La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

FISICA VISSUTA: STRANI E INCREDIBILI FENOMENI IN UNOFFICINA DI CAGLIARI Guido Pegna, Dipartimento di Fisica Università di Cagliari

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "FISICA VISSUTA: STRANI E INCREDIBILI FENOMENI IN UNOFFICINA DI CAGLIARI Guido Pegna, Dipartimento di Fisica Università di Cagliari"— Transcript della presentazione:

1 FISICA VISSUTA: STRANI E INCREDIBILI FENOMENI IN UNOFFICINA DI CAGLIARI Guido Pegna, Dipartimento di Fisica Università di Cagliari

2 A partire dalla fine del 2009 e per una parte del 2010 strani fenomeni si verificarono in una grande officina meccanica di Cagliari. Lofficina ha in dotazione 4 grandi stazioni di lavoro automatiche a controllo numerico, più torni, frese, presse e molte macchine ausiliarie come compressori ecc. E alimentata dalla rete trifase attraverso due grandi quadri elettrici con interruttori magnetotermici, interruttori di potenza, ecc. Inizialmente alcuni grossi cavi si sfilarono spontanea- mente dalle morsettiere, e continuarono a sfilarsi mal- grado venissero stretti con sempre maggiore forza. In seguito e con gravità crescente cominciarono a verificarsi guasti sia ai componenti dei quadri elettrici che al grosso contatore trifase dell ENEL, situato su una parete esterna dellofficina, che più volte dovette essere sosti- tuito.

3 Questi guasti erano caratterizzati da una modalità comune: a tracce di annerimenti sulle parti esterne dei contenitori in PVC si accompagnavano fratture e rotture delle parti in plastica che davano limpressione di vere e proprie disgregazioni. Successivamente tutte le parti elettroniche e di alimen- tazione delle macchine a controllo numerico subirono danni talmente gravi che furono giudicati irreparabili. Schede elettroniche con tracce di bruciatura superficiale, cavi piatti di connessione fra le parti digitali anneriti e bruciacchiati, intere file di relé espulsi dai relativi zoccoli malgrado fossero trattenuti dalle apposite molle di bloccag- gio, cavi, teleruttori, portafusibili meccanicamente disgre- gati. Una documentazione fotografica è riportata nel seguito.

4 Ma il culmine fu raggiunto ancora dopo, quando oggetti metallici o contenenti parti di metallo di vario peso e forma cominciarono a volare, anche per molti metri, i più leggeri veloci come proiettili. In questo stesso periodo si verificarono moltissime deformazioni, piega- ture e spostamenti di oggetti metallici. Lofficina è situata nel piano terra di un edificio isolato nel quale sono attive parecchie attività commer- ciali. Tutta l energia elettrica di alimentazione delledi- ficio proviene da una cabina di trasformazione fra la media tensione (MT, 25 KV) e la bassa tensione (BT) situata ad una trentina di metri dall edificio, come si vede in una delle diapositive che seguono. I cavi di arrivo alla cabina e di uscita verso ledificio sono interrati. La potenza del trasformatore è di 450 KVA mentre la potenza complessiva di punta richiesta dal carico non supera i KVA.

5 La documentazione degli eventi ha sempre incontrato enormi difficoltà. Lofficina è grande, i fatti accadono casualmente, in momenti e in posti imprevedibili. Tutte le videocamere, i telefonini, le macchine fotografiche introdotte in officina per cercare di documentare ciò che accadeva non duravano che poche ore prima di venire a loro volta danneggiate irreparabilmente. Una maggiore durata in funzione di alcune videocamere è stata ottenuta chiudendole in contenitori di ferro con pareti dello spessore di 10 mm. Qui di seguito, per avere unidea, un breve filmato intro- duttivo su uno degli eventi, ripreso grazie a parecchia fortuna.

6 SCOPPIO DI UN TUBO FLUORESCENTE: FILM

7 RIPETIZIONE

8 Questa è la plafoniera della lampada caduta. E a 4 metri di altezza.

9 L edificio A sinistra la rampa di accesso al cortile

10 Cabina elettrica Officina Passaggio cavo sotterraneo a 25 KV IL CORTILE AL PIANO BASSO Rampa di accesso

11 OFFICINA: INTERNO

12 UNA DELLE MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO

13 ALTRO SCORCIO: A SINISTRA UN ALTRA MACCHINA

14

15 Questo è uno dei quadri di una delle macchine a controllo numerico

16 1. ALCUNI FATTI

17 Il contatore trifase di alimentazione dellofficina: frequente distacco spontaneo dei cavi

18 CAVI DI POTENZA STACCATI DALLE MORSETTIERE

19 UN FUSIBILE FRATTURATO, MA IL FILO INTATTO Questo evento è stato così frequente che i fusibili vennero empiricamente usati come indicatori!

20 TRASFORMATORI DANNEGGIATI

21 UNA GRUCCIA TROVATA COSI DEFORMATA

22 COME ANCHE QUESTE LATTINE

23 UN FILMATO VIOLENTO : DISCO 1

24 ALTRO FILMATO: DISCO 2

25 IL NUCLEO DI UN TELERUTTORE DEFORMATO

26 UNO SCANNER … VOLA

27 UN TELEFONINO … VOLA!

28 Articoli: il 21 maggio…

29 Il giorno dopo…

30 Malgrado questo…il giorno dopo CONTATORI DANNEGGIATI E FUSIBILI INTERROTTI Interrotti per piu volte due dei tre fusibili sigillati Nessun intervento delle protezioni a valle!

31 Qui di seguito alcune fotografie dei danni subiti dai quadri elettrici di controllo delle stazioni di lavoro a controllo numerico.

32

33

34

35 IL MONITOR DI UNA MACCHINA DISTRUTTO

36 CAVI BRUCIACCHIATI

37 PINZE VOLATE

38 VETRO DI PROTEZIONE SFONDATO

39 UN TELEFONINO

40 UNA TELECAMERA

41 MORSETTIERA DI UN TORNIO

42 CALAMITA VOLATA VERSO UN ESTINTORE

43 GROSSI CAVI STACCATI DALLA MORSETTIERA

44 UN PICCOLO TRASFORMATORE

45 QUESTA ERA UNA BOBINA APPOGGIATA SU UN BANCO

46 VETRO DELLUFFICIO Sfondato da un dado veloce come un proiettile

47 Relé UN GROSSO RELE VOLATO SUL TETTO DI UN CAMION porta dell officina

48 VOLO DI UN INTERRUTTORE

49 PROVENIVA DA QUESTO PALLET

50 INCREDIBILE GARBUGLIO SU UN CAVO DI SEGNALE

51 FUSIBILE FRATTURATO MA ELEMENTO INTERNO INTATTO

52 OGGETTO PESANTE VOLATO: FILM

53 QUESTO E LOGGETTO : relitto di un inverter pesante oltre 10 Kg

54 SFIAMMEGGIAMENTI SU UN INTERRUTTORE: FILM

55 RIPETIZIONE

56 IL 15 SETTEMBRE…

57 ALTRI FATTI - Forte rumore intermittente del trasformatore in cabina - Eventi anche in assenza di alimentazione - Gli altri utenti delledificio non segnalano anomalie - Ispezioni nelledificio da parte di enti di protezione non riportano presenze di apparati sospetti

58

59 2. I TEST TENTATI

60 Fu osservato che alcuni teleruttori collegati alla rete scattavano ripetutamente e velocemente poco prima che si verificasse un evento di volo di un oggetto. Così da qual momento alcuni teleruttori furono usati come segnali premonitori.

61 TELERUTTORI 1

62 TELERUTTORI 2

63 Senza avere nessuna idea sulle cause degli eventi, si istallarono vari test allo scopo di mettere in evidenza campi magnetici e loro variazioni, campi elettrici e campi magnetici impulsivi. Qui di seguito alcune spire in corto circuito sospese ad un sottile nastrino di plastica che si supponeva potessero indicare la presenza di impulsi di campo magnetico, e un potente ago magnetico per mettere in eviden- za variazioni lente della direzione di un eventuale campo magnetico.

64 BUSSOLA SPIRA

65 MAGNETE MA LA BUSSOLA SI COMPORTO INASPETTATAMENTE

66 PORTA METALLICA MAGNETE E IN SEGUITO IL MAGNETE VOLO VERSO UNA PORTA METALLICA

67 MAGNETE ALTRA BIZZARRIA DELLA BUSSOLA …

68 FILMATO DI UNA SPIRA CHE SI MUOVE SPONTANEAMENTE

69 Limatura di ferro volata sulla bussola

70 UNA SPIRA CHE RUOTA SPONTANEAMENTE: FILM

71 ASTINA DI ALLUMINIO DEFORMATA

72 ALTRA ASTINA PIEGATA

73 ANCORA UNA ASTINA PIEGATA

74 Poiché i fusibili continuavano a fratturarsi come se venissero schiacciati da una grande forza, ho pensato di vedere se si deformassero anche degli pseudo fusibili costituiti da due quadratini di latta uniti con un filo sottile. Il risultato alle diapositive seguenti.

75 UNO PSEUDO FUSIBILE

76 PSEUDO FUSIBILE SCIACCIATO!

77 ASTINA PIEGATA

78 TUBETTO METALLICO Giardinetto UN TUBETTO METALLICO APPOGGIATO ALL ESTERNO DELLA CABINA ELETTRICA

79 IL TUBETTO, DEFORMATO, FINITO SULLALBERO DIETRO LA CABINA

80 UN CONDENSATORE A BASSA PERDITA PER MEMORIZZARE TENSIONI INDOTTE: SUBITO DANNEGGIATO

81 QUESTA ERA LIDEA…

82 QUESTA ERA LA SPIRA CIRCOLARE

83 GLI ESTREMI CON IL DIODO TROVATI SALDATI

84 SPIRE CIRCOLARI SOSPESE

85 ERA UN AMPEROMETRO A CLAMP

86 CIÒ CHE RESTA DEL CLAMP

87 QUESTA ERA UNA SPIRA CIRCOLARE Condensatore Filo di rame

88 E ANCORA LA STESSA IL GIORNO DOPO

89 Per potere lavorare in tranquillità al riparo da oggetti volanti e in un ambiente protetto contro i campi elettrici ho fatto costruire questa grande gabbia di Faraday abitabile e schermata su tutti i lati. All interno vi sono alcuni strumenti e i sistemi di alimentazione completa- mente svincolati dalla rete elettrica.

90 Oscilloscopio Batterie e inverter Computer LA GRANDE GABBIA DI FARADAY IN OFFICINA

91 Antenna Dal tetto escono due antenne per la rilevazione dei campi elettromagnetici impulsivi

92 V rms = 22 V su 50 Ohm 9 W Questo è un segnale registrato alloscilloscopio poco prima che anche questo venisse distrutto

93 Per registrare nella pista audio delle telecamere le variazioni del campo magnetico ho costruito questo apparecchio che traduce il valore del campo in una nota audio. Qui lo schema a blocchi e nella diapositiva seguente lapparecchio. Di seguito una registrazione di un andamento del campo magnetico in un particolare momento di attività. Solamente io conoscevo il funziona- mento di questo apparecchio.

94 Apparecchio con sensore ad effetto Hall

95 REGISTRAZIONE DELLA VARIAZIONE DEL CAMPO MAGNETICO

96 In seguito ai risultati di questo esperimento, ho pensato di eseguire più semplicemente registrazioni audio su nastro delle tensioni indotte dalle rapide variazioni del campo magnetico locale in una bobina con nucleo di ferrite. Qui di seguito la bobina e una delle registrazioni.

97 NUCLEO DI FERRITE 2000 SPIRE LA BOBINA

98 REGISTRAZIONE DELLE TENSIONI INDOTTE

99 ALTRA BOBINA PER CAMPI FORTI

100 3. LA RICERCA DELLE CAUSE

101 A seguito di una causa per risarcimento danni intentata dai proprietari dellofficina contro lENEL sono accadute varie cose. LENEL ha inviato sul luogo tecnici e strumen- tazione per monitorare le condizioni della fornitura. I proprietari hanno a loro volta dato mandato sia a consu- lenti privati che a Dipartimenti Universitari di Ingegneria di eseguire misure e determinare le cause degli eventi così disastrosi. Nessuna di queste entità individuò le cause. Nei rapporti e nelle relazioni prodotte si leggono formule generiche come disturbi condotti sulla rete, inquina- mento della rete, disturbi di natura elettromagnetica a radiofrequenza, e si lascia intendere che la causa è probabilmente da attribuire a qualche anomalia in una delle utenze dell edificio. L officina aveva a regime una ventina di operai, ma è ora totalmente inattiva. Il tribunale nominava un suo

102 Consulente Tecnico dUfficio (CTU) con lincarico di analizzare gli eventi e individuarne le responsabilità. Fu il CTU che intorno al mese di marzo 2010 si rivolse a me come esperto in fenomeni elettromagnetici per studiare la fenomenologia e individuarne le cause. Da quel momento fino al mese di settembre 2010 ho seguito quotidianamente gli eventi e ho condotto test e determinazioni, come visto nel capitolo precedente. Ora il quadro si va chiarendo, ed esiste una ipotesi molto ben fondata sulla causa di tutti i fenomeni che si sono verificati. Il modo con cui sono arrivato a capire è un capitolo a parte molto intrigante. Nel mese di ottobre il CTU ha consegnato la sua rela- zione giurata al tribunale, alla quale era allegata una mia memoria scientifica su tale ipotesi e sui dati a

103 sostegno. Il fatto notevole è che non appena lENEL è venuta a conoscenza della relazione del CTU e del mio lavoro, i fenomeni in officina sono totalmente cessati. Ad oggi è in corso la battaglia legale fra consulenti di parte con ricorsi, controricorsi ecc. Nel frattempo il tribunale ha nominato un nuovo CTU. Questi ha pres- tato giuramento il 20 gennaio scorso.

104 APPENDICE 1 I fatti di Canneto di Caronia Qui di seguito alcuni stralci del rapporto finale della Protezione Civile alla Presidenza del Consiglio sugli strani eventi di Canneto di Caronia (Sicilia) avvenuti nel In quegli eventi accaddero cose meno violente di quelle di Cagliari: un divano prese fuoco in corrispondenza di una molla circolare dellimbottitura, alcuni elettrodomestici ebbero parti elettriche danneggiate, le serrature elettriche delle auto parcheggiate in prossimità delle case si aprivano e si chiudevano senza intervento umano. Come si può leggere, nemmeno in quel caso furono individuate le cause malgrado intensissime campagne

105 di misura e prolungate rilevazioni condotte da esperti di molteplici provenienze. Queste le conclusioni (! !): Siamo di fronte a tecnologie militari evolute anche di origine non terrestre che potrebbero esporre in futuro intere popolazioni a conseguenze indesiderate. Gli incidenti di Canneto di Caronia potrebbero essere stati tentativi di ingaggio militare tra forze non convenzionali oppure un test non aggressivo mirato allo studio dei comportamenti e delle azioni in un indeterminato campione territoriale scarsamente antropizzato».

106 vedi anche: misteri-di-canneto-di-caronia/

107 GRAZIE! Guido Pegna, 23 gennaio 2011


Scaricare ppt "FISICA VISSUTA: STRANI E INCREDIBILI FENOMENI IN UNOFFICINA DI CAGLIARI Guido Pegna, Dipartimento di Fisica Università di Cagliari"

Presentazioni simili


Annunci Google