre archivi principali: 1) Archivio ‘Testi’ con: schede contenenti informazioni collaterali immagine del documento originale indicizzazione con descrittori e classificazioni 2) Archivio ‘Thesaurus’ 3) Archivio ‘Dottrina’

32 Internet e il diritto romano La ricerca documentaria su Internet: –Ius Romanum (Univ. Saarbrucken)Ius Romanum –Roman Law Resources (Univ. Aberdeen)Roman Law Resources –Gnomon OnlineGnomon Online –Droits Antiques (Centre de documéntation des Droits de l’Antiquité - Paris)Droits Antiques Un motore di ricerca specializzato: ArgosArgos


Scaricare ppt "Una biblioteca romanistica su supporto elettronico Nicola Palazzolo - Lucio Maggio."

Presentazioni simili


Annunci Google