La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Open Archives per la medicina Corso di formazione Utilizzo di Internet in Medicina lezioni di: Antonella De Robbio

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Open Archives per la medicina Corso di formazione Utilizzo di Internet in Medicina lezioni di: Antonella De Robbio"— Transcript della presentazione:

1 Open Archives per la medicina Corso di formazione Utilizzo di Internet in Medicina lezioni di: Antonella De Robbio Responsabile Settore Progetti e Biblioteca Digitale Referente SBA per il diritto d'autore Università degli Studi di Padova Azienda ULSS 18 Rovigo Rovigo, marzo-luglio 2004

2 "Liberare la ricerca valutata, presente e futura, da tutti gli ostacoli all'accesso e all'impatto, dipende ormai dai ricercatori. La posterità già ci guarda e non ci giudicherà bene se continuiamo a ritardare senza ragione l'ottimo e l'ineluttabile, che sono chiaramente alla nostra portata". Stevan Harnard Scholarly Skywriting e Post-Gutenberg Galaxy

3 I due principali ostacoli alla disseminazione di contenuti  L’aumento dei prezzi delle riviste scientifiche influenza in modo negativo il fattore di impatto entro la comunità scientifica  La questione della proprietà intellettuale (copyright) dei lavori scientifici porta all’attuale situazione paradossale ben nota Ostacoli all’accesso ai contenuti della ricerca

4 Due strategie complementari  Open-Access Journals: I periodici non faranno pagare abbonamento o tasse per l’accesso online, piuttosto dovrebbero cercare altre fonti di finanziamento per il referaggio o la pubblicazione  Self-Archiving: Gli scienziati dovrebbero essere in grado di depositare i propri articoli “refereed journal articles” in archivi aperti conformi allo standard Open Archives Initiative

5 Gli obiettivi dell’Open Access OA Un recente articolo apparso su Nature rileva il 336% (media) in più di citazioni ad articoli online rispetto agli stessi articoli pubblicati a stampa (Lawrence, 2001) Gli articoli sono universalmente e liberamente accessibili Gli autori ritengono il copyright sulle loro produzioni Due i canali dell’Open Access: Pubblicazioni entro iniziative di editoria elettronica sostenibile, o comunque Open Access Deposito negli Open Archives

6 2 milioni di articoli annui in riviste  Esiste una linea di demarcazione che differenzia i due canali: – circuito della ricerca – circuito commerciale  E' l'incapacità di vedere questa "linea di demarcazione" che crea così tanta confusione e che ritarda la transizione degli oltre due milioni di articoli scientifici annui pubblicati in ventimila riviste da un circuito "chiuso" a pagamento" verso territori "open" dove abitano gli "open archive"

7 Editore / Settore Giuridico % Scientifico Thomson 29,6 Elsevier 38,6% Kluwer 26,4 Kluwer 25,8% Elsevier 19,7 John Wiley 48,1% Business Finanziario Elsevier 15,8% McGraw Hill 31,6% United Business Media 18,8% Reuters 27,9% VNU 18,1% Thomson 27,6% Primedia 19,6% Margini di profitto di alcuni editori STM - Anno 2000 dati presentati da Giuseppe Vitiello al Seminario Vinay 2003 Venezia % % %

8 L’Open Access è una filosofia  Ha lo scopo di arginare l’emorragia di spesa per i periodici in generale (cartacei ed elettronici) che toglie fondi alla ricerca  Ha l’obiettivo di riappropriarsi delle produzioni intellettuali di ricerca esternalizzate nel corso degli anni agli editori/oligopoli  Non confondere il concetto di “free access” con “open access”  Non confondere le University Press UP con le iniziative di editoria sostenibile OA – Le UP solitamente hanno un modello economico tradizionale, modalità di erogazione dei contenuti non sempre OA e contratti di cessione dei diritti simili a quelli editoriali – Gli editori OA si riconoscono perché il loro modello è a piramide rovesciata: si paga a monte per la pubblicazione e la fruizione è free access per tutti, i diritti rimangono agli autori – Difficile coniugare le due anime UP/OA

9 In medicina ci sono alcune esperienze Open Access organizzate  BioMedCentral   ha aderito a Plos, – offre decine di riviste OpenAccess, – supporta gli autori, i quali ritengono per sé il copyright, e mettendo a disposizione i loro lavori in formato free access – adotta il protocollo OAI-PMH OAI Metadata Harvesting Protocol, per la raccolta dei metadati dei lavori scientifici. – tutte le riviste di BioMedCentral confluiscono in PubMedCentral  Public Library of Science  PubMedCentral, l’archivio digitale editoriale di articoli di scienze della vita affiancato alla banca dati PubMed.http://www.pubmedcentral.nih.gov/

10 In medicina ci sono alcune esperienze Open Access organizzate  DOAJ Directory of Open Access Journals nuovo strumento repertoriale, curato dalle biblioteche dell’Università di Lund, linka a oltre 700 periodici OpenAccess, tra cui molti anche di ambito biomedico  HighWirePress iniziativa delle Biblioteche dell’Università di Stanford e alcuni editori tra cui il BMJhttp://highwire.stanford.edu/ – 14,502,141 articoli in oltre 4,500 Medline journals, 691,286 free full text articles provenienti dai 358 periodici ospitati da HighWire Press691,286 free full text articles – Vedi lista

11

12 PLoS is working with scientists, their societies, funding agencies, and other publishers to pursue our broader goal of ensuring an open-access home for every published article and to develop tools to make the literature useful to scientists and the public

13

14 I periodici BioMedCentral  Oltre 90 giornali open access in tutti i campi della biologia e della medicina L’ accesso a tutti ¡ research article é gratuito  La “stella” della BioMed Central è: Journal of Biology  L’editore é Martin Raff  L’accesso a research article, review, commentary nel campo della biologia é gratuito  La media di accetazione da parte dei peer reviewer é del 10%

15

16

17 In medicina ci sono alcune esperienze Open Access autonome  A differenza delle iniziative organizzate di editoria “sostenibile” esistono periodici elettronici ad accesso gratuito di vario genere  Esistono periodici open access anche di qualità elevata dotati di comitato editoriale o di sistema di referaggio o peer reviews  Solitamente sopravvivono grazie al lavoro volontario di persone che ci dedicano tempo e risorse  Altre volte sono periodici di Società Scientifiche che credono nella filosofia Open Access  Un periodico open access non ritiene il copyright degli autori

18 Abbiamo esempi prestigiosi Completamente OA come accesso e filosofia BMJ British Medical Journal che ha fatto da pioniere BMJ Canadian Medical Association Journal Clinical Diabetes The Oncologist … Parzialmente OA, accesso libero dopo 6, 12 o 18 mesi, ma allineati con le politiche OA: PNAS Journal of Virology Journal of Neuroscience … Un esempio di periodico Open Access completamente basato su lavoro volontario con ottime politiche editoriali verso gli autori è JoP Journal of the Pancreas The Suffering Child

19

20

21

22 Freemedicaljournals   un ricco elenco di riviste di cui sono accessibili online i full-text, è specificata la gratuità totale o il periodo di disponibilità gratuita.  Disponibile anche un servizio di Alert per chi vuole essere avvertito di ogni nuova rivista gratuita online.  Un analogo servizio relativo a libri online gratuiti per la biomedicina.   Raccoglie le segnalazioni dei lettori o degli autori e anch'esso propone un servizio di alerting.

23

24 Metamorfosi?  Un certo numero di editori tradizionali stanno trasformando i loro periodici ad accesso chiuso in open access journals: – Oxford University Press – Company of Biologists – American Physiological Society – Florida Entomological Society – Entomological Society of America – Infotreieve

25 Per esserci impatto è necessaria un’ampia disseminazione  I lavori dei ricercatori devono essere letti, citati e utilizzati da altri ricercatori: solo così raggiungono l’impatto utile ad uno sviluppo collettivo  Per questa ragione occorre fare attenzione ai contratti editoriali nel trasferimento dei diritti (copyright) agli editori: ritenzione di alcuni diritti, cessione non esclusiva  I ricercatori, contrariamente a tutti gli altri autori, devono i loro guadagni non alla vendita dei loro articoli scientifici, ma all'impatto dei loro articoli sulla comunità

26 In Fisica per esempio …  Per il 72% degli articoli pubblicati in Astrophysical Journal è disponibile almeno una versione free access (principalmente su ArXiv)  Questo 72% di articoli, in media, si cita due volte più spesso del restante 28% che non ha una versione libera corrispettiva

27 Downloads  La media del numero dei downloads per articolo in ScienceDirect negli ultimi anni è stata di 28  Nello stesso periodo la media di downloads per gli articoli in BioMedCentral è stata di 2,500  Per il New Journal of Physics è pari a 1000 L’ Open Access, offre un utilizzo pari a :  89 volte per la biomedicina  35 volte per la fisica rispetto al modello chiuso tradizionale basato sulla sottoscrizione, Dati di Peter Suber

28 L’auto-archiviazione  Molti sono i ricercatori che da alcuni anni archiviano i loro lavori sui server delle loro istituzioni o in server disciplinari, per esempio per la biomedicina, l’economia, l'astronomia, la chimica,...  la matematica, dopo la fisica, è il campo, dove si è fatto l'uso più massiccio di server di pre- print  Anche all'interno di una stessa disciplina però, non sempre i comportamenti sono omogenei

29 Cosa è un Open Archive  Open Archive, o E-prints server, è un archivio preposto al deposito dei documenti scientifici, in forma elettronica, alla loro gestione e conservazione.  Può essere organizzato – a livello istituzionale o – a livello disciplinare.  I documenti elettronici possono essere depositati direttamente dagli autori attraverso un semplice processo noto come self-archiving o auto- archiviazione (da non confondere con il self- publishing) o da terze persone (bibliotecari)

30 Che cosa sono gli e-prints  Gli e-prints sono copie elettroniche di papers accademici, comprendono: – I pre-prints – I post-prints – I post-post-prints  Gli e-prints posti dentro gli archivi di e-prints consentono agli autori di rendere le proprie produzioni di ricerca, liberamente disponibili alla comunità internazionale scientifica, disseminandoli su scala mondiale, cosa impossibile per un lavoro su carta

31

32 Dati statistici sugli Open Archive  La crescita di archivi OAI: Ad oggi esistono oltre 140 archivi, tra disciplinari e istituzionali, di cui 3 di grandi dimensioni e ricchi di papers e 68 basati sul modello EPrints  L’incremento del numero di lavori free access entro gli archivi OAI: I depositi attuali superano i record totali (compresi i di ArXive e i di RePEc), anche se non tutti i record si riferiscono a lavori a testo pieno  Il totale dei record di tutti i 68 Archivi Eprints è di oltre 8000, con una media di 120 papers depositati in ciascuno (va considerato che il modello EPrints è appena nato)  La media del numero totale di depositi per archivio è circa (tenendo conto dei tre grandi e considerando la media bassa degli EPrints) e va necessariamente innalzata velocemente  Gli Archivi istituzionali assestati e operativi nel mondo sono 23 con un totale di 5000 papers full-text (processo lento)

33 Interoperabilità degli OAI  Un deposito entro l’architettura OAI Open Archive Initivative è noto come “data provider”  Ciascun documento depositato in un DP Data Provider è corredato da metadati in formato standard che vengono esposti per la raccolta (harvesting) da parte dei SP Service Provider “fornitori di servizi”  Gli archivi sono detti “aperti” in quanto possono essere interrogati da un servizio (“service provider”) che si occupa di indicizzare i metadati raccolti dai vari archivi attraverso la funzione di harvesting  Il colloquio e lo scambio informativo di metadati è possibile solo tra archivio OAI compatibili o interoperabili

34 I modelli di Open Archives: tecnici e organizzativi  Numerose sono le esperienze nel mondo e anche le tipologie tecniche – modello accentrato (arXiv.org) – modello distribuito (RePEc)  A livello organizzativo le scelte possono essere – server istituzionali (institutional repositories) – server subject-based o disciplinari  Esistono inoltre altre soluzioni: gli “umbrella server” (specie di MetaOA) individual data provider (modello Kepler)

35 Modello disciplinare accentrato HEP e discipline correlate Nasce nel utenti / 80 Paesi 3500 nuovi lavori al mese documenti totali (17/05/03) Processo di assorbimento di piccoli server di matematica dal 1994 Entro una decade si potrà raggiungere parità tra lavori open access depositati e lavori pubblicati

36 Modello distribuito  RePEc, la più grande collezione del mondo di documenti per l'economia ad accesso libero, a modello distribuito  collega oltre 200 archivi con oltre articoli e rapporti tecnici di ambito economico disponibili online  sorto nel 1999 per opera di Thomas Krichel  ciascuno diventa mirror e garantisce l’accesso anche ai dati di tutti gli altri archivi

37 Modello disciplinare distribuito

38 Institutional repositories: cosa sono  I depositi istituzionali di documenti sono collezioni digitali che raccolgono e conservano la produzione intellettuale delle comunità accademiche o aziendali (Università, Aziende, …)  possono essere considerati estensione naturale delle responsabilità dell’istituzione in qualità di generatori di ricerca primaria  sono potenzialmente la componente più importante nell’evoluzione della struttura dei nuovi modelli di comunicazione scientifica

39 Institutional repositories: a cosa servono  offrono una risposta strategica ai problemi esistenti nel sistema che regola i periodici scientifici (dai costi ormai insostenibili)  offrono un immediato complemento di qualità al modello di pubblicazione scientifica ad oggi esistente  stimolano l’innovazione entro una struttura di editoria disaggregata  servono come indicatori tangibili della qualità di un’istituzione, ne incrementano la visibilità, il prestigio e il valore a livello pubblico

40 Lo status quo: Situazione frammentaria  Centinaia di e-server: istituzionali, disciplinari, accentrati, distribuiti, piccoli, grandi, depositi di collezioni,...  Papers sparsi sui siti Web (deleghiamo a Google?)  Umbrella servers es. MPRESS)  MetaMotori OA (service provider)  CiteSeer, servizio precedentemente chiamato ResearchIndex, costruito da NEC Research Institute (nuovi modelli di IF) Cooperazione e interoperabilità

41 Due le aree di intervento  Da una parte si trovano iniziative come OAI nata con lo scopo di – sviluppare e promuovere standard per l'interoperabilità tra archivi – essere di supporto ad un'efficiente disseminazione di contenuti;  Dall'altra si collocano iniziative come la Budapest Open Access Initiative BOAI o il movimento SPARC Open Access (ex Free Online Scholarship FOS)

42 Open Archive Initiative  OAI è supportata nelle sue iniziative dalla Digital Library Federation e da Coalition for Networked Information e riceve finanziamenti da National Science Fundation  fonda le sue radici nel continuo sforzo teso al miglioramento dell'accesso ai documenti entro gli archivi e-print,  mette a disposizione strumenti, software e documentazione (protocolli, standard)  promuove l'utilizzo di metadati standard

43 In OAI esistono due categorie di server  i data provider, i quali contengono i documenti depositati e che supportano il protocollo OAI esponendo i metadati relativi ai lavori contenuti nel server. Un data provider gestisce uno o più server, per il deposito (Web servers repositories)  i service provider, usano i metadati dei data provider come base per la costruzione di servizi a valore aggiunto.

44 harvesting  Open Archives Initiative Protocol for Metadata Harvesting Protocol indispensabile per rendersi visibili ai fini della raccolta  è necessario esporre i propri metadati al colloquio entro la comunità internazionale in un formato compatibile  metadati per l’interoperabilità

45 Le iniziative di sensibilizzazione  Il movimento SPARC Open Access (ex FOS Free Online Scholarship coordinato da Peter Suber – Open Acces new blog Public Library of Science organizzazione no-profit di scienziati per una letteratura biomedica free- access – lettera aperta agli editori firmata da scienziati di 180 Paesi

46 Budapest Open Access Initiative BOAI 1.  Budapest Open Access Initiative BOAI – nata il 14 febbraio 2002 – conta oggi oltre 3200 firmatari e 244 organizzazioni – finanziata dalla Fondazione Soros di OSI Open Society Institute. OSI elargirà un milione di dollari per anno, per tre anni consecutivi, per lo sviluppo di un progetto il quale prevede piani e modelli per l'auto- archiviazione "sostenibile" in oltre 140 Paesi –

47 Budapest Open Access Initiative BOAI 2.  si distingue da OAI giacché il suo scopo è di fare pressione sugli autori al fine di ottenere un consenso generalizzato  lo scopo primario è quello di promuovere l’auto- archiviazione  non si occupa di applicazioni software o di aspetti tecnologici,  è focalizzata principalmente sui processi di peer- reviews.

48 Autoarchiviare: riappropriarsi della ricerca  L’auto-archiviazione o self-archiving è un processo essenziale nel nuovo modello di comunicazione scientifica  Non va confuso l’auto-pubblicazione (self-publishing) o vanity press  Self-archiving è il primo passo entro circuito di disseminazione informativa caratterizzato dal deposito delle proprie produzioni di ricerca entro spazi “open access”  Le produzioni di ricerca auto-archiviate massimizzano e accelerano l’impatto della ricerca massimizzando l’accesso alla ricerca

49 I Software Open Source disponibili per la creazione di OA  ArXive, RePEc, Kit NCSTRL (ex-protocollo Dienst): per server disciplinari  VT EDT Virginia Tech per le Tesi  Eprints software (OAI compatibile): per server istituzionali (68 archivi nel mondo lo adottano)  Kepler software: per server individuali  DSpace di MIT. Gestisce anche formati multimediali utili alla didattica (nato nel 2003)  CDSware del CERN: funge anche da portale con motore che ricerca entro le collezioni della biblioteca

50

51

52

53

54

55

56

57

58 Gli ostacoli all’auto-archiviazione  Copyright  Certificazione della qualità dei lavori depositati  Riconoscimento dei lavori pubblicati su riviste open access ai fini della carriera  Auto-pubblicare su web può risultare più facile  Questioni tecniche: non sono un problema, ma sicuramente i software vanno migliorati e vanno aggiunte funzionalità che creano valore

59

60 La proporzione di periodici che formalmente supportano il self-archiving (già 54%) è in continua crescita

61

62

63

64 Il contratto editoriale  Attenzione alla cessione dei diritti! Perché regalare la proprietà intellettuale all’editore?  Sul contratto editoriale si può intervenire  Non occorre essere sempre passivi nei confronti degli editori  Andare a vedere contratti “favorevoli” sul sito di Romeo

65 Alcuni esempi  Association of American Law Schools Special Committee, Model author/journal agreement Association of American Law Schools Special Committee, Model author/journal agreement  Ann Okerson's Licence to Publisher Ann Okerson's Licence to Publisher  ARL, ACRL and SPARC's Create Change Sample Publication Agreement ARL, ACRL and SPARC's Create Change Sample Publication Agreement  DRAFT Leicester University's Licence granting first commercial publication rights DRAFT Leicester University's Licence granting first commercial publication rights

66 Le 4 componenti essenziali nella comunicazione scientifica [descritte da Roosendaal e Geurts]  Registrazione: stabilire la priorità intellettuale di un’idea, un concetto, o una scoperta scientifica  Certificazione: certificare la qualità della ricerca e/o la validità delle scoperte dichiarate the quality of the research and/or the validity of the claimed finding;  Consapevolezza: assicurare la disseminazione e l’accessibilità delle produzioni della ricerca, fornendo un mezzo attraverso il quale i ricercatori possono essere avvertiti delle novità della ricerca  Archiviazione: conservare il patrimonio intellettuale per le fruizioni future

67 L’integrazione: auto-archiviazione e open access journal ARCHIVING Preserving research for future use AWARENESS Assuring accessibility of research CERTIFICATION Certifying the quality/validity of the research REGISTRATION Establishing intellectual priority

68 Autoarchiviare: riappropriarsi della ricerca  L’auto-archiviazione o self-archiving è un processo essenziale nel nuovo modello di comunicazione scientifica  Non va confuso l’auto-pubblicazione (self-publishing) o vanity press  Self-archiving è il primo passo entro circuito di disseminazione informativa caratterizzato dal deposito delle proprie produzioni di ricerca entro spazi “open access”  Le produzioni di ricerca auto-archiviate massimizzano e accelerano l’impatto della ricerca massimizzando l’accesso alla ricerca

69 “Skywriting”: All research, accessible to all potential users, anywhere, anytime Nuovo ciclo d’impatto : Nuove ricerche si costruiscono sulla ricerca esistente I ricercatori possono accedere al Post-Print SOLO se la loro istituzione ha un abbonamento a quel periodico “Post-Print” riveduto, accettato, certificato e pubblicato dal periodico Inizio del ciclo d’impatto : Ricerca creata Il ricercatore scrive il paper pre-print pre-refereeing Sottomissione al periodico “Pre-Print” referato dal Comitato di Esperti dei Pari “Peer-Review” Pre-Print revisionato dall’Autore dell’articolo Pre-Print auto- archiviato nel WebServer istituzionale di Ateneo Post-Print auto- archiviato nel WebServer istituzionale di Ateneo Months Nuovo ciclo d’impatto : L’impatto di ricerca a seguito dell’auto- deposito è grande e veloce dovuto alla massimizzazione dell’accesso accelerato Rielaborazione slide tratta dalla presentazione di Tim Brody

70 Will 'Open access' be open to everyone?  La lettera di John Ewing, matematico dell’AMS, ha recentemente scatenato una serie di polemiche sul modello OA considerato da alcuni studiosi poco “testato” e rischioso …  "Nature“ 'Open access' will not be open to everyone. Making authors pay for publication may not deliver the anticipated benefits. Vol 425 No 6958 p. 559 (9 Oct 2003)  A more extensive commentary entitled "The Public Library and the Public Good" of the Ewing's letter it's freely available at brary-70.pdf

71 La lettera di Ewing – Ewing nella sua lettera argomenta che i periodici open access escludono gli autori poveri che non possono permettersi di pagare la loro quota per la pubblicazione. Ewing punta in particolare al piano PLos il qual prevede una tassa per gli autori che vogliono pubblicare e conclude dicendo: che ciascun modello di pubblicazione sia esso basato sulla sottoscrizione (attuale) sia sostenuto dall’autore (o dall’istituzione) ha i suoi vantaggi e svantaggi che però non sono perfettamente bilanciati.

72 La lettera di Ewing  Quando uno scienziato non è abbonato ad un periodico, può in ogni caso ottenere l’informazione sull’articolo che cerca o da una lista di riferimenti bibliografici o perché trova l’abstract in linea e comunque può sempre richiedere una copia dell’articolo, anche via mail, ad un collega o tramite il servizio di document delivery fornito dalle biblioteche o, alla peggio, rivolgendosi ad un centro di fornitura documenti a pagamento. Quando invece uno scienziato non ha i finanziamenti per pubblicare un articolo, quell’articolo non comparirà mai non solo come riferimento bibliografico, ma peggio ancora non verrà mai pubblicato e non farà mai parte della letteratura permanente. Questo, dice Ewing, è molto di più che un inconveniente…

73 Sabo ‘Public Access to Science’Act  Le campagne di PLoS hanno mosso alcuni interessi politici: vedi US Martin Olav Sabo – ‘Public Access to Science’ Act  Organisation for Economic Co-operation and Development’s ‘Declaration on Access to Research Data from Public Funding’ - ‘…an optimum international exchange of data, information and knowledge contributes decisively to the advancement of scientific research and innovation’ and ‘…open access will maximise the value derived from public investment in data collection efforts.’ 

74 Parole chiave per il consenso  Il valore aggiunto sta nelle parole chiave – Motori di ricerca per le ricerche nei full-text: vedi esperienze CERN e Caltech – Analisi delle transazioni Log: statistiche sugli accessi al server, ma anche sul singolo autore e su ogni singolo articolo (vedi esempio ArXive, RePEc per abstract visualizzati, articoli scaricati, per giorno, mese, anno...) – Analisi scientometriche e webmetriche: nuovi strumenti per il calcolo e le nuove misurazioni dell’impatto di ricerca, per il recupero e linking delle citazioni nel web (vedi Paracite, OpCite, CiteBase, Citeseer/ResearchIndex)

75

76

77

78

79 Titoli BioMedCentral presenti nel Web of Science Arthritis Research & Therapy impact factor: 3.44 BMC Bioinformatics BMC Biotechnology BMC Cancer impact factor: 1.05 BMC Cell Biology BMC Evolutionary Biologyy BMC Gastroenterology BMC Genetics BMC Genomics BMC Health Services Research

80 Titoli BioMedCentral presenti nel Web of Science BMC Infectious Diseases impact factor: 0.96 BMC Microbiology BMC Molecular Biology BMC Musculoskeletal Disorders BMC Neuroscience BMC Public Health impact factor: 0.29 Breast Cancer Research impact factor: 2.81 Critical Care impact factor: 0.88 Current Controlled Trials in Cardiovascular Medicine Genome Biology Malaria Journal Respiratory Research

81 Prossimi titoli BioMedCentral con IF e relative date BMC Bioinformatics 2005 BMC Cell Biology 2004 BMC Evolutionary Biology 2006 BMC Gastroenterology 2006 BMC Genetics 2005 BMC Genomics 2005 BMC Health Services Research 2003 BMC Microbiology 2005 BMC Molecular Biology 2005 BMC Musculosketal Disorders 2005 BMC Neuroscience 2006 Current Controlled Trials in Cardiovascular Medicine 2004 Malaria Journal 2006 Respiratory Research 2004

82 La trasformazione dell’OA  il concetto OpenArchive si trasforma: da pre-print diviene e-print,  perde il prefisso "pre" a ricomprendere tutti i tipi di documenti  il vero OA è un deposito di documenti appartenenti a una determinata comunità  ruolo dell'EPrints di Harnad è assai più ampio rispetto al semplice pre-print server

83 Il vero OA  modello che porta dentro il "seme" della parola "disseminazione”  concetto profondamente diverso da quello della “distribuzione”  disseminazione implica una crescita  incrementato a tal punto da evolvere e divenire una forma di comunicazione e immagazzinamento della produzione scientifica nella sua interezza

84 Liste di discussione internazionali  Nature: access/index.htmlhttp://www.nature.com/nature/debates/e- access/index.html  Science:  American Scientist:  FOS Newsletter and Forum:  Colloque virtuel text-e:  SPARC Institutional Repositories Discussion List Archive - https://mx2.arl.org/Lists/SPARC-IR/  CNI-COPYRIGHT Forum

85 Riferimenti strategici  Bozza delle politiche di autoarchiviazione (preprint e postprint) per le Università  Proposta UK per una politica nazionale di auto-deposito nelle Università britanniche di tutte le produzioni di ricerca “refereed” ai fini della valutazione  Template e demo per CV universitari online standardizzati con indicatori di performance esposti agli harvester e links agli Eprint Archive istituzionali  RoMEO Project (Loughborough) Rights MEtadata for Open archiving)  Strumenti per l’Analisi Citazionale (Scientometrica, Webmetrica) report.html

86 Bibliografia Lawrence, S. (2001) Free online availability substantially increases a paper's impact. Nature 411 (6837): Guédon, Jean-Claude (2002) In Oldenburg’s Long Shadow: Librarians, Research Scientists, Publishers, and the Control of Scientific Publishing Harnad, Stevan (1990) Scholarly Skywriting and the Prepublication Continuum of Scientific Inquiry. Psychological Science 1: (reprinted in Current Contents 45: 9-13, November ). Harnad, Stevan (2001) For Whom the Gate Tolls? How and Why to Free the Refereed Research Literature Online Through Author/Institution Self-Archiving, Now.

87 Grazie per l’attenzione! “Nella vita, non ci sono soluzioni. Ci sono forze in movimento: queste necessitano di essere create e poi le soluzioni seguono.” [In: Volo di notte, Antoine de Saint-Exupéry, Chap. 19]


Scaricare ppt "Open Archives per la medicina Corso di formazione Utilizzo di Internet in Medicina lezioni di: Antonella De Robbio"

Presentazioni simili


Annunci Google