La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Gestione di un caso in Pronto Soccorso 1.Principi 2.Triage 3.Misure di controllo 4.Misure.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Gestione di un caso in Pronto Soccorso 1.Principi 2.Triage 3.Misure di controllo 4.Misure."— Transcript della presentazione:

1 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Gestione di un caso in Pronto Soccorso 1.Principi 2.Triage 3.Misure di controllo 4.Misure di igiene ambientale

2 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Gestione di un caso in Pronto Soccorso 1.Principi 2.Triage 3.Misure di controllo 4.Misure di igiene ambientale

3 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 GESTIONE DI UN CASO SOSPETTO IN AMBITO EXTRAOSPEDALIERO (1) In una situazione epidemiologica quale quella della primavera 2003, in cui il numero di casi di SARS attesi in Italia sarebbe, nel caso, estremamente contenuto, è opportuno limitare al massimo le occasioni di contatto tra un potenziale caso di SARS e le strutture assistenziali territoriali, in modo da ridurre il rischio di contatti non adeguatamente protetti con sospetti casi di SARS e altre persone (operatori sanitari o altri pazienti)

4 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 E’ essenziale (): E’ essenziale (nel caso di recrudescenza della SARS): Informare la popolazione e le persone a rischio (viaggiatori o contatti) su come comportarsi in caso di comparsa di sintomi; in particolare, queste persone devono essere istruite a contattare solo telefonicamente il medico o il pronto soccorso, evitando di recarsi nell’ambulatorio del medico o al Pronto Soccorso dell’ospedale Informare la popolazione e le persone a rischio (viaggiatori o contatti) su come comportarsi in caso di comparsa di sintomi; in particolare, queste persone devono essere istruite a contattare solo telefonicamente il medico o il pronto soccorso, evitando di recarsi nell’ambulatorio del medico o al Pronto Soccorso dell’ospedale GESTIONE DI UN CASO SOSPETTO IN AMBITO EXTRAOSPEDALIERO (2)

5 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 GESTIONE DI UN CASO SOSPETTO IN AMBITO EXTRAOSPEDALIERO (3) Qualora, nonostante questa campagna informativa, una persona si rechi in una struttura ambulatoriale o al Pronto Soccorso per essere visitata, bisognerà adottare precauzioni atte a minimizzare la durata di eventuali esposizioni non protette tra operatori/altri pazienti e il sospetto caso di SARS. Ciò si realizza attraverso: L’adozione di misure atte a ridurre il rischio di trasmissione della SARS attraverso le secrezioni: chiedere, ad esempio, a tutti i pazienti con tosse di coprirsi il naso con un fazzoletto La verifica immediata della presenza dei criteri diagnostici di sospetta SARS: in questo caso non visitare il paziente ma avviarlo immediatamente al ricovero

6 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Gestione di un caso in Pronto Soccorso 1.Principi 2.Triage 3.Misure di controllo 4.Misure di igiene ambientale

7 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Triage Invitare le persone con tosse a coprirsi la bocca con un fazzoletto chiedere se c’è stato un recente viaggio in area affetta da SARS, o se c’è stato contatto con ammalato o sospetto di SARS valutare: presenza di febbre – tosse - dispnea

8 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Triage paziente che rispetta il criterio epidemiologico e inoltre presenta febbre e/o sintomi respiratori Caso sospetto Codice rosso

9 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Triage Assenza di dispnea ingravescente o di sintomi che richiedono necessaria una assistenza d’urgenza Il paziente non deve essere sottoposto a visita medica presso il Pronto Soccorso

10 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Gestione di un caso in Pronto Soccorso 1.Principi 2.Triage 3.Misure di controllo 4.Misure di igiene ambientale

11 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Adozione di immediate misure 1. utilizzo di mascherina chirurgica per il paziente 2. informazione al paziente 3. isolamento e contenimento dei contatti non necessari 4. uso di dispositivi di protezione individuale per tutte le persone la cui presenza è necessaria in ambulatorio 5. igiene personale 6. igiene ambientale 7. altre misure

12 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Utilizzo di mascherine Paziente subito una mascherina chirurgica Operatori indossano una mascherina FFP2

13 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Informazioni al paziente sospetto di SARS procedure attivate impossibilità di accertare in loco il sospetto rassicurazione su elevata possibilità di guarigione intervento teso principalmente a precisare la diagnosi iniziare tempestivamente la terapia e limitare il potenziale contagio

14 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Isolamento e contenimento dei contatti non necessari non contaminare un ambulatorio (solo se non c’è alternativa); isolamento in una stanza del PS o nelle vicinanze, o direttamente nell’ambulanza addetta al successivo trasporto predisporre l’invio al reparto Malattie Infettive informare il Servizio Igiene e Sanità Pubblica annotare i nominativi delle persone presenti in sala d’attesa che possono aver avuto un contatto

15 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Informazione alle persone presenti in Pronto Soccorso I possibili contatti devono essere informati che: soltanto se gli accertamenti iniziali non permetteranno di escludere la diagnosi di SARS, saranno contattati dal Servizio di Igiene e Sanità Pubblica per le misure opportune Inoltre: che per questo tipo di intervento non è richiesta urgenza, e nel frattempo non devono attuare particolari precauzioni

16 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Uso di dispositivi di protezione individuali limitare il contatto agli operatori necessari indossare camice indossare guanti monouso indossare occhiali protettivi

17 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Precauzioni raccomandate per il controllo della SARS includono: protezione delle vie respiratorie (facciali filtranti) protezione delle mani (guanti monouso) protezione degli occhi (occhiali di protezione) uso di indumenti protettivi (camice monouso) disponibilità di sacchetto contenitore in plastica ACCURATO LAVAGGIO DELLE MANI

18 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Indumenti di protezione camice monouso classificato quale DPI di terza categoria per la protezione da microrganismi (marcatura CE - certificazione CE dall’Organismo Notificato per il Produttore)

19 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Protezione delle vie respiratorie dispositivo di protezione monouso denominato facciale filtrante conforme ai requisiti della norma tecnica EN 149 classificato quale DPI di terza categoria (marcatura CE- certificazione CE dall’Organismo Notificato per il Produttore) FFP2: garantisce la protezione necessaria FFP3: solo nelle procedure a rischio di generare aerosol

20 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Protezione delle mani: guanti Guanti dispositivo di protezione monouso conforme ai requisiti della norma tecnica EN 374 classificato quale DPI di terza categoria per la protezione da microrganismi (marcatura CE - certificazione CE dall’Organismo Notificato per il Produttore)

21 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 La congiuntiva è suscettibile all’ingresso di microrganismi; le mani contaminate rappresentano il veicolo più frequente di introduzione di infezioni attraverso la congiuntiva Gli occhiali protettivi devono essere indossati tutte le volte che si è a contatto ravvicinato con un caso di SARS, quando il paziente non indossa una maschera chirurgica in grado di ridurre la disseminazione di virus nell’ambiente Questi DPI devono essere sempre indossati quando si eseguono manovre assistenziali in grado di generare aerosol o di generare diffusione o schizzi di liquidi corporei Protezione degli occhi

22 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Rimozione dei DPI Dopo l’uscita del paziente togliere, nell’ordine: -guanti -camice lavaggio delle mani -occhiali - maschera lavaggio delle mani Riporre i DPI in un sacchetto a perdere da smaltire con i rifiuti ospedalieri

23 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Misure di igiene personale Se il contatto è stato prolungato e ravvicinato (distanza < 1 m), in particolare se la persona tossiva molto, anche gli indumenti non coperti dal camice devono essere considerati contaminati, e vanno sostituiti e lavati normalmente dopo essere stati riposti, in maniera appropriata (sacchetto di plastica impermeabile chiuso ermeticamente) per 2 giorni

24 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 sapone semplice: rimozione meccanica (sapone liquido) saponi antisettici: a base di alcool, clorexidina, composti dell’ammonio quaternario bagnare le mani con acqua corrente applicare il sapone nel cavo delle mani bagnate insaponare bene e frizionare vigorosamente (10-15 sec.) sciacquare abbondantemente con acqua e lasciare il rubinetto aperto asciugare con carta chiudere il rubinetto con un tovagliolo di carta Lavaggio mani

25 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Gestione di un caso in Pronto Soccorso 1.Principi 2.Triage 3.Misure di controllo 4.Misure di igiene ambientale

26 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Misure di igiene ambientale Trattamento delle superfici di lavoro potenzialmente contaminate o delle attrezzature: -ipoclorito di sodio 2% -alcool 70% per le superfici metalliche ossidabili

27 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Disinfezione efficace DisinfettanteAmbito di applicazione Alcool  Antisepsi cutanea  Disinfezione di superfici di piccole dimensioni Composti del cloro (cloramina, ipoclorito)  Antisepsi cutanea e delle ferite  Trattamento dell’acqua  Disinfezione delle superfici Glutaraldeide  Disinfezione di oggetti inanimati Perossido di idrogeno  Antisepsi cutanea Iodofori  Antispesi cutanea e delle ferite Acido per acetico  Disinfezione di oggetti inanimati Il Virus della SARS è inattivato dai disinfettanti comunemente usati per ottenere in ospedale una disinfezione di livello basso o intermedio

28 Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Triage per evidenziare criterio epidemiologico Indossare dispositivi di protezione individuale Informare il paziente di quanto sta per accadere Ridurre i contatti non necessari (isolamento del paziente; chiamare il 118 informandoli del sospetto di SARS, allontanare tutte le persone non necessarie, trasferire il paziente direttamente in malattie infettive) Adottare misure di igiene personale (rimozione dei DPI, lavaggio delle mani, ecc.) ed ambientale (disinfezione, smaltimento) Rendere possibile la successiva sorveglianza sanitaria, scrivendo il nome dei presenti. Conclusioni


Scaricare ppt "Coordinamento malattie infettive e vaccinazioni ottobre 2003 Gestione di un caso in Pronto Soccorso 1.Principi 2.Triage 3.Misure di controllo 4.Misure."

Presentazioni simili


Annunci Google