La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sistemi di trasmissione analogici Modulo 2. Classificazione dei sistemi di trasmissione analogici A seconda del mezzo trasmissivo impiegato e del rapporto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sistemi di trasmissione analogici Modulo 2. Classificazione dei sistemi di trasmissione analogici A seconda del mezzo trasmissivo impiegato e del rapporto."— Transcript della presentazione:

1 Sistemi di trasmissione analogici Modulo 2

2 Classificazione dei sistemi di trasmissione analogici A seconda del mezzo trasmissivo impiegato e del rapporto costo/prestazioni, possiamo classificare le tecniche di trasmissione in: Tx di un segnale analogico a frequenze vocali in banda base niente modulazione Tx in alta frequenza banda trasposta modulazione Tx a divisione di frequenza FDM Analizzeremo le tecniche di modulazione analogiche, il cui impiego è limitato alle trasmissioni radiodiffuse ( broadcast) sia di segnali audio che segnali TV, nonché sistemi radio amatoriali.

3 Trasmissione in alta frequenza di un segnale analogico Segnale bassa frequenza Modulazione La modulazione viene effettuata da un circuito chiamato modulatore avente due ingressi ed un uscita.

4 Modulante segnale da trasmettere. Portante segnale sinusoidale ad alta frequenza, adatta alla tx via radio. Modulato segnale a frequenza elevata, contenente in qualche suo parametro linformazione da tx. MODULATORE Modulante (informazione) Portante ( segnale sinusoidale in alta frequenza) Modulato (segnale trasmesso)

5 La portante è un segnale sinusoidale: Ap : AMPIEZZA fp: FREQUENZA ω p t+Θ p : FASE ISTANTANEA Il segnale modulato è ottenuto facendo variare uno di questi parametri.

6 A seconda del parametro che viene fatto variare si realizza un diverso tipo di modulazione: Modulazione dampiezza ( AM, Amplitude Modulation) : il segnale modulato è ottenuto facendo variare lampiezza del segnale portante in modo proporzionale al segnale modulante ( informazione). Da esse derivano anche la modulazione DSB, SSB, VSB. Modulazione di frequenza ( FM, Frequency Modulation) : il segnale modulato è ottenuto facendo variare la frequenza del segnale portante in maniera proporzionale al segnale modulante. Modulazione di fase ( PM, Phase Modulation) :il segnale modulato è ottenuto facendo variare la fase del segnale portante in maniera proporzionale al segnale modulante.

7 La modulazione di ampiezza (AM) Contenuto informativo nelle variazioni dampiezza del segnale modulato. Nel caso di modulante sinusoidale: Ka è una costante tipica del modulatore.

8 E chiamato indice di modulazione il parametro: E pari al rapporto tra lampiezza massima rispetto a quella in assenza di modulazione, e lampiezza della portante. E pari al rapporto tra lampiezza massima rispetto a quella in assenza di modulazione, e lampiezza della portante. E un indicatore dellentità della modulazione impressa. 0m1 0m1 In genere ka=1.

9

10 In questo caso siamo in presenza di sovramodulazione

11 Per calcolare lindice di modulazione…

12 Calcoliamo spettro e banda del segnale in due casi: Modulante sinusoidale spettro monolatero a righe Modulante sinusoidale spettro monolatero a righe Modulante non sinusoidale spettro bilatero continuo

13 Modulante sinusoidale Questo è il segnale di cui dobbiamo ricavare lo spettro

14 Il segnale modulato è composto da tre sinusoidi: Il segnale modulato è composto da tre sinusoidi: una componente di ampiezza Ap a frequenza fp nota come frequenza della portante. una componente di ampiezza Ap a frequenza fp nota come frequenza della portante. una componente di ampiezza mAp/2 a frequenza fp-fm nota come riga laterale inferiore. una componente di ampiezza mAp/2 a frequenza fp-fm nota come riga laterale inferiore. una componente di ampiezza mAp/2 a frequenza fp+fm nota come riga laterale superiore. una componente di ampiezza mAp/2 a frequenza fp+fm nota come riga laterale superiore.

15 Lo spettro

16 Lo spettro di potenza si ricava da quello di ampiezza…

17 La potenza totale La potenza associata alla portante è maggiore rispetto a quella associata alle frequenze laterali, che trasportano linformazione vera e propria. Quindi cè uno spreco di potenza…

18 La banda associata al segnale modulato è

19 Modulante non sinusoidale Se la modulante non è sinusoidale, essa presenterà uno spettro bilatero e continuo in base al teorema di Fourier. Le bande laterali presenti nello spettro del segnale modulato vengono denominate banda laterale inferiore (Lower side Band) e banda laterale superiore (Upper side band).

20 Lo spettro… fmax fmin fmin-fp fp fmax+fp

21 Abbiamo le seguenti caratteristiche: Spettro costituito da bande laterali e da una riga alla frequenza della portante Segnali corrispondenti alle bande laterali aventi lo stesso contenuto informativo Banda pari a circa due volte la banda della modulante (B Banda pari a circa due volte la banda della modulante (B AM =2fmax) Potenza associata alla portante molto elevata ( sprecata!)


Scaricare ppt "Sistemi di trasmissione analogici Modulo 2. Classificazione dei sistemi di trasmissione analogici A seconda del mezzo trasmissivo impiegato e del rapporto."

Presentazioni simili


Annunci Google