La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Fate clic per aggiungere testo UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI UDINE Scienze della formazione primaria.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Fate clic per aggiungere testo UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI UDINE Scienze della formazione primaria."— Transcript della presentazione:

1 Fate clic per aggiungere testo UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI UDINE Scienze della formazione primaria

2 Storia della scuola Prof. Angelo Gaudio

3 Mutuazioni Lingue e Lettere 6 cfu Educazione comparata 3,5 cfu sfp VO

4 Programma di esame Il candidato dovrà riferire sui seguenti testi :

5  N. D'Amico, Storia e storie della scuola italiana, Bologna, Zanichelli, 2010

6 L’esame sarà scritto  Avvertenza : il corso presuppone nozioni almeno elementari di storia contemporanea (che si consiglia eventualmente di rivedere su un buon manuale per le scuole secondarie superiori)

7 Istruzione ed economia (rif. Vigo)  § 1  La fine dell’ignoranza di massa  Un processo lungo e tortuoso  "La massa degli europei imparò a leggere e a scrivere solo nella seconda metà dell'Ottocento e in molti casi, non esclusa l'Italia nel nostro secolo"  "La nuova struttura produttiva implicava una stretta relazione fra pratica e teoria. I principi generali della chimica, della fisica e della meccanica si potevano apprendere meglio sui banchi di scuola che non nella fabbrica, e ciò implicava una riorganizzazione radicale del sistema educativo che fu portata a termine alla fine del secolo scorso"  "anche facendo il debito posto a pause ed ostacoli, è impossibile non riconoscere che le società industrializzate hanno sconfitto, per la prima volta nella storia dell''umanità, l'ignoranza di massa, ed aperto la strada ad una lunga carriera scolastica per tutti i suoi membri"

8 Saggio di Giovanni Vigo  § 1  La fine dell’ignoranza di massa  Un processo lungo e tortuoso  "La massa degli europei imparò a leggere e a scrivere solo nella seconda metà dell'Ottocento e in molti casi, non esclusa l'Italia nel nostro secolo"  "La nuova struttura produttiva implicava una stretta relazione fra pratica e teoria. I principi generali della chimica, della fisica e della meccanica si potevano apprendere meglio sui banchi di scuola che non nella fabbrica, e ciò implicava una riorganizzazione radicale del sistema educativo che fu portata a termine alla fine del secolo scorso"  "anche facendo il debito posto a pause ed ostacoli, è impossibile non riconoscere che le società industrializzate hanno sconfitto, per la prima volta nella storia dell''umanità, l'ignoranza di massa, ed aperto la strada ad una lunga carriera scolastica per tutti i suoi membri"

9  § 2  "senza la rivoluzione industriale una simile impresa sarebbe stata impensabile. Ma egualmente impensabile lo sarebbe stata senza l'intervento capillare, diretto o indiretto, dello stato."  "né la chiesa né le organizzazioni operaie disponevano delle risorse necessarie per dar vita a un sistema scolastico capillare in cui tutti potessero ricevere almeno l'istruzione di base. Per questa ragione, e per la decisa volontà di affermare il proprio primato contro qualunque altra istituzione, gli stati ottocenteschi riuscirono a guidare l'evoluzione del sistema scolastico in modo che non venisse mai meno ai propri intenti. Non che le istanze della chiesa, delle organizzazioni operaie, della borghesia imprenditoriale, foosero del tutto inascoltate; anzi. Esse venivano tuttavia riassorbite in un disegno più generale in cui primeggiavano i valori negativi e positivi del nazionalismo"

10  § 3  "Solo verso la metà dell'Ottocento, sotto l'incalzare dell'industrializzazione, i sistemi scolastici europei abbandonarono la struttura arcaica ereditata dal medioevo, assegnando all'istruzione tecnica un posto ben definito..“  "la scolarizzazione di massa oltre la soglia elementare deve essere imputata in primo luogo allo sviluppo della scuola tecnica in tutte le sue forme“  "… diventava sempre più importante non ciò che un uomo sapeva fare con le proprie man, quanto il bagaglio di strumenti che possedeva per affrontare il mondo della produzione sottoposto a cambiamenti incessanti. L'istruzione professionale di vecchio stampo, rivolta all'insegnamento di un mestiere specifico, lasciò allora posto all'istruzione generale in cui i princìpi scientifici avevano un ruolo preminente anche se non esclusivo."

11  § 4  l’università  antica istituzione di elite  mantiene a lungo tali caratteristiche : alti costi scarsità domanda sociale laureati  nuove discipline >>> nuove istituzioni  grandes ecoles fr  technische hochschulen d  politecnici inglesi  sistema di istruzione superiore italiano odierno  molto monolitico ma così solo da De Vecchi in poi

12  La mondializzazione dell’alfabetismo

13 istruzione e religione  Ebraismo  islamismo  buddismo

14 cristianesimo  Matteo 28,18-20  Gesù, avvicinatosi, disse loro: “Mi è stato dato ogni potere in cielo e in terra.  [19]Andate dunque e ammaestrate tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito santo,  [20]insegnando loro ad osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo”

15  Ratio studiorum 1599  Divini illius magistri 1929  Gravissimum educationis del 1965

16  Lutero

17 Lettura della Bibbia è dovere religioso Saper leggere è un dovere religioso

18 1524 Ai consiglieri di tutte le città della Germania, sul dovere di istituire e mantenere scuole cristiane

19 Ignatio di Lojola

20 1540 approvazione Compagnia di Gesù

21 Ratio studiorum 1599

22 Successioni di classi omogenne per livello Grammatica Umanità Retorica Filosofia Teologia

23 Comenio

24 Didattica Magna 1628 in ceco 1638 in latino trattato sul metodo per «insegnare tutto a tutti»

25 Didattica Magna 1628 in ceco 1638 in latino trattato sul metodo per «insegnare tutto a tutti»

26 La Salle Jean Baptiste (Santo) Conduit de Ecoles Chretiennes Scuola gratuita lingua materna metodo simultaneo

27 1762 chiusura collegi Gesuiti 1764 partenza dei gesuiti editto reale 1763 obbligo di autorizzazione sovrana per aprire una scuola 1763 La Chalotais "essai d'educazione nazionale" educazione per lo stato e per mezzo dello stato

28 Istruzione e Stato  Prussia  Francia  Stati Uniti d'America  Italia  Inghilterra  Giappone

29 Soppressione gesuiti

30 Istruzione e Stato sistema scolastico integrato fondazione di scuole a carico dei bilanci pubblici gratuità e obbligo dell'istruzione elementare formazione dei docenti in istituzioni specializzate controllo burocratico del funzionamento delle scuole fondazione di scuole secondarie tecniche

31 Francia  costituzione del 1791  decreto 17 marzo 1808 Universitè de France

32 "Dans l'établissement d'un corps enseignant, le but principal est d'avoir un moyen de diriger les opinions politiques et morales" Napoleone al Consiglio di Stato 11 marzo 1806

33  legge Guizot 28 giugno 1833  III repubblica  Jules Ferry

34 Reoublique des professeurs Laicità “alla francese” Ferry al Senato 5 marzo 1880 "Ci sono due cose nelle quali lo Stato insegnante e sorvegliante non può essere indifferente : sono la morale e la politica, perchè nella morale, come in politica, lo Stato è a casa propria; è il suo dominio e pertanto la sua responsabilità"

35 Ferry al Senato 5 marzo 1880 "Ci sono due cose nelle quali lo Stato insegnante e sorvegliante non può essere indifferente : sono la morale e la politica, perchè nella morale, come in politica, lo Stato è a casa propria; è il suo dominio e pertanto la sua responsabilità"

36 Germania  1763 il re di Prussia Federico II proclama l'obbligo dell'istruzione primaria

37 Lombardo Veneto Regolamento per le scuole elementari nel Regno Lombardo-Veneto12 settembre 1818 Comprende : capo IV Istruzione pei Parrochi Primo caso italiano di politica di controllo sociale attraverso l'istruzione (educativa)

38 Toscana Oligopolio di fatto degli Scolopi Nuova cultura e nuive inizative private ma tolleratedallo stato Iniziative del circolo di vieusseux Letteratura economia educazione Scuole mutue asili Lambruschini Nascita editoria pedagogica

39 Lombardia Romagnosi Cattaneo

40 Risorgimento pedagogico Scuole mutue Asili Congressi degli scienziati Momenti di apprendistato di un ceto politico liberale Cavour Boncompagni Ridolfi Ricasoli

41 Mantenimento dello statuto Torino diviene dal 1849 il centro del movimento risorgimentale Il liberalismo di Cavour Parlamento Liberismo filobritannico Iniziativa diplomatica Riforme come rivoluzione o come controrivoluzione preventiva ?

42 Camillo Cavour

43 Regno di Sardegna legge BONCOMPAGNI Seconda espulsione dei gesuiti Creazione ministero pubblica istruzione (1847) Affermazione principio competenza statale Convitti nazionali negli ex collegi gesuitici La Chiesa tra difesa del vecchio ordine e nuove realizzazioni (don Bosco)

44 Legge Casati 1859

45  1859 II guerra di indipendenza Lombardia  Legge Casati  Emanata in regime di pieni poteri

46  Casati

47 Legge Casati  Centralismo  Scuole elementari gestite dai Comuni  Sistema medio di libertà

48 Articoli commentati a lezione Arrticoli

49 Liceo ginnasio  Formazione classi dirigenti  Latino ma anche greco e italiano  Il nuovo paradigma “tedesco” Curtius - Euclide

50 Liceo ginnasio  Formazione classi dirigenti  Latino ma anche greco e italiano  Il nuovo paradigma “tedesco” Curtius - Euclide

51 Analfabetismo 1861 Piemonte50,2 Lombardia Liguria Emilia R.

52  Francesco De Sanctis

53 Sinistra storica  Caratteristiche sinistra storica  legge Coppino 14 luglio 1877 n  Obbligatorietà, gratuita, aconfessionalità  1882 allargamento elettorato politico ai maggiorenni che avessero compiuto il primo corso elementare

54 Michele Coppino

55 Programmi Gabelli 1888

56 Crisi fine secolo Adua 1 marzo 1896 sconfitta italiana Dimissioni Crispi 5 marzo 6-9 maggio 1898 Milano moti per il pane Bava Beccaris fa sparare sulla folla Legge Pelloux, repressiva della libertà di stampa, di pubblica riunione e di organizzazione politica (d.l. 22 giu. 1899, n. 227

57 20 febbraio 1900 la Cassazione revoca la legge Pelloux Uccisione di Umberto I 29 luglio 1898

58 Età giolittiana  Decollo industriale  Giovanni Giolitti un trasformismo progressista  Cultura delle riviste > tramonto positivismo  Affermazione neoidealismo

59 Giovanni Giolitti

60 Legge Orlando 1904 Scuola popolare 5 6 Stipendi maestri Mutui per le scuole

61 Scuola e cultura delle riviste Cultura antigiolittiana Suoi diversi esiti successivi (Mussolini Gentile Gramsci Gobetti) La Voce Dibattito sulla scuola media (unica) Dibattito sulla laicità Mozione Bissolati 27 febbraio1908

62 Giovanni Gentile

63 formatosi a Pisa Allievo di Jaia Rapporto con Croce e cultura riviste Rapporto con Croce e cultura riviste

64 1905 "In primo luogo tra le cause principali pongo anch'io il numero eccessivo dei giovani che affollano le scuole medie, non portandovi le condizioni d'animo e di mente indispensabili agli studi liberali di queste scuole, e cercando in esse quello che non potranno mai trovarvi. Di qui nasce, in gran parte, l'apparente impossibilità d'eseguire il programma della scuola media, quale è presentemente ordinata."

65 Sommario di pedagogia come scienza filosofica "La filosofia ha generato la pedagogia, in ogni tempo; ma in ogni tempo altresì ha superato la pedagogia (anche quando i filosofi non se ne sono accorti) riaffermando la propria unità e universalità, di cui la pedagogia non è se non una determinata forma particolare. Oggi il superamento ha luogo in froma più cosciente ed energica per la progredita consapevolezza della natura universale e assoluta dello spirito, e quindi della filosofia..."

66 Daneo Credaro 1911 Avocazione allo Stato delle scuole elementari

67 Gentile 1919 lettera aperta al ministro della pi Berenini "le scuole tenute dallo Stato devono essere poche, ma buone; e potrei dire: poche, ma scuole ! Quindi pochi i maestri, e assai meglio rinumerati in proporzione dei bisogni enormemente cresciuti della vita …"

68 Riforma Gentile Programmi elementari ReligioneCantoDisegno

69 Lingua italiana Aritmetica Nozioni varie (Igiene)

70 StoriaGeografiaScienze

71 Lavori donneschi Occupazioni intelletuali e ricreative Ginnastica NORME PER I GIOUCHI

72 ARREDI LIBRI DI TESTO

73 Lombardo Radice Giuseppe Educazione nazionale Scuola serena "critica didattica"

74 particolare attenzione ai problemi della cultura magistrale "Nuovi doveri" ( ) "Rassegna di pedagogia e politica scolastica" ( ) "La nostra scuola" ( )

75 maggiore attenzione - rispetto a Gentile - a didattica e "scuole nuove"

76 Fate clic per aggiungere testo Scuola e fascismo Fascismo

77 Fate clic per aggiungere testo

78 Riforma Gentile 1923 Amministrazione Liceo storicismo Filosofia

79 Fate clic per aggiungere testo elementari Religione Dialetto arte canto Formazione maestri

80 Fate clic per aggiungere testo Esame di Stato

81 Fate clic per aggiungere testo Patti Lateranensi Religione“parità”

82 Fate clic per aggiungere testo Libro di testo di Stato 1929

83 Fate clic per aggiungere testo Giuramento professori universitari 1931

84 Fate clic per aggiungere testo Cultura militare 1935

85 Fate clic per aggiungere testo Educazione totalitaria ONB 1926 GIL 1937 OND 1925

86 Fate clic per aggiungere testo Programmi 1934


Scaricare ppt "Fate clic per aggiungere testo UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI UDINE Scienze della formazione primaria."

Presentazioni simili


Annunci Google