La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di PETROGRAFIA Laurea Triennale in Geologia A.A. 2011-2012 Angelo Peccerillo tel: 075 5852608 home page:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di PETROGRAFIA Laurea Triennale in Geologia A.A. 2011-2012 Angelo Peccerillo tel: 075 5852608 home page:"— Transcript della presentazione:

1 Corso di PETROGRAFIA Laurea Triennale in Geologia A.A Angelo Peccerillo tel: home page: Lezione del 8 Novembre 2011

2 Magmi subalcalini Magmi alcalini Classificazioni chimiche dei magmi TAS Magmi transizionali Sulla base dei rapporti silice-alcali, l’insieme dei magmi può essere diviso i tre grandi gruppi

3 Magmi alcalino-sodici (Na 2 O > K 2 O) Magmi alcalino-potassici (K 2 O ≥ Na 2 O) Magmi transizionali sodici (Na 2 O > K 2 O) Magmi transizionali potassici o shoshonitici (K 2 O ≥ Na 2 O) Classificazioni chimiche dei magmi Magmi subalcalini: - Tholeiitici (molto poveri in alcali, specialmente K 2 O = %) - Calcalcalini (meno poveri in alcali)

4 Classificazioni chimiche dei magmi Magmi iperalcalini Na 2 O + K 2 O > Al 2 O 3 (in moli) Magmi peralluminosi Al 2 O 3 > CaO + Na 2 O + K 2 O (in moli) Magmi metalluminosi Al 2 O 3 < CaO + Na 2 O + K 2 O (in moli)

5 Relazione tra classificazioni chimiche e mineralogiche

6 Classificazioni normative Si basano sulla concentrazione di minerali normativi o norma delle rocce La procedura più usata è quella proposta da Cross, Iddings, Pirsson e Washington, detta CIPW La composizione mineralogica normativa è una composizione teorica che può essere simile ma anche molto diversa dalla composizione mineralogica modale I minerali normativi sono minerali la cui abbondanza viene calcolata dalla composizione chimica delle rocce ATTENZIONE La norma è data in peso % mentre la moda in vol%. Fare trasformazione tenendo conto della densità dei minerali

7 Composizione chimica e norma CIPW

8 Origine dei magmi

9 Mantello superiore Crosta continentale intermedia o profonda I magmi si formano per fusione parziale delle rocce (anatessi) nel

10 Astenosfera Lid Crosta Moho Camera magmatica Camera magmatica I magmi di origine mantellica provengono in gran parte dall’astenosfera e più raramente dal LID: essi possono risalire direttamente in superficie, oppure stazionare in corpi intrusivi (camere magmatiche) prima dell’eruzione Mantello I magmi eruttati in superficie sono circa 15-20% del totale

11 Origine dei magmi nel mantello Il mantello è formato da peridotite: per comprendere la genesi dei magmi bisogna capire quali sono le condizioni chimico-fisiche che generano la fusione parziale della peridotite

12 _ _ _ _ 800 Temperatura C° solido+liquido Pressione GPa Profondità km _ _ _ _ campo della perotite solida Solidus secco Solidus con H O 2 solidus con CO 2 Comportamento della peridotite ad alte P-T Condizioni per la formazione dei magmi nel mantello: 1 – Temperature anomale 2 – Presenza di CO 2 3 – Presenza di H 2 O Geoterma Adiabatica

13 I magmi del mantello I basalti costituiscono la quasi totalità dei magmi mantellici. Questi hanno composizione basica, con variabile contenuto in alcali. In condizioni effusive formano rocce scure, afiriche o porfiriche costituite da plagioclasio calcico, pirosseno ± olivina. In condizioni intrusive formano gabbri Basalti Altri magmi mantellici Kimberliti, picriti, nefeliniti, carbonatiti, etc.

14 BasaltoGabbro

15 1)Basalti subalcalini 2)Basalti transizionali 3)Basalti alcalini Classificazione dei vari tipi di basalto sulla base dei contenuti in alcali e silice.


Scaricare ppt "Corso di PETROGRAFIA Laurea Triennale in Geologia A.A. 2011-2012 Angelo Peccerillo tel: 075 5852608 home page:"

Presentazioni simili


Annunci Google