La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COS’E’L PATTO DI STABILITÀ INTERNO L’Unione Europea e il coordinamento della finanza pubblica Il patto di stabilità interno cuore del coordinamento della.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COS’E’L PATTO DI STABILITÀ INTERNO L’Unione Europea e il coordinamento della finanza pubblica Il patto di stabilità interno cuore del coordinamento della."— Transcript della presentazione:

1 COS’E’L PATTO DI STABILITÀ INTERNO L’Unione Europea e il coordinamento della finanza pubblica Il patto di stabilità interno cuore del coordinamento della finanza pubblica nel rispetto dell’autonomia costituzionale Conta enti su Pubbliche Amministrazioni

2 (Dati in % del PIL) Indebitamento netto programmatico DPEF 2009/2011 (giugno 2008) -2,5-2,0-1,0-0,1 0,00,1 DFP 2010 (settembre 2010) -5,3-5,0-3,9-2,7-2,2 DEF 2011 (settembre 2011) - 5,4-4,6-3,9-1,6-0,1 DEF 2012 (settembre 2012) -4,6-3,9-2,6-1,8-1,5-1,3 DEF 2013 (settembre 2013) -3,0 -2,5(*)-1,6-0,8 ( * ) L’utilizzo di 0,2 punti percentuali di saldo nel 2014 (differenza tra il saldo a legislazione vigente e quello programmatico) è giustificato dalla volontà di finanziare alcune voci di spesa in conto capitale non incluse nel saldo a legislazione vigente.

3 (Dati in % del PIL) Debito - programmatico DPEF 2009/2011 (giugno 2008) 103,9102,7100,497,293,690,1 DFP 2010 (settembre 2010) 115,9118,5119,2117,5115,2 DEF 2011 (settembre 2011) 116,1119,0120,0119,4116,9 DEF 2012 (settembre 2012) 119,2120,7126,4126,1123,1119,9 DEF 2013 (settembre 2013) 127,0132,9132,8129,4125,0

4 I RISULTATI DEL PATTO Non hanno raggiunto l’obiettivo:

5 I RISULTATI DEL PATTO 2012 I COMUNI OBIETTIVORISULTATODIFFERENZA

6 QUESTIONI APERTE Ritardo nei pagamenti alle imprese Formazione dei residui passivi Freno agli investimenti

7 Questioni aperte Freno agli investimenti

8 Questioni aperte Formazione dei residui passivi  Il fenomeno riguarda i residui in conto capitale in quanto il patto non pone vincoli ai pagamenti di parte corrente.  Molti residui, però, sono “residui di stanziamento” che non costituiscono debiti verso terzi.

9 Questioni aperte Ritardo nei pagamenti alle imprese  I ritardi nei pagamenti superano, mediamente, i 150 giorni  La Commissione europea, nell’ambito del “Piano europeo di ripresa economica”, ha insistito sull’importanza di accelerare il rimborso dei crediti vantati dai fornitori di beni e servizi nei confronti delle Amministrazioni Pubbliche. Recente richiesta di informazioni.

10 perché IL TEMA DEI RESIDUI E’ DIVENTATO CENTRALE NEL DIBATTITO POLITICO? I DEBITI DELLE PA NEI CONFRONTI DELLE IMPRESE: quanti sono e perché ci sono ESIGENZA DI CERTEZZA FINANZIARIA ANCHE PER L’EUROPA

11 L’andamento dei residui passivi negli anni come rilevati dai certificati di conto consuntivo degli enti locali

12

13 Correnti29,9 MLD30,9 MLD31,5 MLD Capitale71,5 MLD69,1 MLD64,9 MLD TOTALE101,4 MLD 100,0 MLD96,4 MLD COMUNI E PROVINCE

14 Ma quanti sono i veri debiti nell’ambito dei residui passivi? Le stime dell’IFEL Le stime di Banca d’Italia La necessità della riforma della contabilità degli enti territoriali

15 Le novità in materia contabile dal 2014 Il nuovo principio di competenza finanziaria La definizione di scadenza ed esigibilità I debiti rilevabili direttamente dai conti consuntivi

16 Il principio della competenza finanziaria potenziata La esigibilità Permanenza dell’importanza dell’obbligazione giuridica Bilancio pluriennale autorizzatorio

17 Perché ci sono I residui attivi Coesistenza di avanzi ed anticipazioni Modalità di accertamento

18 Il ruolo delle regioni nel patto di stabilità interno Il patto di stabilità verticale Il patto di stabilità orizzontale Il patto di stabilità integrato Il patto di stabilità verticale incentivato

19 Regioni adempienti ai patti regionali 2012

20

21 Le prospettive future del patto di stabilità interno Incrementare le esclusioni con particolare riferimento agli investimenti Eliminare l’attuale regola con l’avvio del bilancio in Costituzione Sviluppo della capacità di monitorare i costi di servizi e funzioni pubbliche nella prospettiva del Federalismo Fiscale


Scaricare ppt "COS’E’L PATTO DI STABILITÀ INTERNO L’Unione Europea e il coordinamento della finanza pubblica Il patto di stabilità interno cuore del coordinamento della."

Presentazioni simili


Annunci Google