La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Flussi di circolante Programmazione e controllo A.A. 2014-2015 a cura di Giovanni Melis.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Flussi di circolante Programmazione e controllo A.A. 2014-2015 a cura di Giovanni Melis."— Transcript della presentazione:

1 Flussi di circolante Programmazione e controllo A.A a cura di Giovanni Melis

2 Cassa e banca c/c attivi Capitale circolante netto Crediti d’esercizio a breve Attività finanziarie a breve Ratei e risconti attivi Disponibilità meno Debiti d’esercizio a breve Debiti finanziari a breve Ratei e risconti passivi Impieghi  Gestione reddituale Flussi da Fonti  Gestione extra-reddituale Gestione reddituale: flussi del circolante correlati con le operazioni di gestione dell’esercizio

3 STATO PATRIMONIALE Attivo circolante Passivo circolante Liquidità immediate Prestiti a breve Liquidità differite Debiti di regolamento Altre attività a breve Altre passività a breve Disponibilità Capitale circolante netto derivante dalle operazioni della gestione reddituale ed extra reddituale Immobilizzazioni Passivo consolidato Materiali Fondi rischi e spese future Immateriali Fondi per il personale Finanziarie Prestiti a m.l.t. Capitale proprio Riflettono i flussi di circolante della gestione extra reddituale 3

4 Flussi di capitale circolante netto gestione reddituale: capacità della gestione di generare o consumare capitale circolante attraverso i costi ed i ricavi d’esercizio correlati con le variazioni delle poste del circolante (costi e ricavi del circolante) Acquisti di beni  uscita di circolante (- liquidità + debiti) Stipendi  uscita circolante (- liquidità ) Vendite  entrate di circolante (+ liquidità - crediti) Interessi att. c/c  entrate di circolante (+ liquidità) N.B Ammortamento  aumento f. ammort.mento  NO CCN Accantonamento FTR  aumento F.tfr  No CCN Acc. F.Svalutaz. Crediti  riduzione circolante  CLIENTI capitale circolante consumato

5 STATO PATRIMONIALE Attivo circolante Passivo circolante Cassa e banca c/c250150Banca c/c pass Clienti Fornitori Crediti diversi es Debiti diversi es.9679 Risconti attivi1520Passivo consolidato Riman. magazz Mutui Anticipi a fornitori55F.t.f.r F.amm.to impianti Attivo immobilizzatoF.amm.to fabbricati Impianti Patrimonio netto Fabbricati Capitale sociale Spese impianto6040Riserve Partecipazioni90125Utile esercizio6045 Totale Totale

6 CONTO ECONOMICO 2014 Componenti negativiComponenti positivi Acquisti merci10.975Vendite Spese per servizi519Proventi diversi47 Retribuzioni5.025Variaz.rimanenze73 Acc. fondo t.f.r.450Rivalutazione partecipazioni10 Ammort. impianti480Incrementi costruz. interne33 Ammort. fabbricati100 Amm. spese impianto20 Svalutazione crediti1 Interessi passivi60 Minusvalenze realizzate10 Imposte sul reddito37 Utile d'esercizio45 Totale Totale N.B. durante l'esercizio impianti: acquisto per 1.300, cessione 40, costo storico 80 e f. amm.to 30, - capitalizzazioni lavori in economia sul fabbricato per 33 - acquisto di una partecipazione per 25 - apporto di capitale sociale per 500, pagati dividendi per 40 - ottenuto un nuovo mutuo per 300

7 Flussi di circolant e Aspetto dinamico: analisi stato patrimoniale aumento attivo flusso: impiego di circolante acquisto impianti, merci aumento passivo flusso: fonte di circolante + mutui, debito acquisto a dilazione diminuzione attivo flusso: fonte di circolante diminuzione passivo flusso: impiego di circolante N.B. Non generano flussi i movimenti solo contabili:  utili a riserva;  riclassificazioni;  rivalutazione immobilizzazioni,  conversione di debito in capitale,  ecc.

8 Flussi di capitale circolante netto Gestione extra-reddituale considera: a - impieghi  investimenti in immobilizzazioni materiali, immateriali e finanziarie;  rimborso dei finanziamenti a medio e lungo termine  utilizzi dei fondi rischi e spese future (non a breve termine)  rimborsi di capitale proprio o la distribuzione di dividendi. b - fonti  cessione immobilizz. materiali e immateriali (v.n.c.); finanziarie  l’assunzione di finanziamenti a medio e lungo termine  apporti di capitale proprio (non conferimenti di immobilizz.)  versamenti del titolare o dei soci vincolati a futuri aumenti di capitale o per la copertura di perdite.

9 Conto Economico Ricavi del circolante  Ricavi di vendita di prodotti e merci  Variazione in aumento delle rimanenze  Interessi attivi  Rivalutazioni di attività del circolante  Plusvalenze realizzate (-) Costi del circolante  Acquisti di materie e merci  Prestazioni di servizi  Godimento di beni di terzi  Retribuzioni e contributi  Variazioni in diminuzione delle rimanenze  (-) Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni  Accanton. ai fondi svalutazione attività del circolante  Accantonamenti ai fondi rischi e spese future a breve  Interessi e oneri finanziari  Minusvalenze realizzate  Svalutazioni di attività del circolante  Imposte sul reddito

10 (+) Ricavi non del circolante  Rivalutazioni di attività immobilizzate (-) Costi non del circolante  Ammortamenti  Accantonamenti al fondo t.f.r.  Accanton. ai fondi svalutazione di attività immobilizzate  Accanton. ai fondi spese future di natura pluriennale  Svalutazioni di attività immobilizzate Reddito d’esercizio N.B. Rivalutazioni/svalutazioni circolante Rettifiche per rimanenze Rettificano il CCN esprimono costi e ricavi del circolante

11 Impresa industriale: flusso capitale circolante generato (consumato) dalla gestione reddituale metodo analitico  ricavi e costi del circolante Ricavi di vendita prodotti  +/- Variazione delle rimanenze prodotti e semilavorati Valore della produzione - Costi della produzione  Acquisti di materie  Prestazioni di servizi  Godimento di beni di terzi  Retribuzioni e contributi  +/- Variazioni giacenze di materie  Altri costi caratteristici  - Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni  Accanton. fondi svalutazione crediti commerciali a breve  Accantonamenti ai fondi rischi e spese future a breve Capitale circolante generato (consumato) da gestione operativa caratteristica

12 Impresa mercantile: flusso capitale circolante generato (consumato) dalla gestione reddituale (metodo analitico) Ricavi di vendita merci  Costo delle merci vendute  Prestazioni di servizi  Godimento di beni di terzi  Retribuzioni e contributi  Altri costi caratteristici  Accanton.fondi svalutazione di crediti commerciali a breve  Accantonamenti ai fondi rischi e spese future a breve Capitale circolante generato (consumato) dalla gestione operativa caratteristica

13 A) CCN generato o consumato da gestione extra- reddituale B) (+) Fonti extra-gestione reddituale  Aumento dei debiti a medio e lungo termine  Disinvestimenti attivo immobilizzato (valore netto contabile)  Apporti di capitale proprio C) (-) Impieghi extra-gestione reddituale  Diminuzione dei debiti a medio e lungo termine  Utilizzo fondo t.f.r, e fondi rischi e spese future pluriennali  Investimenti in attività immobilizzate  Riduzioni di capitale proprio e assegnazione di dividendi D) = Variazione totale del capitale circolante netto

14 E) La variazione totale del capitale circolante deriva da: Variazioni attivo circolante Variazioni passivo a breve  Liquidità immediate ….. Prestiti a breve.….  Liquidità differite ….. Debiti di regolamento …..  Disponibilità ….. Altri debiti a breve ….. A B Variazione nel capitale circolante netto dell’esercizio (A - B) F) Altre variazioni patrimoniali non correlate con flussi di capitale circolante  Conversione di prestiti obbligazionari in capitale sociale  Conferimenti di capitale in natura dei soci  Permute patrimoniali


Scaricare ppt "Flussi di circolante Programmazione e controllo A.A. 2014-2015 a cura di Giovanni Melis."

Presentazioni simili


Annunci Google