La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Itis G. Galilei -Livorno L Altra evoluzione Percorso di lezioni tenute dai docenti Rossella Lombardo e Federico Agen a.s. 2011-12 Classi 3e biologico-sanitario.ecologico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Itis G. Galilei -Livorno L Altra evoluzione Percorso di lezioni tenute dai docenti Rossella Lombardo e Federico Agen a.s. 2011-12 Classi 3e biologico-sanitario.ecologico."— Transcript della presentazione:

1

2 Itis G. Galilei -Livorno L Altra evoluzione Percorso di lezioni tenute dai docenti Rossella Lombardo e Federico Agen a.s Classi 3e biologico-sanitario.ecologico

3 Noi, scimmie bambine Chi siamo

4 Il giorno della creazione di Homo sapiens Quando? anni fa Dove? Africa subsahariana Come? Durante la penultima glaciazione Da allora sono trascorse circa generazioni

5 Adamo ed Eva non si sono conosciuti Nel 1987 si scopr ì che tutti gli esserri umani della terra hanno una matrice originaria di DNA mitocondriale trasmesso in linea femminile; risalendo nel tempo attraverso le sue trasformazioni geniche, abbiamo collocato l origine di Eva. Dati pi ù recenti, ottenuti allo stesso modo, ma analizzando il cromosoma sessuale maschile Y, hanno permesso di identificare DOVE e QUANDO ha vissuto Adamo.

6 Adamo ed Eva convergono nel loro esordio in una zona dell Africa centro- orientale, ma i tempi della loro esistenza sono sfasati di qualche migliaio di anni

7 Il primo nucleo originario del genere Homo era costituito da elementi. Da essi hanno avuto origine i 7 miliardi di uomini attualmente presenti sulla Terra

8 Andate e moltiplicatevi … La popolazione pioniera africana è cresciuta e si è irradiata colonizzando prima il Vecchio Mondo, poi Australia e Americhe. Si deduce che siamo una specie geneticamente giovane, mobile e, soprattutto, promiscua: Non c è stato modo n é tempo per separare biologicamente in modo netto gli esseri umani Perciò le razze umane non esistono, sono solo il frutto delle nostre menti e dei nostri pregiudizi

9 Qualche sorpresa …. Che cosa avevamo quando siamo stati creati? -Buona capacit à cranica (simile ai Neanderthal) -Nuove tecnologie nella lavorazione della pietra -Un segreto nell espressione dei geni che regolano i tempi di sviluppo

10 Cioe ? Il prolungamento della crescita era gi à presente in altre forme del genere Homo, ma in sapiens il segno distintivo pi ù importante fu una mutazione casuale che ha influito su: -Espansione del cervello -Capacit à di apprendimento -Organizzazione sociale e del linguaggio

11 In conclusione … Siamo scimmie che rimangono bambine e adolescenti pi ù a lungo delle altre

12 La nostra flessibilit à cerebrale ci ha resi curiosi; da qui il desiderio di spostarci Fuori dall Africa per 3 volte: anni fa, dal corno d Africa verso il Sinai attraverso il Mar Rosso (Mos è attraversa il Mar Rosso in fuga dall Egitto) a Levante anni fa verso l Asia anni fa pi ù stabilmente per favori climatici

13 Nel Vecchio Mondo con i cugini pi ù antichi Il Vecchio Mondo era gi à affollato di specie del genere Homo precocemente uscite dall Africa in 2 precedenti diaspore: milioni di anni fa H. ergaster anni fa H. heidelbergensis Homo sapiens costituisce la terza fuga dall Africa

14 In origine non eravamo soli Fino a qualche migliaio di anni fa convivevamo sul pianeta con almeno 5 specie diverse del genere Homo. Una delle pi ù significative era Homo neanderthalensis, nostro cugino intelligente, robusto e ben equipaggiato per l era glaciale

15 Ci scambiavamo con i neanderthal grotte e utensili dalla Spagna al Kazakhstan. Essi costituivano la vera specie autoctona europea: capelli biondo-rossi, pelle chiara. Noi li abbiamo raggiunti anni fa ed eravamo neri

16 … e in Asia? Homo giavanensis, discendente tardivo di Homo erectus abitante a Giava Homo florensis, pigmeo di H. erectus, viveva a Flores, isola dell Indonesia, con cervello piccolo ma capace di tecnologia avanzata ed abile cacciatore. Costituisce un esempio di nanismo insulare

17 La globalizzazione Dopo la scomparsa dei loro cugini, i sapiens globalizzarono il pianeta, ma in pi ù di un occasione abbiamo rischiato anche noi l estinzione (colli di bottiglia): anni fa disastro ecologico per eruzione catastrofica del vulcano Toba (Indonesia) anni fa aridit à climatica in Africa per glaciazione; migrazione in Sud Africa per clima pi ù mite

18 Le grandi epopee Il Vecchio Mondo diventa troppo stretto: anni fa un gruppo cospicuo tenta l avventura sfruttando il ponte ininterrotto di isole dell arcipelago indonesiano ( km) per raggiungere l Australia anni fa i cacciatori siberiani attraversano la Beringia, selvaggio continente scomparso battuto da venti artici, giungendo in America

19 I flussi migratori modificano l ambiente Tecnologie avanzate rendono l Homo sapiens abile nella caccia. Sparisce, cos ì, gradualmente la megafauna australiana fatta di marsupiali e grossi uccelli corridori. Anche in America del Nord si assiste all estinzione dei mastodonti ad opera dei cacciatori sapiens. Qui ci spingiamo a sud fino alla Terra del Fuoco

20 Una specie cosmopolita invasiva Siamo andati e ci siamo moltiplicati … Fiorisce l intelligenza, anche simbolica e capace di astrazione: -pitture rupestri e ornamenti per il corpo -Uso di vestiti e cottura dei cibi -Costruzione di ripari complessi -Strumenti musicali e tecniche di caccia organizzata -Calendari lunari -Ci si interroga sulle stagioni, sui cicli della natura, sull esistenza di Dio …

21 Il grande dilemma …. Dio ci ha creato ….. oppure …… noi abbiamo creato Dio?

22 La risposta esula da questi contenuti ed è del tutto personale Grazie R.L.


Scaricare ppt "Itis G. Galilei -Livorno L Altra evoluzione Percorso di lezioni tenute dai docenti Rossella Lombardo e Federico Agen a.s. 2011-12 Classi 3e biologico-sanitario.ecologico."

Presentazioni simili


Annunci Google