La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA “BUONA” STRADA: IMPARIAMO LA SICUREZZA A cura della: II°A (anno scolastico 2009 – 2010) Scuola secondaria di primo grado CARLO LEVI – I.C. KING GRUGLIASCO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA “BUONA” STRADA: IMPARIAMO LA SICUREZZA A cura della: II°A (anno scolastico 2009 – 2010) Scuola secondaria di primo grado CARLO LEVI – I.C. KING GRUGLIASCO."— Transcript della presentazione:

1 LA “BUONA” STRADA: IMPARIAMO LA SICUREZZA A cura della: II°A (anno scolastico 2009 – 2010) Scuola secondaria di primo grado CARLO LEVI – I.C. KING GRUGLIASCO

2 IL PERCORSO A. La sicurezza stradale. B. I tipi di strade. C. I veicoli. D. La segnaletica stradale. E. Sistemi di protezione.

3 DESCRIZIONE DELL ’ AUTOSTRADA L'autostrada è un tipo di strada progettato per agevolare la circolazione di grandi volumi di traffico veicolare ad alta velocità. Secondo il Codice della Strada italiano, l'autostrada deve essere a carreggiate separate, con almeno due corsie per senso di marcia, ed incroci a livelli sfalsati. Per accedere ed uscire dalle autostrade.

4 LA STORIA DELL ’ AUTOSTRADA L'elaborazione del progetto di strade riservate al traffico veloce delle auto, con il pagamento di un pedaggio per coprire le spese di costruzione e di gestione, fu nel 1922 dell'ingegnere italiano Piero Puricelli.

5 LA STRADA STATALE In Italia sono definite strade statali le principali arterie, considerate di interesse nazionale. Per il Codice della Strada sono strade statali quelle strade che costituiscono le grandi direttrici del traffico nazionale, congiungono la rete viabile principale dello Stato con quelle degli Stati vicini, congiungono tra loro i capoluoghi di regione o i capoluoghi di provincia situati in regioni diverse.

6 S TRADA URBANA Con il termine strada urbana si indica una classe di infrastrutture viarie a piccola-media capacità di traffico e a scorrimento medio- lento, dove la circolazione è praticabile a tutte le categorie di veicoli motorizzati.

7 S TRADE LOCALI Sono quindi strade locali le strade urbane di quartiere o strade extraurbane secondarie per le quali mancano uno o più requisiti per poterle classificare come tali. Ad esempio, nel caso di strade extraurbane secondarie l'assenza delle banchine laterali o nel caso di strade urbane di quartiere l'assenza dei marciapiedi.

8 L E STRADE COMUNALI Le strade comunali italiane sono strade gestite dal comune nel quale la strada si sviluppa. Possono svilupparsi all'interno di centri abitati ed essere quindi urbane o all'esterno dei nuclei o centri abitati ed essere quindi extraurbane. È quindi una classificazione amministrativa. Tutte le strade urbane sono comunali ad eccezione delle strade statali, regionali e provinciali che attraversano centri o nuclei abitati con popolazione inferiore ai abitanti la cui competenza rimane del gestore e non sono quindi comunali.

9 STRADA EXTRAURBANA PRINCIPALE Una strada extraurbana principale rispetta i seguenti requisiti minimi ; carreggiate indipendenti o separate da spartitraffico invalicabile; ogni carreggiata deve avere almeno due corsie di marcia; devono essere previste lungo la strada apposite aree di servizio.

10 LA STRADA PROVINCIALE In Italia una strada provinciale, è una strada di proprietà dello stato e in gestione alla stessa provincia. Se attraversano centri abitati con popolazione superiore ai abitanti sono strade di competenza comunale e quindi urbane. Se attraversano centri o nuclei abitati con popolazione inferiore ai abitanti sono urbane ma la competenza è della provincia.

11 PRENDIAMO LA BUONA STRADA FINE PRESENTAZIONE


Scaricare ppt "LA “BUONA” STRADA: IMPARIAMO LA SICUREZZA A cura della: II°A (anno scolastico 2009 – 2010) Scuola secondaria di primo grado CARLO LEVI – I.C. KING GRUGLIASCO."

Presentazioni simili


Annunci Google