La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Libro dell’Apocalisse. La Chiesa riconosce il Libro dell’Apocalis- se come ispirato da Dio. L’Apocalisse insegna con certez- za, fedelmente e senza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Libro dell’Apocalisse. La Chiesa riconosce il Libro dell’Apocalis- se come ispirato da Dio. L’Apocalisse insegna con certez- za, fedelmente e senza."— Transcript della presentazione:

1 Il Libro dell’Apocalisse

2 La Chiesa riconosce il Libro dell’Apocalis- se come ispirato da Dio. L’Apocalisse insegna con certez- za, fedelmente e senza errore le verità che Dio ha rivelato per la nostra salvezza.

3 Al n. 39 dà le direttive per una esatta inter- pretazione del testo apocalittico. La “Gaudium et spes” Sappiamo dalla rivelazione che Dio prepara una nuova abitazione e una terra nuova, in cui abita la giustizia, e la cui felicità sazierà sovrabbondante- mente tutti i desideri di pace che salgono nel cuo- re degli uomini.Allora, vinta la morte, i figli di Dio saranno risuscitati in Cristo. Sappiamo dalla rivelazione che Dio prepara una nuova abitazione e una terra nuova, in cui abita la giustizia, e la cui felicità sazierà sovrabbondante- mente tutti i desideri di pace che salgono nel cuo- re degli uomini.. Allora, vinta la morte, i figli di Dio saranno risuscitati in Cristo.

4 Uno sguardo d’insieme Ci si trova di fronte ad immagini ardite e compli- cate; assistiamo agli scon- volgimenti cosmici più strani: esseri angelici e demoniaci, nelle forme più svariate e conturbanti, che si contendono il campo in una battaglia senza tregua.

5 Una lettura attenta e serena del testo, può essere utile per liberarci da timori e paure d’imminenti catastrofi che annuncerebbero la fine del nostro mondo.

6 1) Il genere letterario Schema dell’incontro 3) L’autore 2) Il titolo 4) Luogo di composizione 5) Data di stesura del libro 6) Schema del libro

7 Il genere letterario: cos’è? Nel Nuovo testamento troviamo: VANGELI - le memorie degli apostoli e dei discepoli. discepoli. LETTERE - Paolo, Pietro, Giacomo, Giovanni. ATTI - la cronaca dei primi tempi della comunità cristiana. cristiana. APOCALISSE - la visione poetica e profetica di un apostolo in esilio o in prigione. L’Antico Testamento è come l’archivio che raccoglie ogni specie di documenti prove- nienti da varie generazioni successive

8 Tutti questi documenti, così diversi tra loro per origine e contenuto, li chiamiamo “generi letterari”; e leggendo la Bibbia se ne incontrano tanti. Riconoscerli e tenerne conto nella lettura è d’obbligo, per non fraintendere il senso del testo o per non tradire l’intenzione dell’autore. Il genere letterario: cos’è?

9 b) Profetico a) Apocalittico c) Epistolare Nel libro dell’Apocalisse troviamo i seguenti generi letterari.

10 Questa forma narrativa che l’autore adopera è un modo particolare di esprimersi, fatto di immagini grandiose e talvolta irreali, di simbolismi, di messaggi cifrati. Il genere letterario “apocalittico” La gente capiva il messaggio cifrato del libro dell’Apocalisse?

11 Se l’autore dell’Apoca- lisse ha scritto per far- si capire, occorre tro- vare il codice di lettura. Chi erano i lettori, meglio gli “ascoltatori” del Libro, dal mo- mento che l’autore afferma che il testo doveva essere letto nel- l’ assemblea (liturgica)?

12 Non era gente colta, ma pescatori, tessi- tori, commercianti... Quindi non avevano bisogno di una gran- de cultura per capire il Libro, ma di una conoscenza comple- ta dell’Antico Testa- mento.

13 Il significato etimologico del termine “apocalisse” è “rivelazione”, (dal gre- co Αποκάλυψις = “rivelazione, manife- stazione”). Questa espressione però, è diventata oggi abusivamente sinonimo di disastro, di catastrofe, di fine del mondo. Il termine “Apocalisse” L’Apocalisse dell’A.T. e quella del N.T. rivelano una verità! Quale?

14 La disgrazia, il dolore, la disperazione non avranno il sopravven- to che per un tempo limitato, perché all’in- terno stesso delle presenti rovine, Dio sta preparando certa- mente “cieli nuovi e terra nuova”. Colui che sedeva sul trono disse: “Ecco, faccio nuove tutte le cose (Ap 21,5)

15 La letteratura apocalittica, nata alla fine dell’A.T.) ha avuto grande sviluppo in periodi di crisi religiosa e politica della storia d’Israele. Quando tutto sembrava perduto, gli apocalittici incoraggiavano il popolo oppresso ed alimentavano la speranza di una futura rivincita.

16 In tal modo essi volevano aiutare i loro contemporanei a saper legge- re, anche nelle situazioni storiche più disastrose, l’intervento di Dio, che non abbandona mai quelli che credono nel suo nome.

17 Libro di Daniele Fa riferimento a Nabucodonosor, ma è stato scritto du- rante la persecu- zione di Antioco IV di Siria, per infon- dere coraggio agli Ebrei cui era stato vietato di praticare la propria religione Antioco IVAntioco IV Apocalisse La Chiesa è stata deci- mata da una persecu- zione sanguinosa, sca- tenata da Roma. Il libro è quindi scritto per un tempo di crisi e desti- nato a una comunità terribilmente messa alla prova, che ha biso- gno di conforto. Il mes- saggio è di speranza.

18 È sbagliato pensare alla “fine del mondo”! Per i profeti ebrei è il momento in cui verrà sulla terra il Messia atteso e darà inizio al regno mes- sianico. Per Giovanni questo regno è già venuto; egli è un discepolo di Cristo e quindi può affermare con certezza che il regno messianico si è inau- gurato con Gesù. La sua Apocalisse è la risposta all'apocalisse di Daniele: ciò che Daniele ha an- nunciato, si è realizzato nella persona e soprat- tutto nella morte e resurrezione di Gesù. La “fine dei tempi”

19 La maggior parte dei simboli dell’Apocalisse sono presi dalla tradizione profetica continuata dall’apocalittica La maggior parte dei simboli dell’Apocalisse sono presi dalla tradizione profetica continuata dall’apocalittica. I SIMBOLI NELL’APOCALISSE Donna – popolo o città Corna – potere (dinastico) Occhi – conoscenza Ali – mobilità Tromba – voce sovrumana; divina Spada – parola di Dio che giudica/punisce Bianche vesti – mondo della gloria

20 I SIMBOLI NELL’APOCALISSE Palme – trionfo Corone – dominio; regalità Mare – insicurezza; morte Bianco – gioia della vittoria Scarlatto – lussuria; regalità Nero – morte

21 Nel nostro Libro anche i numeri acquistano una notevole importanza. I NUMERI NELL’APOCALISSE Sette (54 volte) – pienezza; perfezione Dodici (23 volte) – le 12 tribù d’Israele; si- gnifica che il popolo ha gnifica che il popolo ha raggiuniunto la pienez- raggiuniunto la pienez- za escatologica za escatologica Quattro (16 volte) – universalità del mondo visibile; quattro punti visibile; quattro punti cardinali cardinali

22 I NUMERI NELL’APOCALISSE Tre (11 volte) – il regno dello Spirito; la Trinità Trinità Dieci (10 volte) – Mille (6 volte nel capitolo 20) sono numeri indeterminati La durata della persecuzione è fissata in 1260 giorni o 42 mesi o 3 anni e mezzo sono quelli che seguono l’Agnello 666 (il 6 indica imperfezione – 7-1 – e per 3 volte è indicail numero della Bestia (Roma – Nerone o Domiziano)

23 Chi è il profeta? Il genere letterario “profetico” Per profeta non si deve inten- dere colui che predice il futuro, ma colui che media e interpre- ta la volontà di Dio. È in questo senso che la parola π ροφητής (prophetès = uno che parla per un altro) era usata a comincia- re dal V sec. a. C. per designa- re chi interpretava la volontà divina.

24 I mezzi di comunicazione profetica, erano in generale sogni, visioni, esperienze estatiche o mistiche. Poiché la profezia è un carisma che per se stesso nulla dice circa l’ortodossia o il carattere morale del profeta, non c’è motivo per limitare lo spirito profetico di Dio esclusivamente ai canali normativi della Storia della salvezza.

25 Veri e falsi profeti In genere i falsi profeti sono coloro che dicono ciò che gli altri vogliono sentirsi dire per ricavarne un qualche vantaggio, anche economico. I veri profeti sono coloro che richiamano alla fede in Dio con ogni sorta di ammoni- zioni ed esortazioni, anche a costo di perdere la vita. Emblematico è l’episodio raccontato in Ger 28, in cui il profeta Anania profetizza il ritorno del re e del popolo dall’esilio, mentre Geremia profetizza la distruzione di Gerusalemme. Chi aveva ragione? Gerusalemme fu distrutta da Nabucodonosor nel 587 (586?) a. C.

26 I profeti dell’Antico Testamento PROFETIDEL PRE-ESILIO PRE-ESILIO AmosOseaIsaiaMicheaNaumSofoniaAbacucGeremiaEzechiele PROFETIDELL’ESILIO BABILONESE BABILONESE GeremiaEzechieleDeutero-Isaia PROFETIDELPOST-ESILIO Trito-IsaiaAggeoZaccariaMalachiaAbdiaGioele

27 Sparizione della profezia Avvenne nel silenzio come il suo inizio: è impos- sibile determinare chi fu l’ultimo profeta. 200 anni prima di Cristo gli scrittori sapienziali con- tinuarono la tradizione ereditata dalla profezia, senza però pretendere di possedere lo spirito profetico. Per alcuni aspetti l’apocalittica è il prolunga- mento della profezia, ma mentre i profeti tra- smettevano oralmente le rivelazioni, l’autore di un’apocalisse le riferisce in un ibro dopo averle ricevute in forma di visioni.

28 Il genere letterario “epistolare” Questa forma letteraria ha lasciato un’impronta super- ficiale nell’Apocalisse. Il li- bro è redatto sullo schema delle solite formule episto- lari cristiane. Il messaggio comunicato a ciascuna del- le sette chiese assume la forma di una lettera.

29 L’Autore dell’Apocalisse L’Autore si firma all’inizio e alla fine col nome Giovanni. Nell’antichità fu iden- tificato con l’apostolo Giovanni, ma ben pre- sto nacquero dubbi, al punto che alcuni padri ritennero l’Apocalisse apocrifa. L’opinione prevalente che l’Autore sia da ri- cercare tra i discepoli dell’apostolo Giovanni.

30 Luogo di composizione L’Apocalisse è certa- mente stata scritta in Asia Minore (le città ricordate nel Libro sono tutte dell’Asia Minore), probabilmen- te ad Efeso. Patmos Efeso L’Autore quando ha la visione che dà origine al Libro, dice di trovarsi nell’isola di Patmos, di fronte ad Efeso, a causa della Parola di Dio (pri- gionia o apostolato?).

31 Stesura del Libro Nell’antichità furono proposte due date: sotto Domiziano (37-68 d.C.) sotto Nerone (37-68 d.C.) Il Libro già conosciuto e citato nella metà del II° sec. d. C., pare ab- bia avuto la sua reda- zione finale verso la fi- ne del regno di Domi- ziano (90-96 d. C.).

32 Schema del Libro - Introduzione (1, 1-8) - Prologo: Il Figlio dell'uomo (1, 19-20) - Settenario delle lettere (cap. 2-3) 1) Efeso (2, 1-7) 2) Smirne (2, 8-11) 3) Pergamo (2, 12-17) 4) Tiatira (2, 18-29) 5) Sardi (3, 1-6) 6) Filadelfia (3, 7-13) 7) Laodicea (3, 14-22)

33 Schema del Libro - Settenario dei sigilli (4,1 - 8,1) - Prologo - il trono (4, 1-11) - l’agnello e il libro sigillato (5, 1-14) - l’agnello e il libro sigillato (5, 1-14) 1° Sigillo (6, 1-2) - cavallo bianco (spada – corona) 2° Sigillo (6, 3-4) - cavallo rosso (la guerra) 3° Sigillo (6, 5-6) - cavallo nero (bilancia – fame) 4° Sigillo (6, 7-8) - cavallo verde (morte) 5° Sigillo (6,9-11) - gli immolati sotto l’altare 6° Sigillo (6, 12-17) - terremoto - segnatura dei (7, 1-6) - segnatura dei (7, 1-6) - la folla immensa (7, 7-17) - la folla immensa (7, 7-17) 7° Sigillo (8,1) - silenzio nel cielo per mezzora

34 Schema del Libro - Settenario delle trombe (8, 2-11,19) - Prologo - angelo con incensiere (8, 2-6) 1 a Tromba (8,7) - fuoco e grandine 2 a Tromba (8, 8-9) - montagna di fuoco 3 a Tromba (8, 10-11) - la stella “assenzio” 4 a Tromba (8, 12-13) - oscurità degli astri 5 a Tromba (9, 1-12) - le cavallette 6 a Tromba (9, 13-21) - i flagelli 7 a Tromba (11,15-19) - prostrazione degli anziani (11, 15-18) (11, 15-18) - apertura del santuario (11,19) - apertura del santuario (11,19)

35 Schema del Libro - Settenario delle coppe (12,1-22) - a) Prologo -1° segno nel cielo: la donna (12, 1-2) -2° segno nel cielo: il dragone (12, 3-4) - parto della donna e fuga nel deserto (12, 5-6) - caduta degli angeli (12, 7-12) - lotta dragone-donna - rifugio nel deserto (12, 13-17) rifugio nel deserto (12, 13-17) - dragone sulla spiaggia del mare (12,18) - bestia dal mare (13, 1-10) - bestia dalla terra (13, 11-18) - l’agnello e i sul Sion (14, 1-5)

36 Schema del Libro - 7 angeli (14, 6-20) 1) annuncia il giudizio di Dio (14, 6-7) 2) annuncia la caduta di Babilonia (14,8) 3) annuncia la condanna degli adoratori della bestia (14, 9-13) della bestia (14, 9-13) 4) il figlio dell’Uomo su una nube bianca (14,14) (14,14) 5) la falce e la mietitura (14, 15-16) 6) la falce dell’angelo nel tempio (14,17) 7) pigiatura del tino (14,17-20)

37 Schema del Libro - 3° segno nel cielo: 7 angeli con 7 coppe e con 7 flagelli (15, 1-16) flagelli (15, 1-16) 1) flagello (sulla terra) - seguaci della bestia (16,2) 2) flagello (sul mare) - morte dei suoi abitanti (16,3) (16,3) 3) flagello (sulle acque) - bevanda di sangue (16, 4-7) (16, 4-7) 4) flagello (sul sole) - uomini arsi dal fuoco (16, 8-9) (16, 8-9) 5) flagello (sul trono della bestia) - oscuramento del trono (16, 10-11) del trono (16, 10-11) 6) flagello (sull’Eufrate) - l’Armaghedòn (16, 12-16) 7) flagello (sull’aria) - terremoto (16, 17,21)

38 Schema del Libro b) Epilogo: i 7 angeli e i 7 castighi 1) la grande prostituta e la bestia (17, 1-18) 2) la caduta di Babilonia (18, 1-20) 3) la moltitudine adorante (18, 21-19,10) 4) il cavaliere sul cavallo bianco (19, 11-16) 5) la condanna della bestia e del falso profeta (19, 17-21) (19, 17-21) 6 - la condanna del dragone (20, 1-10) - il trono bianco e il giudizio (20, 11-15) - il trono bianco e il giudizio (20, 11-15) - la Gerusalemme celeste (21, 1-22,5) - la Gerusalemme celeste (21, 1-22,5) 7) la sposa dell’Agnello (21, 9-22,5) - Conclusione (22, 16-21)


Scaricare ppt "Il Libro dell’Apocalisse. La Chiesa riconosce il Libro dell’Apocalis- se come ispirato da Dio. L’Apocalisse insegna con certez- za, fedelmente e senza."

Presentazioni simili


Annunci Google